La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Firenze, 13/11/20081 LInfermiere in Urodinamica Competenze infermieristiche Galasso Gianfranco – Ambulatorio Urologico e di Urodinamica Azienda Ospedaliera.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Firenze, 13/11/20081 LInfermiere in Urodinamica Competenze infermieristiche Galasso Gianfranco – Ambulatorio Urologico e di Urodinamica Azienda Ospedaliera."— Transcript della presentazione:

1 Firenze, 13/11/20081 LInfermiere in Urodinamica Competenze infermieristiche Galasso Gianfranco – Ambulatorio Urologico e di Urodinamica Azienda Ospedaliera Careggi Firenze

2 Firenze, 13/11/ Termine generico utilizzato per descrivere una serie di esami, di diversa natura, utili per valutare lattività del basso apparato urinario durante le due distinti fasi della minzione: Termine generico utilizzato per descrivere una serie di esami, di diversa natura, utili per valutare lattività del basso apparato urinario durante le due distinti fasi della minzione: Riempimento vescicale ed immaganizzamento dellurina Riempimento vescicale ed immaganizzamento dellurina Svuotamento vescicale Svuotamento vescicale Urodinamica

3 Firenze, 13/11/ Ruolo dellUrodinamica -Diagnostica funzionale -Diagnostica funzionale -Indicazioni terapeutiche (comportamentali, riabilitative, farmacologiche, chirurgiche) -Indicazioni terapeutiche (comportamentali, riabilitative, farmacologiche, chirurgiche) -Monitoraggio dei risultati delle terapie mediche e chirurgiche, valutazione delle complicanze -Monitoraggio dei risultati delle terapie mediche e chirurgiche, valutazione delle complicanze -Follow-up dei programmi di riabilitazione vescico-sfintero-perineale -Follow-up dei programmi di riabilitazione vescico-sfintero-perineale

4 Firenze, 13/11/ Lutenza dellambulatorio di Urodinamica Pazienti con disfunzioni del basso apparato urinario Pazienti con disfunzioni del basso apparato urinario Incontinenti Incontinenti Urge – Stress – Mix incontinence Urge – Stress – Mix incontinence Ritenzionisti Ritenzionisti Ostruzione Ostruzione Ipocontrattilità Ipocontrattilità Vescica neurologica Vescica neurologica Enuresi notturna Enuresi notturna

5 Firenze, 13/11/ Attività dellambulatorio di Urodinamica Uroflussometria libera (nel ns. centro >2500/anno) Uroflussometria libera (nel ns. centro >2500/anno) Semplice Semplice Con valutazione R.P.M. (ECO – bladder scan – C.V.) Con valutazione R.P.M. (ECO – bladder scan – C.V.) Esame urodinamico completo (nel ns. centro ~1000/anno) Esame urodinamico completo (nel ns. centro ~1000/anno) Studio pressione/flusso Studio pressione/flusso EMG (in associazione) EMG (in associazione) Videourodinamica Videourodinamica Riabilitazione vescico-sfintero-perineale Riabilitazione vescico-sfintero-perineale Addestramento al C.I. Addestramento al C.I. PMFE PMFE Biofeedback Biofeedback FES FES IVES IVES

6 Firenze, 13/11/ Esame Urodinamico -Scopo: valutazione funzionale vescicale e sfinterica Esame STANDARD: Uroflussometria (parte non invasiva)Uroflussometria (parte non invasiva) cistomanometria (parte mini invasiva)cistomanometria (parte mini invasiva) VLPP (Valsalva Leak Point Pressure)VLPP (Valsalva Leak Point Pressure) UPP (profilo pressorio uretrale)UPP (profilo pressorio uretrale) Esami COMPLEMENTARI: EMG (Elettromiografia perineale)EMG (Elettromiografia perineale) UPPD (Profilo pressorio dinamico)UPPD (Profilo pressorio dinamico) Esami MULTIPLI e SINCRONI: Studio pressione/flusso Videourodinamica (RADIO ed ECO)

7 Firenze, 13/11/ Uroflussometria Consiste nella registrazione grafica del flusso urinario durante la minzione (Misura su tracciato la quantità di urina emessa nellunità di tempo). E' un indagine non invasiva, semplice e rapida che fornisce numerose informazioni sulla qualità della minzione. Esame di base per valutare la presenza o meno di ostruzione delle basse vie urinarie (IPB, stenosi uretrali,…)

8 Firenze, 13/11/ PARAMETRI DA VALUTARE - tempo di flusso (tempo durante il quale avviene la minzione); - tempo di flusso (tempo durante il quale avviene la minzione); - flusso massimo (Qmax: espresso in mL/sec, è il valore più alto misurato- v.n. (in rapporto alletà): -40aa >20 ; aa >18; + 60aa>13 ); -40aa >20 ; aa >18; + 60aa>13 ); - tempo di flusso massimo (tempo che intercorre fra l'inizio del flusso e il flusso massimo); normalmente 3-5 sec. – cmq entro 1 / 3 del TQ - volume mitto (volume totale emesso durante l'intero processo minzionale; esame VALIDO se >150 ml 150 ml <400 ml - Q med - Residuo PM: Patologico se >90ml - Morfologia tracciato: normale = campana; regolare o irregolare (flusso continuo, ondulante o intermittente). - Morfologia tracciato: normale = campana; regolare o irregolare (flusso continuo, ondulante o intermittente). Comparazione dei dati -Nomogramma di Siroky (1979) -Nomogramma di Liverpool (Haylen et al 1989) PARAMETRI DA VALUTARE - tempo di flusso (tempo durante il quale avviene la minzione); - tempo di flusso (tempo durante il quale avviene la minzione); - flusso massimo (Qmax: espresso in mL/sec, è il valore più alto misurato- v.n. (in rapporto alletà): -40aa >20 ; aa >18; + 60aa>13 ); -40aa >20 ; aa >18; + 60aa>13 ); - tempo di flusso massimo (tempo che intercorre fra l'inizio del flusso e il flusso massimo); normalmente 3-5 sec. – cmq entro 1 / 3 del TQ - volume mitto (volume totale emesso durante l'intero processo minzionale; esame VALIDO se >150 ml 150 ml <400 ml - Q med - Residuo PM: Patologico se >90ml - Morfologia tracciato: normale = campana; regolare o irregolare (flusso continuo, ondulante o intermittente). - Morfologia tracciato: normale = campana; regolare o irregolare (flusso continuo, ondulante o intermittente). Comparazione dei dati -Nomogramma di Siroky (1979) -Nomogramma di Liverpool (Haylen et al 1989) Uroflussometria

9 Firenze, 13/11/ Ruolo infermieristico Ruolo infermieristico -controllo e verifica del flussometro -controllo e verifica del flussometro -Prenotazione e informazione -Prenotazione e informazione -Preparazione allesame -Preparazione allesame urinare 2-3 ore prima dellesame urinare 2-3 ore prima dellesame Bere circa ½ lt dacqua Bere circa ½ lt dacqua Trattenere le urine fino allesecuzione dellesame Trattenere le urine fino allesecuzione dellesame -Esecuzione dellesame -Esecuzione dellesame Attenzione alla privacy per evitare inibizioni! Attenzione alla privacy per evitare inibizioni! -Consegna del referto -Consegna del referto -Pulizia del flussometro -Pulizia del flussometro Ruolo infermieristico -controllo e verifica del flussometro -Prenotazione e informazione -Preparazione allesame urinare 2-3 ore prima dellesame Bere circa ½ lt dacqua Trattenere le urine fino allesecuzione dellesame -Esecuzione dellesame Attenzione alla privacy per evitare inibizioni! -Consegna del referto -Pulizia del flussometro Uroflussometria

10 Firenze, 13/11/ Preparazione del paziente Esami invasivi Informare il paziente Informare il paziente Non effettuare in caso di: Non effettuare in caso di: infezione urinaria infezione urinaria recente esame invasivo recente esame invasivo Necessità di profilassi antibiotica? Necessità di profilassi antibiotica? Pazienti a rischio Pazienti a rischio Pazienti con protesi valvolari o articolari Pazienti con protesi valvolari o articolari (Clistere di pulizia) (Clistere di pulizia) Disreflessia autonomica!!! Disreflessia autonomica!!!

11 Firenze, 13/11/ Disreflessia autonomica Pazienti con lesione midollare sopra T6 Pazienti con lesione midollare sopra T6 fascio simpatico fascio simpatico Ipertensione arteriosa (monitoraggio) Ipertensione arteriosa (monitoraggio) Vampate, Sudorazione sovralesionale, Piloerezione, Bradi/Tachicardia Vampate, Sudorazione sovralesionale, Piloerezione, Bradi/Tachicardia Svuotamento vescicale Svuotamento vescicale Nifedipina sublinguale Nifedipina sublinguale

12 Firenze, 13/11/ Cistomanometria La cistomanometria è la registrazione continua delle variazioni pressorie vescicali e addominali durante il riempimento vescicale. Permette di apprezzare la sensibilità, la capacità, la compliance (indice di elasticità) e la contrattilità della vescica. E'l'indagine urodinamica più importante, perché consente di identificare una iperattività detrusoriale

13 Firenze, 13/11/ Apparecchiatura Cateteri (1,2,3 vie, con trasduttore). Di solito doppio lume per riempimento vesc. e registrazione Press. vesc. (PVES)Cateteri (1,2,3 vie, con trasduttore). Di solito doppio lume per riempimento vesc. e registrazione Press. vesc. (PVES) Sonda rettale con palloncino gonfiabile (registrazione Press. Addome [PABD])Sonda rettale con palloncino gonfiabile (registrazione Press. Addome [PABD]) Mezzo di riempimento (H 2 O, gas, MDC nelle VideoUDM)Mezzo di riempimento (H 2 O, gas, MDC nelle VideoUDM) Vie di estensione (controllo bolle daria)Vie di estensione (controllo bolle daria) TrasduttoriTrasduttori ComputerComputer MonitorMonitor Cistomanometria

14 Firenze, 13/11/ Laboratorio di urodinamica e cateteri per cistomanometria Unità paziente Flussometro Computer Braccio per profilometria trasduttori

15 Firenze, 13/11/ collegamenti Altezza trasduttori = altezza sinfisi pubica

16 Firenze, 13/11/ Profilo Pressorio Uretrale UPP La profilometria consente la registrazione grafica della pressione uretrale lungo tutta la lunghezza dell'uretra. Valuta l'entità delle resistenze uretrali. E l'indagine più discussa, ma anche la più indicata nell'incontinenza da sforzo

17 Firenze, 13/11/ Valsalva Leak Point Pressure (VLPP) Per un orientamento clinico del grado di I.U.S. è importante la determinazione del valore di pressione addominale a cui si registra la perdita di urine durante la manovra di Valsalva definito Valsalva Leak Point Pressure, effettuata in condizioni di riempimento vescicale standard (200 – 250 ml). Il più basso PABD a cui si ha perdita viene registrato VLPP.

18 Firenze, 13/11/ Studio Pressione/Flusso (o cistomanometria di svuotamento) Misurazione contemporanea di PVES, PABD,Q Valuta linterazione tra vescica, svuotamento vescicale, pavimento pelvico e uretra durante la minzione Dà un importante contributo nella distinzione fra ostruzione cervico-uretrale ostruiti (caratterizzata da basso flusso ed alta pressione detrusoriale) ed ipocontrattilità detrusoriale (caratterizzata da basso flusso e bassa pressione detrusoriale).

19 Firenze, 13/11/ Elettromiografia (EMG) perineale studia l'attività bioelettrica della muscolatura striata del piano perineale (sfintere anale esterno, sfintere uretrale esterno, bulbo- cavernoso) studia l'attività bioelettrica della muscolatura striata del piano perineale (sfintere anale esterno, sfintere uretrale esterno, bulbo- cavernoso) Permette una valutazione dello stato di rilasciamento o di contrazione del perineo e di confermare o meno una situazione di incoordinazione tra detrusore e sfintere esterno Permette una valutazione dello stato di rilasciamento o di contrazione del perineo e di confermare o meno una situazione di incoordinazione tra detrusore e sfintere esterno

20 Firenze, 13/11/ Videourodinamica Simultanea valutazione di UDM e imaging. Simultanea valutazione di UDM e imaging. Studio morfo-funzionale Studio morfo-funzionaleIndicazioni: Ostruzione Ostruzione Incontinenza Incontinenza Vescica neurogena Vescica neurogena Patologie associate Patologie associate Reflusso vescico- ureterale Reflusso vescico- ureterale fistola fistola diverticoli diverticoli

21 Firenze, 13/11/ Competenze infermieristiche in urodinamica Complessità e variabilità tipologia pazienti Complessità e variabilità tipologia pazienti Ambiente specialistico Ambiente specialistico Attrezzature complesse Attrezzature complesse Conoscenze specifiche Conoscenze specifiche Necessità di percorso formativo ad hoc preparazione professionale multidimensionale e interdisciplinare Modelli europei: Inghilterra: Continence advisor Paesi Scandinavi: Uroriabilitatore In ITALIA? Conflitto di competenze… (Infermiere, Ostetrica, fisioterapista…)

22 Firenze, 13/11/ QUALI FUNZIONI la prima valutazione diagnostica del paziente, con adozione immediata di modifiche comportamentali, di stile di vita e di situazione ambientale la prima valutazione diagnostica del paziente, con adozione immediata di modifiche comportamentali, di stile di vita e di situazione ambientale il bladder training il bladder training la riabilitazione del pavimento pelvico la riabilitazione del pavimento pelvico lidentificazione dei casi che richiedono un approfondimento diagnostico lidentificazione dei casi che richiedono un approfondimento diagnostico il counseling sugli ausili per la continenza il counseling sugli ausili per la continenza linsegnamento del cateterismo intermittente al pz. o al care giver linsegnamento del cateterismo intermittente al pz. o al care giver la gestione del catetere a dimora la gestione del catetere a dimora lapplicazione delle indicazioni (farmacologiche ad esempio) suggerite dallo specialista e il controllo dei risultati lapplicazione delle indicazioni (farmacologiche ad esempio) suggerite dallo specialista e il controllo dei risultati lesecuzione tecnica degli studi urodinamici lesecuzione tecnica degli studi urodinamici il counseling e la gestione pre e post partum (perineal care) il counseling e la gestione pre e post partum (perineal care) la gestione dopo interventi chirurgici specialistici o dopo neuromodulazione o neurostimolazione la gestione dopo interventi chirurgici specialistici o dopo neuromodulazione o neurostimolazione il supporto psicologico il supporto psicologico Competenze infermieristiche in urodinamica

23 Firenze, 13/11/


Scaricare ppt "Firenze, 13/11/20081 LInfermiere in Urodinamica Competenze infermieristiche Galasso Gianfranco – Ambulatorio Urologico e di Urodinamica Azienda Ospedaliera."

Presentazioni simili


Annunci Google