La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ludovico Ariosto e il poema epico- cavalleresco. La vita Nasce a Reggio Emilia l'8 settembre del 1474 Il padre Niccolò è comandante del presidio militare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ludovico Ariosto e il poema epico- cavalleresco. La vita Nasce a Reggio Emilia l'8 settembre del 1474 Il padre Niccolò è comandante del presidio militare."— Transcript della presentazione:

1 Ludovico Ariosto e il poema epico- cavalleresco

2 La vita Nasce a Reggio Emilia l'8 settembre del 1474 Il padre Niccolò è comandante del presidio militare degli Estensi a Reggio, la madre una nobildonna di Reggio Primogenito di dieci figli Intraprende gli studi giuridici (controvoglia) 1494: la famiglia si trasferisce a Ferrara Si dedica agli studi umanistici 1500 : morte del padre Presunto ritratto di Ludovico Ariosto di Tiziano

3 Casa natale

4 Alla corte degli Este : capitano della rocca a Canossa a Canossa gli nasce Giovambattista, il primogenito che Ludovico non sarà mai completamente convinto di dover riconoscere come proprio, contestando l'affidabilità di Maria, la madre, una domestica 1503: al servizio del cardinale Ippolito d Este - Intensa attività politico-amministrativa 1509 : a Ferrara, da un'altra domestica di casa Ariosto, gli nasce un altro figlio, Virginio, che verrà poi legittimato

5 Palazzo dEste (Palazzo dei Diamanti)

6

7 I viaggi e la scrittura A Mantova da Isabella dEste Inizia la composizione dellOrlando Furioso A Roma da Giulio II Scrive le commedie: la Cassaria e i Suppositi, in prosa (Plauto) A Roma da Leone X Conosce Alessandra Benucci, a Firenze Successivamente, dopo essere rimasta vedova nel 1515, la donna si trasferì a Ferrara, iniziando una relazione con lo scrittore. 1516: I edizione Orlando Furioso in 40 canti; successo immediato

8 1517 : rifiuto di seguire Ippolito in Ungheria Stanchezza per la vita di corte Rivendicazione della sua funzione di poeta 1518: al servizio di Alfonso dEste Viaggi in Italia e difficoltà economiche Alfonso era meno ignorante e gretto del fratello Ippolito ma comunque, "sia l'una che l'altra soma", dice l'Ariosto, erano gravi.

9 Garfagnana Nel 1522 Alfonso gli affidò l'arduo compito di governatore della Garfagnana, da poco annessa al Ducato, regione turbolenta, abitata da una popolazione fiera ed indomita, poco abituata al comando ed infestata da banditi, in cui l'ordine doveva essere mantenuto con la forza; in quest occasione Ariosto dimostrò abilità politiche e pratiche. Castelnuovo in Garfagnana

10 La regione non era certo una delle più belle tanto da definirla terra di lupi e di briganti. Questa è una fossa, ove abito, profonda. Sono le crude parole di Ludovico Ariosto nelleSatire in cui esprime i suoi sentimenti per un luogo ostile. Rocca ariostesca

11 1525: casetta a Ferrara 1528: nozze segrete con Alessandra Benucci Il Negromante e la Lena, in versi (Terenzio) 1532 : III edizione Orlando Furioso 1533: muore per enterite

12 Le commedie Nella Cassaria (rappresentata nel 1508), prima commedia regolare italiana, e nei Suppositi (rappresentata nel 1509) l'Ariosto ricorre al procedimento classico della contaminatio: personaggi e situazioni dei modelli latini intrecciati in una nuova trama. Le altre commedie dell'Ariosto (Il negromante, Lena, I studenti) presentano trame di tipo più novellistico e riferimenti diretti al mondo contemporaneo. Spicca tra esse la Lena per il complesso personaggio cui l'opera s'intitola e l'ambigua situazione in cui esso si muove.

13 Ariosto è considerato la tipica figura dellintellettuale cortigiano del Rinascimento. Egli, tuttavia, manifesta verso la corte un malcelato rifiuto e ne disapprova falsità e ipocrisia. Il suo rapporto con tale ambiente è ambivalente. Lautore aspira ad una vita appartata, dedita agli studi e allamore per Alessandra Benucci, intende difendere la propria libertà: ciò è inconciliabile con la vita di corte.

14 Poema epico- cavalleresco in ottave 46 canti

15 Ferrara Capitale della poesia epica: i tre maggiori poemi del Rinascimento 1) Orlando Innamorato di Boiardo 2)Orlando Furioso di Ariosto 3) Gerusalemme liberata di Tasso nacquero tutti alla corte degli Estensi

16 Matteo Maria Boiardo Si rivolse allepopea cavalleresca con malinconica nostalgia di chi, scontento del suo tempo, cerca di far rivivere i fantasmi del passato. Alla corte di Ferrara erano molto letti i romanzi del ciclo brètone e i cantari dellepica carolingia. Boiardo unifica questi due filoni, con mezzi e tecniche ancora primitivi.

17 Orlando Innamorato Rimasto incompiuto per la morte dellautore. Presenta una versificazione rozza. Nel Cinquecento, ristabilitosi luso del fiorentino letterario, Berni riscrisse il poema in buona lingua

18 Leclissi dellInnamorato Trascorso un decennio dalla morte di Boiardo, Ariosto intraprese la continuazione del poema, componendo il Furioso. Ed ecco che lInnamorato, oscurato dalla fortuna di Ariosto, passa alla tradizione come antefatto al Furioso. Anche se i due poemi sono molto diversi tra loro tradizionalmente sono diventati luno dipendente dallaltro.

19 Filoni narrativi dellOrlando furioso La guerra tra cristiani e saraceni. Lamore di Orlando per Angelica. Lamore tra la cristiana Bradamante e il saraceno Ruggiero, destinati, dopo la conversione di quest ultimo e il matrimonio, a generare la stirpe Estense.

20 LOrlando Furioso manifesta una concezione rinascimentale della vita evidenziata attraverso la quete= inchiesta lo spazio Il tempo ha struttura circolare e carattere illusorio ha una dimensione terrestre e orizzontale non ha una dimensione cronologica lineare

21 Il Proemio (I-II) dellOrlando Innamorato Signori e cavallier che ve adunati Per odir cose dilettose e nove, Stati attenti e quïeti, ed ascoltati La bella istoria che 'l mio canto muove; E vedereti i gesti smisurati, L'alta fatica e le mirabil prove Che fece il franco Orlando per amore Nel tempo del re Carlo imperatore. Non vi par già, signor, meraviglioso Odir cantar de Orlando inamorato, Ché qualunche nel mondo è più orgoglioso, È da Amor vinto, al tutto subiugato; Né forte braccio, né ardire animoso, Né scudo o maglia, né brando affilato, Né altra possanza può mai far diffesa, Che al fin non sia da Amor battuta e presa.

22 Proemio dellOrlando Furioso Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori, le cortesie, l'audaci imprese io canto, che furo al tempo che passaro i Mori d'Africa il mare, e in Francia nocquer tanto, seguendo l'ire e i giovenil furori d'Agramante lor re, che si diè vanto di vendicar la morte di Troiano sopra re Carlo imperator romano. Dirò d'Orlando in un medesmo tratto cosa non detta in prosa mai, né in rima: che per amor venne in furore e matto, d'uom che sì saggio era stimato prima; se da colei che tal quasi m'ha fatto, che 'l poco ingegno ad or ad or mi lima, me ne sarà però tanto concesso, che mi basti a finir quanto ho promesso.

23 Donne Arme Cortesie Cavalieri Amori Imprese DOPPIO CHIASMO


Scaricare ppt "Ludovico Ariosto e il poema epico- cavalleresco. La vita Nasce a Reggio Emilia l'8 settembre del 1474 Il padre Niccolò è comandante del presidio militare."

Presentazioni simili


Annunci Google