La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Caratteristiche cliniche Malattia colestatica cronica, più frequente nelle donne, specie tra i 30 e i 60 anni. Decorre a lungo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Caratteristiche cliniche Malattia colestatica cronica, più frequente nelle donne, specie tra i 30 e i 60 anni. Decorre a lungo."— Transcript della presentazione:

1 CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Caratteristiche cliniche Malattia colestatica cronica, più frequente nelle donne, specie tra i 30 e i 60 anni. Decorre a lungo in modo asintomatico, solo con elevazione degli enzimi di colestasi (gamma-GT, AP) Si associa ad osteoporosi precoce Nella fase avanzata della malattia si possono manifestarsi le complicanze della cirrosi

2 CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Caratteristiche cliniche Sintomi iniziali non specifici possono essere affaticabilità, secchezza delle secrezioni lacrimali e salivari (sicca syndrome), patologie artritiche e tiroidee Il prurito è il primo sintomo specifico e può rimanere per anni lunico sintomo Nelle fasi avanzate la malattia è caratterizzata da ittero colestatico

3 CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Patogenesi E una malattia ad eziologia sconosciuta, a probabile patogenesi autoimmune Lattacco immunologico avviene contro le cellule dellepitelio biliare (colangiociti) E caratterizzata dalla lenta e progressiva distruzione dei dotti biliari intraepatici per un processo colangitico di tipo non suppurativo La presenza nel siero di anticorpi anti-mitocondrio (AMA), è patognomonica per la diagnosi (97% dei casi)

4 CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Ipotesi patogenetica immunologica nel sesso femminile Passaggio trans-placentare di linfociti di origine materna che non vengono eliminati dal feto di sesso femminile Aggressione immunologica verso antigeni fetali (linfociti T CD4+ e CD8+ attivati) Graft versus host disease

5 CIRROSI BILIARE PRIMITIVA La diagnosi viene sospettata: in presenza di: - aumento degli enzimi di colestasi dei sali biliari - aumento della bilirubina coniugata (nelle fasi avanzate) - osteoporosi precoce - xantelasmi cutanei (accumulo di colesterolo) La diagnosi viene confermata: in presenza di positività degli anticorpi anti-mitocondrio (AMA)

6 CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Al momento della diagnosi: Nel 50-60% dei casi: assenza di sintomi positività per AMA Nel 35% dei casi: prurito / astenia / splenomegalia Nel 25-70% dei casi: associazione con altra patologia autoimmune

7 CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Patologie associate Alterata funzionalità tiroidea (45%) (può precedere la comparsa della PBC) Sindrome sicca (70%) (xeroftalmia, carie dentali, disfagia, tracheobronchiti) Sindrome CREST (rara) (calcinosi cutanea, fenomeno di Raynaud, discinesia esofagea, teleangectasie) Fenomeno di Raynaud (25%) Artrite reumatoide (rara) Malattia celiaca (6%)

8 COLESTASI CRONICA COMPLICANZE Sali biliari Maldigestione grassi Colesterolo Rame Deficit di vitamine liposolubili (D,K) Prurito cutaneo Steatorrea / Calo ponderale Xantomi /Xantelasmi Anello Kayser- Fleischer Osteoporosi Difetti coagulatori

9 STORIA NATURALE E PROGNOSI La PBC è una malattia cronica, con lenta progressione La malattia comprende 4 stadi distinti sulla base delle caratteristiche cliniche ed istopatologiche Non tutti i pazienti raggiungono lo stadio IV o terminale (cirrosi) I pazienti dello stadio III e IV debbono essere valutati per il trapianto di fegato

10 FASI CLINICHE FASEELEMENTI DIAGNOSTICI DURATA MEDIA PreclinicaNon notiSconosciuta AsintomaticaColestasi biochimica 2-20 anni SintomaticaPrurito3-15 anni TerminaleIttero0-2 anni

11 STADI ISTOLOGICI STADIOELEMENTI DIAGNOSTICI I) Portale (o lesione duttale florida) Infiammazione confinata negli spazi portali, con scarsa necrosi Colangite focale, talora granulomatosa, a carico di segmenti di piccoli dotti intra-epatici II) Periportale (o proliferazione duttulare) Infiammazione portale e periportale Distruzione dei dotti biliari interlobulari con aggregati linfoidi Rigenerazione duttulare atipica III) FibrosiRiduzione dellinfiammazione Fibrosi portale e periportale Setti fibrosi che congiungono spazi portali diversi IV) CirrosiRigenerazione nodulare e fibrosi diffusa (cirrosi)

12 STADIO ISTOLOGICO (I) Infiltrato flogistico portale Colangite focale

13 STADIO ISTOLOGICO (II) Infiltrato portale e periportale Rigenerazione duttulare

14 Cirrosi Biliare Primitiva Vie biliari normali

15 MODELLI PROGNOSTICI MODELLO MAYOMODELLO EUROPEO Bilirubina Età Albumina Tempo di protombinaBiopsia Epatica – cirrosi – colestasi Edemi (La biopsia epatica non è richiesta)

16 SOPRAVVIVENZA ATTUARIALE Mayo risk score Anni Sopravvivenza attuariale (%)

17 LINEE TERAPEUTICHE ESSENZIALI Negli stadi I-III il cardine della terapia è rappresentato dallacido ursodesossicolico (UDCA). LUDCA migliora i sintomi e gli indici di colestasi e potrebbe rallentare la progressione della malattia Nello stadi IV lunica opzione terapeutica efficace è il trapianto di fegato Terapie sintomatiche di supporto sono la somministrazione di vitamine liposolubili, di calcio e di colestiramina (per il controllo del prurito)

18 TERAPIA DELLA CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Opzioni terapeutiche possibili ACIDO URSODESOSSICOLICO: unico farmaco che, somministrato a lungo termine, ha determinato un miglioramento della sopravvivenza e un ritardo nella indicazione al trapianto di fegato. La sua somministrazione sembra tuttavia poco efficace negli stadi avanzati di CBP Colchicina Prednisone Azatioprina Metotrexate Hanno tutti un valido razionale duso ma la loro valenza clinica è attualmente in corso di studio. Sono inoltre in corso di studi di associazione farmacologica, intesi a potenziare i risultati della monoterapia con acido ursodesossicoliico

19 TERAPIA DELLA CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Risultati di 4 studi clinici controllati con UDCA Lacido ursodesossicolico (UDCA) migliora i segni biochimici di colestasi In due dei quattro trials, lUDCA ha migliorato significativamente il prurito e lastenia Sul piano istologico, lUDCA non determina chiari segni di miglioramento, a conferma del carattere irreversibile e progressivo della malattia Nello studio clinico più lungo (4 anni), lUDCA ha migliorato significativamente la sopravvivenza dei pazienti

20 INDICAZIONE AL TRAPIANTO DI FEGATO Mayo Risk Score > 8 Bilirubina > 6 mg/dl Prurito non trattabile Osteoporosi severa Complicanze delle cirrosi (ipertensione portale) Qualità di vita inadeguata

21 CLASSIFICAZIONE MELD (Model for End-Stage Liver Disease) 3,8 x Bilirubina (mg/dl) 11,2 x INR 9,6 x Creatinina (mg/dl) + + Mortalità a tre mesi: MELD 40 = 100%

22 DIAGNOSI DIFFERENZIALE La positività degli anticorpi anti-mitocondrio, il sesso femminile, lassenza di markers virologici ed il quadro istopatologico sono i maggiori elementi indicativi per PBC Diagnosi differenziale talora difficile, specie nei confronti delle colangiopatie ed epatiti autoimmuni Nel 3-5% dei casi si ha istologia compatibile con PBC e negatività per AMA ed elevati titoli di ANA e ASMA colangiopatia autoimmune overlap-syndromes

23 COLESTASI CRONICA Sindromi overlapping (AMA-negative) Vanishing bile duct syndrome: - progressiva distruzione e scomparsa di segmenti del sistema biliare intra-epatico (duttopenia) - eziologia: autoimmune, ischemica, infettiva, genetica Sarcoidosi: - coinvolgimento polmonare contemporaneo - granulomi localizzati nel parenchima (PBC = granulomi in spazi peri-biliari e portali) Epatite cronica da virus C

24 COLESTASI CRONICA Sindromi overlapping (AMA-negative) Epatite cronica autoimmune Tipo 1: - ANA e ASMA-positiva (nuclear – smooth muscle antibodies) - Sesso femminile (70%) - Età anni; 50% > 50 anni - Associazione con patologia autoimmune: tiroidite, colite ulcerosa, sinovite Tipo 2: - LKM-positiva (liver kidney microsomal antibolies) - Sesso femminile predominante - Età giovanile - Associazione con Ab anti tiroide, anti cellule parietali gastriche, anti cellule di Langherans - Associazione con tiroidite, diabete, vitiligine, epatite cronica C Tipo 3: - SLA-positiva (soluble liver antigens) - Sesso femminile (90%)

25 COLESTASI DA FARMACI Elevazione persistente (2-6 mesi) degli indici di colestasi, con assente o scarso incremento delle transaminasi. Infiltrazione infiammatoria dei duttuli biliari con edema ed apoptosi cellulare. Danno genetico del trasporto epatico e/o del metabolismo epatico del farmaco. Possibile evoluzione verso cirrosi biliare nonostante la sospensione del farmaco.

26 DIAGNOSI DIFFERENZIALE Sarcoidosi associata a colestasi Epatite cronica attiva Colangite sclerosante primitiva Colangiti croniche autoimmuni (anti- mitocondrio negative) Colestasi cronica da farmaci Duttopenia idiopatica delladulto Colestasi da graft versus host disease (GVHD) Rigetto cronico di fegato (dopo trapianto) Linfoma

27 RISULTATI DEI 4 PRINCIPALI TRIALS CONTROLLATI DI UDCA VS PLACEBO NELLA CBP AutoreNumero Pazienti UDCA (mg/kg/die) Miglioram. del prurito Miglioram. biochimico Miglioram. istologico Poupon SIBil, Fost.alc. AST, ALT, gGT SI p<0.002 Heathcote NOBil, Fost.alc. AST, ALT SI p<0.05 Lindor NOBil, Fost.alc. AST NO Combes SIBil, Fost.alc. ALT, gGT, 1gM SI, solo in stadio I-II

28 ERCP VIE BILIARICIRROSI PBC COLANG. SCLEROSAN. COLANG. SUPPURATIVA DistribuzioneDiradateNormale Morfologia Sottile Non stenosi Variabile Stenosi localizzate Moniliforme Profili sfumati LocalizzazioneIntraepaticaIntra / Extra epatica Intraepatica


Scaricare ppt "CIRROSI BILIARE PRIMITIVA Caratteristiche cliniche Malattia colestatica cronica, più frequente nelle donne, specie tra i 30 e i 60 anni. Decorre a lungo."

Presentazioni simili


Annunci Google