La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SERVIZIO DI MEDICINA E CHIRURGIA DEL PIEDE

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SERVIZIO DI MEDICINA E CHIRURGIA DEL PIEDE"— Transcript della presentazione:

1 SERVIZIO DI MEDICINA E CHIRURGIA DEL PIEDE
Direttore prof. F. Verrina

2 IL PIEDE DIABETICO Piede ischemico e neuropatico

3 DIABETE Condizione morbosa cronica, ereditaria, caratterizzata
dall’associazione di una sindrome dismetabolica e da una alterazione vascolare diffusa, distrofico degenerativa, indicata con il nome di microangiopatia

4 Il piede del diabetico è molto vulnerabile

5 Distalità delle alterazioni
arteriopatiche neuropatiche

6 Neuropatia diabetica vasculopatia dismetabolismo

7

8

9

10 Osteoartropatia Neuropatica Diabetica

11 Artropatia cronica con lesioni articolari ed ossee
costantemente associata a neuropatia periferica sensitivo motoria ed autonomica

12 PATOGENESI DELLA O.A.N. Sensitivo Neuropatia Motoria
Fattore determinante Autonomica Unico Traumatismo Fattore scatenante Ripetuto

13 Neuropatia diabetica Neuropatia dismetabolica e microangiopatica
Assonale e/o demielinizzazione

14 Neuropatia periferica sensitiva
Iniziale perdita della sensibilità tattile Successivamente della sensibilità termica Quindi della sensibilità dolorifica

15 Neuropatia motoria Atrofia dei muscoli intrinseci
Perdita di equilibrio tra lombricali e interossei Alterazioni morfologiche

16 Neuropatia autonomica
Ipoidrosi Ipoelasticità cutanea Fissurazioni Infezioni: cutanea, sottocutanea, osteoarticolare

17 Evoluzione della O.A.N. Perdita della sensibilità 1° Stadio
Alterazione neuromuscolari (alluce valgo, dita in griffe) Alterazioni autonomiche

18 Evoluzione della O.A.N. Ipercheratosi e ipoidrosi 2° Stadio
Borsite sottocutanea

19 Evoluzione della O.A.N. Fissurazioni delle ipercheratosi 3° Stadio
Infezione della borsa sottocutanea N.B. prelude alla O.A.S.

20 Evoluzione della O.A.N. 4° Stadio : osteoartrite settica

21

22

23 Esiti della O.A.N. Metatarsali a bastoncino di “zucchero succhiato”
Lussazioni uniche o multiple Piede cubico altre

24

25

26

27

28 Vasculopatia diabetica
Macroangiopatia : precoce, estesa, prognosi grave evoluzione grave Arteriolosclerosi Microangiopatia

29 Microangiopatia diabetica
Complicanza secondaria alla turba metabolica Entità ad essa associata, indipendente

30 Organi bersaglio APP. CARDIOVASCOLARE. CUORE SISTEMA NERVOSO PERIF.
OCCHIO APP. OSTEOARTICOLARE RENE PIEDE

31

32 Neuropatiche Arteriopatiche Settiche SPESSO LESIONI COMBINATE (aspetto plurifattoriale Aggrava la diagnosi)

33 Infezioni spesso multibatteriche, con presenza costante di
Anaerobi. La fistola è fonte di sovrainfezioni batteriche Trattamento antibiotico mirato ad ampio spettro

34

35 Un buon Per curare il È necessario Piede diabetico infetto Equilibrio glicemico

36 Lo squilibrio glicemico
Aggrava favorisce L’infezione del piede

37 Prevenzione possibile
Educazione dei pazienti diabetici Individuazione delle lesioni negli stadi iniziali Presa in carico del paziente da parte di strutture specializzate

38 Prevenzione delle ulcere
Individuare i soggetti a rischio Educazione del paziente e dei familiari

39 Pazienti ad alto rischio
Piede con alterazioni morfologiche Segni vasculopatici Segni neuropatici

40 Anamnesi (deformità, callosità, ulcere)
Sintomi neuropatici e arteriopatici (parestesie, clauducatio) Segni obiettivi neuropatici (ipo-areflessia o. t., ipoestesia,ipoidrosi, dita a martello) Segni obiettivi arteriopatici (piede freddo, rarità degli annessi cutanei, cute pallida, polsi iposfigmici) Retinopatia e/o nefropatia Diabete di lunga durata

41 COLLABORAZIONE MULTIDISCIPLINARE

42 Fase di osteoartrite settica
Fase di prevenzione Fase di osteoartrite settica Infettivologo Chirurgo vascolare Chirurgo plastico Nefrologo Medico iperbarico Medico curante Diabetologo Medico podologo Tecnico podologo Tecnico ortopedico Neurologo Radiologo

43 Educazione del paziente
Osservare il “decalogo”

44 Igiene quotidiana Ispezione quotidiana Mantenere la cute idratata Ridurre le callosità Corretto taglio delle unghie Calze pulite e senza elastici Scarpe comode con plantari mirati Evitare il contatto con fonti di calore Curare le micosi Consultare il medico

45

46

47

48

49

50


Scaricare ppt "SERVIZIO DI MEDICINA E CHIRURGIA DEL PIEDE"

Presentazioni simili


Annunci Google