La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PATOLOGIA CORONARICA Prof. SCARANO Flavio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PATOLOGIA CORONARICA Prof. SCARANO Flavio."— Transcript della presentazione:

1 PATOLOGIA CORONARICA Prof. SCARANO Flavio

2 Sono arterie terminali.
CENNI di ANATOMIA Le coronarie sono le arterie che vascolarizzano il cuore. Originano dai seni di Valsalva (bulbo aortico), decorrono nell’epicardio per approfondirsi nel miocardio. Sono arterie terminali. Nella quasi totalità dei casi sono due (destra e sinistra) e, con i loro rami collaterali, ricoprono il fabbisogno di O2 di tutte le strutture cardiache

3

4

5 PATOLOGIA CORONARICA Quando le lesioni sono emodinamicamente significative ISCHEMIA CARDIACA causata da squilibrio tra fabbisogno e apporto di O2 nella maggior parte dei casi dovuto ad una diminuzione di flusso ematico per “restingimento” di una o più coronarie

6 Questo “restringimento” coronarico può essere causato da
Placche aterosclerotiche Trombosi Embolia Spasmo muscolare il grado di ostruzione varia dalla lieve stenosi senza implicazione emodinamica, e quindi senza ischemia miocardica, alla completa ostruzione del lume vasale con necrosi del tessuto a valle

7 STENOSI LIEVE (da placca eccentrica) STENOSI CRITICA OCCLUSIONE DEL VASO

8 FISIOPATOLOGIA apporto di O2 al miocardio, o comunque il suo mancato aumento con l’aumento del suo fabbisogno (sforzo fisico o stress emotivo) ISCHEMIA  LESIONE  NECROSI del miocardio nella porzione vascolarizzata dal ramo coronarico coinvolto

9

10 Talvolta accompagnato da sudorazione, nausea e vomito
QUADRO CLINICO durante l’ischemia miocardica il paziente ha nella maggior parte dei casi ANGINA Dolore tipico o oppressione retrosternale con possibile irradiazione all’AS sinistro, mendibola, regione auricolare e interscapolare. Talvolta accompagnato da sudorazione, nausea e vomito

11 ANGINA STABILE Da sforzo fisico o stress emotivo (mancato aumento dell’apporto con l’aumentato fabbisogno) INSTABILE Diminuito apporto senza relazione con l’aumento del fabbisogno A riposo Ingravescente Di recente comparsa Post-infartuale Ischemia silente

12 INFARTO MIOCARDICO ACUTO
quando l’ischemia miocardica causa la necrosi dei miociti, clinicamente si ha un INFARTO MIOCARDICO ACUTO Angor prolungato non responsivo alla terapia con vasodilatatori s.l. spesso acompagnato ad un senso di morte imminente

13 esame fondamentale per eseguire la rivascolarizzazione
DIAGNOSI mentre la diagnosi di patologia coronarica con Ischemia Miocardica si ottiene sostanzialmente da quadro clinico, modificazioni ECG e alterazione di enzimi cardiaci, l’unico esame che permette una valutazione delle lesioni coronariche è la CORONAROGRAFIA esame fondamentale per eseguire la rivascolarizzazione

14 (tecnica di SELDINGER)
CORONAROGRAFIA Arteriografia dei vasi coronarici eseguita attraverso la CATETERIZZAZIONE SELETTIVA di entrambi gli osti coronarici e mediante l’iniezione di piccole quantità di mezzo di contrasto La tecnica più utilizzata prevede l’introduzione di un catetere in arteria femorale per via percutanea (tecnica di SELDINGER)

15 Esistono pertanto diversi tipi di catetere a seconda dell’uso:
Il catetere viene spinto dall’arteria femorale in aorta addominale  aorta toracica  arco aortico  aorta ascendente  bulbo aortico  seni di valsalva; da qui il catetere raggiunge gli osti coronarici, grazie a una curvatura preformata. Esistono pertanto diversi tipi di catetere a seconda dell’uso: Inserirsi nel TC della coronaria sn Inserirsi nell’origine della coronaria dx Entrare nel VS per eseguire ventricolografia

16 CORONARIA DESTRA

17 CORONARIA DESTRA

18 CORONARIA DESTRA

19 IVA CORONARIA SINISTRA CX

20 la RIVASCOLARIZZAZIONE MIOCARDICA
è la terapia di scelta nella patologia coronarica con ischemia miocardica refrattaria alla terapia medica e, quando possibile, deve essere attuata prima che si instauri una necrosi della cellula miocardica

21 RIVASCOLARIZZAZIONE MIOCARDICA
MEDIANTE INTERVENTO CHIRURGICO MEDIANTE PTCA

22 RIVASCOLARIZZAZIONE MIOCARDICA PERCUTANEA
PTCA con l’obiettivo di normalizzare il calibro della coronaria coinvolta e pertanto normalizzare il flusso ematico.

23 Consiste nell’introduzione per via percutanea di un catetere a palloncino spinto fino alla sede della lesione coronarica (non occlusiva) e quindi gonfiato a circa 3 atmosfere per qualche minuto. Ottenuta la risoluzione o comunque la riduzione della stenosi critica, può essere necessario l’impianto di uno STENT.

24 PTCA

25 PTCA con impianto di STENT

26 Non esistono CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE alla PTCA, ovvero tutte le lesioni coronariche potrebbero essere sottoposte alla procedura anche se con rischio diverso

27 BASSO RISCHIO di lunghezza < 10 mm concentriche rettilinee
con poche calcificazioni non in posizione ostiale assenza di trombi non totalmente occlusive facilmente accessibili

28 RISCHIO ELEVATO Lunghezza > 20 mm
Estrema tortuosità del vaso a monte Presenza di calcificazioni Eccentriche Occlusione totale soprattutto se di durata > 3 mesi Presenza di trombi

29 RIVASCOLARIZZAZIONE MIOCARDICA CHIRURGICA
BYPASS AORTO-CORONARICO con l’obiettivo di normalizzare il flusso ematico nelle zone in cui la coronaropatia l’ha ridotto “pontando” l’ostruzione

30 INDICAZIONI al trattamento chirurgico
Angina instabile Stenosi significativa del TC o lesioni equivalenti Malattia tri- o plurivasale PTCA fallita, complicata o comunque non indicata

31 Sulla base della valutazione coronarografica si considerano a indicazione chirurgica le coronaropatie mono o plurivasali non suscettibili di angioplastica in cui le lesioni coronariche siano CRITICHE ovvero di RILEVANZA EMODINAMICA ( superiori al 60-70%)

32

33 OBIETTIVI del trattamento chirurgico
Miglioramento della sintomatologia Riduzione del rischio di eventi infartuali futuri Miglioramento della aspettativa di vita a lungo termine

34 Tecnicamente consiste nell’interposizione di un “graft” tra l’aorta e la coronaria a valle della stenosi. Ovviamente questa porzione di vaso dovrà essere privo di lesioni emodinamicamente significative

35 la via di accesso di scelta per la chirurgia coronarica è la
TECNICA CHIRURGICA la via di accesso di scelta per la chirurgia coronarica è la STERNOTOMIA MEDIANA con l’apertura e la sospensione del sacco pericardico si ha una perfetta esposizione del cuore che può essere raggiunto con estrema comodità

36 con l’ausilio della Circolazione ExtraCorporea
L’intervento di rivascolarizzazione miocardica mediante bypass aorto-coronarico si può eseguire: con l’ausilio della Circolazione ExtraCorporea (in C.E.C.) senza l’ausilio della Circolazione ExtraCorporea (off-pump) a cuore battente

37 in C.E.C. Arresto e protezione del cuore con infusione di soluzione cardioplegica Campo operatorio fermo ed esangue Possibilità di esporre agevolmente tutti i segmenti coronarici senza alterazioni emodinamiche è indicata pertanto in pazienti con instabilità emodinamica, con anatomia e parete coronarica non favorevoli e, ovviamente, in pazienti che devono eseguire una concomitante procedura cardiochirurgica (sostituzione valvolare, plastica VS…)

38 Off-pump Arteriotomia e confezionamento di anastomosi distali a cuore battente Inserimento di shunt intracoronarici per assicurare la continuità di flusso ematico e per mantenere un campo esangue Campo operatorio poco stabile (utilizzo di stabilizzatori) e possibilità di instabilità emodinamica durante la procedura Evita i danni conseguenti la CEC è indicata pertanto in pazienti con anatomia e parete coronarica favorevoli e, comunque, in tutti i pazienti in cui è controindicata la CEC (IRC, patologia carotidea…)

39 Si usano pertanto vasi nativi del paziente
TIPI di GRAFT Non sono utilizzabili vasi artificiali per l’esiguo calibro delle coronarie. Si usano pertanto vasi nativi del paziente GRAFT VENOSI GRAFT ARTERIOSI

40 Sono rappresentati nella grande maggioranza dei casi dalla
GRAFT VENOSI Sono rappresentati nella grande maggioranza dei casi dalla VENA SAFENA INTERNA che decorre sulla superficie mediale dell’arto inferiore dal malleolo mediale al traingolo dello Scarpa. Viene esposta, isolata, prelevata e lavata in soluzione fisiologica e utilizzata in senso “inverso” a causa della presenza al suo interno di valvole antireflusso

41

42

43 GRAFT ARTERIOSI Sono rappresentati nella maggioranza dei casi dalla
ARTERIA MAMMARIA INTERNA destra e/o sinistra, dall’ARTERIA RADIALE e, più raramente dall’ARTERIA GASTROEPIPLOICA

44 L’ Arteria Mammaria Interna (AMI) origina dall’arteria succlavia, decorre ai lati dello sterno (emettendo rami collaterali intercostali) e termina sfioccandosi in rami che confluiscono nell’arteria epigastrica superficiale Viene isolata e prelevata, dopo legatura dei rami collaterali, viene sezionato il suo capo distale mentre si mantiene l’intergrità anatomica del suo capo prossimale

45

46

47 ARTERIA MAMMARIA INTERNA SINISTRA (prelievo)

48 ARTERIA MAMMARIA INTERNA (preparazione)

49 ARTERIA MAMMARIA INTERNA (preparazione)

50 Bypass arteria mammaria interna sinistra-interventricolare anteriore

51

52 (visione coronarografica)
Bypass arteria mammaria interna sinistra-interventricolare anteriore (visione coronarografica)

53 AMI rappresenta il condotto "ideale" per:
sede anatomica struttura istologica (parete a predominanza elastica) calibro lunghezza flusso

54 ARTERIA RADIALE Ha una parete molto spessa e ricca in cellule muscolari (facilmente va incontro a vasospasmo) Necessita pertanto di trattamento farmacologico con Ca-antagonisti per attenuare la contrazione delle cellule muscolari. Il suo prelievo va eseguito con accurata dissezione dei piani muscolari dell’avambraccio Presenta ottimi risultati a breve medio termine Il suo prelievo non ha importanti ripercussioni su avambraccio e mano Fondamentale testare la funzionalità dell’arteria ulnare

55 ARTERIA GASTROEPIPLOICA
Costituisce una branca del tronco celiaco e decorre sulla grande curvatura gastrica. Il suo isolamento richiede una accurata emostasi. I risultati a breve-medio termine sono buoni e non si è presentato alcun problema gastrico (vascolare) Richiede una laparatomia Spesso presenta vasospasmo e/o piccolo calibro

56 CONFRONTO TRA GRAFT ARTERIOSO E GRAFT VENOSO
Sproporzione di calibro rispetto alla coronaria Non adatto a flusso arterioso pulsatile, quindi suscettibile a degenerazione parietale Utilizzabile per tutti i vasi coronarici Percentuale di pervietà a 10 aa 50-60% GRAFT ARTERIOSO Graft ideale per proporzione di calibro ( 2 mm ca.) Non va incontro a processi di degenerazione parietale Percentuale di pervietà a 10 aa 90% Non può essere utilizzato per tutti i vasi coronarici (lunghezza limitata)

57 La rivascolarizzazione viene ottenuta anastomizzando il condotto selezionato sulla coronaria patologica, a valle della stenosi critica; l’apporto di sangue viene garantito ponendo in continuità l’altro capo del condotto con la aorta ascendente (continuità già presente all’estremo prossimale della AMI, che si origina dalla arteria succlavia e che può essere lasciata in situ)

58 ANASTOMOSI DISTALE arteriotomia della coronaria in questione e sondaggio mediante specillo del calibro e della pervietà coronarica a valle dell’arteriotomia primi punti di sutura duna anastomosi distale termino-laterale tra graft e coronaria

59 I primi punti vengono passati a “paracadute”, cioè tra i due monconi lontani tra di loro, e successivamente si avvicinano i due vasi per terminare la sutura. Le anastomosi vengono confezionate in sutura continua con filo di sutura in polipropilene molto sottile (8/0 con graft arteriosi, 7/0 con graft venosi)

60 ricordiamo che Nel caso di condotti venosi e dell’ arteria radiale si dovrà procedere poi al confezionamento anche di una anastomosi prossimale sull’aorta ascendente Nel caso dell’ arteria mammaria interna e della arteria gastroepiploica ciò non è necessario in quanto viene mantenuta l’integrità anatomica della sua origine

61 Tale forellino sarà la sede dell’abboccamento del graft
ANASTOMOSI PROSSIMALE Dopo l’esclusione del flusso ematico da una detereminata area della parete dell’aorta ascendente (mediante una pinza a clampaggio parziale), si crea un forellino sulla parete aortica stessa con un appropriato strumento chirurgico. Tale forellino sarà la sede dell’abboccamento del graft

62 Analogamente alla anastomosi distale, la prossimale viene confezionata in sutura continua con filo di sutura in polipropilene (7/0 per i graft arteriosi, 6/0 per i graft venosi)

63

64

65

66 RISULTATI Sintomatologia:
90% dei pazienti sottoposti a CABG riferisce miglioramento o scomparsa della sintomatologia anginosa dopo l’intervento A 5 aa dall’intervento i pazienti liberi da sintomatologia sono circa il 75% A 10 aa la percentuale scende al 50%, e a 15 anni solo il 15% dei pazienti è libero da sintomi.

67 PERVIETA’ GRAFT VENOSI PERVIETA’ GRAFT ARTERIOSI
RISULTATI Pervietà dei graft: Il 10% dei graft si occlude precocemente (entro un mese) Nel corso del primo anno si occludono il 15-30% dei graft Dopo il primo anno si chiudono circa il 2% di graft ogni anno. PERVIETA’ GRAFT VENOSI 50-60% a 10 anni PERVIETA’ GRAFT ARTERIOSI 90% a 10 anni

68 RISULTATI Mortalità: Complicanze perioperatorie:
Oscilla dall’ 1 al 3% a seconda delle casistiche Complicanze perioperatorie: Si verificano nell’8-10% dei pazienti Le più importanti sono rappresentate da: Eventi ischemici perioperatori Sanguinamento post-operatorio Danni neurologici Infezioni


Scaricare ppt "PATOLOGIA CORONARICA Prof. SCARANO Flavio."

Presentazioni simili


Annunci Google