La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MIT (monoiodotirosina) DIT (diiodotirosina) 3,5,3 TRIIODOTIRONINA (T3) TIROXINA (T4) I-I- I-I- I*I* I-I-

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MIT (monoiodotirosina) DIT (diiodotirosina) 3,5,3 TRIIODOTIRONINA (T3) TIROXINA (T4) I-I- I-I- I*I* I-I-"— Transcript della presentazione:

1 MIT (monoiodotirosina) DIT (diiodotirosina) 3,5,3 TRIIODOTIRONINA (T3) TIROXINA (T4) I-I- I-I- I*I* I-I-

2 Accoppiamento di iodotirosine con formazione di T3 e T4 nella tireoglobulina importanza della configurazione spaziale della tireoglobulina

3 Riassorbimento della colloide nelle cellule del follicolo tiroideo e secrezione delle iodotironine T4 (80-90%) T3 (10-20%)

4 Trasporto degli ormoni tiroidei nel sangue Iodio nella circolazione: 95% I organificato ( T4 90% ; T3 5%) 5% I - TBG (thyroxine-binding globulin): glicoproteina Lega T4 1:1 con alta affinità; minore affinità per T3 Transtiretina: prealbumina. Lega T4 ma non T3 Albumine: legano T4 con bassa affinità, rilevanti solo quando TBG è saturata (o nel caso di mutazioni nellalbumina, che ne aumentano laffinità) Gli ormoni tiroidei circolano associati a proteine plasmatiche free T4 = 0.03% freeT3 = 0.3%

5 Regolazione della disponibilità di TBG Estrogeni Fenotiazine Eroina Metadone Tamoxifene Androgeni Steroidi anabolizzanti Glucocorticoidi ad alto dosaggio Antiepilettici

6 3,5,3- Triiodotironina ATTIVA 3,3,5- Triiodotiron ina. INATTIVA 5-deiodination Degradazione per deiodinazione

7 Conversione T4T3 nei tessuti periferici (fegato, rene) 80% di T3 circolante deriva dalla monodeiodinazione di T4 nei tessuti periferici 1/3 T4 convertito in T3 T3 è 4-5 volte più attiva di T4 (a carico della iodotironina 5-deiodinasi)

8 Isoenzimi della deiodinasi: espressione e regolazione differenziale 5-deiodinasi Tipo I (D1) -genera T3 circolante -presenta anche attività 5-deiodinasica (minoritaria) -inibita da propiltiouracile - ipertiroidismo ipotiroidismo 5-deiodinasi Tipo II (D2) -fornisce T3 intracellulare - K m più bassa -non inibita da propiltiouracile - ipertiroidismo ipotiroidismo (regolata da livelli di T4)

9

10 Lassociazione a proteine plasmatiche aumenta lemivita degli ormoni circolanti (protegge da metabolismo/escrezione). Ipertiroidismo, ridotta (3-4 gg) ipotiroidismo, aumentata (9-10 gg) Gravidanza, aumentata (maggior legame a TBG) 25% di T4 viene catabolizzato nel fegato (sede principale della degradazione non-deiodinativa) ed escreto con la bile Degradazione ed escrezione T4 = emivita 6-8 gg T3 = emivita 1-2 gg

11 A B (+ A) A TRH B TSH

12 glicoproteina, subunità / modalità circadiana di rilascio (max. sonno-notte) EFFETTI uptake I - organificazione I - degradazione tiroglobulina (per attivazione tiolo- endopeptidasi lisosomiali e stimolazione endocitosi) vascolarizzazione e proliferazione/differenziamento cellule tiroidee TSH (Tirotropina) cAMP; IP 3 e DAG

13 Meccanismo dazione degli ormoni tiroidei Recettori nucleari legano sequenze TRE (thyroid hormone response element) palindromiche nella regione promotore/enhancer di geni effettori. Generalmente già legati, inibiscono la trascrizione T3 lega con alta affinità e rilascia la repressione T4 lega con bassa affinità ma non attiva trascrizione (pro-ormone)

14 Recettori per gli ormoni tiroidei Omologhi cellulari delloncoproteina aviaria c-erb A Analogia strutturale con rec. ormoni steroidei (massima in DNA binding region) Molteplici isoforme derivate da 2 geni c-erb A (TR ) e c-erb A (TR ): TR 1 e TR 1 in tutti tessuti responsivi agli ormoni tiroidei; altre isoforme sono tessuto-specifiche (e.g. TR 2 nelladenoipofisi; c-erb A 2, la più abbondante nel cervello, lega TRE ma non T3)

15 EFFETTI NONGENOMICI DEGLI ORMONI TIROIDEI

16 Crescita e sviluppo - metamorfosi degli anfibi (girino rana) - sviluppo del sistema nervoso (cretinismo -ritardo mentale irreversibile-per assenza di ormoni tiroidei nella fase di attiva neurogenesi) - mielinizzazione (sintesi di myelin basic protein controllata da T3) - differenziamento cellulare Effetto calorigenico - NON effetto disaccoppiante sulla fosforilazione ossidativa - stimolati cicli di lipolisi e sintesi dei trigliceridi (espressione enzimi lipogenici es. acido grasso sintasi) - aumentato lavoro cardiaco - modello: gli ormoni tiroidei stabiliscono il limite superiore del consumo energetico e orchestrano il macchinario metabolico per sostenerlo Effetti degli ormoni tiroidei

17 Effetti cardiovascolari - frequenza cardiaca, forza contrazione, gittata Per: - recettori -adrenergici del cuore - diversa composizione isozimica della miosina Effetti metabolici - stimolato metabolismo del colesterolo ad acidi biliari (riduzione colesterolo nel plasma) Per: aumento concentrazione recettori per LDL sugli epatociti - stimolata lipolisi (effetto indiretto per aumentata risposta lipolitica delle cellule adipose ad altri ormoni, ad es. catecolamine) - accresciuta utilizzazione di carboidrati (forse secondaria ad aumentata richiesta calorica). Aumentata attività ATPasica (aumento espressione miosina Ca2+-ATPase) ( espressione catena pesante, )

18 Fabbisogno di iodio Apporto quotidiano necessario 1-2 g / Kg) Cibi ricchi in iodio: Prodotti caseari Pesce Cereali Aggiunta di iodio al sale da cucina allacqua potabile ai mangimi per animali allacqua per irrigazione

19 USI TERAPEUTICI DEGLI ORMONI TIROIDEI Preparazioni sintetiche degli ormoni naturali (T3, T4) - Polveri/estratti tiroidei Utilizzare sempre tiroxina di buona qualità, e non cambiare produttore nel corso della terapia: la bioequivalenza per la tiroxina non corrisponde allequivalenza terapeutica! Aumento graduale della dose Steady state dopo 4-6 settimane Utilizzo di T 3 nel caso in cui sia richiesto effetto rapido

20 Inibiscono lassorbimento intestinale di T 4: Stati di malassorbimento Farina di soia, Olio di semi di cotone Fegato Colestiramina, colestipol, Sucralfato, Al(OH) 3, suppl. di Fe e Ca Accelerano il metabolismo di T 4 : Sertralina, rifampicina Effetti collaterali Angina, aritmie Scompenso cardio-circolatorio Psicosi Osteoporosi

21 Farmaci Antitiroidei

22

23 Tiourileni Effetti collaterali: ipotiroidismo orticaria agranulocitosi alterazioni epatiche dolori articolari, parestesie, cefalea,… Usi terapeutici nellipertiroidismo a- come unico trattamento (ad es. in gravidanza) b- assieme allo iodio radioattivo c- in preparazione allintervento (assieme a propranololo e iodio) Propiltiouracile, carbimazolo (profarmaco), metimazolo

24 Farmaci Antitiroidei Tiourileni Il raggiungimento del pieno effetto richiede la deplezione dei depositi di TG preformati. In seguito, la dose va riaggiustata. Monitoraggio della terapia: Free T 4, T 3

25

26 Inibitori anionici - tiocianato (SCN - ): dieta, fumo, sodio nitroprussiato -perclorato di potassio (ClO 4 - ): più potente; poco utilizzato (anemia aplastica fatale dose-correlata) - fluoborato Farmaci Antitiroidei

27 IODIO TSH I-I- I-I- I TG MITDIT MITDIT T3T3 T4T4 colloide cAMP IP 3 /DAG Effetto acuto, transitorio

28 - unico rimedio allipertiroidismo prima di farmaci antitiroidei Effetti sulla tiroide (solo temporanei) Inibizione rilascio ormoni (effetto immediato) Riduzione volume Aumento consistenza Riduzione vascolarizzazione Riaccumulo della colloide nei follicoli Effetto massimo: gg. Usi terapeutici - preparazione allintervento - crisi tireotossica - contaminazioni da iodio radioattivo IODIO

29 IODIO: TOSSICITA TOSSICITA ACUTA: Reazioni da ipersensibilità TOSSICITA CRONICA (IODISMO): Sapore metallico Bruciore di bocca e gola Raffreddore di testa Tosse produttiva Irritazione gastrica Eruzioni cutanee (ioderma) Eliminazione dello ioduro accelerata da: diuretici osmotici e cloruretici, carico salino

30

31 IODIO RADIOATTIVO 131 I : - - emivita 8 gg - sia che emittente -terapia ipertiroidismo -terapia metastasi carcinoma follicolare -VANTAGGI: sicurezza, efficacia, selettività, richiede solo 1 o poche somministrazioni, non richiede ospedalizzazione -SVANTAGGI: induzione di ipotiroidismo, lentezza degli effetti, controindicato in gravidanza, Possibile peggioramento iniziale delloftalmopatia 123 I : - emivita 13 h; emittente - per scansioni tiroide

32

33

34

35

36


Scaricare ppt "MIT (monoiodotirosina) DIT (diiodotirosina) 3,5,3 TRIIODOTIRONINA (T3) TIROXINA (T4) I-I- I-I- I*I* I-I-"

Presentazioni simili


Annunci Google