La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FACOLTÀ DI ARCHITETTURA “ ALDO ROSSI ” ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LUCIO DEL BIANCO ANNO ACCADEMICO 2014-2015.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FACOLTÀ DI ARCHITETTURA “ ALDO ROSSI ” ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LUCIO DEL BIANCO ANNO ACCADEMICO 2014-2015."— Transcript della presentazione:

1 FACOLTÀ DI ARCHITETTURA “ ALDO ROSSI ” ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LUCIO DEL BIANCO ANNO ACCADEMICO

2 2 ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LEZIONE I INTRODUZIONE: IMPRESA E MERCATO LUCIO DEL BIANCO

3 3 DEFINIZIONI L ’ ECONOMIA È LA SCIENZA CHE STUDIA LE MODALITÀ DI ALLOCAZIONE DI RISORSE NECESSARIAMENTE LIMITATE TRA POSSIBILI UTILIZZI ALTERNATIVI, AL FINE DI MASSIMIZZARE LA FUNZIONE DI SODDISFAZIONE DEI SINGOLI E DEI GRUPPI SOCIALI INTERESSATI L ’ ECONOMIA È LA SCIENZA CHE STUDIA LE MODALITÀ DI ALLOCAZIONE DI RISORSE NECESSARIAMENTE LIMITATE TRA POSSIBILI UTILIZZI ALTERNATIVI, AL FINE DI MASSIMIZZARE LA FUNZIONE DI SODDISFAZIONE DEI SINGOLI E DEI GRUPPI SOCIALI INTERESSATI DISTINZIONE TRA MACROECONOMIA (VARIABILI AGGREGATE A LIVELLO DI SISTEMA) E MICROECONOMIA (COMPORTAMENTO DEI SINGOLI SOGGETTI) DISTINZIONE TRA MACROECONOMIA (VARIABILI AGGREGATE A LIVELLO DI SISTEMA) E MICROECONOMIA (COMPORTAMENTO DEI SINGOLI SOGGETTI)

4 4 DEFINIZIONI MACROECONOMIA MACROECONOMIA CONSIDERA LE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO DEL MERCATO DEI BENI, DEL MERCATO MONETARIO E DEL MERCATO DEL LAVORO E ANALIZZA GLI EFFETTI DELLE POLITICHE DI BILANCIO SUL SISTEMA ECONOMICO MICROECONOMIA MICROECONOMIA STUDIA IL COMPORTAMENTO DEI SINGOLI SOGGETTI ECONOMICI (CONSUMATORI E IMPRESE) DEDUCENDO DA QUESTO UNA REALISTICA TEORIA DELLA DOMANDA, DELL’OFFERTA E DELLA FORMAZIONE DEI PREZZI NEI MERCATI DEI BENI E DEI SERVIZI

5 5 IL SISTEMA ECONOMICO IL SISTEMA ECONOMICO È COSTITUITO DA UN INSIEME DI SOGGETTI CHE, UTILIZZANDO LE RISORSE DISPONIBILI E SEGUENDO NORME CONDIVISE, PERSEGUONO LORO FINALITÀ ECONOMICHE L ’ ATTIVITÀ ECONOMICA PRODUZIONE PRODUZIONE SCAMBIO SCAMBIO CONSUMO CONSUMO LAVORO LAVORO RISPARMIO RISPARMIO INVESTIMENTO INVESTIMENTO I SOGGETTI INDIVIDUI E FAMIGLIE INDIVIDUI E FAMIGLIE IMPRESE IMPRESE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

6 6 I DIVERSI SETTORI DELL ’ ECONOMIA NELLE MODERNE REALTÀ ECONOMICHE, LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE VENGONO CLASSIFICATE NEI SEGUENTI QUATTRO SETTORI SETTORE PRIMARIO- Direttamente connesso con l ’ utilizzo delle risorse naturali SETTORE PRIMARIO- Direttamente connesso con l ’ utilizzo delle risorse naturali SETTORE SECONDARIO- Basato Sulla Trasformazione delle Materie Prime Naturali SETTORE SECONDARIO- Basato Sulla Trasformazione delle Materie Prime Naturali SETTORE TERZIARIO- Costituito dalle attività di servizio in qualche modo tradizionali (commerciali, di trasporto, alberghiere, dello spettacolo, etc) SETTORE TERZIARIO- Costituito dalle attività di servizio in qualche modo tradizionali (commerciali, di trasporto, alberghiere, dello spettacolo, etc) SETTORE QUATERNARIO O TERZIARIO AVANZATO- Che raccoglie le attività di servizio a contenuto tecnologico più innovativo SETTORE QUATERNARIO O TERZIARIO AVANZATO- Che raccoglie le attività di servizio a contenuto tecnologico più innovativo

7 7 I FATTORI ALLA BASE DELLO SVILUPPO LE MODALITÀ SECONDO LE QUALI SI SVOLGONO I PROCESSI ECONOMICI E SI REALIZZA LO SVILUPPO DEL SISTEMA DIPENDONO DA DIVERSI FATTORI NATURALI- Posizione geografica, clima, materie prime,.. NATURALI- Posizione geografica, clima, materie prime,.. SOCIALI- Abitudini di vita, sviluppo demografico, … SOCIALI- Abitudini di vita, sviluppo demografico, … CULTURALI- Livello di istruzione, sistema scolastico,.. CULTURALI- Livello di istruzione, sistema scolastico,.. POLITICO-ECONOMICI- Istituzioni, leggi, politiche industriali,.. POLITICO-ECONOMICI- Istituzioni, leggi, politiche industriali,..

8 8 CONFRONTO TRA ALCUNI SISTEMI ECONOMICI ITALIAARABIASAUDITANORVEGIACINABRASILE Superficie Abitanti57,425,74,81.345,8193,7 Abitanti/kmq201,012,812,7139,822,9 % svil. popolazione 0,63 % 2,65 % 1,09 % 0,51 % 0,94 % PIL (md dollari) PIL pro capite Crescita annua 0 % 3,1% 1,4 % 11,4 % 3,5 % Occ. Agricoltura Occ. Industria Occ. Servizi

9 9 ECONOMIA AZIENDALE L ’ ECONOMIA AZIENDALE COSTITUISCE IN LINEA GENERALE LA DISCIPLINA SCIENTIFICA DEDICATA ALL ’ ELABORAZIONE DI CONOSCENZE E TEORIE UTILI PER IL GOVERNO ECONOMICO DEI SISTEMI SOCIALI DI OGNI ORDINE (IMPRESE, FAMIGLIE, ORGANIZZAZIONI NON PROFIT, ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE, COOPERATIVE, ETC.) L ’ ECONOMIA AZIENDALE COSTITUISCE IN LINEA GENERALE LA DISCIPLINA SCIENTIFICA DEDICATA ALL ’ ELABORAZIONE DI CONOSCENZE E TEORIE UTILI PER IL GOVERNO ECONOMICO DEI SISTEMI SOCIALI DI OGNI ORDINE (IMPRESE, FAMIGLIE, ORGANIZZAZIONI NON PROFIT, ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE, COOPERATIVE, ETC.) IN QUESTO CONTESTO PARTICOLARE INTERESSE RIVESTE L ’ ATTENZIONE CHE L ’ ECONOMIA AZIENDALE DEDICA ALL ’ IMPRESA IN QUESTO CONTESTO PARTICOLARE INTERESSE RIVESTE L ’ ATTENZIONE CHE L ’ ECONOMIA AZIENDALE DEDICA ALL ’ IMPRESA

10 10 DEFINIZIONE DI IMPRESA L ’ IMPRESA CONSISTE NELL ’ ATTIVITÀ ECONOMICA ORGANIZZATA PROFESSIONALMENTE DALL ’ IMPRENDITORE, UTILIZZANDO LA STRUTTURA AZIENDALE, AL FINE DELLA PRODUZIONE E LO SCAMBIO DI BENI E SERVIZI, CON LO SCOPO DI CONSEGUIRE UN RISULTATO ECONOMICO POSITIVO L ’ IMPRESA CONSISTE NELL ’ ATTIVITÀ ECONOMICA ORGANIZZATA PROFESSIONALMENTE DALL ’ IMPRENDITORE, UTILIZZANDO LA STRUTTURA AZIENDALE, AL FINE DELLA PRODUZIONE E LO SCAMBIO DI BENI E SERVIZI, CON LO SCOPO DI CONSEGUIRE UN RISULTATO ECONOMICO POSITIVO L ’ ATTIVITÀ DELL ’ IMPRESA PRESENTA QUINDI LE SEGUENTI CARATTERISTICHE: L ’ ATTIVITÀ DELL ’ IMPRESA PRESENTA QUINDI LE SEGUENTI CARATTERISTICHE: ECONOMICITÀ ECONOMICITÀ ORGANIZZAZIONE ORGANIZZAZIONE PROFESSIONALITÀ PROFESSIONALITÀ ORIENTAMENTO AD UN RISULTATO ECONOMICO POSITIVO ORIENTAMENTO AD UN RISULTATO ECONOMICO POSITIVO

11 11 DEFINIZIONE DI AZIENDA L ’ AZIENDA È UNA STRUTTURA ECONOMICA COMPLESSA, COSTITUITA DA PERSONE E DA MEZZI DI DIVERSA NATURA, ORGANIZZATI E COORDINATI DA UN SOGGETTO ECONOMICO (IMPRENDITORE, COOPERATIVA, ENTE PUBBLICO, …) PER PRODURRE RICCHEZZA E/O BENI E/O SERVIZI DESTINATI AL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI DEL MERCATO L ’ AZIENDA È UNA STRUTTURA ECONOMICA COMPLESSA, COSTITUITA DA PERSONE E DA MEZZI DI DIVERSA NATURA, ORGANIZZATI E COORDINATI DA UN SOGGETTO ECONOMICO (IMPRENDITORE, COOPERATIVA, ENTE PUBBLICO, …) PER PRODURRE RICCHEZZA E/O BENI E/O SERVIZI DESTINATI AL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI DEL MERCATO NEL CASO IL SOGGETTO ECONOMICO SIA L ’ IMPRENDITORE, L ’ AZIENDA È LA STRUTTURA UTILIZZATA PER SVOLGERE L ’ ATTIVITÀ DELL ’ IMPRESA NEL CASO IL SOGGETTO ECONOMICO SIA L ’ IMPRENDITORE, L ’ AZIENDA È LA STRUTTURA UTILIZZATA PER SVOLGERE L ’ ATTIVITÀ DELL ’ IMPRESA

12 12 LA RAZIONALITÀ DELL ’ IMPRESA IL COMPORTAMENTO DELL ’ IMPRESA NEL MERCATO È DETERMINATO DAL SUO CRITERIO DI RAZIONALITÀ IL COMPORTAMENTO DELL ’ IMPRESA NEL MERCATO È DETERMINATO DAL SUO CRITERIO DI RAZIONALITÀ SECONDO GLI ASSUNTI DELL ’ ECONOMIA CLASSICA DETTO CRITERIO CORRISPONDE AL MASSIMO PROFITTO SECONDO GLI ASSUNTI DELL ’ ECONOMIA CLASSICA DETTO CRITERIO CORRISPONDE AL MASSIMO PROFITTO PR = R - C PR = Profitto; R = Ricavi; C = Costi

13 13 CONSEGUENZE SUL COMPORTAMENTO DELL ’ IMPRESA PRINCIPIO DI SOSTITUZIONE- dei fattori più costosi con quelli meno costosi PRINCIPIO DI SOSTITUZIONE- dei fattori più costosi con quelli meno costosi METODI DI PRODUZIONE- le combinazioni dei fattori produttivi cambiano al variare dei loro prezzi relativi METODI DI PRODUZIONE- le combinazioni dei fattori produttivi cambiano al variare dei loro prezzi relativi ORIENTAMENTO VERSO SETTORI A PIÙ ELEVATO TASSO DI PROFITTO ORIENTAMENTO VERSO SETTORI A PIÙ ELEVATO TASSO DI PROFITTO TUTTE LE DECISIONI ORGANIZZATIVE SONO ORIENTATE ALLA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO, INDIPENDENTEMENTE DA CHI LE PRENDE, DALLE DIMENSIONI E DAL CONTESTO TUTTE LE DECISIONI ORGANIZZATIVE SONO ORIENTATE ALLA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO, INDIPENDENTEMENTE DA CHI LE PRENDE, DALLE DIMENSIONI E DAL CONTESTO

14 14 IL MODELLO DELL ’ IMPRESA NELL ’ ECONOMIA CLASSICA È UN ’ UNITÀ DI TRASFORMAZIONE PURA E SEMPLICE DEGLI INPUT IN OUTPUT È UN ’ UNITÀ DI TRASFORMAZIONE PURA E SEMPLICE DEGLI INPUT IN OUTPUT È IMPLICITAMENTE PICCOLA E NECESSARIAMENTE PRICE TAKER È IMPLICITAMENTE PICCOLA E NECESSARIAMENTE PRICE TAKER OPERA IN UN MERCATO DI BENI SOSTANZIALMENTE SIMILI OPERA IN UN MERCATO DI BENI SOSTANZIALMENTE SIMILI AGISCE IN CONDIZIONI DI INFORMAZIONE PERFETTA DEL MERCATO AGISCE IN CONDIZIONI DI INFORMAZIONE PERFETTA DEL MERCATO OPERA COMBINANDO LE SOLE VARIABILI CHE CONOSCE: PREZZI-QUANTITÀ OPERA COMBINANDO LE SOLE VARIABILI CHE CONOSCE: PREZZI-QUANTITÀ OPERA IN UN CONTESTO NON DINAMICO E CARATTERIZZATO DA BASSA INCERTEZZA OPERA IN UN CONTESTO NON DINAMICO E CARATTERIZZATO DA BASSA INCERTEZZA

15 15 CONTRIBUTI AL SUPERAMENTO DELLA TEORIA CLASSICA DELL ’ IMPRESA I LIMITI ALLO SVILUPPO DELLE IMPRESE I LIMITI ALLO SVILUPPO DELLE IMPRESE (Limiti intrinseci al gruppo dirigente) LA RAZIONALITÀ IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA LA RAZIONALITÀ IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA (Dal massimo profitto al profitto soddisfacente) NUOVI INDIRIZZI DELLA TEORIA DEL MERCATO NUOVI INDIRIZZI DELLA TEORIA DEL MERCATO (La concorrenza monopolistica) I CONTRIBUTI DELLE TEORIE ORGANIZZATIVE I CONTRIBUTI DELLE TEORIE ORGANIZZATIVE (Il potere, la cultura, la dimensione sociale, proprietà e management;..) LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELL ’ IMPRESA LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELL ’ IMPRESA (Verso gli stakeholders, le istituzioni, l ’ ambiente,…)

16 16 RECENTI ASSUNZIONI SULLA NATURA E IL COMPORTAMENTO D ’ IMPRESA L ’ IMPRESA È UN SISTEMA COMPLESSO, APERTO, DINAMICO E FINALIZZATO L ’ IMPRESA È UN SISTEMA COMPLESSO, APERTO, DINAMICO E FINALIZZATO NON SI ADEGUA PASSIVAMENTE AL MERCATO (QUANTITÀ- PREZZO), MA SI MUOVE IN ESSO SECONDO UN PROGETTO NON SI ADEGUA PASSIVAMENTE AL MERCATO (QUANTITÀ- PREZZO), MA SI MUOVE IN ESSO SECONDO UN PROGETTO IL PROGETTO VIENE ELABORATO ENTRO UN CAMPO DI FORZE NEL QUALE AGISCONO DIVERSI SOGGETTI INTERNI ED ESTERNI IL PROGETTO VIENE ELABORATO ENTRO UN CAMPO DI FORZE NEL QUALE AGISCONO DIVERSI SOGGETTI INTERNI ED ESTERNI L ’ OBIETTIVO NON È (SOLO) IL MASSIMO PROFITTO, MA UNA FUNZIONE OBIETTIVO PIÙ COMPLESSA PERSEGUITA IN CONDIZIONI DI RAZIONALITÀ LIMITATA: PROFITTO DI LUNGO PERIODO E/O SOPRAVVIVENZA L ’ OBIETTIVO NON È (SOLO) IL MASSIMO PROFITTO, MA UNA FUNZIONE OBIETTIVO PIÙ COMPLESSA PERSEGUITA IN CONDIZIONI DI RAZIONALITÀ LIMITATA: PROFITTO DI LUNGO PERIODO E/O SOPRAVVIVENZA

17 17 NOZIONE DI MERCATO IN ECONOMIA SI INTENDE PER MERCATO IL LUOGO (ANCHE NON FISICO) NEL QUALE SI EFFETTUANO, A DETERMINATI PREZZI, GLI SCAMBI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA SI INTENDE PER MERCATO IL LUOGO (ANCHE NON FISICO) NEL QUALE SI EFFETTUANO, A DETERMINATI PREZZI, GLI SCAMBI DI BENI E SERVIZI IL MERCATO È INOLTRE IL LUOGO OVE SI INCONTRANO LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI DETERMINATI BENI, OSSIA IL LUOGO NEL QUALE INTERAGISCONO ECONOMICAMENTE COMPRATORI E VENDITORI IL MERCATO È INOLTRE IL LUOGO OVE SI INCONTRANO LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI DETERMINATI BENI, OSSIA IL LUOGO NEL QUALE INTERAGISCONO ECONOMICAMENTE COMPRATORI E VENDITORI IL CONCETTO DI MERCATO PUÒ AMPLIARSI IN QUELLO DI MERCATI (GEOGRAFICI, TIPOLOGICI, SOCIALI,..) IL CONCETTO DI MERCATO PUÒ AMPLIARSI IN QUELLO DI MERCATI (GEOGRAFICI, TIPOLOGICI, SOCIALI,..)

18 18 LE PRINCIPALI FORME DI MERCATO CONCORRENZA PERFETTA CONCORRENZA PERFETTA CONCORRENZA IMPERFETTA (MONOPOLISTICA) CONCORRENZA IMPERFETTA (MONOPOLISTICA) MONOPOLIO MONOPOLIO OLIGOPOLIO OLIGOPOLIO MONOPSONIO MONOPSONIO

19 19 IL MERCATO DI CONCORRENZA PERFETTA UN MERCATO DI CONCORRENZA PERFETTA SODDISFA ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: UN MERCATO DI CONCORRENZA PERFETTA SODDISFA ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: COMPRATORI E VENDITORI SONO PICCOLI E INDIPENDENTI E NON POSSONO INFLUENZARE DIRETTAMENTE IL PREZZO COMPRATORI E VENDITORI SONO PICCOLI E INDIPENDENTI E NON POSSONO INFLUENZARE DIRETTAMENTE IL PREZZO TUTTI I SOGGETTI HANNO IN OGNI MOMENTO INFORMAZIONI PRECISE ED ESAURIENTI SULLE CONDIZIONI DEL MERCATO TUTTI I SOGGETTI HANNO IN OGNI MOMENTO INFORMAZIONI PRECISE ED ESAURIENTI SULLE CONDIZIONI DEL MERCATO NON ESISTONO BARRIERE ALL ’ ENTRATA ED ESISTE FACILITÀ DI MOVIMENTO DEI CAPITALI DA UN SETTORE ALL ’ ALTRO NON ESISTONO BARRIERE ALL ’ ENTRATA ED ESISTE FACILITÀ DI MOVIMENTO DEI CAPITALI DA UN SETTORE ALL ’ ALTRO I PRODOTTI SCAMBIATI SONO PERFETTAMENTE OMOGENEI I PRODOTTI SCAMBIATI SONO PERFETTAMENTE OMOGENEI

20 20 LE ALTRE FORME DI MERCATO CONCORRENZA IMPERFETTA CONCORRENZA IMPERFETTA MONOPOLIO MONOPOLIO OLIGOPOLIO OLIGOPOLIO MONOPSONIO MONOPSONIO MANCANO ALCUNE DELLE CONDIZIONI PREVISTE PER LA C. PERFETTA MANCANO ALCUNE DELLE CONDIZIONI PREVISTE PER LA C. PERFETTA MERCATO CON UN SOLO VENDITORE MERCATO CON UN SOLO VENDITORE MERCATO CON NUMERO RISTRETTO DI VENDITORI MERCATO CON NUMERO RISTRETTO DI VENDITORI MERCATO CON UN SOLO COMPRATORE MERCATO CON UN SOLO COMPRATORE

21 21 LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI BENI NEL MERCATO: LA CURVA DELLA DOMANDA LA CURVA DELLA DOMANDA RAPPRESENTA LA QUANTITÀ DI UN BENE CHE I CONSUMATORI SONO DISPOSTI A COMPRARE AL VARIARE DEL PREZZO DI MERCATO LA CURVA DELLA DOMANDA RAPPRESENTA LA QUANTITÀ DI UN BENE CHE I CONSUMATORI SONO DISPOSTI A COMPRARE AL VARIARE DEL PREZZO DI MERCATO LA DOMANDA DI MERCATO È COSTITUITA DALLA SOMMA DELLE DOMANDE INDIVIDUALI LA DOMANDA DI MERCATO È COSTITUITA DALLA SOMMA DELLE DOMANDE INDIVIDUALI Prezzo Unitario Quantità CURVA DI DOMANDA P Q

22 22 LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI BENI NEL MERCATO: LA TEORIA DEL CONSUMATORE IL CONSUMATORE TENDE A MASSIMIZZARE LA DIFFERENZA TRA VALORE D ’ USO E VALORE DI SCAMBIO IL CONSUMATORE TENDE A MASSIMIZZARE LA DIFFERENZA TRA VALORE D ’ USO E VALORE DI SCAMBIO LA DOMANDA INDIVIDUALE DI UN BENE DIPENDE DA: LA DOMANDA INDIVIDUALE DI UN BENE DIPENDE DA: IL PREZZO DEL BENE IL PREZZO DEL BENE IL PREZZO DI ALTRI BENI SOSTITUTIVI O COMPLEMENTARI IL PREZZO DI ALTRI BENI SOSTITUTIVI O COMPLEMENTARI LE PREFERENZE INDIVIDUALI LE PREFERENZE INDIVIDUALI IL REDDITO INDIVIDUALE IL REDDITO INDIVIDUALE

23 23 LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI BENI NEL MERCATO: L ’ ELASTICITÀ DELLA DOMANDA L ’ ELASTICITÀ DELLA DOMANDA CORRISPONDE ALLA MAGGIORE O MINORE VARIAZIONE DELLE QUANTITÀ RICHIESTE DAL MERCATO AL VARIARE DEL PREZZO L ’ ELASTICITÀ DELLA DOMANDA CORRISPONDE ALLA MAGGIORE O MINORE VARIAZIONE DELLE QUANTITÀ RICHIESTE DAL MERCATO AL VARIARE DEL PREZZO OGNI CURVA DI DOMANDA PRESENTA SPECIFICHE CARATTERISTICHE DI ELASTICITÀ OGNI CURVA DI DOMANDA PRESENTA SPECIFICHE CARATTERISTICHE DI ELASTICITÀ Prezzo Unitario Quantità CURVE DI DOMANDA P1 A B P2

24 24 LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI BENI NEL MERCATO: INFLUENZA DEL REDDITO SULLA DOMANDA LA CURVA DI DOMANDA È INFLUENZATA DAL REDDITO DISPONIBILE LA CURVA DI DOMANDA È INFLUENZATA DAL REDDITO DISPONIBILE UN AUMENTO DEL REDDITO HA PER EFFETTO UNO SPOSTAMENTO DELLA CURVA VERSO DESTRA UN AUMENTO DEL REDDITO HA PER EFFETTO UNO SPOSTAMENTO DELLA CURVA VERSO DESTRA Prezzo Unitario Quantità D 1 D 2

25 25 LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI BENI NEL MERCATO: LA CURVA DELL ’ OFFERTA LA CURVA DELL ’ OFFERTA COSTITUISCE LA QUANTITÀ DEL BENE OFFERTO DAI PRODUTTORI AL VARIARE DEL PREZZO LA CURVA DELL ’ OFFERTA COSTITUISCE LA QUANTITÀ DEL BENE OFFERTO DAI PRODUTTORI AL VARIARE DEL PREZZO L ’ OFFERTA DI MERCATO È COSTITUITA DALLA SOMMA DEI BENI MESSI SUL MERCATO DAI SINGOLI PRODUTTORI L ’ OFFERTA DI MERCATO È COSTITUITA DALLA SOMMA DEI BENI MESSI SUL MERCATO DAI SINGOLI PRODUTTORI Prezzo Unitario Quantità CURVA DELL ’ OFFERTA P Q

26 26 LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI BENI NEL MERCATO: LA TEORIA DELL ’ OFFERTA IL PRODUTTORE TENDE A MASSIMIZZARE LA DIFFERENZA TRA VALORE DI SCAMBIO E COSTO DELLA PRODUZIONE IL PRODUTTORE TENDE A MASSIMIZZARE LA DIFFERENZA TRA VALORE DI SCAMBIO E COSTO DELLA PRODUZIONE L ’ OFFERTA INDIVIDUALE DI UN BENE DIPENDE DA: L ’ OFFERTA INDIVIDUALE DI UN BENE DIPENDE DA: IL PREZZO DEL BENE IL PREZZO DEL BENE IL PREZZO DI ALTRI BENI SOSTITUTIVI IL PREZZO DI ALTRI BENI SOSTITUTIVI IL PREZZO DEI FATTORI PRODUTTIVI IL PREZZO DEI FATTORI PRODUTTIVI LE PREFERENZE E LE FINALITÀ DEL PRODUTTORE LE PREFERENZE E LE FINALITÀ DEL PRODUTTORE LE TECNOLOGIE LE TECNOLOGIE

27 27 LA DOMANDA E L ’ OFFERTA DI BENI NEL MERCATO: IL PREZZO DI EQUILIBRIO IN CONCORRENZA PERFETTA LA CURVA DELLA DOMANDA E DELL ’ OFFERTA INTERSECANDOSI DEFINISCONO IL PREZZO DI EQUILIBRIO DEL BENE NEL MERCATO LA CURVA DELLA DOMANDA E DELL ’ OFFERTA INTERSECANDOSI DEFINISCONO IL PREZZO DI EQUILIBRIO DEL BENE NEL MERCATO IL PREZZO È LA QUANTITÀ DI MONETA PAGATA PER UN BENE O SERVIZIO IL PREZZO È LA QUANTITÀ DI MONETA PAGATA PER UN BENE O SERVIZIO NEL MERCATO CONCORRENZIALE LE QUANTITÀ DOMANDATE E OFFERTE COINCIDONO NEL MERCATO CONCORRENZIALE LE QUANTITÀ DOMANDATE E OFFERTE COINCIDONO Prezzo Unitario Quantità OFFERTA P Q DOMANDA

28 28 IMPRESA E AMBIENTE L ’ AMBIENTE È COSTITUITO DA TUTTO CIÒ CHE CIRCONDA E INTERAGISCE CON L ’ IMPRESA L ’ AMBIENTE È COSTITUITO DA TUTTO CIÒ CHE CIRCONDA E INTERAGISCE CON L ’ IMPRESA AMBIENTE SPECIFICO: i mercati di acquisizione delle risorse produttive e di sbocco dei prodotti AMBIENTE SPECIFICO: i mercati di acquisizione delle risorse produttive e di sbocco dei prodotti AMBIENTE GENERALE: il contesto economico, sociale, culturale, istituzionale che influenza il comportamento dell ’ impresa AMBIENTE GENERALE: il contesto economico, sociale, culturale, istituzionale che influenza il comportamento dell ’ impresa LE DINAMICHE DELL ’ AMBIENTE SPINGONO L ’ IMPRESA AL CAMBIAMENTO (GLOBALIZZAZIONE) LE DINAMICHE DELL ’ AMBIENTE SPINGONO L ’ IMPRESA AL CAMBIAMENTO (GLOBALIZZAZIONE)

29 29 I PORTATORI DI INTERESSI: GLI STAKEHOLDERS UNA PARTICOLARE COMPONENTE DELL ’ AMBIENTE DELL ’ IMPRESA È RAPPRESENTATA DAGLI STAKEHOLDERS, CHE COSTITUISCONO UNA FONTE DI > O O < INFLUENZA DEL SUO COMPORTAMENTO IMPRESA LAVORATORI ALTRI ASSOCIAZIONI FORNITORI STATO (Erario,.) MANAGER AZIONISTI CONCORRENTI FINANZIATORI CLIENTI

30 30 IL SISTEMA COMPETITIVO NELL ’ AMBIENTE DELL ’ IMPRESA RIENTRA IL TIPO DI SISTEMA COMPETITIVO CHE ESSA DEVE FRONTEGGIARE SISTEMA COMPETITIVO FRAMMENTATO SISTEMA COMPETITIVO FRAMMENTATO Imprese con elevata possibilità di differenziazione, ma con vantaggi competitivi poco sostenibili (imitabili): tessile, calzature,… SISTEMA COMPETITIVO DI SPECIALIZZAZIONE SISTEMA COMPETITIVO DI SPECIALIZZAZIONE L ’ impresa può differenziarsi al punto da non essere facilmente imitabile: alta moda, swatch, … SISTEMA COMPETITIVO DI VOLUME SISTEMA COMPETITIVO DI VOLUME In questo sistema occorre produrre alti volumi per conseguire la redditività aziendale: auto, personal computer, … SISTEMA COMPETITIVO BLOCCATO SISTEMA COMPETITIVO BLOCCATO Situazione di crisi della domanda, per cui risulta difficile per l ’ impresa operare sul mercato (cantieristica navale, siderurgia,..)

31 31 LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE CONSISTE NELL ’ INSIEME DELLE OPERAZIONI SVOLTE DALL ’ AZIENDA PER IL PERSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI DELL ’ IMPRESA LA GESTIONE AZIENDALE CONSISTE NELL ’ INSIEME DELLE OPERAZIONI SVOLTE DALL ’ AZIENDA PER IL PERSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI DELL ’ IMPRESA SI DEFINISCE EFFICACIA PRODUTTIVA IL RAPPORTO TRA I RISULTATI OTTENUTI DALLA GESTIONE E GLI OBIETTIVI PREFISSATI SI DEFINISCE EFFICACIA PRODUTTIVA IL RAPPORTO TRA I RISULTATI OTTENUTI DALLA GESTIONE E GLI OBIETTIVI PREFISSATI SI DEFINISCE EFFICIENZA PRODUTTIVA IL RAPPORTO TRA I RISULTATI OTTENUTI E L ’ INSIEME DELLE RISORSE IMPIEGATE PER OTTENERLI SI DEFINISCE EFFICIENZA PRODUTTIVA IL RAPPORTO TRA I RISULTATI OTTENUTI E L ’ INSIEME DELLE RISORSE IMPIEGATE PER OTTENERLI

32 32 LA GESTIONE AZIENDALE LE OPERAZIONI DI ACQUISIZIONE DELLE RISORSE PRODUTTIVE GENERANO I COSTI, QUELLE DI VENDITA DEI PRODOTTI I RICAVI LE OPERAZIONI DI ACQUISIZIONE DELLE RISORSE PRODUTTIVE GENERANO I COSTI, QUELLE DI VENDITA DEI PRODOTTI I RICAVI L ’ EFFICIENZA ECONOMICA DELLA GESTIONE È MISURATA DALLA DIFFERENZA TRA RICAVI E COSTI SOSTENUTI L ’ EFFICIENZA ECONOMICA DELLA GESTIONE È MISURATA DALLA DIFFERENZA TRA RICAVI E COSTI SOSTENUTI SE DETTA DIFFERENZA È POSITIVA, L ’ AZIENDA SI TROVA IN EQUILIBRIO ECONOMICO SE DETTA DIFFERENZA È POSITIVA, L ’ AZIENDA SI TROVA IN EQUILIBRIO ECONOMICO IN QUESTO CASO L ’ IMPRESA HA CREATO NUOVA RICCHEZZA IN QUESTO CASO L ’ IMPRESA HA CREATO NUOVA RICCHEZZA

33 33 I SISTEMI DELLA GESTIONE AZIENDALE IL SISTEMA DI MANAGEMENT IL SISTEMA DI MANAGEMENT RAPPRESENTA LO STRUMENTO DI GOVERNO DELL’IMPRESA E DELLE SUE ATTIVITÀ RAPPRESENTA LO STRUMENTO DI GOVERNO DELL’IMPRESA E DELLE SUE ATTIVITÀ IL SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO IL SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO TRADUCE LE ATTIVITÀ AZIENDALI IN VALORI ECONOMICI E REDIGE IL BILANCIO DI ESERCIZIO TRADUCE LE ATTIVITÀ AZIENDALI IN VALORI ECONOMICI E REDIGE IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL SISTEMA DELLA QUALITÀ IL SISTEMA DELLA QUALITÀ IL SISTEMA ORGANIZZATIVO IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DESCRIVE L’ATTRIBUZIONE DEI COMPITI E DELLE RESPONSABILITÀ E GUIDA I PROCESSI DI SPECIALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DESCRIVE L’ATTRIBUZIONE DEI COMPITI E DELLE RESPONSABILITÀ E GUIDA I PROCESSI DI SPECIALIZZAZIONE E COORDINAMENTO

34 34 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA SI DISTINGUONO: NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA SI DISTINGUONO: LE FUNZIONI: gruppi di attività omogenee che costituiscono il sistema aziendale (Marketing, Produzione, Ricerca, Amministrazione,…) LE FUNZIONI: gruppi di attività omogenee che costituiscono il sistema aziendale (Marketing, Produzione, Ricerca, Amministrazione,…) GLI ORGANI: persone o gruppi cui è delegata la responsabilità della gestione delle funzioni GLI ORGANI: persone o gruppi cui è delegata la responsabilità della gestione delle funzioni ORGANI VOLITIVI, DIRETTIVI, ESECUTIVI ORGANI VOLITIVI, DIRETTIVI, ESECUTIVI

35 35 CLASSIFICAZIONI DELLE AZIENDE SETTORE DI ATTIVITÀ SETTORE DI ATTIVITÀ FORMA GIURIDICA FORMA GIURIDICA DIMENSIONI DIMENSIONI SCOPO SCOPO LOCALIZZAZIONE LOCALIZZAZIONE Aziende di produzione originaria Aziende di produzione originaria Aziende Industriali e Manufatturiere Aziende Industriali e Manufatturiere Aziende di servizi Aziende di servizi Imprese individuali Imprese individuali Società Società Aziende piccole, medie, grandi Aziende piccole, medie, grandi Aziende for profit Aziende for profit Aziende non profit Aziende non profit Aziende indivise; Aziende divise Aziende indivise; Aziende divise

36 36 I GRUPPI DI IMPRESE LE IMPRESE COSTITUISCONO UN GRUPPO QUANDO RISULTANO LEGATE TRA LORO DA PARTECIPAZIONI (DIRETTE, INDIRETTE, RECIPROCHE) LE IMPRESE DI UN GRUPPO SONO COSTITUITE DALLA CAPOGRUPPO (HOLDING), DALLE IMPRESE CONTROLLATE E DA QUELLE COLLEGATE LE IMPRESE DI UN GRUPPO SONO COSTITUITE DALLA CAPOGRUPPO (HOLDING), DALLE IMPRESE CONTROLLATE E DA QUELLE COLLEGATE LE STRATEGIE CHE I GRUPPI PERSEGUONO SONO SOLITAMENTE: LE STRATEGIE CHE I GRUPPI PERSEGUONO SONO SOLITAMENTE: DI TIPO INDUSTRIALE (INTEGRAZIONE PRODOTTI O MERCATI) DI TIPO INDUSTRIALE (INTEGRAZIONE PRODOTTI O MERCATI) DI TIPO FINANZIARIO (INTERESSE PURAMENTE FINANZIARIO E DISINTERESSE PER LA GESTIONE) DI TIPO FINANZIARIO (INTERESSE PURAMENTE FINANZIARIO E DISINTERESSE PER LA GESTIONE) DI TIPO CONGLOMERALE (CONTROLLO E COORDINAMENTO TRA SETTORI ANCHE MOLTO DIVERSIFICATI) DI TIPO CONGLOMERALE (CONTROLLO E COORDINAMENTO TRA SETTORI ANCHE MOLTO DIVERSIFICATI)

37 37 SINTESI DELLA LEZIONE I ECONOMIA E ECONOMIA AZIENDALE: DEFINIZIONI ECONOMIA E ECONOMIA AZIENDALE: DEFINIZIONI I SOGGETTI E LE ATTIVITÀ DEL SISTEMA ECONOMICO I SOGGETTI E LE ATTIVITÀ DEL SISTEMA ECONOMICO IMPRESA E AZIENDA IMPRESA E AZIENDA LE FORME DI MERCATO LE FORME DI MERCATO LA FORMAZIONE DEL PREZZO DI MERCATO LA FORMAZIONE DEL PREZZO DI MERCATO IMPRESA, AMBIENTE, STAKEHOLDERS E SISTEMA COMPETITIVO IMPRESA, AMBIENTE, STAKEHOLDERS E SISTEMA COMPETITIVO EFFICACIA, EFFICIENZA, EFFICIENZA ECONOMICA NELLA GESTIONE DELL ’ AZIENDA EFFICACIA, EFFICIENZA, EFFICIENZA ECONOMICA NELLA GESTIONE DELL ’ AZIENDA IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELL ’ ATTIVITÀ AZIENDALE IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELL ’ ATTIVITÀ AZIENDALE TIPI DI IMPRESE E GRUPPI TIPI DI IMPRESE E GRUPPI

38 38 INDICAZIONI BIBLIOGRAFICHE G. Balestri – MANUALE DI ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE (Hoepli) G. Balestri – MANUALE DI ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE (Hoepli) F. Momigliano – POLITICA INDUSTRIALE E TEORIA DELL ’ IMPRESA (Il Mulino) F. Momigliano – POLITICA INDUSTRIALE E TEORIA DELL ’ IMPRESA (Il Mulino)Cap.1/2 R.G. Lipsey – INTRODUZIONE ALL ’ ECONOMIA (Etas Kompass) R.G. Lipsey – INTRODUZIONE ALL ’ ECONOMIA (Etas Kompass) The Economist – IL MONDO IN CIFRE 2013 The Economist – IL MONDO IN CIFRE 2013


Scaricare ppt "FACOLTÀ DI ARCHITETTURA “ ALDO ROSSI ” ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LUCIO DEL BIANCO ANNO ACCADEMICO 2014-2015."

Presentazioni simili


Annunci Google