La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

30/05/07Cinzia Bocchi1 Progettazione di moduli Finalità-Contenuti-Competenze Attività-Strategie Valutazione Tempistiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "30/05/07Cinzia Bocchi1 Progettazione di moduli Finalità-Contenuti-Competenze Attività-Strategie Valutazione Tempistiche."— Transcript della presentazione:

1 30/05/07Cinzia Bocchi1 Progettazione di moduli Finalità-Contenuti-Competenze Attività-Strategie Valutazione Tempistiche

2 30/05/07Cinzia Bocchi2 Fasi Dopo aver definito finalità, contenuti e competenze di ogni modulo del percorso, occorre stabilire: quali attività organizzare quali strategie adottare per sviluppare le competenze i tempi necessari per lo svolgimento delle attività come presentare i contenuti come valutare

3 30/05/07Cinzia Bocchi3 Strategie didattiche La strategia è una sequenza di interventi che mette in atto leducatore nellinterazione con lallievo nellintento di facilitare lapprendimento (Calvani 2000)

4 30/05/07Cinzia Bocchi4 Strategie didattiche Ciascuna strategia può essere più efficace per raggiungere determinati obiettivi e strategie diverse possono essere combinate e alternate in un unico contesto didattico e formativo (Ligorio 2001)

5 30/05/07Cinzia Bocchi5 Architetture didattiche Le architetture didattiche sono famiglie di strategie, ovvero complessi di strategie tra loro affini Vedere documento su strategie e architetture

6 30/05/07Cinzia Bocchi6 Problema Lindicazione delle strategie adottate evidenzia solo cosa vogliamo fare e non come intendiamo farlo Nello stesso modulo possiamo utilizzare strategie diverse per attività differenti Spesso lindicazione delle strategie (insieme a metodi, strumenti, ecc.) si limita ad essere una elencazione di sostantivi che sono poco significativi

7 30/05/07Cinzia Bocchi7 Una possibile soluzione Sceneggiare il modulo! Descrivere, fase per fase, che cosa intendiamo fare come docenti e che cosa ci aspettiamo dagli allievi Ipotizzare le eventuali difficoltà che si possono incontrare e stabilire come intervenire Se poi vogliamo proprio dare un nome a quello che stiamo facendo, possiamo sempre riferirci alla teoria

8 30/05/07Cinzia Bocchi8 La sceneggiatura Può essere simulata Consente di determinare meglio i tempi dellapprendimento/insegnamento Aiuta il docente a riflettere sul proprio operato

9 30/05/07Cinzia Bocchi9 Il significato di strategia Ecco che il termine strategia assume un significato più chiaro: processo messo in atto dal docente perrisolvere un problema problema rappresentato dalla necessità di favorire lapprendimento e aiutare il discente a sviluppare alcune competenze

10 30/05/07Cinzia Bocchi10 Presentazione dei contenuti Il libro di testo può non essere sufficiente occorre preparare dei materiali è obbligatorio se si utilizza una piattaforma di e- learning Come si veicolano i contenuti? voce testo multimedia ipermedia

11 30/05/07Cinzia Bocchi11 Presentazione dei contenuti Il formato dei materiali deve adattarsi allo stile cognitivo degli allievi Una ridondanza di formati, facilita lapprendimento Il supporto usato non è neutrale ma influenza lapprendimento: agisce come mediatore

12 30/05/07Cinzia Bocchi12 Mediatori didattici Sono gli strumenti che il docente utilizza nell'insegnamento Mediano i processi di insegnamento e di apprendimento Si dividono in 4 categorie: attivi, iconici, analogici, simbolici. Passando da una categoria all'altra aumenta il ruolo della simbolizzazione e ci si allontana da un contatto concreto con ciò di cui si parla

13 30/05/07Cinzia Bocchi13 Mediatori didattici Esiste una classificazione dei mediatori a opera di Elio Damiano I mediatori sono attualmente oggetto di ricerca Vedere documento sui mediatori

14 30/05/07Cinzia Bocchi14 Multimedialità La multimedialità fornisce ulteriori strumenti nella possibilità di scegliere e sperimentare mediatori. Ad esempio il ruolo del video e delle simulazioni 3D permettono ulteriori potenzialità e generano dubbi su un'applicazione meccanica della classificazione precedentemente fornita.

15 30/05/07Cinzia Bocchi15 Valutazione La valutazione si compone di tre fasi: raccolta dei dati (rilevazione) effettuata con una prova, con un'osservazione, con un monitoraggio del lavoro che si effettua misurazione ovvero attribuzione al dato raccolto di un valore quantitativo interpretazione qualitativa del dato sia per orientare (studente e docente) sia per certificare

16 30/05/07Cinzia Bocchi16 Valutazione Nella prospettiva docimologica tradizionale la valutazione è: un controllo di raggiungimento degli obiettivi didattici secondo criteri e standard pre-definiti con relativa formulazione di giudizi di merito e classificazione del livello di adeguatezza raggiunto dalla singola prestazione valutata

17 30/05/07Cinzia Bocchi17 Valutazione Nelle nuove prospettive sulla valutazione, o new assessment il processo di valutazione è rivolto soprattutto alla comprensione e al miglioramento continuo di prestazioni di competenza analizzate e lette nel loro sviluppo si pone attenzione al processo e al legame con il curricolo e con la progettazione didattica viene data importanza alla co-partecipazione del soggetto al processo valutativo

18 30/05/07Cinzia Bocchi18 Valutazione Alcuni strumenti per valutare compiti complessi: Rubrica Esempio di rubrica Portfolio (e-portfolio) Informazioni sul portfolio


Scaricare ppt "30/05/07Cinzia Bocchi1 Progettazione di moduli Finalità-Contenuti-Competenze Attività-Strategie Valutazione Tempistiche."

Presentazioni simili


Annunci Google