La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Farmaci e salivazione Luigia Trabace Straordinario di Farmacologia Dip. Scienze Biomediche Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Farmaci e salivazione Luigia Trabace Straordinario di Farmacologia Dip. Scienze Biomediche Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di."— Transcript della presentazione:

1 1 Farmaci e salivazione Luigia Trabace Straordinario di Farmacologia Dip. Scienze Biomediche Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Foggia

2 2 SALIVA fonazione masticazione lubrificazione potere tamponante pulizia meccanica

3 3

4 4 xerostomia scialorrea FARMACI

5 5 Secchezza della bocca causata da disfunzioni della saliva

6 6

7 7 Nederfors T et al., Prevalence of perceived symptoms of dry mouth in an adult Swedish population. Relation to age, sex and pharmacotherapy Community Dent. Oral 25: , 1997

8 8 Streckfus CF et al., Effects of estrogen status and aging on salivary flow rates in healthy caucasian women Gerodontology 44: 32-39, 1998

9 9 Gilbert GH et al., Mouth dryness as reported by older Floridians Community Dent Oral Epidemiol. 21: , 1993 Locker D. Subjective reports of oral dryness in an older adult population Community Dent. Oral Epidemiol. 21: , 1993

10 10 Loesche WJ et al., Xerostomia, xerogenic medications and food avoidances in selected geriatric groups J. Am. Geriatr. Soc. 43: , 1995 Navazesh M et al., Relationship of medical status, medications and salivary flow rates in adults of different ages Oral Surg. Oral Med. Oral Pathol. Oral Radiol. Endod. 81: , 1996 Astor FC et al., Xerostomia: a prevalent condition in the elderly Ear, Nose and Throat J. 78: , 1999

11 11 Aguirre A. Recognizing and managing the oral clues that point to Sjögren's syndrome Medscape Women's Health 2 (9), 1997

12 12 Bergdahl M, Bergdahl J, Johansson I. Depressive symptoms in individuals with idiopathic subjective dry mouth. J. Oral Pathol. Med. 26: , 1997

13 13 Weihrauch TR, Gauler TC. Placebo. Efficacy and adverse effects in controlled clinical trials. Arzneimittel Forsch. 49: , 1999

14 14

15 15 Xerostomie da farmaci

16 16 Almeno 500 farmaci diversi possono influenzare lattività delle ghiandole salivari

17 17 L'assunzione contemporanea di più farmaci, siano essi xerogenici o no, si associa a xerostomia, in special modo nell'anziano

18 18 Classi di farmaci che più frequentemente provocano xerostomia

19 19 ACE-inibitori Agenti antiretrovirali Agenti simpaticomimetici Analgesici oppioidi Anoressizanti e stimolanti del sistema nervoso centrale Ansiolitici e sedativi Antiaritmici Antidepressivi Antidiarroici Antimaniacali Antimuscarinici Antinfiammatori Antiparkinsoniani Antiprotozoari Antistaminici Antiulcerosi Citochine Diuretici Neurolettici Retinoidi Tetraidrocannabinolo

20 20

21 21 La xerostomia indotta da farmaci è reversibile alla sospensione della terapia

22 22 CHEMIOTERAPIA Davies AN, Broadley K, Beighton D. Xerostomia in patients with advanced cancer. J Pain Symptom Manage 2001;22: In a study of 127 patients with advanced cancer and xerostomia, 23 xerostomia was found to be the fourth most-common symptom reported (78% of patients) and the degree of xerostomia was related to the total number of chemotherapeutic drugs used.

23 23 Meccanismi delle xerostomie da farmaci

24 24

25 25

26 26

27 27

28 28

29 29

30 30 Antimuscarinici naturali (atropina, iosciamina, scopolamina) derivati semisintetici (omatropina) composti sintetici (anisotropina, ipratropio, glicopirrolato, isopropamide, mepenzolato, pirenzepina, propantelina)

31 31

32 32 Clonidina secchezza delle fauci

33 33 Antidepressivi

34 34 derivati triciclici (imipramina, clomipramina, amitriptilina, nortiptilina e doxepina) derivati tetraciclici (maprotilina) SSRI (fluoxetina (10%), paroxetina (18%), sertralina (15%), trazodone (15-30%)

35 35 Antiipertensivi

36 36 Mangrella M et al., Hospital intensive monitoring of adverse reactions of ACE inhibitors Minerva Med. 89, 91-97, 1998

37 37 Antinfiammatori

38 38 Xerostomia è stata segnalata per diflunisal, ibuprofene, fenoprofene, naprossene e piroxicam. Il triamcinolone, usato per inalazione, ha mostrato di provocare xerostomia nellanziano

39 39 Antimaniacali

40 40 La xerostomia si verifica in circa il 20-50% dei pazienti che assumono sali di litio ed è da mettere in relazione alla poliuria indotta dallo ione

41 41 Anoressizanti e stimolanti del sistema nervoso centrale

42 42 Lamfetamina e i composti correlati (tra cui ecstasy, fenfluramina, fenmetrazina, fentermina, mazindolo, metilfenidato e altri) provocano tutti frequentemente xerostomia. Leffetto è da ascriversi allelevato tono delle monoamine nel SNC

43 43 Agenti antineoplastici

44 44 La chemioterapia antineoplastica può essere causa di xerostomia, ma una maggiore attenzione è rivolta alla mucosite (antimetaboliti, alchilanti, prodotti naturali, idrossiurea e procarbazina). Nel caso del 5-fluorouracile, una sindrome xerostomica di base o insorta durante il trattamento può essere uno dei fattori che predispone alla mucosite. Xerostomia è stata specificamente segnalata per leuprolide (5%) e megestrolo (1-4%).

45 45 Antiulcerosi

46 46 Xerostomia è risultata associata alluso di omeprazolo e sucralfato

47 47 Trattamento della xerostomia

48 48 l'approccio terapeutico alla xerostomia richiede l'appropriato trattamento di una eventuale malattia predisponente e sconsiglia l'uso di ogni medicamento non necessario o di abitudini voluttuarie, come fumo di tabacco, alcol, caffè, che sono xerogeniche e possono peggiorare la situazione

49 49 ORAL SURG ORAL MED ORAL PATHOL ORAL RADIOL ENDOD 2004;97:28-46.

50 50 adeguata idratazione umidificatori dell'ambiente, particolarmente durante la notte

51 51 Nei casi più gravi, come nella xerostomia da radiazioni o nella sindrome di Sjögren, si potrà ricorrere a farmaci sialagoghi del tipo degli agonisti muscarinici, ammesso che le ghiandole salivari abbiano ancora una funzione residua. Il composto più utilizzato in questo senso è la pilocarpina cloridrato, alla dose di 5 mg da assumere per os tre-quattro volte al giorno

52 52

53 53 - Rapidamente assorbita (os) - Picco ematico: 1h - Metabolismo epatico - Eliminazione renale - E. C.: sudorazione, mal di testa, nausea, dolori addominali, minzione frequente, sintomi parainfluenzali -Da evitare in pazienti con malattie respiratorie e in pazienti in trattamento con antiipertensivi -In sperimentazione: carbacolina, civemilina

54 54 Agopuntura

55 55 Agenti attivi sul sistema immunitario

56 56 Interferon α La somministrazione parenterale o per via orale di interferon α aumenta il flusso salivare. Gli effetti positivi sulla produzione di saliva si osservano tuttavia solo dopo somministrazione a bassi dosaggi e dopo almeno 12 settimane di terapia. La somministrazione per via orale è efficace, sebbene si ignori il meccanismo dazione, in quanto linterferon α viene rapidamente inattivato nel tratto digerente.

57 57 Corticosteroidi Possono essere utili in presenza di malattie del tessuto connettivo, mentre la loro efficacia è dubbia nella sindrome di Sjögren.

58 58 Idrossiclorochina Gli effetti benefici si osservano solamente dopo 1 anno di terapia. Altri immunosoppressivi sono stati impiegati nel tentativo di ridurre la xerostomia nei pazienti con sindrome di Sjögren. Tra questi ricordiamo la ciclosporina (qualche beneficio). Altri farmaci in via di sperimentazione sono il metotrexate, la talidomide e gli inibitori delle chemiochine.

59 59

60 60 Al momento, negli animali da esperimento, viene esaminata la possibilità di conferire alle cellule duttali salivari sopravvissute alla radioterapia la capacità di produrre fluidi mediante il trasferimento di geni per proteine deputate al trasporto dell'acqua, come le "aquaporine


Scaricare ppt "1 Farmaci e salivazione Luigia Trabace Straordinario di Farmacologia Dip. Scienze Biomediche Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di."

Presentazioni simili


Annunci Google