La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CHEMIOTERAPIA E CARCINOMA ORALE Andrea Rocca Divisione di Oncologia Medica Istituto Europeo di Oncologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CHEMIOTERAPIA E CARCINOMA ORALE Andrea Rocca Divisione di Oncologia Medica Istituto Europeo di Oncologia."— Transcript della presentazione:

1 CHEMIOTERAPIA E CARCINOMA ORALE Andrea Rocca Divisione di Oncologia Medica Istituto Europeo di Oncologia

2 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI LOCALMENTE AVANZATI Stadio III:T3 N0 M0 T1-3 N1 M0 sopravvivenza a 5 anni 40-55% Stadio IVA: T4a N0-1 M0 T1-4a N2 M0 sopravvivenza a 5 anni ~ 30% con RT esclusiva Stadio IVB: T4b ogni N M0 ogni T N3 M0 sopravvivenza a 5 anni < 20% con RT esclusiva

3 FATTORI CHE INFLUENZANO LA SCELTA DEL TRATTAMENTO sede di malattia operabilità performance status patologie concomitanti volontà del paziente nel caso di interventi mutilanti

4 CONSENSUS CONFERENCE ITALIANA: INDICAZIONI A CRT NEI CARCINOMI DEL CAVO ORALE secondo la maggioranza dei partecipanti T1 N3 T2 N3 T3 N2-3 T4a N1-3 T4bogni N

5 T1 N2-3 T2 N2-3 T3 N1-3 T4a N2-3 T4bogni N CONSENSUS CONFERENCE ITALIANA: INDICAZIONI A CRT NEI CARCINOMI DELLOROFARINGE secondo la maggioranza dei partecipanti

6 TRATTAMENTI COMBINATI CHEMIO-RADIOTERAPICI: OBIETTIVI Incrementare il controllo locale e regionale di malattia: CERT: chemotherapy enhanced radiation therapy Eradicare le micrometastasi Regime chemioterapico a dose piena

7 TRATTAMENTI SEQUENZIALI CT di induzione o neoadiuvante o primaria: CT trattamento locoregionale CT adiuvante o precauzionale: trattamento locoregionale CT (no malattia residua dopo il trattamento locoregionale)

8 TRATTAMENTI CONCOMITANTI E ALTERNANTI Chemio-radioterapia (CRT) concomitante: somministrazione simultanea di CT e RT chemio-radioterapia alternanti: stretta alternanza di più cicli di CT e periodi di RT

9 CHEMIORADIOTERAPIA verso CHIRURGIA + RADIOTERAPIA Soo K-C et al., Br J Cancer 93:278, 2005 ® cisplatino 20 mg/m2/die + fluorouracile 1 g/m2/die i.c. 96 ore, giorni 1 e 28 Chir. RT 60 Gy BraccioN DFS a 3 anni OS a 3 anni CRT5940%43% Chir RT 6050%54% pn.s. + RT 66 Gy Stadi III-IV operabili: Cavo orale 32 Orofaringe 25 Seno mascellare 10 Ipofaringe 14 Laringe 38 Interrotto x scarso arruolamento +/- RND Preservazione drogano Cavo orale4/1921% Orofaringe6/1155% Laringe10/1471% Ipofaringe3/743% Mascellare0/30%

10 Studi di fase III CHIR RT R RP/RC RT CT ind. SD/PD CHIR RT CHIRURGIA vs CT + RT: STRATEGIE DI PRESERVAZIONE DORGANO Veteran Affairs Laryngeal Cancer Study Group (VACSG, NEJM 1991, 324:1685): carcinoma laringeo in stadio III e IV Studio EORTC (Lefebvre J-L et al, JNCI 1996, 88:890): carcinoma dell'ipofaringe in stadio II – IV Metaanalisi (Lefebvre): sopravvivenza a 5 anni 45% nel braccio chirurgico, 39% con CT d'induzione (differenza non significativa) % di lungo- sopravviventi con laringe conservata CRT concomitante è superiore alla sequenza CT RT per la preservazione della laringe (RTOG 91-11, Forastiere AA et al, NEJM 2003, 349:2091)

11 META-ANALYSIS OF CHEMOTHERAPY ON HEAD AND NECK CANCER (MACH-NC) Pignon JP et al, Lancet 2000, 353:949 Aggiornamento: Bourhis J, ProcASCO 2004, 22:5505 Rischio relativo di morte: 0.88 (p<.0001) Beneficio assoluto di sopravvivenza: 5% a 5 anni Tutti gli studi di terapia locoregionale con o senza chemioterapia Raccolta e aggiornamento dei dati individuali dei pazienti Carcinomi squamocellulari di cavo orale, orofaringe, laringe, ipofaringe 87 studi clinici, oltre pazienti

12 CT DI INDUZIONE: RAZIONALE E OBIETTIVI Studi preclinici Modelli teorici su farmacoresistenza Somministrazione di CT a dosi piene Ridurre la massa tumorale favorendo lazione della RT Identificare i pazienti con tumori responsivi, trattabili in maniera conservativa (preservazione dorgano) Utilizzare la CT prima che tumore e vascolatura siano alterati da chirurgia o RT Consentire una chirurgia più limitata Trattamento precoce delle micrometastasi

13 CT DI INDUZIONE Cisplatino (CDDP) + Fluorouracile (5FU): risposte obiettive globali (ORR) 60-85% Risposte complete (RC) 35-50% (2/3 patologiche) nuovi regimi: ORR fino a ~ 100% RC 60% (forte tossicità) studi di fase III: CT RT vs RT non beneficio di sopravvivenza (solo in sottogruppi) diminuzione dell'incidenza di metastasi a distanza

14 CT DI INDUZIONE MACH-NC metaanalisi (Pignon et al, Lancet 2000): Studi di confronto CT RT vs. RT (31 trials): rischio relativo di morte: 0.95 (I.C. 95%: ) sottogruppo di studi con CDDP + 5FU (16 trials) rischio relativo di morte: 0.88 (I.C. 95%: ) Studi di confronto CRT concomitante vs CT RT: rischio relativo di morte: 0.91 (I.C. 95%: )

15 CT DI INDUZIONE CON TAXANI Hitt R et al., JCO 2005 ® PF x 3: cisplatino 100 mg/m 2 g. 1 + fluorouracile 1 g/m 2 /d giorni 1-5 PPF x 3: paclitaxel 175 mg/m 2 g. 1 + cisplatino 100 mg/m 2 g. 1 + fluorouracile 500 mg/m 2 /d giorni 2-6 CRT: RT 70 Gy CDDP 100 mg/m 2 g. 1, 22, 43 RP>80% 382 pazienti: stadio III16% Stadio IV 84% Operabili 35% Inoperabili 65%

16 CT DI INDUZIONE CON TAXANI Hitt R et al., JCO 2005 RegimeN. pzORR (%)CR (%) Mediana TTF (mesi) Mediana OS (mesi) PF PPF p< Regime Interrotto x tox. Mucosite G2-4 Neutropenia (febbrile) Alopecia Neuropatia periferica Morti tossiche PF4%53%36% (5%)2%3%4% PPF2%16%37% (8%)10%8%2% pn.s.<.001n.s.<.001n.s.

17 CT DI INDUZIONE CON TAXANI Vermorken JB et al. Proc ASCO 2004, abstr 5508 ® PF x 4: cisplatino 100 mg/m 2 g. 1 + fluorouracile 1 g/m 2 /d giorni 1-5 TPF x 4: docetaxel 75 mg/m 2 g. 1 + cisplatino 75 mg/m 2 g. 1 + fluorouracile 750 mg/m 2 /d giorni 1-5 RT (Chirurgia permessa) RegimeNORR (%) Median PFS (mesi) Median OS (mesi) PF TPF p< < pazienti, tumori non operabili Nausea, vomito e stomatite G3/4 e morti tossiche più freq. con PF

18 CT DI INDUZIONE E CHIRURGIA Licitra L. et al. JCO 2003 ® PF x 3 cicli ChirurgiaRT BraccioN. pz Resezione mandibola (%) RT post-chir. (%) Sopravv. a 5 anni (%) PF chir Chir p<.05n.s. +/- Carcinoma squamoso del cavo orale, T2(>3 cm)-4 N0-2 M0 3 morti tossiche nel braccio CT

19 CHEMIOTERAPIA CONCOMITANTE A RADIOTERAPIA: BASI BIOLOGICHE interferenza con la riparazione dei danni subletali da radioterapia prevenzione dell'emergenza di cellule resistenti ad una delle due modalità citotossicità e/o radiosensibilizzazione sulle cellule ipossiche inibizione della ricrescita della popolazione neoplastica tra due frazioni di radioterapia sincronizzazione del ciclo cellulare delle cellule tumorali affinché possano trovarsi contemporaneamente in una fase radiosensibile induzione di riossigenazione tumorale

20 Methotrexate, idrossiurea, bleomicina, fluorouracile, mitomicina, taxani, gemcitabina: risultati discordanti; provocano mucosite Cisplatino: scarsa mucosite 100 mg/m 2 ogni 21 giorni settimanale: mg/m 2, risultati non univoci 6 mg/m 2 /die aumento significativo di OS rispetto a sola RT Carboplatino: 100 mg/m 2 o AUC 1.5 settimanali efficacia analoga al CDDP (due studi di confronto) CHEMIORADIOTERAPIA CONCOMITANTE (CRT): AGENTI SINGOLI

21 Vari studi di fase III CRT vs RT: vantaggio di sopravvivenza Regimi CT: cisplatino + fluorouracile carboplatino + fluorouracile mitomicina + fluorouracile Il vantaggio è dimostrato per: tumori sia operabili che inoperabili regimi contenenti o meno cisplatino RT sia monofrazionata che bifrazionata CRT sia simultanea che alternante Tossicità maggiore CRT: POLICHEMIOTERAPIA

22 CRT vs RT NEL CARCINOMA OROFARINGEO Calais G et al, JNCI 1999, 91:2081 ® RT monofrazionata 70 Gy RT monofrazionata 70 Gy + carboplatino 70 mg/m 2 /die i.c. g fluorouracile 600 mg/m 2 /die i.c. giorni 1-4 RegimeN Sopravv. globale a 3 anni Sopravv. libera da malattia Controllo locoregionale RT11531%20%42% CRT11151%42%66% p pazienti, carcinoma orofaringe stadio III-IV Più freq. con CRT: stomatite G3/4, mielotossicità calo ponderale G2

23 26 studi di CRT vs RT, (3727 pazienti): rischio relativo di morte di 0.81 (I.C. 95%: ) per CRT concomitante rispetto a RT beneficio assoluto di sopravvivenza del 7% a 2 anni e dell'8% a 5 anni 12 studi più omogenei (2516 pazienti), con stessa dose di RT nei due bracci di trattamento: rischio relativo di morte di 0.89 (I.C. 95%: ) CHEMIORADIOTERAPIA CONCOMITANTE (CRT) MACH-NC metaanalisi (Pignon et al, Lancet 2000, 355:949)

24 CHEMIORADIOTERAPIA CONCOMITANTE (CRT) Aggiornamento MACH-NC metaanalisi (Proc ASCO 2004, 22:5505) 50 studi di CRT concomitante vs RT Studi di CRT vs RTRischio relativo di mortep tutti0.81<.0001 RT convenzionale0.83<.05 RT iperfrazionata0.73<.05 RT postoperatoria0.80<.05 mono-CT0.84<.05 poli-CT0.77<.05 con platino0.75<.05 senza platino0.86<.05 vantaggio da schemi con platino > altri schemi (p<.01) vantaggio con mono-CT non diverso da poli-CT vantaggio della CRT diminuisce con letà (p=.01)

25 leffetto della CRT è maggiore se si utilizzano: RT non convenzionale (Odds ratio - OR , I.C. 95%: ) regimi contenenti platino, in particolare CDDP + 5FU (OR 0.53, I.C. 95%: ) l'uso di agenti singoli comporta un vantaggio (OR 0.63, I.C. 95%: ) dello stesso ordine di quello offerto dalle combinazioni di più farmaci (OR 0.63, I.C. 95%: ) regimi basati su platino o su mitomicina hanno mostrato un effetto significativo, quelli basati su bleomicina e fluorouracile no. CRT: QUALE REGIME? Metaanalisi di Browman et al, Head Neck 2001, 23: 579

26 ® RT 70 Gy BraccioN Remissioni complete Sopravvivenza a 3 anni Tossicità G3/4 RT10227%23%52% RT + P9740%37%*89%* RT + PF9649%*27%77%* Carcinomi squamosi o indifferenziati localmente avanzati inoperabili CRT: QUALE REGIME? Adelstein DJ et al. JCO 2003, 21:92 PF PF ( chir.) PF PPPRT 70 Gy Gy * Significativamente diversi rispetto al braccio RT

27 RUOLO DELLA CT DINDUZIONE PRIMA DI CRT Studio multicentrico coordinato dallUniversità di Chicago ® CT dinduzione: docetaxel fluorouracile cisplatino x 2 cicli Dissezione laterocervicale (chirurgia su T se residuo) Stadi N2c/N3, M0 CRT : docetaxel fluorouracile idrossiurea RT iperfraz. CRT : docetaxel fluorouracile idrossiurea RT iperfraz.

28 RT vs RT + CETUXIMAB Bonner J et al, ProcASCO 2004, 22:5507 ® RT: - monofrazionata 70 Gy - bifrazionata Gy - boost concomitante 72 Gy RT + cetuximab (400 mg/m2 250 mg/m2/settimana) RegimeN Controllo locoreg. a 2 anni Sopravv. globale a 3 anni Tossicità cutanea G3/4 RT21348%44%18% Cet.+RT21156%57%34% p pazienti - carcinoma orofaringe, ipofaringe, laringe - stadio III-IV Pari incidenza di: mucositi G3/4, disfagia xerostomia RT

29 RT + TIRAPAZAMINA Rischin D. et al, JCO 2005, 23:79 ® Tirapazamina: citotossicità preferenziale per le cellule ipossiche Fase II randomizzato, stadi III-IV RT + CDDP 50 mg/m 2 g.1, sett. 6 e 7 + 5FU 360 mg/m 2 /d g.1-5, sett. 6 e 7 RegimeN Controllo locoreg. a 3 anni Sopravv. libera a 3 anni Sopravv. globale a 3 anni RT/CDDP/TPZ6384%55%60% RT/CDDP/5FU5866%44%46% p Con CDDP + TPZ: > neutropenia > mucositi G3/4, Con CDDP + 5FU: > toss. cutanea RT + CDDP 75 mg/m 2 sett. 1, 4, 7 + TPZ 290 mg/m 2 sett. 1, 4, 7 e 160 mg/m 2 x 3/sett, sett. 2 e 3

30 La CRT concomitante migliora la sopravvivenza globale rispetto alla sola RT Trattamento standard nei tumori localmente avanzati inoperabili o in alternativa alla chirurgia (preservazione dorgano) la poli-CT (quanto meno se comporta interruzioni pianificate nella RT) non è meglio del cisplatino da solo CT di induzione (es. cisplatino + fluorouracile ± taxano x 3 cicli) seguita da CRT concomitante: appare la più promettente modalità di integrazione fra CT e RT, il cui ruolo dovrà essere stabilito mediante studi clinici randomizzati. RT + cetuximab: proponibile a pazienti con PS non idoneo per CRT concomitante CHEMIORADIOTERAPIA CONCOMITANTE: CONCLUSIONI

31 Globalmente nessun beneficio in sopravvivenza globale rispetto al solo trattamento locoregionale Possibile vantaggio nel sottogruppo di pazienti ad alto rischio di ricaduta (resezione a meno di 5 mm, ca. in situ sul margine di resezione, interessamento linfonodale extracapsulare) CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE

32 CHEMIORADIOTERAPIA ADIUVANTE Bernier J et al, NEJM 2004, 350:1945 Cooper JS et al, NEJM 2004, 350:1937 StudioTrattamentiCriteri inclusioneNRischio Rel. progressione (I.C.95%) Rischio Rel. morte (I.C.95%) Bernier (EORTC) RT ± CDDP 100 mg/m 2 g.1,22,43 T3-4, ogni N (no T3N0 laringe) ogni T, N2-3 ogni T e N con fattori di rischio* ( ) 0.70 ( ) Cooper (RTOG, ECOG, SWOG) RT ± CDDP 100 mg/m 2 g.1,22,43 ogni T e N con fattori di rischio** ( ) 0.84 ( ) * Interessamento linfonodale extracapsulare Margini di resezione positivi Infiltrazione perineurale Embolizzazione vascolare Cavo orale – orofaringe N+ IV-V livello ** Interessamento 2 linfonodi Interessamento linfonodale extracapsulare Margini di resezione positivi

33 sopravvivenza mediana: 6 mesi percentuale di pazienti vivi a un anno: 20% moderatamente responsivi alla CT ruolo solamente palliativo miglioramento di sopravvivenza rispetto a pazienti non trattati ma non vi è un impatto sensibile sulla storia naturale CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI

34 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI Percentuali di risposta a CT in studi di fase II selezione dei pazienti pregressi trattamenti difficoltà nella valutazione obiettiva della risposta l'attività potrebbe variare nelle diverse sottosedi tumori all'esordio clinico: 80-90% (35-50% di risposte complete -RC-) ripresa locoregionale o a distanza dopo CHIR o RT: % (10-15% di RC) responsività maggiore dopo sola CHIR rispetto ai casi pretrattati con RT

35 MONOCHEMIOTERAPIA Farmaci attivi: cisplatino (carboplatino e oxaliplatino), methotrexate, bleomicina, fluorouracile, ifosfamide (attività comprovata) antracicline, ciclofosfamide, idrossiurea (meno ben documentata) mitomicina: in associazione a RT (azione radiosensibilizzante e attività su cellule ipossiche) paclitaxel e docetaxel (buona attività) vinorelbina, gemcitabina, topotecan, irinotecan, pemetrexed (moderatamente attivi) CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI

36 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI MONOCHEMIOTERAPIA risposte globali (ORR): 10% - 40% metaanalisi di Browman e Cronin: Cisplatino > Methotrexate (trend non statisticamente significativo) come ORR e sopravvivenza globale (OS) trattamento palliativo, pazienti con basso PS: methotrexate (MTX) mg/m 2 /settimana se funzionalità renale normale e assenza di edemi/versamenti.

37 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI POLICHEMIOTERAPIA Cisplatino (CDDP) 100 mg/m 2 ev giorno 1 + fluorouracile (5FU) 1000 mg/m 2 /die ev in infusione continua ore, ogni giorni (Al-Sarraf) ORR: 50% (16% di RC) (12 studi, 365 pazienti con malattia recidivata o metastatica); studi più recenti: 20-30% metaanalisi di Browman e Cronin: CDDP + 5FU > agenti singoli (e a combinazioni non contenti CDDP), come ORR; vantaggio in sopravvivenza trascurabile, tossicità maggiore Associazione di altri farmaci (lederfolin, bleomicina, MTX, alcaloidi della vinca, -interfron, interleuchina-2) a CDDP + 5FU: aumento di tossicità, senza migliorare l'efficacia

38 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI POLICHEMIOTERAPIA Paclitaxel (Taxolo) + CDDP (o carboplatino): ORR %, RC < 10% (studi di fase II su tumori recidivati o metastatici) studio di fase III CDDP + 5FU vs CDDP + paclitaxel: non differenze in ORR e OS, paclitaxel + CDDP minor tossicità mucosa e midollare Paclitaxel + CDDP + 5FU: ORR 60% Ifosfamide + paclitaxel + CDDP (TIP) o carboplatino (TIC): ORR 55-58%, RC 17-18%

39 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI POLICHEMIOTERAPIA Docetaxel (Taxotere) + CDDP: ORR 40-50%, RC 10% (studi di fase II su tumori recidivati o metastatici) studio randomizzato di fase II: attività della combinazione CDDP + docetaxel analoga a quella di CDDP + 5FU, con migliore tollerabilità Docetaxel + CDDP + 5FU: ORR 44% in pz pretrattati In corso studi di fase III per confrontare tale regime con CDDP + 5FU

40 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI INIBITORI DELLEGFR (EPIDERMAL GROWTH FACTOR RECEPTOR) CETUXIMAB: da solo ORR 11-14%, SD 33% in associazione a CDDP: ORR 26% (vs 10% con CDDP) e non significativo di PFS in associazione a platino in pz refrattari: ORR ~ 10%, SD 20-40%. GEFITINIB, ERLOTINIB: ORR 5-10%, SD ~ 40%

41 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI CT di II linea Non noto l'impatto su sopravvivenza e qualità di vita MTX (più per la facilità d'uso e la tollerabilità che per la sua attività) Vinorelbina, taxani, ifosfamide: ORR 10% carboplatino + 5FU in pazienti in precedenza responsivi a CDDP + fluorouracile: ORR 23% Paclitaxel + carboplatino: ORR 25-30% Docetaxel: ORR 11%, miglioramento sintomatico 44% Vinorelbina + docetaxel: ORR 44%, forte mielotossicità Vinorelbina + methotrexate + bleomicina: ORR 27% Cetuximab, gefitinib, erlotinib: ORR~10%, SD 20-40%

42 CARCINOMI SQUAMOCELLULARI RECIDIVATI O METASTATICI CONCLUSIONI CDDP + 5FU (Al-Sarraf) rimane il regime di riferimento riservato ai pazienti con buon PS, senza importanti patologie associate, alla prima linea di terapia palliativa In pazienti con basso PS, importanti comorbidità o età molto avanzata: monochemioterapia CT di II linea in pz. responsivi a CDDP + 5FU: stesso schema o carboplatino + 5FU CT di II linea in pz. resitenti a CDDP + 5FU: regime contenente un taxano (es. carboplatino + paclitaxel, paclitaxel + ifosfamide, docetaxel +/- vinorelbina) se buon PS; monochemioterapia con methotrexate, capecitabina o vinorelbina, o terapia di supporto, se basso PS.


Scaricare ppt "CHEMIOTERAPIA E CARCINOMA ORALE Andrea Rocca Divisione di Oncologia Medica Istituto Europeo di Oncologia."

Presentazioni simili


Annunci Google