La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le Costellazioni AstroCampania Autore: Massimo Corbisiero – Presidente AstroCampania – Fotografie tratte dal sito Internet

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le Costellazioni AstroCampania Autore: Massimo Corbisiero – Presidente AstroCampania – Fotografie tratte dal sito Internet"— Transcript della presentazione:

1 Le Costellazioni AstroCampania Autore: Massimo Corbisiero – Presidente AstroCampania – Fotografie tratte dal sito Internet - copyright AstroCampaniahttp://www.astrocampania.org

2 Osservando il cielo, specie se in estate e da luoghi abbastanza bui, sembra di vedere milioni di stelle. Cosa sono le Costellazioni Di queste solo un migliaio al massimo sono quelle visibili in una notte di osservazioni. Mosaico della Via Lattea Cortesia Ass. Astrofili Catanesi G. Ruggieri In realtà le stelle visibili ad occhio nudo sono circa 6000.

3 Quali le cause per le quali si vedono così poche stelle? Linquinamento luminoso Lalternarsi delle stagioni dovuto al movimento di rivoluzione della Terra intorno al Sole Lalternarsi del giorno e della notte

4 Nonostante queste limitazioni le stelle visibili ci appaiono essere comunque tantissime e per questo si è sentita, sin dal lontano passato, lesigenza di una loro classificazione Già gli antichi osservatori, collegando tra di loro le stelle più brillanti visibili, hanno posto in cielo delle figure assomiglianti alle esperienze di vita sulla Terra: abbiamo figure di animali, di strumenti, di personaggi umani legati alla mitologia. Così sono nate le Costellazioni: quelle che noi conosciamo sono le denominazioni date agli asterismi in cielo dalle popolazioni europee e, in particolare, del bacino del Mediterraneo

5 Ecco degli esempi: quì vediamo alcune costellazioni che rappresentano un animale (il delfino, il cavallino e laquila) e un attrezzo (la sagitta)

6 Una figura mitologica: Andromeda In questa costellazione è visibile anche la famosa Galassia di Andromeda (o M31)

7 Uomini e animali: Gemelli, Orione e Toro

8 Due protagonisti della mitologia: Perseo e Cassiopea

9 Un altro animale, il Toro. In questa costellazione è contenuto lammasso delle Pleiadi

10 Le costellazioni note nellantichità (ai tempi di Tolomeo) erano in tutto 48 Nel periodo delle grandi esplorazioni (tra il 1500 e il 1700) ne furono aggiunte molte altre soprattutto per quanto riguarda il cielo australe In particolare si segnala il contributo degli astronomi Bayer, Hevelius e Lacaille. Questultimo ha dato il nome a molte costellazioni australi legate alla tecnica: Bussola, Microscopio, eccetera. Infine, nel 1933, fu stabilita la classificazione attuale che comprende 88 costellazioni

11 Le costellazioni non hanno tutte le stesse dimensioni: esistono costellazioni piccolissime così come costellazioni molto grandi. Si va dai 72 gradi quadrati dellEquuleus ai dellHydra (una costellazione parzialmente visibile alle nostre latitudini)

12 A causa della rotazione della Terra le costellazioni sorgono a est e tramontano ad ovest Per le nostre latitudini alcune costellazioni non sorgono e non tramontano mai: sono le cosiddette costellazioni circumpolari. Queste costellazioni appaiono ruotare intorno alla Stella Polare

13 I raggruppamenti di stelle in costellazioni sono del tutto arbitrari: in generale tra le stelle che compongono una costellazione non vi è alcuna relazione e le distanze tra loro possono variare enormemente. Prendiamo ad esempio la Lyra, tipica costellazione estiva Vega, da terra la più brillante, dista noi 27 anni luce Beta dista circa 1000 a.l. Delta dista 800 a.l. Gamma dista 360 a.l. Epsilon dista 180 a.l.

14 Ora osserviamo la costellazione del Toro Lammasso aperto delle Iadi dista 130 a.l. Aldebaran, la stella più brillante, dista 53 a.l. Le Pleiadi distano ben 410 a.l. Un altro famoso oggetto di questa costellazione, la nebulosa del Granchio (M1), residuo dellesplosione di una supernova nel 1054 d.c., dista a.l.

15 Torniamo a Cassiopea Le stelle sono diverse tra loro per distanza, dimensioni, tipo (colore), età Le stelle hanno anche un moto proprio per cui, trascorso qualche migliaio di anni, la forma delle costellazioni così come noi la conosciamo sarà completamente stravolta

16 Fine Queste osservazioni si applicano anche alle costellazioni zodiacali (ecco il centro della Via Lattea con le costellazioni della Bilancia, Scorpione, Ofiuco e Sagittario) Se le distanze tra le stelle possono essere così grandi e le stelle hanno un loro moto (oltre ai moti propri della Terra), come possono avere influenza sul destino degli uomini?

17

18


Scaricare ppt "Le Costellazioni AstroCampania Autore: Massimo Corbisiero – Presidente AstroCampania – Fotografie tratte dal sito Internet"

Presentazioni simili


Annunci Google