La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Risultati dellindagine Gender-based Violence, Stalking and Fear of Crime GAP LEXOP, 13 febbraio 2012 Roberta Bisi professore ordinario di criminologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Risultati dellindagine Gender-based Violence, Stalking and Fear of Crime GAP LEXOP, 13 febbraio 2012 Roberta Bisi professore ordinario di criminologia."— Transcript della presentazione:

1 Risultati dellindagine Gender-based Violence, Stalking and Fear of Crime GAP LEXOP, 13 febbraio 2012 Roberta Bisi professore ordinario di criminologia direttore C.I.R.Vi.S. (Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Vittimologia e Sicurezza - Università di Bologna

2 u Disciplina che si interessa della vittima di un crimine e di tutto ciò che a questa si riallaccia u Obiettivo: ottenere, attraverso lo studio della vittima, un complesso di elementi utili anche per l'evoluzione ed il progresso della criminologia u L'autore del reato e la sua vittima devono essere esaminati tenendo conto del ruolo che ciascuno ha avuto nella dinamica attraverso la quale si è verificato il delitto

3 VITTIMOLOGIA Offre un indirizzo bidimensionale per lo studio del reato (autore e vittima) come sostanzialmente diverso rispetto a quello tradizionale unidimensionale focalizzato esclusivamente sui fattori socio-culturali, sulle anomalie biologiche e/o sulle caratteristiche psicologiche del delinquente

4 IL RUOLO DELLA VITTIMA NEL CORSO DELLA STORIA n Idea del sacrificio religioso con un valore simbolico n Lunica legge era quella del più forte n Strutture sociali più complesse (famiglia, clan, tribù): la responsabilità di vendicare le offese è trasferita dallindividuo al gruppo (responsabilità collettiva) n Sistema di compromesso: risarcimento monetario n Aumenta linfluenza del potere dello Stato sul compromesso n Lammen da pagata allo Stato rimpiazza gradatamente il compenso alla vittima Phipps: Phipps: il criminale è considerato una vittima Ù Teorie etichettamento

5 VON HENTIG w Criminale-vittima w Vittima latente w Relazione specifica criminale-vittima

6 VON HENTIG Vittime latenti: Vittime latenti: persone che esercitano unattrazione tutta particolare sul criminale, facilitandone lazione Criminale-vittima: Criminale-vittima: colui che è successivamente criminale e vittima o linverso Relazione specifica criminale-vittima: Relazione specifica criminale-vittima: è correlata a situazioni particolari

7 MENDELSOHN (1956) Il problema della criminalità deve essere studiato anche in altri termini, sotto laspetto della personalità della vittima, dal punto di vista preventivo e curativo, biologico, psicologico e sociologico. Questa nuova scienza costituirà ciò che noi chiamiamo per la prima volta vittimologia

8 w Studio della personalità della vittima w Identificazione degli elementi psichici del complesso criminogeno della coppia penale w Analisi della personalità delle vittime nei confronti delle quali non interviene una terza persona w Studio dei mezzi di prevenzione w Individuazione dei criteri di trattamento terapeutico

9 WOLFGANG (1958) Victim precipitation Indica quei casi in cui sarebbe la vittima, con il suo comportamento, a fare precipitare lazione delittuosa e a determinare il proprio rischio di vittimizzazione

10 AVISON: studio sullincidenza e sul tipo di omicidi avvenuti in Scozia tra il 1950 ed il 1968 Identifica tre tipi di omicidi: Ê Delitti in cui la vittima non è implicata Ë Gruppo più ampio dove si rilevano vari gradi di partecipazione Ì Esiguo numero di casi in cui è possibile separare la responsabilità delle parti riguardo laggressione

11 TIPOLOGIA DELLA VITTIMA DELLHEUNI (1987) Vittima scrupolosa, vittima che facilita lesecuzione del crimine, vittima invitante, vittima provocatrice, vittima consenziente, vittima istigatrice, vittima simulatrice

12 TEORIA DI SPARKS (1982) Si basa su 6 fattori: vulnerabilità, opportunità, attrazione, facilitazione, precipitazione, impunità

13 TEORIA DI SPARKS (1982) Vulnerabilità: Vulnerabilità: indica i soggetti ad elevato rischio di vittimizzazione come risultato di caratteristiche personali Opportunità: Opportunità: si riferisce alla disponibilità di un bene Attrazione: Attrazione: tentazione che un certo bene esercita sul criminale Facilitazione: Facilitazione: situazione altamente rischiosa creata dalla negligenza ed imprudenza della vittima Precipitazione: Precipitazione: elemento particolarmente rilevante nei casi di delitti efferati Impunità: Impunità: situazioni in cui la vittima è improbabile che denunci levento criminoso

14 Symonds negazione necessità di interazione depressione traumatica o autoaccuse meccanismi di difesa

15 Sindrome di Stoccolma n Particolare legame affettivo che si può talora instaurare tra sequestratore e sequestrato e che spesso ha per quest'ultimo il significato di un meccanismo di difesa n Sorta di transfert patologico basato sul terrore, la gratitudine e la dipendenza infantile n Tre elementi interagenti: sentimenti positivi dell'ostaggio verso il carceriere, sentimenti positivi del carceriere per l'ostaggio e sentimenti negativi della vittima nei riguardi delle autorità che hanno concorso alla sua liberazione

16 La vittima è qualsiasi individuo che ha subito un danno ad opera di altri

17 COSA OCCORRE PER ESSERE VITTIMA n Soffrire un danno n Rendersene conto n Cercare e ottenere il riconoscimento e la validazione di altri n Cercare e ottenere il riconoscimento e l'aiuto della società

18 MOTIVI PER CUI LA VITTIMA NON DENUNCIA LACCADUTO n Poca fiducia nelle forze dell'ordine n Assenza di appoggio da parte della comunità e/o della famiglia n Paura di ritorsioni n Paura di danneggiare la propria immagine

19 COME AIUTARE LA VITTIMA n Ascoltare la vittima n Inserire la vittima nella comunità n Incoraggiare la consapevolezza dei bisogni delle vittime nella società n Istituire progetti educativi n Informare le vittime n Fornire aiuto specialistico

20 ALTRI SERVIZI n Assistenza ai figli n Assistenza in ambito lavorativo n Impatto del crimine sulla vittima/sopravvissuti n Risarcimento dei danni n Restituzione n Cambiamenti nelle leggi n Protezione della vittima e dei testimoni a lungo e a corto termine

21 VICTIM SUPPORT Il servizio di sostegno alle vittime inglesi è stato fondato nel 1974 a Bristol e successivamente, nel 1979, è stato chiamato National Assistence Victims Service. Oggi, è soprattutto conosciuto con il nome di Victim Support Esso si struttura come un istituto di beneficenza indipendente, che lavora in stretta cooperazione con il Ministero dellInterno, con la Polizia e con altri organismi, al fine di garantire che le vittime occupino il posto che spetta loro, allinterno del sistema di giustizia

22 IL VICTIM SUPPORT SI REALIZZA COME: ò costante aiuto alle vittime ò rassicurazione ò supporto emozionale ò tempo offerto per parlare e per far parlare ò riservatezza e rispetto della privacy ò aiuto pratico ò consulenza con riferimento al risarcimento ò assistenza legale ò ricostruzione del sentimento di fiducia


Scaricare ppt "Risultati dellindagine Gender-based Violence, Stalking and Fear of Crime GAP LEXOP, 13 febbraio 2012 Roberta Bisi professore ordinario di criminologia."

Presentazioni simili


Annunci Google