La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Encondroma A.Memeo. Localizzazione di cellule indifferenziate dal nucleo di accrescimento epifisario Metaplasia cartilaginea del periostio Assenza di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Encondroma A.Memeo. Localizzazione di cellule indifferenziate dal nucleo di accrescimento epifisario Metaplasia cartilaginea del periostio Assenza di."— Transcript della presentazione:

1 Encondroma A.Memeo

2 Localizzazione di cellule indifferenziate dal nucleo di accrescimento epifisario Metaplasia cartilaginea del periostio Assenza di anello cartilagineo attorno alla cartilagine di accrescimento Ipotesi

3 Incidenza: 5% dei tumori primitivi dellosso Stessa frequenza in ambo i sessi Più frequente in forma solitaria

4 Localizzazioni Ossa lunghe della mano (tumore benigno più frequente) Ossa lunghe del piede Femore Omero Tibia Raro

5 Istologia Nel condroma solitario vi è un delicato equilibrio tra cellule viventi e morenti determinante per la crescita lenta ed uno sviluppo contenuto che la caratterizzano (Zimny 1984)

6 Forme multiple Malattia di Ollier (encondromatosi): interessamento di segmenti scheletrici multipli, incidenza familiare Maffucci: encondromatosi associata ad emangiomi cutanei

7 Condromatosi multipla di Ollier può occasionalmente presentare uno o più condromi alla superfice dellosso ma … esostosi e condromi non si associano quasi mai limmagine radiografica è diversa non vi è la componente ereditaria Esostosi multiple Diagnosi differenziale

8 Presentazione clinica Nella maggior parte dei casi asintomatico: riscontro occasionale in concomitanza con un trauma Dolore: in presenza di un significativo assottigliamento della corticale Frattura patologica

9 Diagnosi differenziale Condrosarcoma Sospetto di viraggio verso una forma maligna in presenza di crescita accellerata radiografica

10 Degenerazione maligna Malattia di Ollier Sindrome di Maffucci Encondromi multipli Raro nelle forme solitarie (descritti almeno 20 casi in letteratura soprattutto in pazienti di età maggiore dei 60 anni)

11 Diagnostica strumentale Radiologia tradizionale TC RMN Scintigrafia ossea

12 Quadro radiografico Localizzazione metafisaria Assottigliamento della corticale Aspetto lobulato della corticale Calcificazioni della matrice a pop corn o ad anello

13 Classificazione morfologica di Takigawa Centrale Eccentrico Policentrico Gigante Iuxtacorticale Associato

14 TC Solitamente non utilizzata per la diagnosi Definizione dellarchitettura ossea Identificazione del tessuto cartilagineo allinterno della lesione Valutazione dellentità della distruzione della corticale

15

16 RMN Segnale iperintenso nelle immagini T2- pesate: tessuto condroide Aree focali di scarso segnale nelle immagini T2-pesate: aree di calcificazione

17 Scintigrafia ossea Tecnezio marcato Utile nelle encondromatosi per individuare i siti coinvolti

18 Trattamento Deve tenere conto: Età del paziente Dimensione della lesione Localizzazione Rischio di frattura patologica

19 In presenza di una lesione in continuità con la fisi latteggiamento è astensionista sino a che la lesione non si è allontanata in modo da evitare un danno iatrogeno alla cartilagine di accrescimento

20 Lindicazione è chirurgica nel caso di: Fratture ripetute Comparsa di deformità

21 Trattamento chirurgico Courrettage della lesione (Takigawa 1971, Noble 1974) Svuotamento della lesione e cauterizzazione (Wull 1990, Giles 1999) Svuotamento e riempimento con osso autologo (Noble) omologo (Giles), eterologo (Nobles), sintetico con BMP (bone morphogenetic protein) (Urist 1986), cemento di idrossiapatite (Joosten 2000) Radicale con resezione del segmento e sostituzione con osso cortico-spongioso con ulna, cresta iliaca, perone

22 Lutilizzo di innesti ossei permette di: Aumentare la velocità di guarigione Garantire una maggiore resistenza meccanica Permettere una mobilizzazione precoce del segmento operato

23 Controllo radiografico a 5 anni di distanza

24 Quadro radiografico a distanza di 7 anni:

25 Occorre sempre effettuare lesame istologico Quadro di crescita lenta e sviluppo contenuto

26 Condroma attivo : nuclei più ricchi di cromatina e numerose cellule Condrosarcoma di basso grado : atipie citonucleari in più del 5% dei condrociti

27 Lesame istologico post-operatorio può determinare la scelta di un intervento secondario più radicale nel caso di diagnosi di condroma attivo o condrosarcoma a basso grado

28 Recidiva 0-10 % (Nobles 1971, Bonnavialle 1988) Non differenze significative con le diverse tecniche chirurgiche Spesso correlate ad una asportazione insufficiente della lesione

29 Conclusione La scelta del trattamento chirurgico deve consentire non solo la guarigione ossea della lesione senza recidiva ma anche garantire un resistenza meccanica ed evitare la rigidità post- operatorio soprattutto a livello delle dita


Scaricare ppt "Encondroma A.Memeo. Localizzazione di cellule indifferenziate dal nucleo di accrescimento epifisario Metaplasia cartilaginea del periostio Assenza di."

Presentazioni simili


Annunci Google