La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RITORNO AL PASSATO ? Tavernola 23 settembre 2008 Rita Peracchini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RITORNO AL PASSATO ? Tavernola 23 settembre 2008 Rita Peracchini."— Transcript della presentazione:

1 RITORNO AL PASSATO ? Tavernola 23 settembre 2008 Rita Peracchini

2 I "regi" decreti degli anni 20 esami di riparazione per gli studenti che non conseguivano la sufficienza. 1977, cancellati gli esami di riparazione per elementari e medie Viene introdotta una nuova forma di valutazione degli alunni. 1995, abolizione degli esami di riparazione anche nelle superiori. Nascono i "debiti" In sostituzione degli esami di riparazione viene disposto lobbligo di frequentare appositi corsi di recupero organizzati dalle scuole 2007, i debiti vanno saldati entro il 31 agosto corsi di recupero e verifiche intermedie; corsi di recupero estivi e verifica finale entro il 31 agosto e comunque non oltre linizio dellanno scolastico. Il 42% degli studenti viene promosso con debiti. Solo 1 su 4 li recupera Allorigine dei debiti

3 Dopo quasi 15 anni si ritorna a studiare destate per recuperare le insufficienze. Studiare a luglio e agosto non è certo piacevole per gli studenti, ma contribuisce a dare un po di serietà e credibilità alla valutazione degli studenti nella scuola italiana. Mariastella Gelmini Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca -Roma, 22 luglio 2008 Finalmente si recupera!

4 Il proseguimento delliter scolastico non è scontato, ma soggetto ad una approvazione che dipende dallimpegno dello studente, non è qualcosa di dovuto, ma da conquistare Finalmente si recupera!

5 O.M 92/2007 Presa datto che le modalità di recupero dei debiti formativi non assicurano il superamento delle carenze riscontrate Opportunità che il recupero dei debiti sia effettuato entro lanno scolastico in cui sono stati contratti

6 Disposizioni del D.M. 80 Dopo gli scrutini intermedi le scuole devono organizzare interventi didattico-educativi di recupero Gli studenti sono tenuti a frequentarli (salva dichiarata rinuncia dei genitori) Al termine, si effettuano verifiche intermedie da parte dei docenti della classe di appartenenza, di cui si dà comunicazione alle famiglie

7 Per gli studenti che presentino valutazioni insufficienti, il consiglio di classe valuta la possibilità di raggiungere gli obiettivi propri delle discipline interessate entro il termine della.s., mediante lo studio autonomo o la frequenza di interventi di recupero. In tal caso, si rinvia la formulazione del giudizio finale e si provvede, sulla base degli specifici bisogni formativi, a predisporre le attività di recupero Vengono comunicati gli interventi didattici, le modalità e i tempi delle verifiche, che la scuola è tenuta a portare a termine entro la fine dellanno scolastico. In sede di scrutinio di giugno

8 Problemi Uno studente deve seguire corsi in più materie ciò porta a ridurne la durata per evitare sovrapposizioni (ma il minimo è 15 ore). Fermarsi a scuola il pomeriggio specie per i pendolari, risulta spesso alternativo allo studio individuale a casa. Brevità del corso e la presenza di studenti con caratteristiche diversificate porta spesso una ripetizione accelerata di quanto fatto a lezione, senza rispondere alle specifiche esigenze del singolo. Organizzare i corsi estivi aggiunge altri problemi. –Opportuna una pausa prima dellinizio del recupero, per far riposare gli studenti. –Molti insegnanti sono impegnati tra giugno e luglio con gli esami di Stato. –Esistono diversificate esigenze delle famiglie. Rischio che, per conciliare tutte le esigenze, i corsi si concentrino subito dopo gli scrutini, con uno scarso risultato didattico.

9 Cosa e come valutare? Circoscrivendo bene gli obiettivi, riducendoli rispetto alle usuali attese che si impongono durante lanno scolastico, ma attenendosi ad una condizione: che sia avvenuto un progresso sul piano della competenza

10 Dato per scontato che per le materie formative non è possibile incamerare nellestate quella quantità di nozioni che gli alunni abitualmente assimilano durante lintero anno scolastico, si può pensare di ammetterli allanno successivo con la sola motivazione del progresso realizzato in termini di competenza con lattività di recupero? Un quesito aperto

11 a.s ESITI Come è terminato lanno scolastico

12 I dati sono del Ministero dell'Istruzione e si riferiscono a un campione relativo all 89% delle scuole Aumentano del 2% i non ammessi alle superiori

13 Gli scrutini

14 Il 7,6% degli studenti non è stato ammesso a frequentare la classe successiva dopo la verifica di fine agosto (la media nazionale 6%, nei licei circa il 5%) Dove le maggiori difficoltà? CLASSI PRIME ISTITUTI PROFESSIONALI

15 l'82% delle scuole ha completato le verifiche degli studenti con giudizio sospeso tra la fine di agosto e i primi giorni di settembre il 18% di scuole ha svolto tutte le operazioni intorno alla metà di luglio I tempi

16 Un istituto professionale

17 Un Liceo

18


Scaricare ppt "RITORNO AL PASSATO ? Tavernola 23 settembre 2008 Rita Peracchini."

Presentazioni simili


Annunci Google