La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DOPING controversa lorigine del termine. Dope un vocabolo di antica origine sudafricana che indicava una bevanda usata come stimolante nelle danze cerimoniali?Dope.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DOPING controversa lorigine del termine. Dope un vocabolo di antica origine sudafricana che indicava una bevanda usata come stimolante nelle danze cerimoniali?Dope."— Transcript della presentazione:

1 DOPING controversa lorigine del termine

2 Dope un vocabolo di antica origine sudafricana che indicava una bevanda usata come stimolante nelle danze cerimoniali?Dope un vocabolo di antica origine sudafricana che indicava una bevanda usata come stimolante nelle danze cerimoniali?

3 Il termine doping viene da doop, un miscuglio di sostanze energetiche che i marinai olandesi già quattro secoli fa ingerivano prima di affrontare una tempesta sullOceano?

4 La parola doping deriva dall' "oop", miscela di oppio, tabacco e narcotici somministrata ai cavalli da corsa nell' 800?

5 In un fascicoletto del 1931, promosso e diffuso dalla Bayer, dal titolo Sport e salute, Raccolta delle voci sportive duso comune compare la parola Duping, che proverrebbe dallinglese dupe (ingannare), simile al francese duper, riferita alle pratiche tese ad aumentare il rendimento di un cavallo nelle corse.

6 Cenni storici

7 Luso di sostanze eccitanti si perde nei tempi In Cina, nel 2760 a.C. limperatore Shen-Hung descrisse gli effetti eccitanti di una pianta: MAHUANG Gli atzechi mangiavano il cuore umano Gli Inca masticavano foglie di coca. Nellantica Grecia, quando alle Olimpiadi i premi destinati ai vincitori divennero molto consistenti, gli atleti, divenuti ormai professionisti, ingerivano ogni tipo di sostanza (soprattutto estratti di funghi e semi) per potenziare le prestazioni atletiche

8 Anche nellantica Roma, nei giochi del circo si ricorreva a pratiche illecite somministrando miscele stimolanti ai cavalli (idromele), sostanze allucinogene ai gladiatori e probabilmente ai soldati prima di affrontare le battaglie durante le invasioni barbariche. Spesso la gara sportiva nellantichità aveva come unico premio la possibilità di rimanere in vita, si combatteva e si gareggiava fino allultimo sangue in molte discipline e spesso, se il perdente restava in vita, a decidere la sua sorte era il regnante di turno in onore del quale i giochi venivano organizzati

9 Si diffuse quindi luso di assumere bevande, cibi, tisane e decotti a base di radici, erbe medicinali, funghi e testicoli di animali molto forti (toro), con la speranza diventare più forti, di sentire meno il dolore, la fatica e la paura…

10 Carne di capra per il saltatore Carne di antilope per il corridore Carne di toro per il lottatore …….con pane e vino Milone di Crotone Gli atleti romani ricorrevano a qualità differenti di carni associate a sostanze stimolanti

11 Col tempo le gare divennero meno brutali e tutti i partecipanti al termine rimanevano in vita… prevalsero però altri interessi. I premi per i vincitori compensi in denaro sempre più alti case, terreni, esenzione dal servizio militare, schiavi

12 Per lunghi secoli non si trova menzione storica della pratica del doping, probabilmente anche in relazione al fatto che le competizioni olimpiche, al pari di altre attività agonistiche, vennero interrotte o persero d'importanza, dopo la caduta dell'Impero Romano, finché non vennero reintrodotte le moderne olimpiadi nel 1896 per merito del barone De Coubertin.

13 In tempi più recenti ricordiamo il ciclista inglese Arthur Linton che vinse Parigi-Bordeaux del 1896 morendo subito dopo per uso eccessivo di sostanze eccitanti (etere-cocaina) Nellottocento

14 Nel 1904 lamericano Thomas Hicks, dopo aver vinto la maratona olimpica di Atene, venne colto da un grave malore avendo usato solfato di stricnina durante la gara Nel novecento

15 Contemporaneamente alla ripresa significativa delle competizioni sportive, si assistette alla ripresa della pratica del doping: gli atleti assumevano sostanze zuccherine, caffè, alcool ma anche stricnina e nitroglicerina, che potevano sortire effetti collaterali talora gravemente invalidanti se non addirittura mortali. Le statistiche mediche sportive non fecero tuttavia registrare fino alla metà del novecento un utilizzo diffuso delle sostanze dopanti, dato che un vero e proprio incremento numerico significativo di atleti che usavano tali sostanze venne registrato nel secondo dopoguerra, intorno al 1950, quando la consuetudine di assumere anfetamine si trasferì dai militari impegnati sui fronti di guerra agli sportivi.

16 Già durante le più grandi guerre veniva fatto uso di sostanze stimolanti così da migliorare la velocità di reazione e vincere la paura Caccia della LuftWaffe in volo nei cieli dInghilterra Messerschmitt 109 Messerschmitt 110

17 Fu proprio a partire dagli anni '50 che l'aneddotica si arricchì di storie di ciclisti che improvvisamente non vedevano più le curve della strada o che dopo alcune gare non dormivano per diverse notti. Tuttavia fu solamente a seguito del decesso del ciclista Tommy Simpson avvenuta negli anni '60 sul Mont Ventoux, ascritto allora all'effetto additivo di anfetamina e grande caldo, che emerse alla ribalta delle cronache e all'attenzione del grande pubblico il problema connesso con l'uso di sostanze potenzialmente mortali da parte degli sportivi.

18 Tommy Simpson (Mont Ventoux, Tour de France) Comitato Internazionale Olimpico definizione di doping lista delle sostanze vietate controlli alle olimpiadi 1967

19 Il Comitato Internazionale Olimpico (C.I.O.) in collaborazione con la World Anti Doping Agency (WADA) da allora prepara una lista di sostanze che DEVONO essere proibite agli atleti sia nel corso degli allenamenti che prima, durante e dopo la gara Questa lista è periodicamente approvata da tutte le Nazioni che hanno istituito leggi specifiche per promuovere la lotta al doping

20 anni 60-70: le grandi potenze Per anni le grandi potenze della terra hanno usato il doping come arma di Stato per superare i Paesi avversari: negli anni DDR, URSS, USA hanno costretto i propri atleti a vincere a qualunque costo

21 Oggi Luso di sostanze e farmaci col passare del tempo si è evoluto, sono state scoperte nuove molecole, nuove droghe e si è pensato, erroneamente, che molti farmaci usati per curare numerose malattie potessero essere impiegati per aumentare la forza e labilità nella pratica sportiva in modo illegale e sleale.

22 La vendita di EPO nel Mondo: Nel 1999 Secondo posto nella classifica di vendita dei farmaci: 1/6 dellEpo ai malati 5/6 agli atleti (Le Monde - 11 maggio 1999) Le vendite dei farmaci con valenza doping esempio EPO

23 Si chiama DEXTROAMPHETAMINA una delle sostanze capaci di cancellare la fatica IRAQ – AFGANISTAN Nuove frontiere del Doping militare Uso diffuso non solo tra i militari impegnati nelle missioni di terra ma anche tra i piloti, con lo scopo di migliorare lucidità e prontezza di riflessi nelle manovre più rischiose.

24

25

26 Approfondisci il tema del Doping nella storia antica e le sue motivazioni, cerca notizie su usi e costumi nello sport delle varie civiltà… Il tuo punto di vista

27 Le nuove frontiere del doping Non remota la possibilità di atleti geneticamente manipolati

28 Doping genetico Atleti OGM ? Le nuove frontiere del doping Costruire in laboratorio un muscolo con determinate caratteristiche ormai non è più una novità: gli esperti di genetica conoscono i cosiddetti topi Schwarzenegger. La terapia genica può essere positiva quando interviene per riparare perdite di tessuto muscolare, evitando, per esempio, la formazione di zone di fibrosi. Il problema doping sorgerà quando in laboratorio si potranno sviluppare (o costruire) muscoli adatti ai vari tipi di sport. Inserire geni artificiali nei geni delle cellule muscolari, in grado di codificare una proteina o un ormone che stimolino la crescita muscolare, oppure che attivino la produzione di miosina IIb una proteina con velocità di contrazione altissima, ecc. Arduo sarà il compito di scoprire questo tipo di doping: sarà necessario effettuare una biopsia muscolare.

29 Inserimento di geni artificiali nel corpo del paziente: Scopi: – Uccidere o indebolire le cellule cancerogene – Rendere lorganismo in grado di riprodurre da solo le sostanze oggi somministrate – Rimpiazzare i geni difettosi con copie sane Problemi: – mancanza di controllo sullespressione del gene artificiale Terapia genetica

30 Iniezione diretta del DNA nelle strutture muscolari Inserimento di cellule geneticamente modificate Introduzione del gene nellorganismo utilizzando un virus come vettore Come viene introdotto il gene artificiale?

31 Basato sulla manipolazione dei geni. Utilizzo dei risultati ottenuti nella terapia genica. È una minaccia futura per gli atleti? Doping Genetico

32 Doping Genetico Doping Genetico cromosomi geni cellula genoma DNA proteine i geni contengono le istruzioni per la produzione delle proteine Le proteine agiscono da sole o in complessi per esplicare molte funzioni cellulari

33 Unalternativa alla somministrazione di sostanze dopanti che lorganismo può produrre da solo Cambiare la regolazione naturale dei geni Potenziamento delle proteine allinterno dellorganismo Le prospettive del doping genetico

34 Aumento dellematocrito tramite EPO Aumento della forza muscolare tramite IGF-1 Aumento della massa muscolare tramite la rimozione della miostatina Aumento del flusso sanguigno tramite VEGF ( vascular endothelial growth factor, fattore di crescita dell'endotelio vascolare ) Esempi del potenziale del doping genetico

35 Terapia genetica su umani tramite VEGF (vascular endothelial growth factor) Baumgartner et al. Circulation (1998) 97: DOPO Vasi sanguigni di un paziente che ha ricevuto linoculazione di un fago portatore del gene VEGF PRIMA

36 Rimozione del Gene che controlla la crescita della massa muscolare (miostatina) Lee et al. Curr. Opin. Gen. Dev. (1999) 9: Arto anteriore di un topo normale Arto anteriore di un topo privo del gene della miostatina topi Schwarzenegger

37

38 La proteina prodotta è uguale alla proteina endogena Il DNA artificiale è presente solamente in sede locale quando si pratica uniniezione col DNA puro o con cellule modificate geneticamente Si dovrebbe conoscere la sequenza del DNA artificiale per poterla rilevare Si può scoprire il doping genetico?

39 Il tema del doping genetico è estremamente attuale e poco conosciuto, effettua una ricerca su questo argomento Il tuo punto di vista

40 La complessità del fenomeno doping, dalle mille sfaccettature, rende molto complicata la lotta per eliminarlo. Vi è però almeno una certezza: non esiste alcuna prova scientifica che il doping migliori le prestazioni sportive mentre è evidentissimo che il doping sia un danno alla salute CONCLUSIONI

41 Stile di vita corretto Alimentazione completa ed equilibrata Allenamento metodico Recupero della fatica Riposo adeguato 60-70% da aspetti genetici 30-40% dallallenamento, preparazione non oltre il 5% dalle sostanze farmacologiche Se la capacità di PERFORMANCE Dipende: Allora è meglio agire su questi fattori: CONCLUSIONI

42 IL DOPING deve essere considerato come: Modificazione pericolosa dellorganismo Inciviltà sportiva Diseducazione sportiva Attività penalmente perseguibile


Scaricare ppt "DOPING controversa lorigine del termine. Dope un vocabolo di antica origine sudafricana che indicava una bevanda usata come stimolante nelle danze cerimoniali?Dope."

Presentazioni simili


Annunci Google