La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica sufficiente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica sufficiente."— Transcript della presentazione:

1 Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica sufficiente per partecipare attivamente alla vita sociale ed economica e che abbiano dimensioni e composizioni corporee compatibili con un buono stato di salute (FAO/WHO/ONU, 1985) IL FABBISOGNO ENERGETICO

2 Il contenuto energetico dellorganismo dipende da composizione e dimensione. UOMO di RIFERIMENTO Non tutta lenergia è disponibile Passaggio da carboidrati a grassi come fonte di energia

3 Al costante dispendio energetico deve corrispondere, attraverso gli alimenti e la respirazione, un altrettanto costante apporto di energia, vale a dire un equilibrio fra energia consumata ed energia prodotta. Il DISPENDIO ENERGETICO è ripartito nel seguente modo è ripartito nel seguente modo 70% 15%

4 Deficit energetico mancanza di cibo, aumento delle necessità, impossibilità di alimentarsi Eccesso di energia aumento dei depositi di energia nellorganismo, sotto forma di grasso nel tessuto adiposo. CONSUMO DI ENERGIA A Metabolismo basale B Termogenesi indotta dalla dieta C Effetto termogenico dellattività fisica

5 A METABOLISMO BASALE (60-75%) Indica la quantità di energia necessaria per mantenere in vita un individuo, in condizioni di riposo mentale e fisico, in posizione supina, a digiuno da 12 ore e con una temperatura ambientale di 20 gradi (normali funzioni e omeostasi) - Respirazione - Circolazione sanguigna - Mantenere costante la temperatura del corpo - Digestione - Attività del sistema nervoso - Fabbricare nuove molecole - ecc.

6 Il METABOLISMO BASALE è influenzato da: 1. Superficie corporea: se aumenta la superficie corporea aumenta il metabolismo basale e viceversa; 2. Età: aumentando l'età diminuisce il metabolismo basale e viceversa, poiché, essendo il metabolismo basale espressione principale del consumo di energia della massa magra, con l'avanzare dell'età diminuisce la massa muscolare ed aumenta il tessuto adiposo; 3. Massa muscolare: aumento della massa muscolare aumento del metabolismo basale; 4. Clima: diminuzione della temperatura aumento del metabolismo basale e viceversa; 5. Stato di nutrizione: il digiuno ed una bassa nutrizione diminuiscono il metabolismo basale, che aumenta nelle alimentazioni iperproteiche; 6. Febbre: il metabolismo basale aumenta del 13% per grado di aumento della temperatura corporea; 7. Farmaci: i sedativi diminuiscono il metabolismo basale; e poi: alimentazione e attività fisica.

7 Come si calcola? Formule della LARN uomo anni : 15,3 x Kg donna anni : 14,7 x Kg uomo anni : 11,6 x Kg donna anni : 8,7 x Kg Formule di Harris & Benedict uomo : ( 9,6 x Kg di peso ) + ( 1,8 x cm di statura ) - ( 4,7 x letà ) donna : 66 + ( 13,7 x Kg di peso ) + ( 5 x cm di statura ) - ( 6,8 x letà ) Formule di Harris & Benedict uomo : 66,473 + ( 13,751 x Kg di peso ) + ( 5,0033 x cm di statura ) - ( 6,755 x letà ) donna : 655, ( 9,463 x Kg ) + ( 1,8496 x cm di statura ) - ( 4,6756 x letà ) Formula di Grande & Keys uomo e donna : 1,3 Kcal / h x Kg di massa magra x 24 h

8 Come si calcola?

9 B TERMOGENESI INDOTTA DALLA DIETA (TID) o AZIONE DINAMICO SPECIFICA DEGLI ALIMENTI ( ADS o AZIONE DINAMICO SPECIFICA DEGLI ALIMENTI ( ADS ) aumento della spesa energetica in seguito allingestione di cibi TID Obbligatoria (75%) digestione, assorbimento, trasporto e metabolismo; è legata al tipo di cibo consumato e alle abitudini alimentari: - TID grassi = 0-5% - TID glicidi = 5-10% dopo un pasto (4-8 ore) la spesa energetica è più alta - TID proteine = 30% TID Facoltativa (25%) attivazione del sistema nervoso simpatico mediata dallinsulina, dallassunzione di sostanze nervine (I principali alimenti nervini sono il caffè, il tè ed il cacao, che contengono come principi attivi la caffeina, la teofillina, e la teobromina),, ecc. (7-15%)

10 C EFFETTO TERMOGENICO DELLATTIVITÀ FISICA 15-30% sedentari 15% attivi 30%

11 Intensità e impatto di varie attività fisiche sul livello di attività fisica (LAF) in adulti Il LAF è il rapporto tra il consumo energetico totale e quello basale. LEM è il multiplo del consumo di ossigeno individuale basale definito come consumo di 3.5 mL di ossigeno/min/kg di peso negli adulti

12 È l'unità di misura usata per esprimere l'energia prodotta dagli alimenti e il fabbisogno energetico dell'organismo. Tecnicamente è la quantità di calore necessaria per aumentare di 1 grado, da 14,5°C a 15,5°C, la temperatura di 1 grammo di acqua. Normalmente si utilizza il suo multiplo, la chilocaloria o Kilocaloria (Kcal) ed è la quantità di calore che fa innalzare di 1 grado la temperatura di 1 chilo d'acqua. Il Joule è invece la forza costante che imprime ad 1 kg laccelerazione di 1 m/s 2 per lo spostamento di 1 m nella direzione e nel senso della forza. 1 kcal = 4,186 kJ 1 kJ = 0,239 kcal Lenergia non è un nutriente. Il valore energetico di un prodotto o della razione alimentare è proporzionale al suo contenuto in zuccheri, proteine, grassi ed eventualmente, in alcool: sono questi i principi nutritivi che, quando vengono utilizzati dallorganismo, bruciano, liberando energia. LA CALORIA

13 La determinazione del potere calorico degli alimenti (espresso in Kcal) viene effettuata mediante la BOMBA CALORIMETRICA. E costituita da una camera isolata in cui viene inserita la sostanza da valutare che, in presenza di ossigeno, viene sottoposta a completa combustione, fino alla formazione di sostanze di minor livello energetico. Il potere calorico viene misurato in base alla quantità di calore sviluppato dalla combustione. Nellorganismo, però, non tutti i principi nutritivi sono completamente ossidati. Inoltre, parte degli alimenti viene eliminata ancor prima del completo assorbimento 1 grammo di carboidrati 4 Kcal nella bomba calorimetrica 4,1 1 grammo di lipidi 9 Kcal nella bomba calorimetrica 9,3 1 grammo di proteine 4 Kcal nella bomba calorimetrica 5,6 Gli altri costituenti dell'alimentazione, ovvero vitamine, minerali e acqua, non producono calorie.

14 1 grammo di carboidrati 4 Kcal nella bomba calorimetrica 4,1 1 grammo di lipidi 9 Kcal nella bomba calorimetrica 9,3 1 grammo di proteine 4 Kcal nella bomba calorimetrica 5,6 Gli altri costituenti dell'alimentazione, ovvero vitamine, minerali e acqua, non producono calorie.

15 RICHIAMI DI TERMODINAMICA Il primo principio Lenergia non si crea né si distrugge: essa si può soltanto trasformare Un sistema può scambiare energia con lambiente e variare la sua energia interna in 2 modi: 1. trasferendo calore dal e al sistema; 2. compiendo lavoro sullambiente e viceversa. u = q + w u= variazione di E interna q = calore assorbito dal sistema w = lavoro eseguito sul sistema Reazione esotermica cede calore allambiente Reazione endotermica assume calore dallambiente Quando avviene una reazione chimica si ha la trasformazione di reagenti in prodotti e contemporaneamente un trasferimento di energia.

16 ENTALPIA H = u P V Poiché in una reazione biologica pressione e volume rimangono costanti Poiché in una reazione biologica pressione e volume rimangono costanti H = calore assorbito o ceduto dal sistema H = calore assorbito o ceduto dal sistema Poiché lentalpia è una funzione di stato, una reazione che avvenga allinterno o allesterno dellorganismo, presenta la stessa H se reagenti, prodotti e condizioni sono gli stessi. Questo principio è sfruttato per calcolare in vitro il valore energetico degli alimenti e dei nutrienti. Nutrienti CO 2 + H 2 O Il contenuto calorico di un alimento viene calcolato in un calorimetro misurando la quantità di calore sviluppato dalla sua completa ossidazione ad anidride carbonica ed acqua.

17 Valori calorici medi (in kJ/g) delle principali classi di nutrienti. * Lazoto amminico degli amminoacidi non può essere ossidato nellorganismo umano, ma lo può nel calorimetro: da qui la differenza. Il valore calorico della differenza si ottiene sottraendo il valore calorico dellurea.

18 Il secondo principio Lenergia non può essere liberamente trasformata da una forma in unaltra Distingue le reazioni che avvengono spontaneamente da quelle che non avvengono spontaneamente ENTROPIA ( S) Disordine molecolare LEntropia è una funzione di stato. Aumenta aumenta il numero delle disposizioni possibili Diminuisce diminuisce il numero delle disposizioni possibili Poiché lenergia totale delluniverso non può cambiare (primo principio): Processo spontaneo aumento di entropia

19 Qualsiasi processo spontaneo (esoergonico) fa aumentare lentropia ( G<0) I processi non spontanei (endoergonici) hanno un G>0 Energia libera di Gibbs G = H - T S H = variazione di entalpia H = variazione di entalpia T = temperatura S = variazione di entropia S = variazione di entropia LEnergia libera è quella parte dellenergia recuperabile a seguito delle trasformazioni chimiche e che può essere utilizzata per compiere lavoro. S H 0 e H < 0 bassa temperatura S H > 0 Se S 0 alta temperatura Non bisogna confondere la spontaneità con la velocità di una reazione (che è un parametro cinetico): una reazione può essere spontanea (e liberare una grande quantità di energia) ed essere contemporaneamente molto lenta.

20 Lenergia biologica è essenzialmente di natura chimica: - origina da reazioni di ossido-riduzione - viene accumulata nei legami chimici di alcune biomolecole. LENERGIA BIOLOGICA G = 0 Allequilibrio G = 0 Reazione esoergonica spontanea ( G<0) Reazione endotermica non spontanea ( G>0) G 0 = - RT ln k eq G 0 = - RT ln k eq A + B C + D Condizioni standard: c = 1 M P = 1 Atm T (temperatura assoluta)= 25°C pH = 7 R = costante universale dei gas G 0 = G 0 = Energia libera Standard energia liberata o assorbita dal sistema per passare dallo stato in cui le concentrazioni di reagenti e prodotti sono unitarie, alle concentrazioni previste per lo stato di equilibrio.

21 LE REAZIONI ACCOPPIATE accoppiando reazioni esoergoniche a reazioni endoergoniche. Poichè le reazioni endoergoniche non possono avvenire spontaneamente, per fare in modo che avvengano la natura sfrutta ladditività dellenergia libera accoppiando reazioni esoergoniche a reazioni endoergoniche. A B G = +10 KJ/mol reazione sfavorita A B G = +10 KJ/mol reazione sfavorita C D G = -30 KJ/mol reazione favorita C D G = -30 KJ/mol reazione favorita ______________ _________________ _______________ A + C B + D G = -20 KJ/mol reazione favorita

22

23

24

25

26 I COMPOSTI ENERGETICI: LATP G 0 = - 31 kJ/mol G 0 = - 31 kJ/mol Legami anidridici

27 Fosfoenolpiruvato Creatina fosfato 1,3-bis-fosfoglicerato I COMPOSTI ENERGETICI I COMPOSTI ENERGETICI

28 NADH NADPH

29 I COMPOSTI ENERGETICI I COMPOSTI ENERGETICI FAD FADH 2

30 Laccoppiamento di reazioni esoergoniche, come lidrolisi dellATP, con reazioni endoergoniche (sintesi di biomolecole) o con processi funzionali diversi che consumano energia biologica, permette di distribuire e di utilizzare lenergia accumulata nellATP e negli altri composti altamente energetici, per sostenere tutte le attività vitali.


Scaricare ppt "Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica sufficiente."

Presentazioni simili


Annunci Google