La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le evoluzioni della dialisi HFR AEQUILIBRIUM: la gestione infermieristica del paziente in fase di studio Mariagrazia CANTORE, Marco POZZATO, Marisa VADORI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le evoluzioni della dialisi HFR AEQUILIBRIUM: la gestione infermieristica del paziente in fase di studio Mariagrazia CANTORE, Marco POZZATO, Marisa VADORI."— Transcript della presentazione:

1 Le evoluzioni della dialisi HFR AEQUILIBRIUM: la gestione infermieristica del paziente in fase di studio Mariagrazia CANTORE, Marco POZZATO, Marisa VADORI Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale G. Bosco. TORINO Direttore: Dr. Francesco QUARELLO 15/01/2014 1

2 2 Evoluzione della tecnologia I LHFR on line è un sistema integrato di emodiafiltrazione (HDF) che utilizza un filtro a doppia camera costituito da una membrana ad elevata biocompatibilità in Polieteresulfone. Si è passati dallutilizzo di grosse cartucce con carbone attivo sferico allattuale cartuccia sorbente con resina stirenica ad alta biocompatibilità, sterilizzata con calore umido.

3 15/01/ Evoluzione della tecnologia II Ladsorbimento avviene tramite legami delle tossine con il sorbente; la resina ha particelle di diametro di circa 100 µm, una struttura macroporosa con pori di circa 300 nm, è idrofobica e le sostanze che entrano nei pori possono essere adsorbite da una grande superficie di circa 700 m 2 /g. I risultati migliori sono stati ottenuti con 40 ml di resina stirenica contenuti in una cartuccia del diametro di 40 mm.

4 15/01/ Aequilibrium La successiva sfida per ottenere una maggiore stabilità cardiovascolare consiste nellapplicare alla metodica dialitica HFR on line un modello matematico di controllo automatico del sodio nel dialisato e del profilo di sottrazione dei liquidi. Durante il trattamento dialitico il sensore Natrium misura continuamente la concentrazione ematica del sodio ed il modello matematico modifica il sodio del dialisato e lultrafiltrazione per ottenere il risultato desiderato.

5 15/01/ Raccolta dati dellesperimento Peso inizio e fine Pressione sistolica e diastolica, misurata ogni 30, inizio e fine dialisi Temperatura del dialisato Frequenza cardiaca Sintomi intradialitici (ipotensione, nausea, vomito, crampi, cefalea) Calo peso Orario Conducibilità

6 15/01/ Studio multicentrico In questo periodo è in corso uno studio multicentrico, che coinvolge 20 centri di emodialisi in Europa ed in Italia, e tra questi è compreso il nostro.

7 15/01/ Disegno dello studio Gruppo A: n = 40 pazienti M0 M1 M3 M4 M6 Periodo di entrata HFR HFR HFR Aeq HFR Gruppo B: n = 40 pazienti M0 M1 M3 M4 M6 Periodo di entrata HFR Aeq HFR HFR HFR

8 15/01/ Criteri di reclutamento ed esclusione Donne in stato di gravidanza Pazienti la cui aspettativa di vita sia inferiore alla durata dello studio Pazienti con patologie acute progressive, come la neoplasia Pazienti inclusi in un altro protocollo Pazienti psichiatrici o con ritardo mentale Pazienti in bicarbonato dialisi da almeno 6 mesi Con più di 18 anni Con un ritmo di dialisi trisettimanale Che abbiano presentato sintomi di ipotensione durante il 30% della seduta emodialitica nel mese precedente allo studio Con un trattamento della durata di 4 ore Con modulo di consenso informato sottoscritto e firmato Con accesso vascolare senza problemi

9 15/01/ La nostra raccolta dati su Sined

10 15/01/ Grafica temporale dellurea su Itaca

11 15/01/ Grafica temporale del sodio su Itaca

12 15/01/ Grafica temporale dellHb su Itaca

13 15/01/ Materiali e metodi Questionario somministrato ai colleghi infermieri nelle pause di lavoro o durante il cambio turno, sottoponendo le domande verbalmente e compilando subito le risposte, per semplificare la raccolta. Nel questionario vengono analizzate alcune attività prettamente infermieristiche collegate alla sperimentazione attuata nel nostro centro dal mese di gennaio 2008 ed ancora in atto in questo momento.

14 15/01/ Questionario DifficoltàPunteggio Informazioni da dare al paziente Organizzazione dei prelievi settimanali ID e FD Esecuzione dei prelievi settimanali ID e FD Reperimento dei valori ematici di riferimento Registrazione dei valori ematici Compilazione della scheda di osservazione Comprensione della fase della sperimentazione Impostazione dellAequilibrium Comprensione della curva calo peso Comprensione della curva conducibilità Misurazione dei parametri vitali Registrazione costante dei parametri vitali

15 15/01/ Risultati I Buona comprensione della fase di sperimentazione in cui si trova il paziente al momento di impostare i dati sul monitor e trovare i valori ematici medi di riferimento Utilizzo della cartella informatizzata SINED ed il programma di laboratorio ITACA, che scarica in automatico i risultati degli esami effettuati, risultato di fondamentale supporto Infermiera che si occupa della gestione degli esami ematochimici Infermiere referente per HFR Aequilibrium

16 Risultati II 15/01/201416

17 Discussione Le problematiche gestionali sono concentrate nella fase di attacco in dialisi del paziente. Sono richiesti tempo e concentrazione maggiori per la corretta impostazione dei parametri del profilo, per la registrazione dei parametri vitali e dei parametri del modello matematico della sottrazione dei liquidi e della conducibilità ogni 30 anziché ogni ora. Gli esami ematochimici vengono effettuati con maggior frequenza ed impiegano maggiormente il personale sanitario ed il Laboratorio Analisi. I valori degli esami ematochimici devono essere costantemente registrati. 15/01/

18 … ma grazie mille e ancora di più ai miei colleghi che hanno risposto alle domande! 15/01/ Grazie a voi per l ascolto …


Scaricare ppt "Le evoluzioni della dialisi HFR AEQUILIBRIUM: la gestione infermieristica del paziente in fase di studio Mariagrazia CANTORE, Marco POZZATO, Marisa VADORI."

Presentazioni simili


Annunci Google