La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Ad un bambino basta un solo punto di vista. Un adulto con un solo punto di vista si spezza Abramo Castoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Ad un bambino basta un solo punto di vista. Un adulto con un solo punto di vista si spezza Abramo Castoro."— Transcript della presentazione:

1 1 Ad un bambino basta un solo punto di vista. Un adulto con un solo punto di vista si spezza Abramo Castoro

2 2 HTA nellesternalizzazione dei servizi Lefficienza tecnico - organizzativa promuove la salute? Verona, 26 Marzo 2010 Massimo Castoro da altamura Unita Valutazione Technology Assesseement

3 3

4 4

5 5 Hanno collaborato al progetto Cristina Rauli – Servizio Logistica AOPD Irene Marin – Servizio Professioni Sanitarie AOPD Elena Serafin – ARSS Valentina Tonei e Deris Boemo - UVTA Fabio Mazzuccato – Servizio ADI Ulss n. 16 Sara Contin – IT AOPD Bonaccorso – Terapia Intensiva P.Colombi e F. Menotto – Ingegneria Clinica Ulss15 A.O. E. Castegnaro – Lungodegenza Ulss16 T.PistoreG. Brogio, M.G. Cecchetto, O. Simonetto, M. Padovan, E.Marzio – A. Libralato, M. Bocchese, E. Fiorese Area Infermieristica P. Genovese - Neurologia Ulss n. 17 Pagnin Battagliard Crosato Dipartimento Acquisti Area Vasta Padova F. Bisetto – DMO Ulss n. 15 G. Bonbace – DMO Ulss n. 17 C. Berti - DMO Ulss n. 16 P. Turri – DMO IOV

6 6 Il nostro contributo Una riflessione su HTA Il nostro punto di vista sui servizi Esempio superfici anti decubito Aspetti organizzati - gestionali Dati esperenziali Proposte

7 7 Le tecnologie Per tecnologie sanitarie non si intente solamente attrezzature, dispositivi medici, farmaci e servizi diagnostici, ma anche percorsi assistenziali e assetti STRUTTURALI, ORGANIZZATIVI E MANAGERIALI nei quali viene erogata lassistenza sanitaria

8 8 Valutazione delle tecnologie Scopo del HTA

9 9 Valutazione e Contesto Dimensioni del contesto: EPIDEMIOLOGIA EFFECTIVENEES APPROPRIATEZZA ECONOMICA ORGANIZZATIVA EQUITA (ETICI-SOCIALI-VALORI) MEDICO-LEGALI STANDARDS TECNICI RISCHIO CLINICO RISORSE PROFESSIONALI MISSION AZIENDALE

10 10

11 11 Valutazione e Contesto Dimensioni del contesto: EPIDEMIOLOGIA EFFECTIVENEES APPROPRIATEZZA ECONOMICA ORGANIZZATIVA EQUITA (ETICI-SOCIALI-VALORI) MEDICO-LEGALI STANDARDS TECNICI RISCHIO CLINICO RISORSE PROFESSIONALI MISSION AZIENDALE

12 12

13 13 Lapprocio dellHTA allesternalizzazione LHTA spinge verso un approcio critico alle decisioni e in ambito sanitario rinforza sempre di più la necessità di basare le scelte e le azioni sull EVIDENZA delle PROVE Vengono fuse diverse dimensioni: Economica- finanziaria Organizzativo-professionale

14 14 Materasso preventivo Efficacia misurata in un termini di ridotta incidenza delle ulcere da pressione Materasso curativo Efficacia misurata in termini di riduzione dei giorni di malattia

15 15 Lefficacia è la risultante di due fattori: tecnologia impiegata + modello organizzativo La scelta di esternalizzare deve esser finalizzata alla massimizzazione del benessere del paziente

16 16 Efficienza Minimizzazione dei costi per lAzienda a parità di servizio reso Fattori che vengono presi in considerazione sono: –Logistica –Disinfezione –Manutenzione –Confezionamento –Stoccaggio –Distribuzione

17 17 Il monitoraggio del servizio esternalizzato E importante individuare gli strumenti che ci permettono di monitorare il servizio in una visione di governo clinico NON basta monitorare la qualità del servizio reso dai fornitori MA BISOGNA VALUTARE LOUTCOME

18 18 Il monitoraggio del servizio interessa i fornitori Questo però non permette di prendere in considerazione lefficacia e lappropriatezza duso è necessario dunque passare al monitoraggio dellEFFICACIA

19 19 La sfida è quella di passare da unottica di servizio ad unottica di efficacia Lattenzione deve esser posta alla qualità del servizio, e alla qualità del sistema azienda

20 20 Dal software del fornitore a…… Software di gestione proprietario e integrato che preveda lintegrazione con la cartella infermieristica informatizzata al fine di poter avere pieno controllo su: aspetti clinici gestione dei dispositivi semplificare e ridurre i tempi di inserimento dei dati monitoraggio dellappropriatezza e degli outcome (riduzione di errori in caso di trasferimenti, dimissioni, …)

21 21 Le fasce di rischiosità FASCIADESCRIZIONE ASuperficie di supporto ad aria indicato per persone a basso rischio di insorgenza di lesione da pressione BSuperficie di supporto ad aria a pressione alternata indicato per persone a medio rischio di insorgenza di lesioni da pressione e/o con lesioni di 1° e 2° stadio NPUAP CSuperficie di supporto ad aria a pressione alternata, a gestione automatica, indicato per persone a rischio elevato per insorgenza di lesione da pressione e/o con lesioni fino al 3° stadio NPUAP DSuperficie di supporto ad aria a fluttuazione dinamica avanzata automatica, indicato per persone a rischio molto elevato, per insorgenza di lesioni da pressione e/o con lesioni del 4° stadio NPUAP

22 22 Alcuni dati: le previsioni Azienda/ULSSFascia AFascia BFascia CFascia D Azienda Ospedaliera ULSS A ULSS B ULSS C

23 23 Alcuni dati: le dotazioni iniziali AziendaULSS 1ULSS 2ULSS 3 Noleg. Full Serv.Noleg. Full Serv.Noleg. Full Serv. Noleg. Full Serv. Fascia A Fascia B Fascia C Fascia D

24 24 Costi del servizio NoleggioFull Service 2,00 1,50 5,00 3,00 7,50 4,00 12,50 5,50

25 25 Fonte: Ricerca non ancora pubblicata Obiettivo della Ricerca: Valutare il costo-efficacia di 2 diversi ausili antidecubito presenti in Azienda mediante un trial randomizzato tra due gruppi di pazienti in parallelo. Risultati: i 2 diversi ausili non hanno evidenziato efficacia clinica diversa, ma solo una migliore percezione di comfort da parte dei pazienti Risultati: costo- efficacia

26 26 LEfficacia prende in considerazione solo lefficacia clinica o anche la qualità percepita da parte del paziente? Se SI, il maggiore costo è accettabile? Il Sistema Azienda è disposto a riconoscere un costo anche per la qualità percepita? Risultati: costo- efficacia

27 27 Fonte: ricerca non ancora pubblicata Obiettivo: accertare lappropriatezza delle richieste (tipo di dispositivo e tempi di attivazione) rispetto a quanto stabilito nelle procedure aziendali Metodologia: utilizzo delle scale di Braden o di Norton entro la prima giornata di ricovero Risultati: appropriatezza

28 28 Risultati: appropriatezza: tipo di dispositivo Quantità di richieste UU.OO coinvolte n. Rilevazioni effettuate Richieste appropriate % appropr.zza % % % Oltre % totale %

29 29 Richieste NON appropriate Dispositivi richiesti in assenza di indicazioni Under useOver use Oltre %96%3% Risultati: appropriatezza: tipo di dispositivo

30 30 Risultati: appropriatezza: tempo di attivazione Quantità di richieste n. Rilev.ni effettuate < 24 ore24 – 48 ore 48 – 72 ore > 72 ore Oltre totale18970%12%7,5%10,5%

31 31 Azienda /ULSS Osp/ Terr Fascia AFascia BFascia CFascia D ggpzggpzggpzggpz Azienda Ospedal ieraOsp ULSS ATerr ULSS BOsp ULSS C Osp Terr Risultati: Utilizzo

32 32 IL PROBLEMA DELLA CONTINUITA I pazienti trasferiti tra unità operative diverse mantengono la stessa fascia di trattamento? Ai pazienti dimessi come possiamo garantire la stessa continuità? E possibile garantire lo stesso trattamento anche in Area Vasta

33 33 Il nostro punto di vista Se non sviluppiamo Progetti di Ricerca di COSTO-EFFICACIA Se non sviluppiamo MONITORAGGIO dei criteri di APPROPRIATEZZA Se non sviluppiamo FORMAZIONE DEL PERSONALE Se non sviluppiamo SOFTWARE a supporto del SISTEMA AZIENDA e non del singolo servizio

34 34

35 35 Perdiamo: CREDIBILITA SCIENTIFICA, SOCIALE e TECNICO-ORGANIZZATIVA quindi la LEADERSHIP del GOVERNO CLINICO Il nostro punto di vista

36 36 Di conseguenza le scelte vengono prese dagli esperti delle varie discipline, che come emerge dai dati presentati, rispecchiano più le opinioni e le visioni degli stessi piuttosto che l REALI BISOGNI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE ASSISTITA Il nostro punto di vista

37 37 Il rischi sono dunque: OVERUSE con aumento dei costi del servizio senza beneficio UNDERUSE con rischio per il paziente PERDITA DI CONTINUITA ASSISTENZIALE CONCLUSIONI

38 38 Proposta RIUSCIAMO A CONDIVIDERE UN PROGETTO ? Segreteria Scientifica AMDO Indicatore di Successo : N. di proposte

39 39 Per una cosa che non ti lasciano fare ce ne sono cento che ti aspettano Nella vita si può vincere, se non ci credi ….. te si vecio (Abramo Castoro)

40 40 Ringraziemento a chi ha rivisto e preparato la presentazione A chi ha corretto A chi mi ha sostenuto A mia moglie per il sostegno Marzia Martignon A mio figlio Abramo per il sostegno nei momenti di stanchezza


Scaricare ppt "1 Ad un bambino basta un solo punto di vista. Un adulto con un solo punto di vista si spezza Abramo Castoro."

Presentazioni simili


Annunci Google