La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il catetere peritoneale IP Carla Bordone e Dssa Antonella Vallero Dialisi Peritoneale - G Bosco -

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il catetere peritoneale IP Carla Bordone e Dssa Antonella Vallero Dialisi Peritoneale - G Bosco -"— Transcript della presentazione:

1 Il catetere peritoneale IP Carla Bordone e Dssa Antonella Vallero Dialisi Peritoneale - G Bosco -

2 Definizione E il tramite, la chiave daccesso tra la cavità peritoneale e lesterno, indispensabile per lattuazione della metodica dialitica

3 Il catetere peritoneale Il catere peritoneale è il dispositivo meccanico permanente per mezzo del quale è possibile accedere alla cavità peritoneale ed eseguire gli scambi dialitici peritoneali.

4 Si distinguono 4 porzioni: Segmento intraperitoneale: allinterno delladdome Segmento transparietale: attraversa la parete muscolare e perfora il peritoneo. Cuffia di dacron: fissaggio + barriera. Segmento sottocutaneo: porzione compresa tra cute e fascia muscolare. Cuffia di dacron: a 2 cm dallostio cutaneo: fissaggio + barriera. Segmento extraaddominale: fuoriesce dalla cute, collegato al set di connessione della sacca (8-12 cm).

5 Il catetere peritoneale. Se ne possono distinguere 4 segmenti: Segmento intraperitoneale: all'interno della cavità peritoneale. Segmento transparietale: attraversa la parete muscolare e perfora il peritoneo. Qui una cuffia in dacron, che resta nel tessuto fibroso, ha funzioni di fissaggio e di barriera Segmento sottocutaneo: compreso tra la cute e la linea alba o la fascia muscolare. Un secondo anello di dacron a circa due centimetri dall'ostio cutaneo fissa saldamente il catetere al tessuto sottocutaneo e "chiude" il tunnel a circa cm dall'ostio cutaneo. Segmento extraaddominale: porzione di catetere che fuoriesce dalla cute ed è collegata al set di connessione della sacca (8-12 cm).

6 Cenni storici 1923, Ganter: Primi tentativi nell'uomo (tubo metallico) Rosenak, Engel: cannule di vetro Reid: catetere di foley 1948, Fine e Frank: tubo di gomma inserito su un tubo di acciaio per l'ingresso ed un drenaggio d'acciaio per l'uscita del liquido 1948, Rosenak: spirale di metallo collegata a tubi di gomma 1962, Weston e Roberts: cateteri a stiletto di nylon 1964, Palmer e Quinton: primo catetere a permanenza in silicone a spirale 1966, Gutch e Stevens: impianto di forellini laterali di 1 mm di diametro 1968, Tenckhoff: aggiunta delle cuffie in dacron

7 Tipi di catetere peritoneale

8 Tenckhoff diritto Silicone 1 o 2 cuffie segmento intraperitoneale: cm segmento sottocutaneo: 10 cm segmento extraaddominale: 10 cm

9 Tenckhoff curvo Porzione intraperitoneale: più lunga a spirale Riduzione dislocazioni e dolore con riempimento addominale

10 Toronto Western Hospital Due dischi piani al termine della porzione intraddominale Disco dacron + palloncino silastic sotto cuffia preperitoneale

11 Swan Neck Due cuffie Curvatura del tratto fra le 2 cuffie

12 Cruz Poliuretano Due cuffie Diametro interno più largo Piegatura fissa tra segmento transparietale e sottocutaneo angolo retto del segmento transparietale con intraperitoneale

13 Vicenza - Cath Variante del catetere di Tenckhoff tratto intraperitoneale corto (8 cm) posizionato in sede sovrapubica (5 cm) Esente da dislocazione nei quadranti superiori dell'addome.

14 Il posizionamento del catetere peritoneale

15 Preparazione all'intervento Valutazione generale del paziente pregressi interventi chirurgici sull'addome obesità ernie ombelicali ed inguinali condizioni psichiche Informazione del paziente tipo di intervento scelto eventuali rischi connessi necessità di collaborazione attiva Uso di locali idonei per sterilità, fonti luminose e attrezzatura chirurgica Disponibilità di un chirurgo in caso di eventuali complicanze

16 Nelle procedure di gestione si distinguono quattro fasi: Preoperatoria Postoperatoria precoce Break-in Fase di gestione a lungo termine

17 Fase preoperatoria in anestesia locale Compiti infermieristici

18 Il giorno precedente Controllare la presenza degli esami ematochimici e strumentali (visita anestesiologica se in narcosi) Consenso informato Clistere di pulizia solo se nelle ultime 24 ore il pz non ha evacuato

19 Il giorno precedente II Tricotomia xilo-pubica Impacco disinfettante con betadine in soluzione acquosa nella zona ombelico- pubica Cena leggera

20 Il giorno stesso Pz a digiuno Copertura antibiotica con Cefazolina 1 gr IM ed eventuale blanda sedazione Svuotamento della vescica Eliminare eventuali protesi, monili

21 Posizionamento del catetere Tecnica chirurgica dissezione di tutti gli strati della parte addominale fino a raggiungere la cavità peritoneo Tecnica semichirurgica Dissezione degli strati della parete addominale fino alla fascia anteriore del muscolo retto delladdome Perforazione della parete addominale residua tramite trocar

22 Punti di inserimento catetere peritoneale

23

24 Parete addominale

25

26 Posizionamento catetere peritoneale

27 Fase postoperatoria precoce Controllo segni vitali e stato della medicazione Controllo emocromo pomeridiano Cena leggera Mobilizzazione cauta dal giorno dopo Lavaggio del catetere peritoneale

28 Fase postoperatoria Break-in

29 Definizione Arco di tempo che va dallinserzione del catetere allinizio del trattamento dialitico Dura 2 settimane circa Periodo di sosta importante perché permette alla breccia peritoneale di cicatrizzarsi evitando il passaggio di liquido peritoneale verso lesterno (leakage )

30 Compiti infermieristici Controllo della medicazione compressiva addominale Assistenza durante rimozione dopo 7 giorni Esecuzione di medicazione a piatto con controllo dellemergenza cutanea Informazioni generali, conoscenza attraverso primo approccio con il pz Esecuzione dei lavaggi del catetere

31 I lavaggi del catetere Frequenza: quotidiani finchè il liquido non compare limpido, dopodichè a giorni alterni; Esecuzione:avvengono attraverso un cambio manuale, con introduzione di cc di liquido dialitico ed immediato svuotamento dalla cavità peritoneale; Finalità: Controllo del funzionamento del catetere (tempi di carico e scarico; quantità drenata)

32 I lavaggi del catetere II Finalità Controllo delle caratteristiche del dialisato (colore, limpidezza, comparsa di fibrina o coaguli..) Controllo di eventuali disturbi quali dolore, o problematiche legate allemergenza cutanea Introduzione intraperitoneale di eventuali medicamenti (es. Eparina)

33 Fasi del lavaggio

34 Caratteristiche dellexit-site In 7° giornata, con la rimozione dei punti della ferita chirurgica, si controlla lostio che si presenta: Rosa chiaro, non dolente, con eventuale lieve secrezione sieroematica Tessuto di granulazione chiaro

35 Fase di gestione a lungo termine

36 Norme comportamentali Prevenzioni usura e traumi Proteggere il catetere peritoneale allinterno di sacchettini di stoffa evitando trazioni eccessive Evitare luso di abiti stretti e/o cinture Pulire il catetere solo con acqua durante la doccia ed asciugare lostio con il phon Usare solo i disinfettanti indicati Fissare la linea paziente al letto durante lAPD notturna

37 Norme comportamentali: Prevenzione infezioni Curare ligiene personale in particolare mani ed unghie Indossare la mascherina Evitare il bagno nella vasca ma utilizzare la doccia Per i bagni in mare o piscina utilizzare sacchetti da colonstomia Medicare e controllare giornalmente lostio

38 Medicazione dellexit site Materiale occorrente: Mascherina Telino Garze Betadine in soluzione acquosa al 7.5% Cerotto (generalmente tipo Fixomull)

39 Medicazione dellexit site

40 Procedura: Lavaggio mani (acqua e sapone liquido) Mascherina Preparazione del materiale Rimozione della medicazione precedente Disinfezione dellemergenza cutanea con betadine in soluzione acquosa Asciugatura del disinfettante con garza sterile Posizionamento di garzina antidecubito sotto il primo tratto del catetere Coprire con garzina e cerotto per fissare medicazione e catetere

41 Conclusioni La gestione del catetere peritoneale ha inizio dal posizionamento dello stesso E a cura del personale sanitario e proseguirà a carico del pz dopo il periodo di addestramento.

42 Conclusioni Sia nella fase ospedaliera che in quella domiciliare gli obiettivi fondamentali saranno: Prevenire le infezioni da contaminazione esterna Valutare il buon funzionamento del catetere Valutare lo stato dellexit-site Intervenire tempestivamente in caso di usura, malfunzionamento o problematiche legate allemergenza cutanea.

43 ……grazie a tutti per lattenzione!


Scaricare ppt "Il catetere peritoneale IP Carla Bordone e Dssa Antonella Vallero Dialisi Peritoneale - G Bosco -"

Presentazioni simili


Annunci Google