La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rapporto Osservasalute 2004...in una società multietnica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rapporto Osservasalute 2004...in una società multietnica."— Transcript della presentazione:

1 Rapporto Osservasalute in una società multietnica

2 Scenario socio-sanitario dellimmigrazione Dossier statistico immigrazione Caritas, Roma S.G. Aspetti quantitativi STIMA CITTADINI STRANIERI IN ITALIA 2003 ALLINIZIO DEL 2003 circa regolarmente presenti circa il 4,2% sulla popolazione residente regolari al regolari con pds in rinnovo minori in pds genitori nuovi nati in Italia regolarizzandi Femmine 48% erano il 45,8% nel 2000

3 Immigrazione in Italia: numero totale e trend al 2002 Inizio 2002 totale circa novembre 2002 circa domande regolarizzazione.....

4 Ripartizione territoriale 23,0 0,2 7,1 10,0 10,2 2,6 3,2 7,4 2,0 15,8 3,1 1,4 3,9 0,2 2,1 0,2 1,2 3,3 0,8 Milano Roma In Italia ci troviamo davanti ad unimmigrazione consistente, caratterizzata da una diffusione su tutto il territorio nazionale, anche nei piccoli centri e nelle aree agricole, con un considerevole flusso annuale di ingressi e un fabbisogno del mercato del lavoro 2,4 Tratto da Diossier Caritas 2003

5 Lavoro 55,2% Famiglia 31,7% Religione 3,6% Altro 9,5% Fonte: Dossier Statistico Immigrazione Caritas / Migrantes Fenomeno ormai consolidato : oltre l86% degli stranieri ha un permesso di soggiorno per lavoro o per famiglia

6 2,4 2,5 2,6 3,2 3,4 4,1 4,3 6,3 11,2 11,4 % 9,190, Senegal 20,640, Germania 29,856, Jugoslavia 52,215, USA 28,370, Tunisia 33,664, Cina 15,278, Filippine 31,458, Romania 38,853, Albania 31,767, Marocco FamLavV.A.Primi 10 paesi Tratto da Diossier Caritas 2003 Continenti e Paesi di provenienza

7 MUSULMANI CATTOLICI EBREI ORIENTALI ORTODOSSI PROTESTANTI ORTODOSSI PROTESTANTI ,2 29,2 23,4 5,5 0,9 35,4 0,3 6,4 21,3 34,2 APPARTENENZA RELIGIOSA Fonte: Dossier Statistico Immigrazione Caritas / Migrantes

8 Presenza di famiglie Nel 2002 quasi permessi di soggiorno per motivi familiari, pari al 31,7% (nel 1998 erano il 19%) Nei contesti territoriali dove gli immigrati hanno potuto inserirsi in modo stabile (contratti a tempo indeterminato), incidenza del ricongiungimento è molto elevata (Friuli, Veneto, Piemonte, …) Fonte: Dossier Statistico Immigrazione Caritas / Migrantes

9 Presenza di famiglie Nel 2002 sono stati rilasciati quasi permessi per motivi familiari, pari al 29,1% (nel 2000 erano stati il 34,7%) I visti per motivi familiari sono stati quasi il 50%. Nel corso del 2004 ci si attende un alto incremento percentuale dei nuovi ingressi per motivi familiari a seguito della normalizzazione di coloro che si sono regolarizzati Fonte: Dossier Statistico Immigrazione Caritas / Migrantes

10 Presenza di donne straniere Nel 1991 le donne erano circa Nel 2002 sono oltre Rappresentano il 48% della popolazione straniera e il 2,2% di tutta la popolazione femminile nel nostro paese. Più del 65% ha unetà compresa tra 16 e 40 anni. Fonte: Dossier Statistico Immigrazione Caritas / Migrantes

11 AREA DI PROVENIENZA DELLE DONNE STRANIERE SOGGIORNANTI ITALIA, 2001 Fonte: Caritas di Roma – Dossier Statistico Immigrazione su dati del Ministero dellInterno N. % di donne sul totale della pop. immigrata EUROPA ,0 -Unione europea ,7 -Europa dellEst ,8 -Altri Paesi ,9 AFRICA ,6 - Settentrionale ,0 - Centro-orientale ,1 - Occidentale ,3 - Centro-meridionale39756,2 AMERICA ,6 - Settentrionale ,0 - Centro-Meridionale ,6 ASIA ,8 - Estremo Oriente ,9 - Sub Continente Indiano ,5 - Vicino e Medio Oriente ,2 - Ex URSS Asia ,7 OCEANIA ,3 TOTALE ,8 43,8 18,6 17,8 19,6 100 % 0,2 14,3 27,4 2,1 10,3 3,4 4,8 0,1 5,0 12,8 5,0 1,3 0,5

12 Presenza di minori Nel 2001 i minori, figli di immigrati, erano stimati in circa Circa la metà nati in Italia. Le nascite tra le coppie di cittadini immigrati 10 anni fa aumentavano di circa lanno, ultimamente di oltre lanno! Fonte: Dossier Statistico Immigrazione Caritas / Migrantes 1993: : : : : : Stima presenza dei minori : circa

13 DISTRIBUZIONE PERCENTUALE DI ALUNNI STRANIERI PER TIPO DI SCUOLA E PER AREA GEOGRAFICA, ITALIA, ANNO SCOLASTICO NORD-OVEST NORD-EST NORD CENTRO SUD ISOLE ITALIA (numero) nel ,3 27,1 66,3 24,2 6,3 3, ,8 27,3 64,1 25,6 7,2 3, ,5 27,7 65,2 25,5 6,8 2, ,0 28,3 63,3 28,6 5,2 2, ,3 27,5 64,7 25,7 6,6 3, ,9 3,2 3,0 2,6 0,4 1,8 2,3 MaternaElement.Media Inferiore Media Superiore Totaleincid. Pop. Scolast. FONTE: Elaborazioni Caritas/Dossier Statistico Immigrazione su dati del Ministro dellIstruzione, Università e Ricerca Nel gli alunni stranieri erano

14 1. Quadro di riferimonto demografico e socio economico Fonte: ministero interno ministero istruzione istat... Indicatori di inserimento socio-economico: Caritas - Cnel

15 La storia Salvatore Geraci ieri oggi domani La fase dellesclusione fino al decreto Dini La fase dellaccesso fino al Progetto Obiettivo..che non cè... La fase della fruibilità... o … la fase delle disuguaglianze La Medicina delle Migrazioni

16 ieri La fase dellesclusione nascosto clandestini Per legge il diritto alla salute era nascosto per gli immigrati regolarmente presenti e negato per i clandestini Azione vicariante è svolta dal volontariato e dal privato sociale che acquisisce una significativa esperienza sul campo Salvatore Geraci, Roma 1998

17 La Medicina delle Migrazioni Il profilo di salute è disegnato sulla base dei dati delle strutture del privato sociale che presentano, pur nella difformità di esperienze e criteri di rilevazione, una uniformità di dati e considerazioni Netta differenziazione rispetto allopinione comune, anche del personale sanitario Salvatore Geraci, Roma 1998

18 Il profilo di salute dellimmigrato tra esotismo e realtà Alla domanda sulle malattie più frequenti tra gli immigrati in Italia, un campione di operatori sanitari risponde: tb, hiv, mst, m. da importazione nevrosi, psicosi, disagio psicologico gastrite, bronchite, traumi Il campione è composto da oltre operatori che hanno frequentato dal 1992 ad oggi, in varie parti dItalia, corsi base di Medicina delle Migrazioni 35-60% 20-30% 25-40%

19 0. In premessa: pregiudizi diffusi Fonte: ricerca area sanitaria caritas altre ricerche...

20 Visite ambulatoriali Caritas di Roma Caritas di Roma Area sanitaria Servizio Banca Dati Area Sanitaria Caritas Roma, 2003

21 Caritas di Roma Caritas di Roma Area sanitaria Servizio Banca Dati Area Sanitaria Caritas Roma, 2003 Provenienze continentali

22 Caritas di Roma Caritas di Roma Area sanitaria Servizio Banca Dati Area Sanitaria Caritas Roma, 2003 Titolo di studio pazienti complessivi

23 Caritas di Roma Caritas di Roma Area sanitaria ,1% 10,9% 8,4% 6,6% 5,7% Servizio Banca Dati Area Sanitaria Caritas Roma, 2003 Frequenza motivi ricorso ambulatorio respiratorio digerente osteomuscolare gravidanza infettive

24 La fase dellesclusione Casistiche ambulatoriali a confronto % SIMM, Roma 2000 Anni

25 Stranieri in Italia di prima immigrazione effetto migrante sano PROFIL I DI SALUTE PROGETTO MIGRATORIO STORIA MIGRATORIA PAESE PROVENIENZA COMUNITA RIFERIMENTO INSERIMENTO SOCIALE PROCESSI INTEGRAZIONE STATUS GIURIDICO ACCESSIBILITA SSN FRUIBILITA SSN Salvatore Geraci, Roma 2002 investimento familiare, più sani, giovani, con più spirito diniziativa pionieri VARIABILI fragilità sociale fattori di rischio Profilo sanitario dell'immigrato

26 2. Società civile e assistenza sanitaria Il ruolo del volontariato Fonte: Fivol ricerche dedicate (Ilesis farmindustria,…)...

27 La Medicina delle Migrazioni oggi La fase dellaccesso Per legge il diritto alla salute è emerso Gli immigrati accedono ai servizi. Si ricercano dati specifici nei flussi imformativi correnti. Si fanno ricerche dedicate. Si ridefiniscono nuovi campi nei flussi informativi. Salvatore Geraci, Roma 1998

28 Classifica dei ricoveri per regione - anno 1998 Fonte: Ministero della Sanità, 2001

29 il profilo di salute dell'immigrato dati SDO 1998 e 2000 Ricoveri non italiani + 19% e nel 2000 sono 22 ricoveri su ogni 1000 ricoveri (erano quasi 19 nel 1998) Le Regioni con il maggior incremento sono state VENETO, EMILIA ROMAGNA E PIEMONTE Gli stranieri provengono da: Marocco (14,2%), Albania (12,9), Romania (6,5%),... Fonte: elaborazioni su dati Ministero della Salute, 2001 e 2003

30 il profilo di salute dell'immigrato dati SDO 1998 e 2000 ricoveri ospedalieri gravidanza ed parto: 1998: 8 sulle prime ,5% 2000: 8 sulle prime ,8% traumatismi e fratture di varia natura: 1998: 6 su ,3% // 2000: 5 su ,8% malattie infettive marginalmente rappresentate: 3 sulle prime ,6% // 2 sulle prime ,5% (attribuibili a condizioni patologiche dell'apparato respiratorio ed a infezioni intestinali) Fonte: elaborazioni su dati Ministero della Salute, 2001 e 2003

31 il profilo di salute dell'immigrato dati SDO 1998 e 2000 day hospital 2000: 38,0% aborto indotto: 1998: 33,7% // 2000: 38,0% Italiane 2000: 3,8% Nel 2000 il 16% di tutte le ivg sono state effettuate da straniere 2000: 3,3% infezione da hiv: 1998: 4,1% // 2000: 3,3% Italiani 2000: 0,9% 2000: 2,4% tubercolosi: 1998: 2,4% // 2000: 2,4% Italiani 2000: 0,2% Fonte: elaborazioni su dati Ministero della Salute, 2001 e 2003

32 3. SDO Ministero 1998, 2000 e … Sdo regionali Fonte: ministero salute istat Agenzie sanitarie...

33 i Oggi: profil i di salute degli immigrati Salvatore Geraci, Roma 2002 effetto migrante sano emersione aree critiche materno infantile, traumatismi/infortunistica, malattie infettive soggetti a maggior rischio giovani donne; lavoratori edilizia, industria, agricoltura; clandestini richiedenti asilo; emarginati gravi Stretta relazione con le politiche dintegrazione (progressivo indebolimento)

34 ESITI ALLA NASCITA (ITALIA ) Parto pretermine (< 37 sett.) (< 32 sett.) Basso peso alla nascita (< 2500 g) (< 1500 g) Asfissia neonatale Nati mortalità Mortalità neonatale precoce 12% 1% 7% 1,2% 1% 3 2 Nati da madri immigrate 15% 2% 10% 2,4% 2% 4 8 Nati da madri italiane Fonte: Bona et al. (S.I.P. - G.B.I.) 1998

35 ANNI % PERCENTUALE DI IVG EFFETTUATE DA DONNE NATE ALLESTERO. ITALIA, A. Spinelli, Asp Lazio, 2003 Fonte: ISS, ISTAT e Ministero della Salute

36 TASSI DI ABORTIVIT À VOLONTARIA PER DONNE RESIDENTI IN ITALIA, SECONDO LA CITTADINANZA E LE CLASSI D ET À – ,5 12,0 12,2 11,1 5,3 0,5 9,1 55,0 44,0 31,4 23,6 10,0 0,7 32,5 Et à Cittadinanza italiana straniera ISS A. Spinelli, Asp Lazio, 2003

37 Infortuni per i lavoratori nati allestero per i 7 settori lavorativi con maggior numero di infortuni e confronto con il totale nazionale anno 2001 Costruzioni , ,78,6 Industria metalli , ,412,9 Att.imm. - pulizie , ,19,5 Trasporti , ,15,7 Agrindustria , ,5 0,2 Industria mecc , ,88,1 Commercio , ,7 4,3 TOTALE ,7 SETTORI infortuni nati estero infortuni tutti lavoratori Incidenza % nati estero Fonte: Istituto Italiano di Medicina Sociale, 2004

38 ITALIA. Concentrazione degli infortuni per regioni e per settori (2001) RegioneSettori ad alta concentrazione PiemonteCostruzioni 16,2 – Industria metalli 13,9 – Attività Immobiliari 9,0 Valle dAostaCostruzioni 47,7 – Alberghi e ristoranti 11,4 – Attività immobiliari 8,3 LombardiaIndustria metalli 18,6 - Costruzioni 12,0 – Trasporti 7,2 Trentino Alto AdigeCostruzioni 19,4 – Alberghi e ristoranti 10,9 – Agrindustria 8,4 VenetoIndustria metalli 16,7 – Costruzioni 12,8 – Industria meccanica 6,4 Friuli Venezia GiuliaIndustria metalli 17,5 – Costruzioni 14,7 – Attività immobiliari 7,9 Liguria Costruzioni 31,2 – Alberghi e ristoranti 8,8 – Trasporti 6,5 Emilia RomagnaIndustria metalli 14,6 – Costruzioni 12,1 –Attività immobiliari 8,9 ToscanaCostruzioni 20,9 – Agrindustria 12,0 – Trasporti 6,6 UmbriaCostruzioni 26,5 – Industria metalli 11,8 – Agrindustria 9,4 MarcheIndustria metalli 15,5 - Costruzioni 14,6 - Industria conciaria 6,6 LazioCostruzioni 15,3 – Alberghi e ristoranti 11,7 – Commercio 9,7 AbruzzoCostruzioni 17,4 – Industria metalli 10,1 – Commercio 8,4 MoliseAgrindustria 18,6 – Costruzioni 12,4 – Commercio 12,4 CampaniaAgrindustria 11,7 – Costruzioni 10,7 – Trasporti 8,5 PugliaAgrindustria 13,5 – Costruzioni 11,8 – Commercio 9,7 BasilicataAgrindustria 17,2 – Costruzioni 13,9 - Ind. Mezzi trasporto 10,6 CalabriaCostruzioni 15,8 – Commercio 15,3 – Agrindustria 14,8 SiciliaAgrindustria 23,9 – Costruzioni 14,3 – Commercio 11,8 SardegnaAgrindustria 11,8 – Costruzioni 11,3 – Alberghi e ristoranti 9,7 Italia Costruzioni 14,5 - Industria metalli 14,3 - Attività immobiliari 6,8 FONTE: Istituto Italiano di Medicina Sociale- Dossier Statistico Immigrazione. Elaborazioni su dati INAIL

39 Nel periodo , in Italia stranieri e italiani diagnosticati con AIDS La proporzione di stranieri tra i casi è cresciuta dal 3% nel 1992 al 16% nel 2000 Indagine nazionale sullincidenza dellAIDS tra gli stranieri in Italia: risultati preliminari Percentuale di stranieri tra i casi di AIDS in Italia.Anni UO Studio dei Fenomeni Migratori Per gentile concessione di G. Baglio, Asp Lazio:

40 Lincidenza aumenta da 42 a 44 per nei maschi e da 14 a 21 nelle femmine, tra il 1992 e il 1997; nel periodo diminuisce a 27 per nei maschi e a 18 nelle femmine Indagine nazionale sullincidenza dellAIDS tra gli stranieri in Italia: risultati preliminari Incidenza dellAIDS tra gli stranieri in Italia, per sesso. Anni UO Studio dei Fenomeni Migratori Per gentile concessione di G. Baglio, Asp Lazio:

41 Aggiornamento dei flussi informativi sanitari Lesempio della regione LAZIO DGR 1455 del : SIAS (assistenza specialistica ambulatoriale) - cittadinanza (1.7.03) NOTA ASSESSORE 472 del : SIES (pronto soccorso) - cittadinanza ( ) NOTA ASP del : SIO (sistema informativo ospedaliero) - stp ( )

42 4. Aree critiche materno infantile (sdo, …) ivg (istat, iss,...) lavoro (inail, …) registro nazionale aids (iss) schede malattie infettive attività specifica

43 Dal 1995 Monitoraggio su atti normativi (dal 1988) Leggi regionali, Delibere di Giunta e Consiglio, Circolari e Note... - Piani Sanitari Regionali Immigrazione e salute Osservatorio sulle Politiche sanitarie locali per immigrati e zingari Area sanitaria S.I.M.M e 2002 due Rapporti Abstracts Area Sanitaria Caritas Roma, 2003

44 Non cè automatismo tra buona legge e applicazione coerente e diffusa Le Regioni nel passato hanno supplito alla confusione e alla carenza normativa Alle Regioni oggi viene richiesta, più di prima, unazione di governo che implementi, a livello locale, limpostazione nazionale ed i percorsi assistenziali e per lintegrazione Immigrazione e salute Politiche locali Area Sanitaria Caritas Roma, 2003

45 Non cambia nulla dellimpostazione precedente Iscrizione al SSN per i regolarizzandi Osservatorio sulle Politiche sanitarie locali per immigrati e zingari Legge n° 189 del 30 luglio 2002 Modifica alla normativa in materia di immigrazione e di asilo 1.X 28.X 17.X 28.X 12.XI 29.X 4.XI 17.X 20.XII 25.X 23.XII Area Sanitaria Caritas Roma, 2003 V.03 VII.03

46 Osservatorio sulle Politiche sanitarie locali per immigrati e zingari Salvatore Geraci e Barbara Martinelli, 2002


Scaricare ppt "Rapporto Osservasalute 2004...in una società multietnica."

Presentazioni simili


Annunci Google