La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009 1 La contabilità analitica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009 1 La contabilità analitica."— Transcript della presentazione:

1 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ La contabilità analitica

2 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Elementi base La contabilità generale analizza limpresa nel suo complesso La contabilità analitica comprende quali prodotti e unità organizzative sono responsabili dei risultati dellimpresa

3 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Obiettivi specifici Determinare correttamente il valore delle scorte di semilavorati; Rilevare il livello di profittabilità dei prodotti; Misurare le prestazioni di una unità organizzativa.

4 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Concetto di costo Per costo si intende: il valore, espresso in termini monetari, del consumo delle risorse impiegate per il raggiungimento di un obiettivo prefissato (quale la realizzazione di un prodotto, lerogazione di un servizio, il funzionamento di ununità organizzativa...) Le voci di costo elementari possono essere aggregate secondo diversi criteri, in relazione allo specifico obiettivo che ci si prefigge nellanalisi Esistono diverse classificazioni dei costi

5 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Tipologie di costo Logiche di classificazione dei costi: 1.costi di prodotto e periodo (in relazione alla natura del costo); 2.costi diretti e indiretti (in relazione al grado di attribuzione univoco ad un prodotto); 3.costi fissi e variabili (in relazione al livello dellattività dellimpresa); 4.evitabili e non evitabili (in relazione alla loro rilevanza decisionale).

6 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Costi di prodotto Rappresentano il valore delle risorse associabili, in modo diretto o indiretto, alla realizzazione di un prodotto/servizio Costo dei materiali diretti (materie prime, componenti) Costo del lavoro diretto Costi indiretti di produzione o overheads di produzione Costi indiretti fissi (affitti di locazione, ammortamento) Costi indiretti variabili (energia, lavoro indiretto)

7 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Costi di periodo Comprendono attività non direttamente associabili alla realizzazione di un prodotto –esempio: costi di ricerca e sviluppo, spese amministrative, generali e di vendita

8 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Calcolo delle voci di costo Costo di lavoro diretto + costi indiretti di produzione = COSTO DI CONVERSIONE Costo di conversione + costi dei materiali diretti = COSTO PIENO INDUSTRIALE Costo pieno industriale + costi di periodo = COSTO PIENO AZIENDALE

9 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Costi diretti e indiretti Un costo si dice diretto se può essere attribuito in modo univoco ed inequivocabile ad un determinato prodotto Esempi: –costi delle materie prime/componenti utilizzate per produrre un determinato prodotto – costi della manodopera diretta (addetta a lavorazioni ripetitive, standardizzabili e cronometrabili) –costi specifici di un prodotto (macchinario utilizzato unicamente per un prodotto, prove o certificazioni specifiche, ecc.) Tutte le altre voci di costo vanno considerate come indirette (risorse comuni a più prodotti)

10 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Costi fissi e variabili Costi fissi: costi che restano inalterati nellambito di un intervallo significativo del livello di attività nel breve periodo; Costi variabili: costi che dipendono dallindicatore del livello dellattività Costo Livello dellattività Costi semivariabili Costi fissi Costi variabili

11 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Costi evitabili e non evitabili Costi evitabili: sono quelli influenzati dalla decisione Costi non evitabili: sono quelli che non dipendono dalla decisione e che vengono sostenuti qualunque sia lesito Dipendono dallorizzonte temporale di riferimento e dallentità di variazione del livello di attività

12 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Il sistema di contabilità analitica Classifica le voci di costo e di ricavo perdestinazione e non per natura; Per ogni risorsa consumata, associa il costo relativo ad un oggetto di costo, cioè allunità organizzativa e/o prodotto che ne è responsabile

13 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ I metodi di product costing Lattribuzione delle voci di costo ai prodotti può avvenire con modalità distinte, a seconda dello specifico metodo di costing utilizzato Si individuano quattro metodi di product costing (corrispondenti a logiche diverse): 1.JOB ORDER COSTING 2.PROCESS COSTING 3.OPERATION COSTING 4.ACTIVITY BASED COSTING

14 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Rilevazione dei costi di prodotto I vari metodi si differenziano per il numero e il tipo di voci che vengono attribuite ai prodotti rispettando il criterio causale, piuttosto che allocate con criterio proporzionale

15 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Job Order Costing

16 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Definizione Il JOC utilizza come elemento base per lattribuzione dei costi il job, composto da una singola unità o da un lotto omogeneo di prodotti

17 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Lo schema logico del JOC M.D. L.D. OVH JOB 1 REP A REP B REP C MAG. PP.FF.

18 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ JOC: il job-order record Il documento fondamentale del job order costing è il job order record, o job-cost sheet: si tratta della scheda in cui vengono annotate tutte le voci di costo associabili al job durante la sua lavorazione (nel momento in cui tali costi sono sostenuti) MAT. DIRETTILAVORO DIRETTO OVERHEAD Data Rif. Q.tà Valore Data Rif. Valore JOB N. _____Data inizio _________Cliente_________ COD. ______Data termine ________Priorità_________ Rip. TOT

19 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Allocazione dei costi indiretti Si determina il coefficiente di allocazione: OVH totali (sostenuti nel centro di costo) K = BA totale (impiego di tutti i job transitati per il centro) Si allocano allo specifico job j-esimo costi indiretti pari a: K * BA j –dove BAj rappresenta lutilizzo della base di allocazione da parte del job j-esimo

20 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Costo del job Costo totale del job (CPI) = MD + LD + OVHj Costo unitario di produzione = CPI/n. unità del job Costi del job WIP = valore scorte WIP Costi del job PF = valore scorte PF

21 Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/ Impiego del job costing È un metodo preciso, ma oneroso; Adatto per imprese che operano per commessa singola o ripetuta, con lotti di produzione piccoli, al limite unitari


Scaricare ppt "Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009 1 La contabilità analitica."

Presentazioni simili


Annunci Google