La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università della Terza Età e del Tempo disponibile – San Martino Buon Albergo docente: prof. Cecilia Chiumenti UMBERTO SABA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università della Terza Età e del Tempo disponibile – San Martino Buon Albergo docente: prof. Cecilia Chiumenti UMBERTO SABA."— Transcript della presentazione:

1 Università della Terza Età e del Tempo disponibile – San Martino Buon Albergo docente: prof. Cecilia Chiumenti UMBERTO SABA

2 Trieste Ho attraversata tutta la città. Poi ho salita un'erta, popolosa in principio, in là deserta, chiusa da un muricciolo: un cantuccio in cui solo siedo; e mi pare che dove esso termina termini la città. Trieste ha una scontrosa grazia. Se piace, è come un ragazzaccio aspro e vorace, con gli occhi azzurri e mani troppo grandi per regalare un fiore; come un amore con gelosia. Da quest'erta ogni chiesa, ogni sua via scopro, se mena all'ingombrata spiaggia, o alla collina cui, sulla sassosa cima, una casa, l'ultima, s'aggrappa. Intorno circola ad ogni cosa un'aria strana, un'aria tormentosa, l'aria natia. La mia città che in ogni parte è viva, ha il cantuccio a me fatto, alla mia vita pensosa e schiva.

3 Umberto Saba (pseudonimo di Umberto Poli) nasce a Trieste il 9 marzo I genitori hanno caratteri diversissimi (spensierato il padre, severa la madre di origini ebraiche). Il padre abbandona la famiglia, la madre affida il piccolo a una balia (Peppa Sabaz). Trauma affettivo. Fa studi irregolari, legge in modo appassionato. Sposa nel 1909 Carolina (Lina) Woefler, ha una figlia. Nel 1919 acquista a Trieste una libreria antiquaria. Nel 1921 esce la prima edizione del Canzoniere.(altre edizioni sono del 1945,1948, 1957 e 1961) Incontro con la psicoanalisi. Fra il 1920 e il 1930 escono altre raccolte poetiche (Autobiografia e Preludio e fughe). Le persecuzioni razziali lo costringono a nascondersi a Firenze (in casa di Montale). Dopo la guerra alterna a periodi di serenità altri di depressione. Muore a Gorizia nel Oltre allopera poetica ha scritto prose molto originali, come: Ricordi- Racconti, Scorciatoie e raccontini (135 aforismi) e un romanzo incompiuto, Ernesto.

4 Umberto Saba

5 Saba: arretratezza e modernità Saba: formazione in parte italiana e in parte austro/tedesca. Trieste rimase estranea alle avanguardie letterarie, egli si formò sulla tradizione classica (Petrarca, Leopardi, Carducci, Pascoli, DAnnunzio). Opportunità di leggere e conoscere in anticipo altre figure come Nietsche e Freud (a lungo ignorati dalla massa degli italiani). Psicanalisi (egli fu in terapia da un allievo di Freud). Per Saba la psicanalisi offre una chiave di decifrazione dellinteriorità nascosta in ciascuno di noi. La poesia del Canzoniere può apparire arretrata, facile, narrativa, in realtà è una delle più originali del Novecento. Diversamente da DAnnunzio (che si ritiene un vate, cioè un uomo superiore agli altri, perché in possesso di verità), Saba attribuisce alla poesia una funzione psicologia e sociale. Il poeta deve essere «onesto» e può esserlo solo cercando nel fondo del proprio io le verità più nascoste e intime. Alla radice di tutto cè leros, ovvero il principio di piacere. La poesia deve esprimere questa segreta radice unificante. Saba vuole sentirsi «fra gli uomini/un uomo», aspirando a vivere «la vita/di tutti», a «essere come tutti/gli uomini di tutti/ i giorni.

6 Il Canzoniere Raccoglie tutta la produzione poetica di Saba, dal 1900 al La scelta del titolo rivela una chiara volontà di riconnettersi con la tradizione lirica italiana (il Canzoniere di Petrarca). Pur essendo suddiviso in 3 LIBRI, è unopera UNITARIA, con un aspetto «narrativo» dei testi, tanto da poterlo definire quasi «un romanzo». In realtà non si tratta tanto del racconto di una vita, quanto del racconto della ricerca intorno al significato di quella vita, il racconto cioè di unauto-analisi. Tematica centrale: la scissione dellio, che affonda le sue radici nellinfanzia (nucleo della nevrosi che accompagnerà Saba). Altro tema: lamore, leros, pulsione vitale. Alla base del libro il rifiuto per la poesia come «artificio» e la ricerca della «chiarezza» e «onestà». Altro elemento di originalità: S. è lunico grande poeta del Novecento a conservare intatta fiducia nelle forme metriche della tradizione.

7 A mia moglie, da Casa e campagna vol. 1^ Tu sei come una giovane, una bianca pollastra. Le si arruffano al vento le piume, il collo china per bere, e in terra raspa; ma, nellandare, ha il lento tuo passo di regina, ed incede sullerba pettoruta e superba: E migliore del maschio. E come sono tutte le femmine di tutti I sereni animali che avvicinano a Dio. Così se locchio, se il giudizio mio non singanna, fra queste hai le tue eguali e in nessunaltra donna. Quando la sera assonna le gallinelle, mettono voci che ricordan quelle, dolcissime, onde a volte dei tuoi mali ti quereli, e non sai che la tua voce ha la soave e triste musica dei pollai. Tu sei come una gravida giovenca: libera ancora e senza gravezza, anzi festosa; che, se la lisci, il collo volge, ove tinge un rosa tenero la sua carne Se lincontri e muggire lodi, tanto è quel suono lamentoso, che lerba strappi, per farle dono: E così che il mio dono toffro quando sei triste.

8 Tu sei come una lunga cagna, che sempre tanta dolcezza ha negli occhi, e ferocia nel cuore. Ai tuoi piedi una santa sembra, che dun fervore indomabile arda, e così ti riguarda come il suo Dio e Signore. Quando in casa o per via segue, a chi solo tenti avvicinarsi, i denti candidissimi scopre. Ed il suo amore soffre di gelosia. Tu sei come la pavida coniglia. Entro langusta gabbia ritta al vederti salza e verso te gli orecchi alti protende e fermi; Che la crusca e i radicchi tu le porti, di cui priva in sé si rannicchia, cerca gli angoli bui. Chi potrebbe quel cibo ritoglierle? chi il pelo che si strappa di dosso, per aggiungerlo al nido dove poi partorire? Chi mai farti soffrire? Tu sei come la rondine che torna in primavera: Ma in autunno riparte; e tu non hai questarte. Tu questo hai della rondine: le movenze leggere; questo che a me, che mi sentiva ed era vecchio, annunciavi unaltra primavera. Tu sei come la provvida formica. Di lei, quando escono alla campagna, parla al bimbo l nonna che laccompagna. E così nella pecchia ti ritrovo, ed in tutte Le femmine di tutti i sereni animali che avvicinano a Dio; E in nessunaltra donna.

9 Mio padre è stato per me «lassassino», da Autobiografia, vol. 2^ Mio padre è stato per me «lassassino, fino ai ventanni che lho conosciuto. Allora ho visto chegli era un bambino, e che il dono chio ho da lui lho avuto. Aveva in vo il mio sguardo azzurrino, un sorriso, in miseria, dolce e astuto. Andò pel mondo pellegrino; più duna donna lha amato e pasciuto. Egli era gaio e leggero; mia madre tutti sentiva della vita i pesi. Di mano ei gli sfuggì come un pallone. «Non somigliare – ammoniva – a tuo padre». E io più tardi in me stesso lo intesi: Eran due razze in antica tenzone.

10 Città vecchia, da Trieste e una donna, 1910 Spesso, per ritornare alla mia casa prendo unoscura via di città vecchia. Giallo in qualche pozzanghera si specchia qualche fanale, e affollata è la strada. Qui tra la gente che viene che va dallosteria alla casa o al lupanare, dove son merci ed uomini il detrito di un gran porto di mare, io ritrovo, passando, linfinito nellumiltà. Qui prostituta e marinaio, il vecchio che bestemmia, la femmina che bega, il dragone che siede alla bottega del friggitore, la tumultuante giovane impazzita damore sono tutte creature della vita e del dolore; sagita in esse, come in me, il Signore. Qui degli umili sento in compagnia il mio pensiero farsi più puro dove più turpe è la via.

11 Amai Amai trite parole che non uno osava. Mincantò la rima fiore amore, la più antica difficile del mondo. Amai la verità che giace al fondo; quasi un sogno obliato, che il dolore riscopre amica. Con paura il cuore le si accosta, che più non labbandona. Amo te che mi ascolti e la mia buona carta lasciata al fine del mio gioco.


Scaricare ppt "Università della Terza Età e del Tempo disponibile – San Martino Buon Albergo docente: prof. Cecilia Chiumenti UMBERTO SABA."

Presentazioni simili


Annunci Google