La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano nazionale della prevenzione. Come è nato il Piano nazionale della prevenzione ? (1) 2004: il Ministero della Salute e gli Assessori regionali concordano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano nazionale della prevenzione. Come è nato il Piano nazionale della prevenzione ? (1) 2004: il Ministero della Salute e gli Assessori regionali concordano."— Transcript della presentazione:

1 Piano nazionale della prevenzione

2 Come è nato il Piano nazionale della prevenzione ? (1) 2004: il Ministero della Salute e gli Assessori regionali concordano ladozione di un Piano nazionale di prevenzione attiva, coordinato dal CCM 2005: intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome. Si decide di adottare piani regionali (provinciali) per la realizzazione degli interventi previsti dal Piano nazionale della prevenzione

3 Come è nato il Piano nazionale della prevenzione ? (2) Nascono i piani regionali di prevenzione : con lapprovazione del Piano sanitario nazionale 2006/2008 il Piano nazionale della prevenzione 2005/2007 viene confermato al 2008 Benchè la PAT non sia tenuta formalmente alladozione di un Piano provinciale di prevenzione attiva, pare tuttavia opportuno operare un riallineamento a tale strumento e alla sua metodologia operativa

4 Gli ambiti di intervento

5 I 4 capitoli del Piano nazionale della prevenzione Prevenzione delle patologie cardio- vascolari Prevenzione della patologia tumorale Prevenzione degli incidenti Vaccinazioni

6 Il nuovo Piano nazionale della prevenzione

7 Obiettivi del nuovo PNP Porre al centro del progetto salute la persona e la comunità di cui la persona è parte, valorizzando gli esiti più che i processi Considerare la prevenzione rivolta ai problemi e, conseguentemente, agli obiettivi

8 Obiettivi del nuovo PNP Prevenzione come promozione della salute: interventi che potenziano i determinanti positivi e che controllano i determinanti negativi, sia individuali che ambientali Prevenzione come individuazione del rischio: screening di popolazione e medicina predittiva Prevenzione come gestione della malattia e delle sue complicanze: adozione di protocolli diagnostico- terapeutico-riabilitativi fondati sullevidenza di efficacia, con standard di qualità, con verifiche e monitoraggio

9 Le 4 macro-aree del piano 1. La medicina predittiva 2. La prevenzione universale 3. La prevenzione nella popolazione a rischio 4. La prevenzione della complicanze e recidive di malattia

10 La medicina predittiva Prevenire mortalità e morbosità mediante la valutazione del rischio individuale Esempio: estendere lutilizzo della carta del rischio cardiovascolare

11 La prevenzione universale (1) Area della sicurezza: finalizzata alla prevenzione degli eventi infortunistici in ambito stradale, lavorativo e domestico La prevenzione di abitudini, comportamenti, stili di vita non salutari La prevenzione oncologica anche attraverso gli screening (vedi capitolo 4)

12 La prevenzione universale (2) La prevenzione delle esposizioni ad agenti chimici, fisici e biologici, che comprende: le malattie suscettibili di vaccinazione e le infezioni correlate allassistenza sanitaria; le malattie causate da alimenti e bevande; le malattie professionali ed in ambito lavorativo; le malattie correlate allinquinamento.

13 La prevenzione nella popolazione a rischio (1) Tumori: screening oncologici Patologia cardiovascolare: valutazione precoce del rischio e percorsi diagnostico- terapeutici Diabete: individuazione precoce e gestione integrata della malattia Malattie respiratorie croniche: riduzione del rischio ambientale e professionale, informazione, educazione

14 La prevenzione nella popolazione a rischio (2) Malattie osteo-articolari: individuare la diffusione di tali patologie, predisporre percorsi diagnostici, potenziare la diffusione di programmi di supporto Patologie orali: prevenzione delle patologie odontoiatriche, spt in età evolutiva, gestione integrata di tali patologie, attivazione di programmi di prevenzione Disturbi psichiatrici: lotta alla depressione e contrasto ai DCA

15 La prevenzione nella popolazione a rischio (3) Le malattie neurologiche: rivedere i percorsi assistenziali e la procedura di concessione dellinvalidità civile. Cecità e ipovisione: impatto psicosociale molto rilevante. Individuazione precoce e idonei percorsi diagnostico-terapeutico- riabilitativi. Ipoacusia e sordità: individuazione precoce ed idonei percorsi diagnostico-terapeutico- riabilitativi.

16 La prevenzione della complicanze e recidive di malattia Protezione e promozione della salute nellanziano Prevenzione di fattori comportamentali di rischio Introdurre modelli assistenziali rispondenti ai bisogni delle famiglie Favorire lintegrazione dellanziano e del disabile nella pianificazione urbanistica ed edilizia (strutture abitative, ma anche residenziali collettive)

17 Le difficolt à e le opportunit à offerte dal PNP

18 Cosa è necessario una definizione accurata degli obiettivi unanalisi realistica e documentata del contesto provinciale o locale il coinvolgimento attivo dei vari gruppi di interesse la costruzione di alleanze e reti, spesso intersettoriali lattivazione di sinergie tra i livelli istituzionali e quanti concretamente agiscono sul territorio

19 Interventi che richiedono interdisciplinarietà, interprofessionalità, intersettorialità Meccanismo della pianificazione con rischi di forte inerzia iniziale Staff regionali, a volte minuscoli, messi alla prova dalla esigenza di pianificare in ben 13 diverse aree Rischio di costruire un castello di carte Difficolt à

20 Opportunit à Misurarsi con problemi attuali per rinnovarsi Sperimentare una modalità di lavoro coordinata: un piano nazionale rispettoso delle esigenze locali Utilizzare la valutazione per sviluppare lazione Ricercare sinergie e coerenze tra piano, progetti CCM, altre iniziative istituzionali

21 Ministero della Salute

22 Dal Welfare State: orientato allassistenza dei soggetti in difficoltà (salute bene distribuito dallo Stato) alla Welfare Community: in cui tutti contribuiscono alla conquista e al mantenimento del bene saluteBenessere Prevenire le malattie croniche è possibile

23 Una nuova strategia per la salute Mettere le persone al centro dellagire informare educare assistere stimolare la responsabilità individuale I cittadini diventano partner attivi della promozione della salute Sviluppare sinergie per i cittadini Amministrazioni centrali Amministrazioni locali (Regioni, Province, Comuni) Servizio Sanitario Nazionale Professionisti della salute Scuola Mondo del lavoro e dellindustria Associazionismo, Volontariato e Privato sociale Azioni e politiche concrete per facilitare le scelte salutari 23

24 La prevenzione delle Malattie Croniche PoliticheAgricole Mondo della Scuola Politiche Trasporti Urbanistiche PoliticheEconomiche Giovani e tempo libero Sistema Sanitario la salute in tutte le politiche

25 Guadagnare Salute La Piattaforma Ministero Salute Dipartimento Politiche Famiglia Dipartimento Pari Opportunità Dipartimento Politiche giovanili Ministero Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Ministero Pubblica Istruzione Ministero Sviluppo Economico Ministero Economia e Finanze Ministero Trasporti Ministero Ambiente Conferenza Stato-Regioni Associazione Nazionale Comuni Italia Istituto Superiore Sanità Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza Lavoro Istituto Nazionale Ricerca Alimenti e Nutrizione

26 Guadagnare Salute Ministero Pubblica Istruzione (Comitato Paritetico) Dipartimento Politiche giovanili AltroconsumoSindacati Filiera Alimentare Filiera Alimentare Slow Food UNIPRO Consumatori Consumatori Gli 8 protocolli dintesa

27 Le Associazioni firmatarie dei protocolli dintesa Guadagnare Salute ALTROCONSUMOACUADICONSUMADOCCODACONSCONFCONSUMATORICGILCISLUIL SLOW FOOD ITALIA UNIPROCOLDIRETTICONFAGRICOLTURACONFCOOPERATIVECIACONFESERCENTICOPAGRILEGACOOPFEDERALIMENTARECONFCOMMERCIOFEDERCONSUMATORI LEGA DEI CONSUMATORI

28 Le stanze della prevenzione nella casa della salute Sono nel distretto sanitario Nello studio del pediatra e del medico di famiglia Nella farmacia Nellambulatorio

29 Chi sono i protagonisti? i cittadini gli operatori distrettuali della prevenzione il pediatra ed il medico di famiglia il farmacista ma anche : la scuola il comune

30 Per fare cosa? Misurare il cardiorischio Governare il diabete Prevenire lobesità Disincentivare labitudine al fumo e il consumo di alcol Promuovere lattività fisica Promuovere una sana alimentazione Vaccinare …

31 Messaggi chiave

32 Messaggi chiave (1) Le malattie non trasmissibili sono responsabili della maggior parte delle morti, delle sofferenze e dei costi sanitari I costi sanitari e sociali delle malattie non trasmissibili non saranno più sostenibili per i sistemi sanitari I principali fattori di rischio sono noti e modificabili, in quanto correlati a stili di vita non salutari o condizioni modificabili

33 Messaggi chiave (2) La prevenzione delle malattie croniche è un investimento Gli interventi devono essere efficaci Bisogna creare ambienti che favoriscano la scelta di comportamenti salutari I governi, le politiche devono utilizzare ogni opportunità per promuovere la salute

34 Il consumo di alcol in Provincia di Trento I risultati del sistema di monitoraggio PASSI 2011

35 Alcol e salute Lalcol è associato a numerose malattie (oltre 60): Malattie cardiovascolari Tumori Cirrosi del fegato Diabete mellito Malattie neuropsichiatriche Problemi di salute materno-infantile Malattie sessualmente trasmesse Dipendenze Lalcol è un importante causa di traumi: Violenza Incidenti stradali Infortuni sul lavoro Suicidio Il danno causato dall'alcol si estende alle famiglie e alla collettività

36 Quantità di alcol e rischi per la salute La quantità giornaliera massima di alcol per un consumo considerato moderato si è abbassata notevolmente a seguito dellavanzare delle ricerche sullargomento: p.es. nel caso del tumore alla mammella il rischio risulta aumentato anche per quantità modeste di alcol

37 Obiettivo di sanità pubblica Riduzione delle quantità di alcol consumate: meno è meglio! non più di 2 bicchieri per gli uomini; non più di 1 bicchiere per le donne e solo ai pasti in nessun caso il consumo di alcol deve essere raccomandato per motivi di salute Eliminazione del consumo in determinate situazioni o condizioni guida, lavoro, gravidanza, allattamento, preadolescenza e adolescenza, obesità, presenza di patologie, uso di farmaci, presenza di problemi alcol-correlati

38 Consumatore a maggior rischio consumo abituale elevato o binge drinking o consumo prevalentemente fuoripasto

39 Popolazione adulta anni Sistema PASSI 2011

40 Consumo a maggior rischio N.B.: I consumatori a rischio possono essere presenti in più di una delle tre categorie di rischio (fuoripasto/binge/bevitore non moderato), quindi la somma delle singole categorie fa più di 26

41 Consumo a maggior rischio

42 Consumo a maggior rischio per distretto sanitario La prevalenza di consumatori di alcol a maggior rischio è pressoché identica nei quattro distretti sanitari

43 Consumo a maggior rischio andamento nel tempo Nessuna significativa variazione nel tempo della prevalenza di consumo di alcol a maggior rischio In particolare, per tutto il quadriennio , il consumo abituale elevato risulta stabile attorno al 5-6%, il consumo fuori pasto risulta stabile attorno al 17%

44 In numeri assoluti… Si stima quindi che circa persone residenti in Trentino siano consumatori a maggior rischio Il consumo a maggior rischio è più frequente tra i giovani dai 18 ai 34 anni (in modo particolare tra i 18-24enni) tra gli uomini nessuna associazione con istruzione e reddito

45 Attenzione e consigli da parte dei sanitari Solo una persona su cinque (21%) di quelle intervistate in Trentino riferisce che il proprio medico si è interessato del loro consumo di alcol Solo il 7% dei consumatori a rischio riceve il consiglio di bere meno

46

47

48 Riassumendo La maggior parte degli intervistati in provincia di Trento non beve alcol o ne beve moderatamente Circa un terzo riferisce dei consumi a rischio a particolare rischio: giovani e uomini I consigli dei sanitari sono efficaci nella promozione di sani stili di vita, ma numerosi professionisti fanno ancora fatica a inquadrare correttamente il livello di rischio legato allalcol Una minoranza (8%) della popolazione continua a mettere a repentaglio la propria vita e quella degli altri guidando sotto leffetto dellalcol

49 Interventi di provata efficacia Interventi di counselling (anche brevi) da parte dei medici di famiglia Politiche e normative che intervengono sulla commercializzazione dellalcol far diventare lalcol più caro, meno facilmente reperibile ed eliminare la pubblicità di bevande alcoliche Aumento dei controlli alla guida Interventi di informazione ed educazione: utili per aumentare lattenzione sullargomento e per favorire laccettazione pubblica di politiche e misure rivolte alla riduzione del consumo Fonte: Evidence for the effectiveness and cost–effectiveness of interventions to reduce alcohol-related harm, World Health Organisation, 2009

50 Un esempio: Legge della Provincia Autonoma di Trento 19/2010* Estende il divieto di somministrazione e vendita di alcol ai minori di 18 anni (invece dei 16 anni) Incentiva la somministrazione di bevande analcoliche Risponde quindi ai criteri OMS per interventi efficaci e costo-efficaci per ridurre la mortalità, la morbosità e i traumatismi legati allalcol è una legge che promuove la salute! Occorre farla conoscere e rispettare * La legge è scaricabile presso:

51 Possibili interventi delle amministrazioni dei Comuni Delibere su feste autorizzate dai Comuni: Divieto di intitolare la manifestazione ricorrendo a termini ascrivibili a prodotti alcolici Divieto di somministrazione di superalcolici Sospensione della mescita dopo le ore 2 Obbligo di esibire materiale informativo sul consumo nocivo Prezzo degli alcolici non inferiore a quello normale Almeno una serata senza alcol

52 Altri possibili interventi Contrastare gli happy hour Limiti alla sponsorizzazione Incrementare i controlli con etilotest anche in orari diurni Alle feste e sagre più bevande analcoliche di buona qualità e a minor prezzo Corsi per baristi

53 Alimentazione e stato nutrizionale I risultati del sistema monitoraggio PASSI,

54 Contesto Una sana alimentazione (elevato consumo di frutta e verdura) ha un ruolo protettivo nei confronti di: malattie cardiovascolari e neoplasie (cavità orale, faringe, laringe, esofago, polmone, stomaco, colon-retto) OMS: se ogni cittadino dellUnione europea consumasse 600 grammi di frutta e verdura al giorno, si eviterebbero più di 135 mila morti allanno per malattie cardiovascolari 400 grammi al giorno, corrispondente a circa 5 porzioni (five a day), è la quantità minima consigliata Una sana alimentazione è anche più rispettosa dellambiente (doppia piramide) Una cattiva alimentazione (+ sedentarietà) => eccesso di peso

55 Sovrappeso e obesità Rischio aumentato per: diabete mellito tipo II ipertensione, malattie cardiovascolari disturbi delle articolazioni tumori (seno, colon-retto, pancreas, cistifellea, esofago, utero, rene) Per ogni aumento di 4 kg/m 2 dellIMC il rischio di infarto aumenta del 26% (1) Terapia è molto difficile: prevenzione e promozione della salute enorme importanza Comunque: nelle persone già in sovrappeso o obese lattività fisica riduce il rischio di malattie cardiovascolari indipendentemente dalleventuale riduzione di peso (1) Fonte: Nordestgaard BG, Palmer TM, Benn M, Zacho J, Tybjærg-Hansen A, et al. (2012) The Effect of Elevated Body Mass Index on Ischemic Heart Disease Risk: Causal Estimates from a Mendelian Randomisation Approach. PLoS Med 9(5)

56 Qual è lo stato nutrizionale della popolazione adulta? Trentino - PASSI, Il 60% dei trentini risulta normopeso, il 4% sottopeso, il 28% sovrappeso e l8% obeso Complessivamente il 36% della popolazione trentina presenta un eccesso ponderale Questo corrisponde a adulti obesi e circa adulti in sovrappeso in Trentino Risulta associato in maniera significativa alleccesso ponderale: per gli uomini, letà per le donne: letà, la bassa istruzione e la cittadinanza straniera

57 Confronto geografico Il Trentino ha la prevalenza di persone in eccesso ponderale tra le più basse in Italia Mediamente in Italia tale prevalenza è del 42% (32% persone in sovrappeso, 10% obese). Si osserva un chiaro gradiente nord-sud La prevalenza di eccesso ponderale appare più elevata lungo lasse est-ovest della provincia, con il distretto Est che presenta una prevalenza significativamente più elevata rispetto ai distretti Centro Nord e Centro Sud

58 Confronto nel tempo La prevalenza di persone in eccesso ponderale in Trentino pare stabile per il periodo , analogamente a quanto si registra anche a livello nazionale

59 Qual è lo stato nutrizionale dei bambini? Trentino – OKkio 2010 (n=931) Leccesso ponderale dei bambini è più frequente tra i bambini di madri sovrappeso/obese o con un basso livello di istruzione

60 Come considerano il proprio peso le persone intervistate? Trentino - PASSI, Quasi metà (43%) delle persone in sovrappeso è convinto di pesare più o meno giusto Emerge una diversa percezione del proprio peso per genere: tra le donne in sovrappeso il 28% considera il proprio peso più o meno giusto rispetto al 52% degli uomini

61 Come considerano le madri il peso del proprio bambino? Il 38% delle madri di bambini in sovrappeso e l11% della madri di bambini obesi pensa che il loro figlio sia sotto o normopeso La percezione risulta tanto più precisa quanto maggiore è la scolarità della madre Percezione da parte delle madri dello stato ponderale del proprio figlio Trentino – OKkio 2010 (n=931)

62 Quante persone sovrappeso/obese ricevono consigli di perdere peso? Trentino - PASSI, In Trentino il 55% delle persone in eccesso ponderale ha ricevuto il consiglio di perdere peso da parte di un medico o altro operatore sanitario il 47% delle persone in sovrappeso l80% delle persone obese Non ci sono variazioni significative negli anni o tra distretti Ma che impatto hanno percezione e consigli…?

63 Efficacia dei consigli e la percezione Trentino - PASSI, La proporzione di persone in eccesso ponderale che seguono una dieta è significativamente più alta: tra chi percepisce il proprio peso come troppo alto (30% vs il 13% di coloro che ritengono il proprio peso giusto) tra coloro che hanno ricevuto il consiglio da parte di un operatore sanitario (39% vs 15%).

64 Consumo di frutta e verdura Trentino - PASSI, Labitudine di mangiare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno (5 a day) è più diffusa nelle donne (22% vs 11% degli uomini) negli uomini il consumo di frutta e verdura risulta associato alletà >50 nelle donne sia alletà che alla cittadinanza italiana Non si osservano differenze in base al reddito/istruzione

65 Consumo di frutta e verdura Trentino - PASSI, Le abitudini dei trentini nel consumo di 5 porzioni di frutta e verdura è identico nei diversi distretti e non si modifica significativamente nel corso degli anni da vedere il dato del 2012 per verificare possibile trend in diminuzione

66 Abitudini alimentari giornaliere dei bambini Trentino – OKkio 2010 (n=931 ) Solo il 12% dei bambini consuma le dosi raccomandate di frutta e verdura Il 60% dei bambini beve meno di una volta la giorno bibite zuccherate (di cui il 6% mai); il 15,5% ne beve più di una al giorno

67 Riassunto 1/3 In Trentino lo stato nutrizionale della maggioranza della popolazione risulta nella norma ed è stabile nel tempo Leccesso ponderale è comunque abbastanza diffuso e costituisce un problema di salute pubblica rilevante, anche se meno pronunciato rispetto ad altre realtà italiane

68 Riassunto 2/3 Le persone con basso livello di istruzione e cittadinanza non italiana (soprattutto le donne e i loro figli) sono più a rischio di eccesso ponderale e di alimentarsi in maniera non ottimale Problema di equità sociale Interventi ne devono tenere conto

69 Riassunto 3/3 Corretta autopercezione e consigli dei medici/operatori sanitari sono efficaci nella modifica dei comportamenti Consigli: potrebbero essere più diffusi e più tempestivi (occorre diventare obesi per attirare lattenzione del medico…)

70 Importanza del contesto OMS: l'obesità risulta dalla reazione normale delle persone agli stimoli derivanti dall'ambiente obesogenico nel quale si trovano a vivere fornitura e marketing progressivamente crescenti di alimenti gustosi, ipercalorici e a basso costo occorre considerare le strategie di marketing dellindustria alimentare come una parte dei determinanti sociali della salute da affrontare con interventi specifici Tasse, etichettature, pubblicità, bando dei cibi spazzatura da determinati ambienti (scuole, ospedali, uffici pubblici) anche attraverso strumenti normativi (presentazione di Casonato et al. oggi pomeriggio)

71 Il coraggio di semplificare linformazione…

72 Labitudine al fumo in Provincia di Trento I risultati del sistema monitoraggio PASSI,

73 Impatto sulla salute Il fumo di tabacco è tra i principali fattori di rischio per linsorgenza di numerose patologie cronico- degenerative in particolare a carico dellapparato respiratorio e cardiovascolare Il fumo di tabacco è il maggiore fattore di rischio evitabile di morte prematura Si stima che fra i 70 e gli 80 mila decessi allanno, in Italia, siano attribuibili allabitudine al fumo con oltre un milione di anni di vita potenzialmente persi

74 Le otto cause maggiori di morte e le morti attribuibili al fumo di tabacco Fonte: WHO, World Health Statistics, 2008, * le altre malattie dovute al fumo di tabacco includono: cancro della bocca e dellorofaringe, cancro dellesofago, dello stomaco, del fegato e altre forme di tumore, malattie cardiovascolari diverse da Infarto ed ictus, diabete e malattie del tratto digerente

75 Alcune definizioni Fumatore Chi ha fumato più di 100 sigarette nella sua vita e attualmente fuma tutti i giorni o qualche giorno Ex-fumatore Chi ha fumato più di 100 sigarette nella sua vita e non fuma da oltre 6 mesi Fumatore in astensione Chi ha fumato più di 100 sigarette nella sua vita e attualmente non fuma da meno di 6 mesi (vengono contati come fumatori) Non fumatore Chi ha fumato meno di 100 sigarette nella sua vita e attualmente non fuma

76 I fumatori In Trentino, i fumatori rappresentano il 25% degli intervistati, gli ex fumatori il 24% e i non fumatori il 51% A livello nazionale la percentuale di fumatori è del 29%

77 Fumatori in provincia di Trento: prevalenze per caratteristiche sociodemografiche PASSI, Associato in maniera significativa alla fumo di sigaretta risulta per entrambi i sessi: la giovane età e lavere molte difficoltà economiche

78 Confronto geografico Fumatori PASSI, Mediamente in Italia la prevalenza di fumatori è del 29% Il confronto regionale presenta un range di variazione dal 25% di fumatori del Trentino e del Veneto al 32% dell'Abruzzo, del Lazio e dell'Umbria Lanalisi territoriale trentina non fa emergere differenze tra i distretti

79 Confronto nel tempo Fumatori Trentino - PASSI, In Trentino non si osserva una modifica nel tempo della prevalenza di fumatori (stabile attorno al 25% per tutto il quadriennio )

80 Il consiglio di smettere da parte di un sanitario Trentino - PASSI, Il consiglio di smettere di fumare è dato al 52% dei fumatori trentini, percentuale più bassa di quella media nazionale (57%) Il range a livello italiano varia dal 41% della Provincia Autonoma di Bolzano al 67% della Sardegna La percentuale di fumatori consigliati di smettere non subisce variazioni significative nel tempo (ma certamente non aumenta…)

81 Smettere di fumare Trentino - PASSI, In Trentino il 44% dei fumatori ha tentato di smettere nei 12 mesi precedenti lintervista (circa persone ogni anno), nel 10% con successo Tra chi ha cercato di smettere di fumare nellultimo anno, quasi tutti lhanno fatto da soli (95%)

82 Il rispetto del divieto di fumare Trentino - PASSI,

83 Interventi di contrasto Ostacolare iniziazione Interventi ambientali (disponibilità, prezzo, norme sociali) Interventi scolastici Interventi famigliari Interventi comunitari Interventi multicomponente Facilitare cessazione Interventi ambientali Consigli medici Centri anti-fumo (presentazione oggi pomeriggio) Modificato da: Fabrizio Faggiano, Workshop PASSI, Roma 7-8 aprile 2011

84 Ruolo dellinfluenza sociale (normative belief) Quello che viene percepito normale negli altri (pari o adulti) risulta essere un determinante del proprio comportamento (social cognitive theory, Bandura, 1986) Da: Fabrizio Faggiano, Workshop PASSI, Roma 7-8 aprile 2011

85 Da: Fabrizio Faggiano, Workshop PASSI, Roma 7-8 aprile 2011

86 Interventi ambientali per modificare linfluenza sociale Riduzione della disponibilità Limiti di vendita per età, orario, luoghi (ad esempio autogrill) etc Divieti di fumare in luoghi pubblici e sul lavoro Aumenti del costo (tassazione) Divieti di pubblicità Regolamentazione dei media Divieto di pubblicità indiretta nei film – WHO codici di autoregolamentazione media Policy scolastiche (RR=0.32 – Moore 2001) progetto La scuola che promuove la salute inserito nel Piano provinciale della prevenzione PAT Modificato da: Fabrizio Faggiano, Workshop PASSI, Roma 7-8 aprile 2011

87 Riassumendo (1/2) La maggioranza delle persone residenti in Trentino non fuma e tra i fumatori quasi la metà è volenterosa di smettere (ma tentano ancora quasi tutti da soli) In Trentino labitudine al fumo è meno diffusa rispetto a tutte le altre regioni italiane ed è stabile nel tempo Anche tra i giovani adulti la maggioranza delle persone non fuma, ma è comunque preoccupante lelevata prevalenza di fumatori: nella classe detà dei 18-34enni, dove circa un terzo delle persone riferisce di essere fumatori HBSC: tra i 15enni (1 su 4 fuma almeno qualche volta al mese) Anche in Trentino labitudine al fumo segue un gradiente socio- economico penalizzante le fasce sociali più deboli

88 Riassumendo (2/2) Il rispetto della legge del divieto di fumo nei luoghi pubblici e sul lavoro rimane elevata anche a oltre 6 anni dalla sua introduzione Lattenzione degli operatori sanitari al tema del fumo potrebbe essere ancora maggiore: solo un fumatore su 2 riceve il consiglio di smettere Al fine di dare maggiore sostegno ai fumatori che vogliono smettere sono attivi due Centri anti-fumo


Scaricare ppt "Piano nazionale della prevenzione. Come è nato il Piano nazionale della prevenzione ? (1) 2004: il Ministero della Salute e gli Assessori regionali concordano."

Presentazioni simili


Annunci Google