La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PROGETTO FORMATIVO DI AC

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PROGETTO FORMATIVO DI AC"— Transcript della presentazione:

1 IL PROGETTO FORMATIVO DI AC
Scuola Associativa Diocesana di 1° livello LdF diocesano

2 0. Che cosa non è! * un “trattatello” pedagogico o teologico-catechetico sull’educazione cristiana in generale; * un prontuario esaustivo su come svolgere l’attività educativa in associazione; * un testo pensato (un po’ presuntuosamente) per durare… sempre. LdF diocesano

3 1. DA DOVE PROVIENE “Dall’Azione Cattolica ci attendiamo esemplarità formativa e che sappiate dire il Vangelo con le parole semplici della vita quotidiana” Dal lavoro svolto negli ultimi anni per la sussidiazione del cammino associativo annuale ha chiarito le scelte di metodo e di contenuto. LdF diocesano

4 1. DA DOVE PROVIENE Dalla lettura della realtà e consapevolezza di un mondo cambiato, che ha reso inadeguato il modo di pensare e fare formazione. Dall’enfasi sulla catechesi si passa all’urgenza di ripartire dall’ABC dell’esperienza cristiana ART 13 dello statuto Perché proprio oggi un nuovo PF per fedeltà alla storia, al vangelo, alla Chiesa, davanti ai vorticosi cambiamenti in atto per la scomparsa degli automatismi sociali che assicuravano un diffuso senso di appartenenza religiosa perché il “caso serio” della nuova evangelizzazione interpella direttamente l’AC Dal Consiglio Nazionale che ha designato una commissione che, insieme alla Presidenza dell’AC, ha steso il testo base per la formazione, arricchito poi dal confronto con esperti e soci. LdF diocesano

5 1. DA DOVE PROVIENE Un testo che non dice propriamente ciò che siamo, ma ciò che vogliamo diventare! LdF diocesano

6 1. DA DOVE PROVIENE All’origine della decisione di rivedere il progetto formativo dell’Associazione stanno dunque: È il capitolo introduttivo a delineare il rapporto che esiste tra le caratteristiche dell’AC e il tipo di formazione che in essa si vive. La proposta formativa ha infatti alcuni caratteri tipici, coerenti con il carisma dell’Azione Cattolica e frutto delle scelte che essa ha compiuto e della cultura associativa maturata vivendole. a) un’esigenza di fedeltà alla nostra identità, al nostro carisma: la tradizione dell’Azione Cattolica è sempre stata caratterizzata da un impegno formativo qualificato e originale nel comunicare il Vangelo. (ce lo riconoscono anche i vescovi negli Orientamenti Pastorali al n. 61, dicendo che l’opera dell’AC in tale campo è stata in passato molto preziosa). LdF diocesano

7 1. DA DOVE PROVIENE All’origine della decisione di rivedere il progetto formativo dell’Associazione stanno dunque: Il 3° capitolo illustra, senza pretese di essere esaustivo, alcune caratteristiche della cultura odierna (in particolare la condizione di cambiamento e la mutata sensibilità religiosa) che hanno un particolare riflesso sulla coscienza delle persone, sul modo in cui essa si forma e quindi anche sul modo di evangelizzare.! b) un’esigenza di fedeltà al nostro tempo: non vogliamo che l’Associazione sia apprezzata solo per ciò che è stata e ha dato il suo passato: sentiamo la responsabilità di rendere la nostra proposta formativa all’altezza dei tempi: una proposta viva, capace di interpretare la condizione dei cristiani nel mondo di oggi, per poter comunicare il Vangelo in forme nuove ma sempre autentiche ed efficaci. LdF diocesano

8 1. DA DOVE PROVIENE Il primo passo per vivere questa responsabilità è quello di pensare la formazione, prima di farla. Il n. 1 del 1° capitolo presenta il senso del progetto formativo proprio come strumento per pensare la formazione e adattarla al contesto locale, sottraendola ad ogni automatismo e passività. LdF diocesano

9 2. Una precisa idea di formazione: “Perché Cristo sia formato in voi”
La formazione può essere intesa in molti modi, plausibili ma non corrispondenti esattamente all’idea di formazione che ci sembra la più forte per un percorso di vita cristiana rispettoso delle persone e adatto a questo tempo: formazione orientata a indurre comportamenti prestabiliti addestramento formazione orientata a trasmettere contenuti cognitivi indottrinamento formazione orientata a indurre ad assecondare le esigenze soggettive accompagnamento formazione orientata a indurre assecondare le esigenze sociali modellamento LdF diocesano

10 Con-formazione a Cristo
2. Una precisa idea di formazione: “Perché Cristo sia formato in voi” La formazione per la quale ci interessa spenderci e in cui crediamo è piuttosto: Con-formazione a Cristo formazione attenta a far crescere, a fare in modo che si delinei nella vita di ciascuno il volto del Figlio, modello e vocazione di ogni persona creata a immagine e somiglianza di Dio LdF diocesano

11 2. Una precisa idea di formazione: “Perché Cristo sia formato in voi”
Il n. 2 del 1° capitolo descrive a grandi linee questo processo e questa idea di formazione. Il 2° capitolo, vero cuore del progetto, è tutto dedicato a far percepire con chiarezza il centro della proposta formativa dell’Azione Cattolica, che è la fede in Gesù: il mistero di Cristo è mostrato come senso, via e mèta della formazione e della vita cristiana. Tutti gli altri capitoli vanno letti nella luce di questo, e ne portano l’impronta cristocentrica LdF diocesano

12 3.Una precisa fisionomia dell’educatore
Ciò che è stato detto circa l’idea di formazione non può restare un pio enunciato. Ha delle conseguenze precise sull'impostazione della formazione. Il ruolo dell'educatore sarà infatti quello di promuovere nelle persone un atteggiamento di ascolto della vita e del Vangelo, di docilità, di silenzio, di attesa più che di sforzo ascetico e di istruzione morale; sarà quello di porre le condizioni perché il dialogo tra lo Spirito e la persona avvenga in libertà; consisterà quindi anche nel togliere gli ostacoli che impediscono alla coscienza di percepire l'attrazione di ciò che è vero, bello, buono, degno della persona e corrispondente al suo desiderio profondo. LdF diocesano

13 3.Una precisa fisionomia dell’educatore
Ciò significa: a) che l'educatore non proclama l'ideale, ma si pone come esempio concreto di un'umanità possibile, che riveli - quasi in filigrana - la bellezza e la forza di una fede presa sul serio. La mediazione indispensabile di ogni formazione è dunque la persona dell'educatore, che è lo strumento formativo per eccellenza, come Gesù lo è stato per i suoi discepoli. LdF diocesano

14 3.Una precisa fisionomia dell’educatore
Dei diversi ruoli educativi che incidono nella formazione di una persona, dei compiti dei formatori e di ciò che l’Associazione chiede e offre a chi presta questo servizio è dedicato l’intero 7° capitolo, in cui si precisano le responsabilità delle tre figure che da sempre sono cardine della formazione dell’Azione Cattolica: gli educatori (chi fa attività formativa diretta con ragazzi, giovani o adulti), i responsabili (chi riveste un incarico elettivo e ha cura della vita) e gli assistenti. Tutto il testo del progetto, d’altra parte, contiene spunti e indicazioni riguardanti l’azione educativa (p.es., n. 3 del 1° capitolo; n. 2 del 6° capitolo, circa le esperienze formative proposte dall’Associazione). 3.Una precisa fisionomia dell’educatore b) che è parte della responsabilità educativa introdurre le persone in un dialogo interiore personale con Dio e di introdurle eventualmente in conflittualità che non conoscevano, per aiutarle a uscire da sé stesse verso una più piena consapevolezza del proprio continuo bisogno di imparare, della propria fallibilità, della natura gratuita della vita. Questo significa che la formazione umana non si attua separatamente da quella spirituale, ma che si sostanziano a vicenda e che per questo l’educatore dev’essere una persona spirituale, cioè docile allo Spirito e guidata da Lui. LdF diocesano

15 È il contenuto del 4° capitolo
4. Meta e obiettivi della formazione: essere nel mondo ma non del mondo Non basta dire “ti accompagno” per formare veramente: occorre sapere anche verso dove si va, perché non accada di aver camminato insieme per anni e non essere arrivati da nessuna parte. È il contenuto del 4° capitolo Non basta, d’altra parte, nemmeno limitarsi a dire che lo scopo della formazione è la santità, la configurazione a Cristo o vivere una vita evangelicamente bella, buona e beata… Per una proposta credibile e un cammino formativo efficace è necessario concretizzare un po’ di più quali siano gli obiettivi che la formazione persegue. LdF diocesano

16 In sintesi: “ formare personalità di laici cristiani Meta del
4. Meta e obiettivi della formazione: essere nel mondo ma non del mondo In sintesi: “ formare personalità di laici cristiani testimoni dell’originalità della vita secondo il Vangelo ” Meta del progetto (cap 4, n.1) - interiorità profonda - tensione all’unità espressa nella cura della fraternità - forte senso di responsabilità verso il mondo - senso di Chiesa che si traduce in appartenenza e servizio Obiettivi del progetto (cap 4, n.2) Ovvero i tratti del laico adulto nella fede, così come lo intende l’Azione Cattolica LdF diocesano

17 5. Una formazione che sa assumere la dinamica della vita cristiana
Descritti al n. 2 del 5° capitolo La proposta educativa dell’Azione Cattolica prende forma ordinaria negli itinerari formativi: percorsi definiti da elementi caratteristici che, pur rivolgendosi a persone in diversa situazione di vita, procedono comunque assumendo la dinamica fondamentale del divenire discepoli o, se si vuole, del cammino della fede Itinerari formativi Il dinamismo della vita cristiana: ricerca, attesa, stupore, coscienza del dono di Dio… Formazione ed età: i ragazzi, gli adolescenti, i giovani, gli adulti, gli anziani Uno strumento pedagogico: la “Regola di vita” Descritta al n. 1 del 5° capitolo LdF diocesano

18 dinamica fondamentale del divenire discepoli o,
5. Una formazione che sa assumere la dinamica della vita cristiana dinamica fondamentale del divenire discepoli o, se si vuole, del cammino della fede: Ricerca Conversione Ascolto Missione LdF diocesano

19 5. Una formazione che sa assumere la dinamica della vita cristiana
Gli itinerari sono pensati per essere occasione significativa di crescita nella fede – un vero viaggio dell’anima - sia per chi ha mosso i primi passi già nella fanciullezza, È la descrizione della formazione “lungo le stagioni della vita”, che si trova al n. 3 del 5° capitolo. Qui si trovano le proposte tipiche dell’Azione Cattolica per i piccolissimi, ragazzi, gli adolescenti, i giovani oltre i 20 anni, gli adulti, gli anziani Fra itinerario annuale… Il Vangelo dell’anno e il cammino della comunità Le Settimane Le proposte locali, in una logica modulare LdF diocesano

20 5. Una formazione che sa assumere la dinamica della vita cristiana
sia per chi in età giovanile o adulta desidera “ricominciare a credere”. n. 5 del 5° capitolo. Questa è una delle vere novità del nuovo progetto formativo: si tenta di dare forma alla volontà di evangelizzare in un tempo di secolarizzazione, in cui la fede non può essere data per scontata neanche in chi ha ricevuto un’educazione religiosa … e itinerari per chi “ricomincia” a credere Gruppi di ricerca della fede Innesto graduale nel dinamismo della vita cristiana LdF diocesano

21 5. Una formazione che sa assumere la dinamica della vita cristiana
Nel trattare di itinerari formativi, viene descritto anche il percorso annuale che l’Associazione propone a tutti i soci – sia personalmente che a livello di gruppo - e che dà qualità alla vita associativa in modo che sia essa stessa un’esperienza capace di dare forma evangelica alla vita. Tale percorso annuale si rinnova ogni anno dentro il cammino della comunità cristiana. In esso si trovano tutte le scelte che qualificano in generale gli itinerari formativi dell’Azione Cattolica. LdF diocesano

22 Ogni anno l’Associazione propone ai suoi aderenti:
Un cammino scandito dal Vangelo domenicale dell’anno, così da essere in armonia con il cammino della comunità cristiana e col progetto catechistico della Chiesa italiana. La scansione delle “Settimane” (dello Spirito, della carità, sociale, della comunità e il Mese della pace), come tappe in cui formazione e missione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente. Si tratta di una proposta che, ciclicamente, ogni anno fa confrontare ed esprimere l’Associazione sui temi che qualificano la sua identità: spiritualità, servizio, impegno civile, senso ecclesiale, scelta associativa… LdF diocesano

23 Una prima… conclusione!
Il testo conclude con un’indicazione di grande rilevanza: occorre ora “passare dal progetto al processo”, avviando esperienze concrete di formazione capaci di sprigionare la ricchezza e le potenzialità insite nel documento elaborato. Ciò richiede, innanzitutto, di approfondire la proposta fornita, nei suoi orientamenti di fondo e nei suggerimenti operativi, e di confrontare con essa quanto, concretamente, si compie a livello locale. Per procedere bene nella direzione segnata, occorre però: primo, che ciascuna associazione maturi una forte consapevolezza della propria responsabilità educativa; secondo, che si addivenga alla preparazione di generazioni di educatori/animatori sempre più competenti e appassionati del loro servizio. LdF diocesano

24 Dal Progetto ai Processi formativi
Riscoprire o ripartire da quelli che sono i fondamenti dell’AC e che costituiscono il contributo specifico per la Chiesa Un progetto formativo: non basta averlo riconsegnato, va assimilato e “digerito” perché rappresenta la nostra carta di impegno per il servizio che l’AC fa alla chiesa Italiana LdF diocesano

25 Dal Progetto ai Processi formativi
“Tradurre il Progetto Formativo attraverso itinerari efficaci e praticabili, attenti ai bisogni formativi di ragazzi, giovani e adulti, curando la dimensione globale della vita umana e cristiana, secondo lo stile dell’accompagnamento personale privilegiando il metodo partecipativo” Documento finale della XII Assemblea LdF diocesano

26 Intorno a noi… Il Laboratorio sulla formazione
A livello nazionale un gruppo di esperti e di rappresentanti della presidenza e delle articolazioni sta elaborando sia le caratteristiche fondanti degli itinerari formativi sia della formazione degli educatori/animatori Il progetto chiede la presenza di laboratori analoghi a livello diocesano LdF diocesano

27 Intorno a noi… Il convegno ecclesiale di Verona
Testimoniare la Speranza Pastorale integrata Gli ambiti di vita Sinodo Diocesano Direttorio LdF diocesano

28 Dal Progetto ai Processi formativi
Una richiesta implicita del nostro tempo. Le nostre chiese locali vivono alcune difficoltà di tipo pastorale, ed è un nostro compito come laici credenti interrogarci, analizzare e mettersi al servizio. LdF diocesano

29 Intorno a noi: spunti di riflessione
La vita ordinaria delle nostre parrocchie (per i ragazzi i giovani e gli adulti) e il rapporto tra formazione e animazione Interpretazione riduttiva che si riduce alla sola animazione, o al solo “dare animo” alla comunità, alla parrocchia, ai gruppi di ragazzi, etc... Una formazione specifica, molto settorializzata anche in ambito ecclesiale Una formazione spesso spontaneistica e improvvisata Una formazione spesso appiattita e scialba Una formazione “utilitaristica” (formare per...) LdF diocesano

30 LdF diocesano

31 LdF diocesano

32 LdF diocesano

33 LdF diocesano

34 LdF diocesano

35 LdF diocesano

36 LdF diocesano

37 LdF diocesano

38 LdF diocesano

39 LdF diocesano

40 LdF diocesano

41 LdF diocesano

42 LdF diocesano

43 LdF diocesano

44 (I. Calvino, Le città invisibili)
«Chi arriva a Tecla, poco vede della città, dietro gli steccati di tavole, i ripari di tela di sacco, le impalcature, le armature metalliche, i ponti di legno sospesi a funi o sostenuti da cavalletti, le scale a pioli, i tralicci. Alla domanda: - Perché la costruzione di Tecla continua così a lungo? - gli abitanti senza smettere d'issare secchi, di calare fili a piombo, di muovere in su e in giù lunghi pennelli. - Perché non cominci la distruzione, - rispondono. E richiesti se temono che appena tolte le impalcature la città cominci a sgretolarsi e a andare in pezzi, soggiungono in fretta, sottovoce: - Non soltanto la città. Se, insoddisfatto delle risposte, qualcuno applica l'occhio alla fessura d'una staccionata, vede gru che tirano altre gru, incastellature che rivestono altre incastellature, travi che puntellano altre travi. - Che senso ha il vostro costruire? - domanda. - Qual è il fine d'una città in costruzione se non una città? Dov'è il piano che seguite, il progetto? - Te lo mostreremo appena termina la giornata; ora non possiamo interrompere, - rispondono. Il lavoro cessa al tramonto. Scende la notte sul cantiere. È una notte stellata. - Ecco il progetto, - dicono» (I. Calvino, Le città invisibili) LdF diocesano

45 fine LdF diocesano


Scaricare ppt "IL PROGETTO FORMATIVO DI AC"

Presentazioni simili


Annunci Google