La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale sede di Biella Anno accademico 2006-2007 Lezione n. 3 Prof. ssa Elisabetta Donati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale sede di Biella Anno accademico 2006-2007 Lezione n. 3 Prof. ssa Elisabetta Donati."— Transcript della presentazione:

1 1 Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale sede di Biella Anno accademico Lezione n. 3 Prof. ssa Elisabetta Donati

2 2 La famiglia: problemi di analisi comparata Diverse definizioni di famiglia: dovute non tanto a convenzioni statistiche ma a variazioni culturali e storiche. Diverse definizioni di famiglia: dovute non tanto a convenzioni statistiche ma a variazioni culturali e storiche. Individuare (o esplicitare) come sono stati definiti i confini della famiglia, ossia, individuare quali criteri sono stati scelti per delimitarla. Individuare (o esplicitare) come sono stati definiti i confini della famiglia, ossia, individuare quali criteri sono stati scelti per delimitarla. Distinguere se stiamo osservando la famiglia in termini di: Distinguere se stiamo osservando la famiglia in termini di: famiglia (family) in termini di relazioni familiari, di sesso e di generazione famiglia (family) in termini di relazioni familiari, di sesso e di generazione lhousehold chi vive con chi (la struttura familiare). lhousehold chi vive con chi (la struttura familiare).

3 3 La famiglia: problemi di analisi comparata Lanalisi dellevoluzione delle strutture familiari in prospettiva storico- comparata è particolarmente complicata non solo perché si deve sempre tenere presente le differenti definizioni concettuali e quindi anche statistiche di famiglia in un dato momento storico, ma perché si opera ad un duplice livello di comparazione: Lanalisi dellevoluzione delle strutture familiari in prospettiva storico- comparata è particolarmente complicata non solo perché si deve sempre tenere presente le differenti definizioni concettuali e quindi anche statistiche di famiglia in un dato momento storico, ma perché si opera ad un duplice livello di comparazione: Sincronica (la diversa natura e intensità del fenomeno nei diversi Paesi in uno stesso momento storico). Sincronica (la diversa natura e intensità del fenomeno nei diversi Paesi in uno stesso momento storico). Diacronica (come un fenomeno cambia nel corso del tempo) Diacronica (come un fenomeno cambia nel corso del tempo)

4 4 Definizione dellISTAT (fino al 1981) Per definire lunità di convivenza familiare lISTAT rimandava alla definizione anagrafica secondo la quale i caratteri distintivi della famiglia sono: a) la relazione di parentela o affinità o affettività che unisce tra loro più persone b) la coabitazione, cioè la convivenza di tutti i membri nello stesso alloggio e la conseguente condizione della loro dimora abituale nello stesso comune c) la unicità del bilancio… (non più necessaria dal 1981)

5 5 Le principali trasformazioni demografiche e familiari (a partire dal 1965-)

6 6 La specificità italiana nel contesto europeo

7 7 Trasformazioni nelle strutture familiari (in termini di household) Le principali tendenze comuni a tutti i Paesi europei: Le principali tendenze comuni a tutti i Paesi europei: 1.Diminuzione ampiezza familiare1.Diminuzione ampiezza familiare 2.Aumento delle famiglie unipersonali2.Aumento delle famiglie unipersonali 3.Diminuzione delle strutture familiari Complesse3.Diminuzione delle strutture familiari Complesse 4.Crescita nuove tipologie familiari, monogenitore, famiglie ricostituite, convivenze more uxorio eterosessuali e omossesuali (non solo in termini di household)4.Crescita nuove tipologie familiari, monogenitore, famiglie ricostituite, convivenze more uxorio eterosessuali e omossesuali (non solo in termini di household)

8 8 Diversificazione e dinamismo delle strutture familiari Quali fattori contribuiscono al passaggio dalla famiglia al singolare alle famiglie al plurale? Quali fattori contribuiscono al passaggio dalla famiglia al singolare alle famiglie al plurale? Invecchiamento della popolazione Aumento della instabilità coniugale (separazioni e divorzi)

9 9 La riduzione delle nascite e lallungamento della vita Anni censimento pop

10 10 Le trasformazioni in Italia: I dati del Censimento Aumenta il numero delle famiglie, diminuisce il numero dei componentiAumenta il numero delle famiglie, diminuisce il numero dei componenti Anno Censimento N. Famiglie N. Medio componenti 2,82,6

11 11 Le trasformazioni in Italia: I dati del Censimento Aumentano le famiglie unipersonali Aumentano le famiglie unipersonali Censimento 1991 Censimento ,8%24,3%

12 12 Le trasformazioni in Italia: I dati del Censimento Crescono le nuove famiglie Famiglie monogenitore 2001 Madri con figli 10,8% del tot. famiglie Padri con figli 2,3% del totale famiglie

13 13 Le coppie di fatto in Italia Secondo i dati dellultimo censimento le coppie in cui i due partner non sono coniugati fra loro sono e costituiscono il 3,6% del totale delle coppie; esse sono in aumento rispetto al 1991, quando rappresentavano soltanto l'1,6% ( unità). Secondo i dati dellultimo censimento le coppie in cui i due partner non sono coniugati fra loro sono e costituiscono il 3,6% del totale delle coppie; esse sono in aumento rispetto al 1991, quando rappresentavano soltanto l'1,6% ( unità). La loro distribuzione territoriale mostra forti differenziazioni tra il Nord con valori nettamente più elevati (5,1% nel Nord-ovest e 4,9% nel Nord-est) e il Sud (1,6%) e le Isole (2,1%) con valori più bassi. A livello regionale, i valori massimi e minimi si riscontrano rispettivamente in Valle dAosta (8,2%) e in Molise (1,1%). La loro distribuzione territoriale mostra forti differenziazioni tra il Nord con valori nettamente più elevati (5,1% nel Nord-ovest e 4,9% nel Nord-est) e il Sud (1,6%) e le Isole (2,1%) con valori più bassi. A livello regionale, i valori massimi e minimi si riscontrano rispettivamente in Valle dAosta (8,2%) e in Molise (1,1%).

14 14 Crescono le nuove famiglie Convivenze di fatto sul totale delle coppie pari al 1,6% pari al 1,6% pari al 3.6% pari al 3.6%

15 15 Le famiglie ricostituite in Italia Con lespressione famiglia ricostituita si definiscono le coppie coniugate o di fatto, in cui almeno uno dei partner proviene da un matrimonio che si è interrotto per morte, separazione o divorzio; Con lespressione famiglia ricostituita si definiscono le coppie coniugate o di fatto, in cui almeno uno dei partner proviene da un matrimonio che si è interrotto per morte, separazione o divorzio; Il numero di coppie con almeno un partner proveniente da una precedente unione è passato dal 4,2 % delle coppie del al 5 % del 2003 (724 mila). Il numero di coppie con almeno un partner proveniente da una precedente unione è passato dal 4,2 % delle coppie del al 5 % del 2003 (724 mila).

16 16 I figli nelle famiglie ricostituite in Italia


Scaricare ppt "1 Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale sede di Biella Anno accademico 2006-2007 Lezione n. 3 Prof. ssa Elisabetta Donati."

Presentazioni simili


Annunci Google