La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CAMPI DI APPLICAZIONE DELLESTIMO Sono oggetto di valutazione: 1)Beni economici privati ( mobili e immobili); 2)Beni pubblici; 3)Diritti ( Usufrutto, uso,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CAMPI DI APPLICAZIONE DELLESTIMO Sono oggetto di valutazione: 1)Beni economici privati ( mobili e immobili); 2)Beni pubblici; 3)Diritti ( Usufrutto, uso,"— Transcript della presentazione:

1 CAMPI DI APPLICAZIONE DELLESTIMO Sono oggetto di valutazione: 1)Beni economici privati ( mobili e immobili); 2)Beni pubblici; 3)Diritti ( Usufrutto, uso, abitazione ); 4)Servizi reali e personali.

2 SUDDIVISIONE IN BRANCHE ESTIMO GENERALE; ESTIMO AGRARIO E FORESTALE; ESTIMO CIVILE; ESTIMO LEGALE; ESTIMO INDUSTRIALE; ESTIMO TERRITORIALE-AMBIENTALE; ESTIMO CATASTALE.

3 ESTIMO GENERALE GIUDIZIO DI STIMA E ASPETTI ECONOMICI 1.DEFINIZIONE: TRA LE VARIE DEFINIZIONI QUELLA DI GIUSEPPE MEDICI è LA Più ESAURIENTE: Possiamo dire che lestimo insegna ad esprimere giudizi circa la somma di moneta che si può attribuire, ad un qualsiasi bene economico oggetto di stima per soddisfare determinate esigenze pratiche ( scopo della stima ). Lestimo, quindi, insegna la metodologia da seguire per esprimere un giudizio e risolvere quesiti economici (attribuzione di una quantità di moneta) e tecnici. La definizione non parla di valore di mercato ma di una attribuzione di valore ( valore di stima ). 2) DIFFERENZA TRA VALORE DI MERCATO E VALORE DI STIMA: Valore di mercato: valore certo è sempre un dato storico un fatto avvenuto dato dallincontro della domanda e dellofferta; Valore di stima: valore di previsione, è un dato probabile e non certo Per i beni privati il valore è funzione del prezzo di mercato o del costo di produzione; Per i beni pubblici il valore è funzione del valore sociale.

4 ASPETTI ECONOMICI PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO; PIU PROBABILE VALORE DI COSTO; PIU PROBABILE VALORE DI CAPITALIZZAZIONE; PIU PROBABILE VALORE DI TRASFORMAZIONE; PIU PROBABILE VALORE COMPLEMENTARE; PIU PROBABILE VALORE DI SURROGAZIONE. La scelta dellaspetto economico o criterio di stima dipende dallo scopo o ragione pratica della valutazione. In ogni valutazione il perito deve individuare lo scopo della stima che può essere in molti casi implicito nelle norme giuridiche, come per lestimo legale, in altri casi è il perito che lo individua analizzando: 1.i rapporti contrattuali; 2.I fatti e le persone; 3.le consuetudine; 4.Le indicazioni del committente. Alcuni di questi aspetti si dicono diretti ( valore di mercato, di costo, di capitalizzazione) altri sono indiretti perché ottenuti dai primi.

5 ASPETTI ECONOMICI FONDAMENTALI: VALORE DI MERCATO E VALORE DI COSTO VALORE DI TRASFORMAZIONE VALORE COMPLEMENTARE VALORE DI SURROGAZIONE

6 PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO Si può definire più semplicemente come la quantità di moneta con cui quel bene potrà essere scambiato in un dato momento in un dato mercato in una libera contrattazione di compravendita. Per applicare questo criterio di stima si devono verificare alcune ipotesi: Lesistenza di un mercato attivo di beni simili a quello oggetto di stima; Possibilità di individuare con sicurezza i valori di compravendita dei beni simili; Individuazione di parametri tecnici od economici tra i beni simili e quello oggetto di stima. Una volta verificatesi questa condizione basterà mettere in proporzione i dati acquisiti per trovare il più probabile valore di mercato. X : SV = Px : SP X = SV/SP *Px SV = sommatoria dei valori di mercato di beni simili già oggetto di compravendita; SP = sommatoria dei parametri di riferimento; Px = parametro di riferimento del bene oggetto di stima; X = Valore del bene oggetto di stima. I parametri possono essere tecnici ( mq; mc; Ha; ql ecc.) o economici ( Ca; Bf; PLV; RD ecc.).

7 PIU PROBABILE VALORE DI COSTO O DI PRODUZIONE DEFINIZIONE: Il valore di costo o di produzione risulta costituito dalla somma di tutte le spese sostenute dallimprenditore puro per giungere fino alla vendita di un determinato prodotto: Kt = ( Q + Tr + Sv + Sa + St + Bf + I ). Di tali costi alcuni sono fissi o costanti, altri sono variabili in modo proporzionale o non proporzionale con il variare della produzione. Distinguiamo due tipi di valore di costo o di produzione: 1.Nellambito dellestimo civile: a) valore di costo di costruzione; b) valore di ricostruzione ( o costo deprezzato); VK (ric) = Vkc – D ( deprezzamento) D = m/n*100 oppure D = accumulazione delle quote annue del costo dallinizio della vita del fabbricato al momento della stima. VK (ric) = Vkc * coefficiente di vetustà. ( in base alletà del fabbricato) 2nellambito dellestimo agrario: a) valore di costo di produzione; b) valore di costo di riproduzione.

8 PIU PROBABILE VALORE di CAPITALIZZAZIONE DEFINIZIONE: Il valore di capitalizzazione è dato dalla accumulazione al momento della stima dei redditi futuri che un bene è capace di fornire. Come già visto in matematica finanziaria per applicare questo criterio di stima dobbiamo prima conoscere: a) i redditi ricavabili dai beni oggetto di stima; b) la durata nella percezione degli stessi; c) il saggio di capitalizzazione. Si può anche affermare che capitalizzare significa determinare il valore di un bene conoscendo il suo reddito medio ordinario limitato o illimitato ed il saggio di capitalizzazione. Abbiamo quattro formule di capitalizzazione: 1.Capitalizzazione reddito annuo limitato; 2.Capitalizzazione reddito annuo illimitato; 3.Capitalizzazione reddito periodico illimitato; 4.Capitalizzazione redditi annui transitori e permanenti.

9 PIU PROBABILE VALORE DI TRASFORMAZIONE DEFINIZIONE: Il valore di trasformazione rappresenta il valore che si attribuisce ad un bene in base al valore che assumono i beni derivanti dalla trasformazione. Si determina per differenza tra il valore di mercato( o prezzo) di tutti i prodotti ottenuti dalla trasformazione meno le spese sostenute per la trasformazione. Vt= Vm-K Questo criterio si può applicare quando ricorrono le seguenti condizioni: 1.La trasformazione sia economicamente conveniente; 2.La trasformazione sia ordinaria; 3.La trasformazione sia tecnicamente possibile; 4.La trasformazione sia legalmente ammissibile; 5.Che tutti i dati assunti facciano riferimento al momento e al luogo della trasformazione. Esempi di valori di trasformazione: a)Prezzo di macchiatico; b)Valore potenziale, c)Valore a sito e cemento. d)Valore diritto di sopraelevazione

10 Valore di capitalizzazione Con il criterio del valore di capitalizzazione o rendimento, il valore del bene viene espresso accumulando allattualità i redditi ordinariamente ritraibili dal proprietario ( Bf ). Per un immobile il reddito del proprietario è un importo annuo da considerarsi illimitato. Il valore di capitalizzazione o valor capitale sarà dato dalla seguente formula Vo = Bf/r Questo aspetto fu oggetto di contesa fra i cultori dellestimo. Alcuni lo ritenevano un nuovo aspetto economico altri un procedimento di stima. In realtà, si è convenuti che la capitalizzazione dei redditi può essere: 1.Un procedimento di calcolo del valore di mercato quando il saggio di capitalizzazione usato è ottenuto dal rapporto tra Bf e Vm di beni simili e rappresenta un indice comparativo con il mercato; 2.Un autonomo aspetto economico quando il saggio di capitalizzazione è determinato con apposite modalità in funzione alle esigenze della stima, senza un preciso riferimento con il mercato. esempi: valore di un immobile per la richiesta di un mutuo; valore fiscale di un immobile che si ottiene capitalizzando la rendita catastale per un saggio determinato a priori oppure moltiplicando la rendita per un coefficiente pari allinverso del saggio. ( es per i terreni RD*75 ai fini ICI; per i fabbricati Rc*100).

11 PIU PROBABILE VALORE COMPLEMENTARE DEFINIZIONE: Il prezzo o valore complementare si ottiene per differenza fra il più probabile prezzo o valore di mercato dellintero bene economico e quello che avrebbe la parte residua o complementare. A tale aspetto si ricorre otre che al notissimo caso dellesproprio parziale anche per le stime dei danni. Vc = V ( intero) – V ( parte residua). A

12 PIU PROBABILE VALORE DI SURROGAZIONE DEFINIZIONE: Il valore di surrogazione è quello attribuibile ad un bene in base al valore che assume un altro bene che possa tecnicamente ed economicamente sostituire quello oggetto di stima. Le condizioni necessarie, richieste, per lapplicazione di questo criterio sono: a)Che il bene oggetto di stima sia sostituibile con altri; b)Che i beni scelti per la sostituzione siano equivalenti ( equivalen- za implica accertamenti di tipo qualitativo e quantitativo) per un dato fine al bene da stimare.

13 METODO ESTIMATIVO DEFINIZIONE: Il metodo estimativo è il processo logico seguito per giungere ad esprimere un giudizio di stima, esso è basato su un comparazione o confronto. Per giungere alla formulazione di un valore di stima attendibile, il perito deve passare attraverso un processo logico che si estrinseca nelle seguenti fasi: a)Individuazione dello scopo o ragione pratica della stima; b)Indagine di mercato e rilevazione dei dati di beni simili a quello oggetto di stima; c)Scelta del parametro di confronto; d)Risoluzione della proporzione; e)Infine si faranno le aggiunte e detrazioni al valore trovato in quanto si sono ipotizzate le condizioni di ordinarietà. PRINCIPIO DI ORDINARIETA: a)Condizioni ordinarie ( significa normalità, più comune o il più consueto); b)Imprenditore ordinario ( significa persona dotata di medie capacità e il suo Tornaconto è 0). Casi in cui non si tiene conto di questo principio: giudizi di convenienza economica, diritto di usufrutto, frutti pendenti, danni.

14 CONDIZIONI INFLUENTI SUL VALORE Vi sono condizioni intrinseche ed estrinseche che contribuiscono in senso positivo o negativo a determinare il valore di un immobile. Si dicono condizioni intrinseche quelle che sono interne al bene che ne determinano la struttura, la funzione, la comodità, ecc. Per esempio nel caso dei terreni si potrà considerare: la giacitura, la fertilità, lesposizione, presenza e numero di fabbricati, servitù, usufrutto, frutti pendenti, presenza di falde freatiche e pozzi artesiani, impianti. Per un fabbricato si potrà considerare: caratteristiche costruttive, letà, il numero dei vani, il grado di rifiniture, la tipologia del fabbricato, orientamento, esposizione, indice di edificabilità, caratteristiche e numero di impianti, servitù, vincoli giuridici. Si dicono caratteristiche estrinseche quelle che sono esterne al bene e riguardano i rapporti con lambiente circostante. Per esempio per i terreni si potrà considerare: il clima della zona, la presenza di infrastrutture nelle vicinanze ecc. Per i fabbricati si potrà considerare: la zona ove è ubicato, infrastrutture, vicinanze di zone verdi, intensità di traffico ecc. Tutte queste condizioni agiscono sul valore di un bene e in funzione del principio di ordinarietà alcuni di esse costituiranno aggiunte e detrazioni altre costituiranno comodi e scomodi. I primi saranno valutabili in funzione del valore di mercato o di costo. Per i secondi lapprezzamento in pratica costituisce una operazione difficile e soggettiva che avverrà attraverso una percentuale che si dovrà aggiungere o detrarre dal valore ordinario oppure nel procedimento analitico agendo sul saggio di capitalizzazione.

15 PROCEDIMENTI DI STIMA Il metodo di stima è unico ed è sempre basato sulla comparazione. La comparazione si può attuare come procedimento sintetico od analitico. Il procedimento ( o procedura ) è linsieme delle operazioni logiche da eseguire per giungere alla formulazione del giudizio di stima. Tale giudizio deriva dallapplicazione di un metodo; si può così affermare che il procedimento è il modo in cui viene applicato il metodo. Se per giungere a una valutazione monetaria occorre una base di prezzi, allora il procedimento non è altro che la tecnica per comparare il bene in oggetto di stima con beni simili di cui si conoscono i prezzi. Quindi il metodo è unico e i procedimenti possono essere diversi: 1.Procedimenti sintetici: comparativa; a vista; storica; per valori tipici; 2.Procedimento analitico.

16 STIMA SINTETICA COMPARATIVA MONOPARAMETRICA E un procedimento che si base sulla comparazione del bene con altri beni simili per caratteristiche intrinseche ed estrinseche della zona attraverso un parametro di confronto comune al bene oggetto di stima e a quelli simili dei quali si conoscono i valori di mercato. Il parametro è un dato elementare qualsiasi utilizzato nei calcoli estimativi che non risulti a sua volta dallapplicazione di un procedimento di calcolo. Questi dati possono essere : di fatto, se sono certi o misurati; Ipotetici, quando risulteranno da una previsione. Quantitativi e qualitativi; Tecnici ( superficie, volume) ed economici ( Bf, Ca, RD, P.L.V.). Il procedimento si svolge applicando lequazione generale: Vx : SV = px : Sp da cui si ottiene Vx = SV/Sp*px il risultato costituirà il valore ordinario al quale saranno fatte le eventuali aggiunte e detrazioni e apportate le eventuali correzioni per comodi e scomodi.

17 STIMA A VISTA E STORICA SONO DUE PROCEDIMENTI POCO USATI. La stima a vista è una stima comparativa nella quale il confronto avviene nella mente del perito senza documentazione di dati tecnici o economici. Questo è possibile solo se il perito ha una profonda conoscenza tecnica ed economica del bene da stimare, acquisita attraverso una lunga esperienza. La stima storica ha solo una validità statistica e consiste nel valutare un bene in base al valori di compravendita verificatosi nel passato o moltiplicando il valore passato per un coefficiente di svalutazione monetario.

18 STIMA PER VALORI TIPICI O VALORI UNITARI La stima per valori tipici o unitari consiste nellesprimere il valore di un bene sommando i valori unitari ( autonomamente determinati) delle porzioni omogenee che compongono il bene. Questo procedimento può essere applicato quando il mercato non offre sufficienti informazioni per attuare una stima diretta, in quanto non esistono o sono troppo scarsi i beni simili. La stima per valori tipici è sovente attuata ricorrendo a coefficienti di differenziazione o di merito, cioè a indici o punteggi che mettono in relazione i beni simili presi a confronto di cui è noto il valore unitario, con il bene oggetto di stima o parte di esso, il cui valore può essere espresso in proporzione Esempi: beni complessi costituiti da diverse parti omogenei (aziende o condomini).

19 STIMA ANALITICA La stima analitica si identifica in particolar modo nellaspetto economico della capitalizzazione e consiste nel determinare il più probabile valore del bene attraverso la capitalizzazione del redditi. Due sono quindi le condizioni perché si possa applicare la stima analitica 1.Un bene deve fornire un reddito; 2.Tali redditi annui o poliannui devono essere: costanti, ordinari e continuativi. Le formule, ampiamente viste in matematica finanziaria, sono: 1.Redditi annui limitati Vo = a * q n -1/rq n ; 2.Redditi annui illimitati Vo = a/r ; 3.Redditi periodici illimitati Vo = SBf /q n – 1. Schema della stima analitica: 1.Determinazione del Bf ordinario da capitalizzare: Bf = P.L.V. – ( Q + Tr + Sv + Sa +St + I ), oppure Bf = Rpl – Spp se il bene è dato in affitto. 2.Determinazione del saggio di capitalizzazione; r = SBF/SV 3.Risoluzione della formula; 4.Eventuali aggiunte e detrazioni


Scaricare ppt "CAMPI DI APPLICAZIONE DELLESTIMO Sono oggetto di valutazione: 1)Beni economici privati ( mobili e immobili); 2)Beni pubblici; 3)Diritti ( Usufrutto, uso,"

Presentazioni simili


Annunci Google