La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

(1) Cf. L. BRUNI, S. ZAMAGNI, Economia civile. Efficienza, equità, felicità pubblica, Il Mulino, Bologna 2004. FELICITA' PUBBLICA ED ECONOMIA CIVILE (1)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "(1) Cf. L. BRUNI, S. ZAMAGNI, Economia civile. Efficienza, equità, felicità pubblica, Il Mulino, Bologna 2004. FELICITA' PUBBLICA ED ECONOMIA CIVILE (1)"— Transcript della presentazione:

1 (1) Cf. L. BRUNI, S. ZAMAGNI, Economia civile. Efficienza, equità, felicità pubblica, Il Mulino, Bologna FELICITA' PUBBLICA ED ECONOMIA CIVILE (1)

2 Economia civile: definizione (2 Economia civile: definizione (2 Movimento economico-culturale di profonde tradizioni, teso ad umanizzare l'economia (non solo profitto e mero scambio di equivalenti), composto da imprese economiche e sociali in molti campi: socio-assistenziale, sanitario, dell'istruzione, culturale e propriamente economico e del commercio (S. Zamagni). Movimento economico-culturale di profonde tradizioni, teso ad umanizzare l'economia (non solo profitto e mero scambio di equivalenti), composto da imprese economiche e sociali in molti campi: socio-assistenziale, sanitario, dell'istruzione, culturale e propriamente economico e del commercio (S. Zamagni). Una realtà a misura di persona rivelatrice di un tentativo di ricostruire il legame sociale dal basso (mercato: luogo di relazioni civili e di reciprocità) e di ripensare il lavoro. Una realtà a misura di persona rivelatrice di un tentativo di ricostruire il legame sociale dal basso (mercato: luogo di relazioni civili e di reciprocità) e di ripensare il lavoro.

3 L'Economia civile oggi (3 L'Economia civile oggi (3 Forme di Economia civile: Forme di Economia civile: - Economia di comunione; - società cooperative; - commercio equo e solidale; - banca popolare etica; - microcredito; - attività di cooperazione allo sviluppo; - organizzazioni non governative; - fondazioni. - Economia di comunione; - società cooperative; - commercio equo e solidale; - banca popolare etica; - microcredito; - attività di cooperazione allo sviluppo; - organizzazioni non governative; - fondazioni.

4 Radici antiche: - nella polis e nella civitas; - nella cultura cristiana: fraternità, bene comune; - nel medioevo e nell'umanesimo civile del '400 e del '500; Radici antiche: - nella polis e nella civitas; - nella cultura cristiana: fraternità, bene comune; - nel medioevo e nell'umanesimo civile del '400 e del '500; Declino dopo il '500. Declino dopo il '500. Affermazione nel '700 (illuminismo italiano: sc. napoletana e milanese) e tradizione inglese. Affermazione nel '700 (illuminismo italiano: sc. napoletana e milanese) e tradizione inglese. Scompare dalla scena nell'800. Scompare dalla scena nell'800. Riemerge in tempi più recenti. Riemerge in tempi più recenti. L'E.c. come un fiume carsico (4

5 Le radici dell'Economia civile (5 Le radici dell'Economia civile (5 Nella polis greca, nella civitas romana. Aristotele:Non c'è vita buona senza amicizia e vita in comune nella polis (Politeia). Nella polis greca, nella civitas romana. Aristotele:Non c'è vita buona senza amicizia e vita in comune nella polis (Politeia). Nel basso Medioevo: cultura benedettina (ora et labora) vera cultura del lavoro e dell'economia: - rapporto-scambio tra città ideale (monasteri) e città degli uomini (civitas); - unità tra caritas ed economia (dono-contratto); - legittimazione etica della proprietà privata; - ricchezza e beni non condannati in sé, ma solo se male usati (avarizia). Nel basso Medioevo: cultura benedettina (ora et labora) vera cultura del lavoro e dell'economia: - rapporto-scambio tra città ideale (monasteri) e città degli uomini (civitas); - unità tra caritas ed economia (dono-contratto); - legittimazione etica della proprietà privata; - ricchezza e beni non condannati in sé, ma solo se male usati (avarizia).

6 Le radici dell'Economia civile (6 - Scambi e prestazioni avvengono dentro rapporti di amicizia, onestà e solidarietà, cioè dentro la comunità che crea le condizioni perché lo scambio resti etico e civile. - Scambi e prestazioni avvengono dentro rapporti di amicizia, onestà e solidarietà, cioè dentro la comunità che crea le condizioni perché lo scambio resti etico e civile. Nel medioevo il francescanesimo rappresenta un paradosso: pone al centro sorella povertà, il distacco dai beni come segno di perfezione di vita. Diventa la prima scuola che considera l'economa come luogo di reciprocità e gratuità. Nel medioevo il francescanesimo rappresenta un paradosso: pone al centro sorella povertà, il distacco dai beni come segno di perfezione di vita. Diventa la prima scuola che considera l'economa come luogo di reciprocità e gratuità.

7 Le radici dell'Economia civile (7 Nel secondo '400: Umanesimo civile I mportanza dei Monti di pietà (fondati dai francescani, soprattutto minori osservanti): -- mezzi di cura della povertà; -- lotta all'usura; -- cura della civitas; -- accesso al credito con equo tasso di interesse da parte delle famiglie meno abbienti; -- scopi solidaristico-economici. Nel secondo '400: Umanesimo civile I mportanza dei Monti di pietà (fondati dai francescani, soprattutto minori osservanti): -- mezzi di cura della povertà; -- lotta all'usura; -- cura della civitas; -- accesso al credito con equo tasso di interesse da parte delle famiglie meno abbienti; -- scopi solidaristico-economici.

8 Le radici dell'Economia civile (8 Già nel 1427 Bernardino da Sienacome si deve fare la mercanzia (= scambio mercantile) : il messaggio cristiano era rivolto all'uomo concreto, che vive in società e nella storia: Già nel 1427 Bernardino da Siena spiegavacome si deve fare la mercanzia (= scambio mercantile) : il messaggio cristiano era rivolto all'uomo concreto, che vive in società e nella storia: Non vi debbi mai usare niuna malizia; non falsar mai niuna mercantia, tu la debbi far buona e, se non la sai fare, innanzi la debbi lasciar stare e lasciarla esercitare a un altro che la facci bene, e allora è lecito guadagno. Non vi debbi mai usare niuna malizia; non falsar mai niuna mercantia, tu la debbi far buona e, se non la sai fare, innanzi la debbi lasciar stare e lasciarla esercitare a un altro che la facci bene, e allora è lecito guadagno.

9 Declino dell'Economia civile (9 Declino dell'Economia civile (9 Dalla fine del '500: signorie e monarchie assolute. Dalla fine del '500: signorie e monarchie assolute. Cause del declino - esagerata conflittualità tra le città; - chiusura corporativa; - polarizzazione nella redistribuzione del reddito; - le arti mecaniche e le attività civili ed economiche sono viste come attività inferiori che non si addicono ai cittadini; Cause del declino - esagerata conflittualità tra le città; - chiusura corporativa; - polarizzazione nella redistribuzione del reddito; - le arti mecaniche e le attività civili ed economiche sono viste come attività inferiori che non si addicono ai cittadini;

10 Declino dell'Economia civile (10 Declino dell'Economia civile (10 Cause del declino : - i mercanti sono esclusi dal governo delle città riservato ai nobili; - con l'avvento della modernità emerge l'idea d'individuo (Machiavelli, Hobbes): malvagio, pauroso, incivile, scaltro ( pessimismo antropologico ); - la vita in comune è considerata un peso: non c'è più reciprocità, ma insocievole socievolezza basata sul reciproco timore. Cause del declino : - i mercanti sono esclusi dal governo delle città riservato ai nobili; - con l'avvento della modernità emerge l'idea d'individuo (Machiavelli, Hobbes): malvagio, pauroso, incivile, scaltro ( pessimismo antropologico ); - la vita in comune è considerata un peso: non c'è più reciprocità, ma insocievole socievolezza basata sul reciproco timore.

11 Felicità pubblica-Economia civile (11 La felicità pubblica fu la forma che assunse nel '700 italiano la tradizione civile dell'economia. La felicità pubblica fu la forma che assunse nel '700 italiano la tradizione civile dell'economia. L. A. MURATORI, Della pubblica felicità 1749): La pubblica felicità è il frutto delle virtù civili (amicizia, fiducia, prudenza, giustizia...). L. A. MURATORI, Della pubblica felicità (1749): La pubblica felicità è il frutto delle virtù civili (amicizia, fiducia, prudenza, giustizia...). La felicità nell'ambito dell'economia civile è pubblica, perché riferita al bene comune che è il fine dell'attività di governo e della scienza dell'amministrazione. La felicità nell'ambito dell'economia civile è pubblica, perché riferita al bene comune che è il fine dell'attività di governo e della scienza dell'amministrazione.

12 Felicità pubblica-Economia civile (12 A. GENOVESI nel 1754 istituì la cattedra di Economia civile e meccanica all'Univ. di Napoli. * Lezioni di economia civile ( ) A. GENOVESI nel 1754 istituì la cattedra di Economia civile e meccanica all'Univ. di Napoli. * Lezioni di economia civile ( ). Economia: luogo di civiltà e mezzo per migliorare il bene vivere di persone e popoli (economia relazionale). Economia: luogo di civiltà e mezzo per migliorare il bene vivere di persone e popoli (economia relazionale). La vita civile è il luogo in cui la felicità si può raggiungere grazie a buone e giuste leggi, ai commerci e ai corpi civili nei quali gli uomini esercitano la socialità (sussidiarietà). La vita civile è il luogo in cui la felicità si può raggiungere grazie a buone e giuste leggi, ai commerci e ai corpi civili nei quali gli uomini esercitano la socialità (sussidiarietà).

13 F elicitàpubblica-Economia civile (13 F elicità pubblica-Economia civile (13 Parole-chiave dell'E conomia civile Parole-chiave dell'E conomia civile 1. commercio: fattore civilizzante in rapporto al benessere, porta le nazioni trafficanti alla pace, senza molto ammasso di materiali beni. 1. commercio: fattore civilizzante in rapporto al benessere, porta le nazioni trafficanti alla pace, senza molto ammasso di materiali beni. 2. interessi: diventano pubbliche virtù solo nella vita civile con leggi giuste tese al bene comune. 2. interessi: diventano pubbliche virtù solo nella vita civile con leggi giuste tese al bene comune. 3. fiducia: fede pubblica, etica, economia e politica, corda che lega e unisce le famiglie in vita compagnevole (A. Genovesi). 3. fiducia: fede pubblica, etica, economia e politica, corda che lega e unisce le famiglie in vita compagnevole (A. Genovesi).

14 Felicità pubblica-economia civile (14 Parole-chiave dell'E conomia civile Parole-chiave dell'E conomia civile 4. incivilimento: scienza, tecnologia, meccanicastrumenti di incivilimento per migliorare il benessere dei popoli. 4. incivilimento: scienza, tecnologia, meccanicastrumenti di incivilimento per migliorare il benessere dei popoli. 5. reciprocità: rapporti non strumentali; mercato: luogo di reciproco aiuto e assistenza reciproca. 5. reciprocità: rapporti non strumentali; mercato: luogo di reciproco aiuto e assistenza reciproca. 6. felicità: Fatigate pel vostro interesse, ma non fate l'altrui miseria e studiatevi di far gli altri felici. Non si può far la nostra felicità senza far quella degli altri (A. Genovesi, Autobiografia). 6. felicità: Fatigate pel vostro interesse, ma non fate l'altrui miseria e studiatevi di far gli altri felici. Non si può far la nostra felicità senza far quella degli altri (A. Genovesi, Autobiografia).

15 Illuminismo scozzese (Smith, Hume, Ferguson) A. SmithTeoria dei sentimenti morali (antropologia simpatica. Illuminismo scozzese (Smith, Hume, Ferguson). A. Smith, Teoria dei sentimenti morali (1759): anche al mercato occorrono altre virtù, quelle civili: prudenza e giustizia. Qui si sperimentano rapporti umani liberi, disinteressati. Può fiorire la vera amicizia (antropologia simpatica). Per quanto l'uomo possa essere egoista nella sua natura ci sono chiaramente principi che lo fanno interessare alla sorte degli altri, e che gli rendono necessaria l'altrui felicità... Quale maggiore felicità di essere amati e sapere di meritare di essere amati? Per quanto l'uomo possa essere egoista nella sua natura ci sono chiaramente principi che lo fanno interessare alla sorte degli altri, e che gli rendono necessaria l'altrui felicità... Quale maggiore felicità di essere amati e sapere di meritare di essere amati?. Tradizione inglese dell'E.c. (15

16 A. SmithLa ricchezza delle nazioni -non più scienza della ricchezza A. Smith,La ricchezza delle nazioni (1776): - non più pubblica felicità o scienza del ben vivere sociale, ma scienza della ricchezza: restano poche tracce di reciprocità. I seguaci di A. Smith enfatizzano il mercato e l'interesse individuale. ConJ. Bentham lapubblica felicità diventa somma di piaceri individuali:felicità=utiltàNasce la scienza economica neoclassica (political economy). I seguaci di A. Smith enfatizzano il mercato e l'interesse individuale. Con J. Bentham (1789) lapubblica felicità diventa somma di piaceri individuali: felicità=utiltà. Nasce la scienza economica neoclassica (political economy). Tradizione inglese dell'E.c. (16

17 Dalla metà del '800 Dalla metà del '800 Cause: - utilitarismo di Bentham (diffusione in Europa) : l'altro come strumento per scopi utilitaristici; - civiltà industriale nata dalla rivoluzione industriale di fine '700; - l'homo oeconomicus: paradigma emergente; - stile di vita modellato sull'economico: efficienza, messimizzazione, ottimizzazione; - taylorismo: ritmo di lavoro molto controllato. Cause: - utilitarismo di Bentham (diffusione in Europa) : l'altro come strumento per scopi utilitaristici; - civiltà industriale nata dalla rivoluzione industriale di fine '700; - l'homo oeconomicus: paradigma emergente; - stile di vita modellato sull'economico: efficienza, messimizzazione, ottimizzazione; - taylorismo: ritmo di lavoro molto controllato. Eclissi dell'Economia civile (17

18 perché l'economia tradizionale non riesce a dare risposte adeguate ai seguenti problemi: perché l'economia tradizionale non riesce a dare risposte adeguate ai seguenti problemi: - salvaguardia dell'ambiente; - ineguaglianze sociali; - senso di insicurezza anche se c'èricchezza; - perdita di senso delle relazioni interpersonali; - mercato senza regole, che ha ingenerato la più grave crisi dopo quella del 1929; - crisi del modello tradizionale di welfare state; - salvaguardia dell'ambiente; - ineguaglianze sociali; - senso di insicurezza anche se c'è ricchezza; - perdita di senso delle relazioni interpersonali; - mercato senza regole, che ha ingenerato la più grave crisi dopo quella del 1929; - crisi del modello tradizionale di welfare state; Attuale ripresa d'interesse per l'E.c. (18 Attuale ripresa d'interesse per l'E.c. (18

19 Sfera dell'economico - tradizione liberista (individualismo): Sfera dell'economico - tradizione liberista (individualismo): - centralità del mercato e del profitto; - impresa a-sociale eticamente neutrale; - rigido scambio di equivalenti; - deregulation, efficienza e ricchezza (quantità); - principio del laissez faire (no intervento Stato); - momento della produzione. - centralità del mercato e del profitto; - impresa a-sociale eticamente neutrale; - rigido scambio di equivalenti; - deregulation, efficienza e ricchezza (quantità); - principio del laissez faire (no intervento Stato); - momento della produzione. Due concezioni antitetiche (20 Due concezioni antitetiche (20

20 perché l'economia tradizionale non riesce a dare risposte adeguate ai seguenti problemi: perché l'economia tradizionale non riesce a dare risposte adeguate ai seguenti problemi: - difficoltà e precarietà occupazionali; - crisi dell'attuale modello di sviluppo; - il criterio di efficienza da solo è insufficiente per decidere cosa produrre; - dimesione sempre più privata e facoltativa dei valori (economia senza etica); - difficoltà e precarietà occupazionali; - crisi dell'attuale modello di sviluppo; - il criterio di efficienza da solo è insufficiente per decidere cosa produrre; - dimesione sempre più privata e facoltativa dei valori (economia senza etica); Attuale ripresa d'interesse per l'E.c. (19 Attuale ripresa d'interesse per l'E.c. (19

21 Sfera del sociale o della solidarietà (tradizione collettivista) Sfera del sociale o della solidarietà (tradizione collettivista) - mercato: luogo disumanizzante, sopraffazione del più forte sul debole; - impresa anti-sociale; - lo Stato si occupa direttamente del sociale (centralità dello Stato: statalismo); - logica antagonista (conflittualità); - momento della redistribuzione. - mercato: luogo disumanizzante, sopraffazione del più forte sul debole; - impresa anti-sociale; - lo Stato si occupa direttamente del sociale (centralità dello Stato: statalismo); - logica antagonista (conflittualità); - momento della redistribuzione. Due concezioni antitetiche (21 Due concezioni antitetiche (21

22 Mercato: palestra di reciprocità e di virtù civili. Mercato: palestra di reciprocità e di virtù civili. Principi altri dal profitto e dal solo scambio di equivalenti (A. Sen: indicatori di qualità, nuovo modello di sviluppo). Principi altri dal profitto e dal solo scambio di equivalenti (A. Sen: indicatori di qualità, nuovo modello di sviluppo). Responsabilità sociale dell'impresa. Responsabilità sociale dell'impresa. Efficienza, equità, reciprocità, pubblica felicità: oltre il PIL c'è il FIL = Felicità Interna Lorda. Efficienza, equità, reciprocità, pubblica felicità: oltre il PIL c'è il FIL = Felicità Interna Lorda. Attenzione dalle sole merci ai beni, legati al ben-essere della persona (cioè allo star bene). Attenzione dalle sole merci ai beni, legati al ben-essere della persona (cioè allo star bene). Prerogative dell'economia civile (22 Prerogative dell'economia civile (22

23 R. Reich (economista di Harvard), L'infelicità del successo (2001) : Per quanto l'attuale economia sia meravigliosa stiamo sacrificando sul suo altare parti belle della nostra vita: aspetti della vita familiare, delle amicizie, della comunità, di noi stessi. E' proprio la relazione a costituire il bene. Gli asset relazionali nascono e muoiono con la relazione stessa. R. Reich (economista di Harvard), L'infelicità del successo (2001) : Per quanto l'attuale economia sia meravigliosa stiamo sacrificando sul suo altare parti belle della nostra vita: aspetti della vita familiare, delle amicizie, della comunità, di noi stessi. E' proprio la relazione a costituire il bene. Gli asset relazionali nascono e muoiono con la relazione stessa. L'infelicità del successo (23 L'infelicità del successo (23

24 Beni relazionali e felicità (Gui, Uhlaner, Bruni): Beni relazionali e felicità (Gui, Uhlaner, Bruni): I beni relazionali sono beni che non possono essere né prodotti né consumati, possono essere goduti solo se condivisi e hanno un forte riscontro economico (C.Uhlaner, 1989). I beni relazionali sono beni che non possono essere né prodotti né consumati, possono essere goduti solo se condivisi e hanno un forte riscontro economico (C.Uhlaner, 1989). L'economia tradizionale diventa economia civile quando un'impresa riesce a fare il salto della gratuità e a suscitare rapporti nuovi di reciprocità. L'economia tradizionale diventa economia civile quando un'impresa riesce a fare il salto della gratuità e a suscitare rapporti nuovi di reciprocità. Prerogative dell'economia civile (24 Prerogative dell'economia civile (24

25 E' un modo nuovo di pensare e fare impresa, centrato sulla cultura di comunione come etica di comportamento, forma di governance e asset organizzativo. E' un modo nuovo di pensare e fare impresa, centrato sulla cultura di comunione come etica di comportamento, forma di governance e asset organizzativo. La comunione (= condivisione, relazione che unisce e crea solidarietà e fraternità) : entra di diritto nella sfera economica. La comunione (= condivisione, relazione che unisce e crea solidarietà e fraternità) : entra di diritto nella sfera economica. Supera il duopolio Stato-mercato: produzione di ricchezza e redistribuzione del reddito. Supera il duopolio Stato-mercato: produzione di ricchezza e redistribuzione del reddito. Economia di Comunione (25 Economia di Comunione (25

26 E' un progetto lanciato da Chiara Lubich, nel 1991, in Brasile, che coinvolge centinaia di imprese dei cinque continenti. E' un progetto lanciato da Chiara Lubich, nel 1991, in Brasile, che coinvolge centinaia di imprese dei cinque continenti. Come risposta alle profonde disuguaglianze sociali (S. Paolo: corona di spine). Come risposta alle profonde disuguaglianze sociali (S. Paolo: corona di spine). Scopo ultimo dell'Edc: i poveri. Non in una logica assistenziale: offrendo denaro, ma imprenditoriale: creando imprese e lavoro. Scopo ultimo dell'Edc: i poveri. Non in una logica assistenziale: offrendo denaro, ma imprenditoriale: creando imprese e lavoro. Economia di Comunione (26 Economia di Comunione (26

27 Imprenditori, dirigenti, lavoratori liberamente reinvestono gli utili seguendo 3 obiettivi: Imprenditori, dirigenti, lavoratori liberamente reinvestono gli utili seguendo 3 obiettivi: - 1/3 per l'incremento dell'attività: nuove imprese, occupazione e sviluppo sostenibile; - 1/3 per l'aiuto agli indigenti, non assistiti ma inseriti nel ciclo produttivo; - 1/3 per la formazione di uomini nuovi, non solo tecnica, ma ispirata ai valori della cultura della reciprocità e della fraternità universale. - 1/3 per l'incremento dell'attività: nuove imprese, occupazione e sviluppo sostenibile; - 1/3 per l'aiuto agli indigenti, non assistiti ma inseriti nel ciclo produttivo; - 1/3 per la formazione di uomini nuovi, non solo tecnica, ma ispirata ai valori della cultura della reciprocità e della fraternità universale. Economia di Comunione (27 Economia di Comunione (27

28 Aderiscono aziende non profit e for profit, cooperative, S.p.A (800 circa nel mondo). Aderiscono aziende non profit e for profit, cooperative, S.p.A (800 circa nel mondo). Azionariato diffuso anche da parte di soggetti non industriali e corpi intermedi (sussidiarietà): 2001: E.diC. Spa = azionisti, capitale E. 7 milioni. Azionariato diffuso anche da parte di soggetti non industriali e corpi intermedi (sussidiarietà): 2001: E.diC. Spa = azionisti, capitale E. 7 milioni. Superamento del duopolio Stato-mercato: produzione di ricchezza e al contempo redistribuzione del reddito e quindi perequazione della ricchezza. Superamento del duopolio Stato-mercato: produzione di ricchezza e al contempo redistribuzione del reddito e quindi perequazione della ricchezza. Economia di Comunione (28 Economia di Comunione (28

29 nasce dalla cultura di comunione vissuta nella vita economica e civile; nasce dalla cultura di comunione vissuta nella vita economica e civile; cerca di coniugare efficienza e solidarietà; cerca di coniugare efficienza e solidarietà; dà vita a poli produttivi e punta sulla cultura per trasformare i comportamenti economici; dà vita a poli produttivi e punta sulla cultura per trasformare i comportamenti economici; propone la reciprocità e la prossimità come via per combattere l'indigenza; propone la reciprocità e la prossimità come via per combattere l'indigenza; può essere la regola in un mercato globale, che non può non diventare solidale se vuole sopravvivere. può essere la regola in un mercato globale, che non può non diventare solidale se vuole sopravvivere. Economia di Comunione (29 Economia di Comunione (29


Scaricare ppt "(1) Cf. L. BRUNI, S. ZAMAGNI, Economia civile. Efficienza, equità, felicità pubblica, Il Mulino, Bologna 2004. FELICITA' PUBBLICA ED ECONOMIA CIVILE (1)"

Presentazioni simili


Annunci Google