La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alighiero BOETTI. Si accosta al mondo dellarte alletà di diciassette anni. Tra il 1963 e il 1964 si reca spesso a Parigi. Di ritorno a Torino, realizza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alighiero BOETTI. Si accosta al mondo dellarte alletà di diciassette anni. Tra il 1963 e il 1964 si reca spesso a Parigi. Di ritorno a Torino, realizza."— Transcript della presentazione:

1 Alighiero BOETTI

2 Si accosta al mondo dellarte alletà di diciassette anni. Tra il 1963 e il 1964 si reca spesso a Parigi. Di ritorno a Torino, realizza grandi disegni a china nera su cartone. Prende parte a tutte le collettive dellArte Povera. Dal 1970 inizia a lavorare sui linguaggi e sul tema della serialità e dello sdoppiamento. Nel 1971 parte per lAfghanistan, meta che visiterà due volte lanno fino al Nel 1972 si trasferisce con la famiglia in una casa a Trastevere e inizia a realizzare le opere a ricamo. Muore a Roma il 24 aprile Alighiero Boetti Torino 1940 Roma 1994

3 Mappa 1989 arazzo MART Rovereto Il lavoro della Mappa ricamata è per me il massimo della bellezza. Per quel lavoro io non ho fatto niente, non ho scelto niente, nel senso che: il mondo è fatto comè e non lho disegnato io, le bandiere sono quelle che sono e non le ho disegnate io, insomma non ho fatto assolutamente niente; quando emerge lidea base, il concetto, tutto il resto non è da scegliere

4 Avere fame di vento ricamo su tela riportato su tavola, 106 x 114 cm Rovereto

5 Nellarazzo, che appartiene a una numerosa serie di opere ricamate, basate sul principio della quadratura di testi e parole, la stessa dualità si ritrova nelle frasi inscritte nei quadrati, aforismi ricorrenti nellopera di Boetti, che spessissimo usa queste coppie apparentemente in antitesi linguistica, spiegando: Ho disegnato circa centocinquanta coppie di parole che potevano disporsi in quadrato. Le frasi, tutte composte da sedici lettere (avere fame di vento; regola e regolarsi; il certo e lincerto; rispetti dispetti; coperte e scoperte, per citarne solo alcune), sono inscritte in venticinque griglie quadrate, secondo un ordine di lettura ermetico, zigzagante, da sinistra a destra e dallalto in basso, che Boetti mette a punto per la prima volta nellopera "Ordine e disordine", eseguita con tecnica a pochoir nel In seguito, le opere concepite con questo sistema vengono realizzate, come nel caso dellarazzo qui esposto, dalle ricamatrici afghane, cui Boetti affida molti dei suoi lavori, secondo il principio della delega, ulteriore declinazione di un dualismo che tende a separare lideazione dellopera dalla sua esecuzione. Alla libera scelta delle ricamatrici è affidato anche luso dei colori, risolto in soluzioni sempre diverse. Come ha spiegato lartista, per non creare gerarchie tra i colori li uso tutti. Le stesse ricamatrici hanno inserito idiomi della lingua farsi nella trama di lettere.

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18 Leonardo Carlotta

19 Andrea Angelica

20 Sabrina e Michela Federico

21 Puoi utilizzare lingue diverse Eleonora elisabetta vlora

22 Negli spazi vuoti disegna le lettere dellalfabeto

23

24

25

26

27


Scaricare ppt "Alighiero BOETTI. Si accosta al mondo dellarte alletà di diciassette anni. Tra il 1963 e il 1964 si reca spesso a Parigi. Di ritorno a Torino, realizza."

Presentazioni simili


Annunci Google