La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Principali modalità di comunicazioni non verbale nei primati Comunicazione chimica ( gusto e olfatto) Comunicazione tattile Comunicazione visiva Comunicazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Principali modalità di comunicazioni non verbale nei primati Comunicazione chimica ( gusto e olfatto) Comunicazione tattile Comunicazione visiva Comunicazione."— Transcript della presentazione:

1 Principali modalità di comunicazioni non verbale nei primati Comunicazione chimica ( gusto e olfatto) Comunicazione tattile Comunicazione visiva Comunicazione acustica e vocale

2 Comunicazione chimica La comunicazione chimica è il mezzo più antico di comunicazione tra gli esseri viventi utilizzando mezzi come l aria l acqua o il terreno per diffondere sostanze di varia natura chimica con il vantaggio di comunicare anche a distanza, di non essere limitato da barriere di alcun tipo e di essere persistente nel tempo.

3 La comunicazione chimica avviene mediante la diffusione nellambiente esterno di molecole chimiche tra cui i feromoni: sostanze chimiche che inducono una reazione comportamentale in altri animali della stessa specie. Feromoni scatenanti quando essi agiscono direttamente sul SNC del ricevente, determinando una risposta comportamentale immediata. Feromoni innescanti quando agiscono per via endocrina determinando nell animale ricevente una serie di modificazioni fisiologiche che solo in un secondo tempo danno luogo a cambiamenti comportamentali. funzioni: richiamo sessuale demarcazione del territorio segnalazione di un percorso per la ricerca del cibo allarme Riconoscimento individuale (età, sesso, specie)

4 I primati hanno un sistema di comunicazione in parte dipendente dallolfatto, ma tale dipendenza è più evidente nella vita sociale delle proscimmie. Le proscimmie impiegano molto tempo in comportamenti olfattivi, depositando odori ed investigando quelli degli altri individui. Le proscimmie possiedono strutture accessorie uniche, quali ghiandole sudoripare ed escretorie, che giocano un importante ruolo nella deposizione dei secreti odorosi.

5 La comunicazione tattile include il bacio, labbraccio, il solletico, il darsi una pacca sulla spalla. La comunicazione tattile, che nella nostra specie è spesso inibita, almeno nelle culture occidentali, ha grande diffusione negli animali. Si potrà trattare delle pulizie sociali reciproche, di segnali di presentazione sessuale e in generale del contatto fisico come segnale affettivo o di riappacificazione. La comunicazione tattile Un esempio di ritualizzazione del contatto fisico è rappresentato dal grooming, pratica diffusa tra i Primati. Esso consiste nella pulizia reciproca della pelle e del pelo, ed assume un valore importante per il mantenimento della coesione sociale.

6 La comunicazione visiva La vista rappresenta uno dei canali sensoriali più sviluppati nei primati e per tale motivo i segnali visivi hanno un ruolo fondamentale nella comunicazione sociale. Nella comunicazione visiva possono essere distinte varie categorie: 1.aspetto corporeo 2.comportamenti spaziali 3.espressioni facciali 4.direzione dello sguardo 5.gesticolazioni 6.postura

7 Comunicazione acustica e vocale Gli scimpanzé hanno a disposizione una vasta gamma di richiami per comunicare. I richiami riguardanti il cibo sono costituiti da un misto di grugniti, latrati e grida affannose che mettono in allerta gli scimpanzé nei paraggi, comunicando loro la presenza di cibo. Una particolare intensità data alle grida eccitate di questo tipo, indica che è stata uccisa vittoriosamente una preda dopo una caccia.

8 Sono stati realizzati molti studi per insegnare alle scimmie antropomorfe un linguaggio articolato. I risultati sono stati alterni. 1.Negli anni 50 Cathy e Ruth Hayes allevarono lo scimpanzé Vicky e ottennero larticolazione di quattro vocalizzazioni somiglianti alle parole: papà, mamma, tazza e sopra. 2.Negli anni 60 Allen e Beatrix Gardner dellUniversità del Nevada hanno insegnato allo scimpanzé Washoe il sistema di comunicazione dei sordomuti Ameslan. Dopo due anni Washoe padroneggiava un vocabolario di 68 segni, che poi sono diventati 150, essenzialmente costituiti da oggetti e ingiunzioni (ancora, vieni). 3.Negli anni 70 altri ricercatori (tra cui David Premack dellUniversità di Santa Barbara) hanno studiato le capacità linguistiche di adottare le regole sintattiche. Sono state utilizzate tecniche artificiali, per es. laiuto di simboli visivi associati a oggetti o azioni. Lo scimpanzé Sarah riusciva a distinguere tra: Sarah dà una mela a Randy e Randy dà una mela a Sarah. Secondo lo psicologo Herbert Terrace il livello sintattico degli scimpanzé non supera lo stadio grammaticale delle due parole. Un gruppo di Atlanta diretto da Diane e Sue Rumbaugh ha intrapreso esperimenti con laiuto di un linguaggio visivo costituito da un centinaio di forme arbitrarie denominate lessigrammi sullo scimpanzé Lana. 4.Un progetto simile che contempla luso di simboli visuali è stato realizzato in Giappone da Totouro Matsuzawa. Con laiuto di questi sistemi sono stati studiati molti aspetti delle attività cognitive. Per es. la capacità di categorizzazione e astrazione. Il bonobo Kanzi verso i 6 anni di età era capace di manipolare simboli e poteva comprendere circa 400 parole in inglese, anche in successioni complesse.

9 In generale gli studi hanno dimostrato che le scimmie antropomorfe: possiedono capacità simboliche e rappresentative; sanno utilizzare i simboli in contesti comunicativi concreti, fra di loro e con gli umani; utilizzano il linguaggio con modalità imperative e di ingiunzione, ma non dichiarative; è assente o molto ridotta la creatività; la possibilità di comunicazione linguistica è limitata. La capacità di espressione è molto inferiore a quella di comprensione (paragonabile a quella di un bambino di due anni e mezzo).

10 Strutture per la fonazione: labbra, lingua, faringe e laringe. Nel corso dellevoluzione, come conseguenza del bipedismo, la laringe e losso ioide si sono ritirati verso il basso lungo il collo; in tal modo lepiglottide ed il palato molle si trovano separati da uno spazio chiamato faringe. La faringe possiede un canale vocale ampio e lungo detto orofaringe.. Nelle scimmie manca lorofaringe.

11 Le ricerche neuro-scientifiche mostrano analogie nelle: asimmetrie morfologiche; differenze funzionali; caratteristiche di lateralizzazione. Indicano dunque lesistenza di un cervello ancestrale comune alluomo e alle grandi scimmie. Tuttavia, differenze legate a: anatomia e funzionamento del cervello, e finalità della comunicazione determinano il divario tra la comunicazione dei primati e il linguaggio umano.

12 Nelluomo, il linguaggio viene generato e interpretato nella corteccia, la copertura più esterna del cervello. Paul Broca e Carl Wernicke, neurologi del diciannovesimo secolo, avevano notato che un danno alle specifiche aree corticali che oggi portano il loro nome produceva disturbi nella produzione oppure nell'elaborazione del linguaggio, ma non entrambi. Nel 2004, alcuni ricercatori del Kings College di Londra hanno scoperto che una nuova area cerebrale, situata nel lobo parietale, che connette le due regioni già note. Questa è stata battezzata "regione di Geschwind", in onore del neurologo americano Norman Geschwind che ne aveva studiato l'importanza linguistica decenni or sono.

13 Aree cerebrali decisive per lo sviluppo del linguaggio, come larea di Broca (coinvolta nella pronuncia delle parole) e larea di Wernicke (coinvolta nella comprensione delle parole) sono apparse due milioni di anni fa, molto prima di Homo sapiens. Gli aggregati neuronali che nelluomo moderno sono associati alla funzione linguistica sono analoghi agli aggregati neuronali che negli scimpanzé sono deputati allazione (movimento delle mani e della faccia) e allimitazione dellazione. E il fatto che nelluomo i medesimi presidi cerebrali governino il linguaggio dei segni (con le mani e la faccia) e il linguaggio parlato sembra indicare che l«organo del linguaggio» altro non sia che levoluzione dell«organo della coordinazione motoria» dei primati.

14 La prima fase della ricerca richiede di stabilire le regole di campionamento (sampling rules) e le regole di rilevamento (recording rules). Sampling rules Le osservazioni possono rivolgersi a: - un individuo focal sampling; - un gruppo di individui (o anche lintera comunità) scan sampling. Recording rules - continuativo continuos recording (appropriato per il focal sampling); - a intervalli time sampling. Metodi per lo studio del comportamento nei primati

15 - statici, consistono nella postura mantenuta dallanimale; - dinamici, consistono nellattività praticata dallanimale. - eventi, quando sono istantanei (es. alcune espressioni facciali, dalla durata inferiore a un secondo); lavvio di ogni comportamento definito può essere considerato un evento; - stati, quando hanno unestensione temporale misurabile. Definizione dei comportamenti

16 Elenco delle posture SITTING SIT + o - The animal rests on its haunches on a support; tail curled +, tail extended – VENTRAL LYINGVLY + o - The animal rests in a ventral lying position; tail curled +, tail extended – DORSAL LYINGDLY + o - The animal rests in a dorsal lying position;tail curled +, tail extended – LATERAL LYINGLLY + o - The animal rests in a lying position on its side; tail curled +, tail extended – CLINGINGCL + o - The animal clings to a vertical support without sitting on an horizontal-oblique branch; tail curled +, tail extended – QUADRUPEDAL STANDINGQS + o - The animal stands on its four limbs; tail curled +, tail extended – TRIPEDAL STANDINGTS + o - The animal stands on three limbs; tail curled +, tail extended - BIPEDAL STANDINGBS + o - The animal stands on two limbs; tail curled +, tail extended - SUSPENSIONSU The animal is suspended on a support only with the tail INVERTED BIPEDALIB The animal is suspended on a support with the tail and the hindlimbs TAIL-ARM HANGINGTAH The animal is suspended on a support with the tail and one hand

17 1) comportamenti molecolari Le categorie sono prefissate e indicano azioni con un senso chiaro e definito. Esiste una gerarchia riconoscibile tra le diverse categorie. La classificazione dei comportamenti varia a seconda della specie studiata e dello scopo dellindagine. 2) comportamenti atomici Questi comportamenti non vengono annotati riferendosi a categorie prefissate, ma vengono descritti in modo analitico, tentando di raggiungere il massimo dettaglio possibile (ad es. unazione di foraging potrebbe essere riferita così: lanimale si dirige verso un ramo con foglie giovani, ne afferra la fronda terminale con una mano e lavvicina alla bocca ….). Per facilitare il rilevamento è bene che ogni comportamento sia indicato con una sigla (una, due o tre lettere, vedi tabella 2). La rilevazione del comportamento deve inoltre seguire una struttura grammaticale del tipo: soggetto azione oggetto (actor act recipient), ad es. Imo lava la patata. Definizione dei comportamenti

18 RESTING RA behaviour characterized by absence of movement SLEEPING SThe animal rests with closed eyes FEEDINGFIncludes all the phases of food ingestion (chewing, swallowing, …..) FORAGINFRIncludes all the behaviours of food research, exploration, collection, preparation, until the beginning of ingestion MOVINGMThe animal moves from a place to another QUADRUPEDAL WALKINGQWAMovement in which all four limbs move in a regular pattern above a horizontal or a slightly inclined support QUADRUPEDAL RUNNINGQRUMovement in which the animal runs with all four limbs TRIPEDAL WALKINGTWMovement in which three limbs are used in locomotion while the fourth is used to support something ARM SWINGINGASWBimanual suspensory locomotion with arms and trunk rotation BRIDGINGBRPassage between gaps in the canopy that involves forelimbs, hindlimbs and tail, to grasp branches of different trees INVERTED BRIDGINGIBRLike bridging, except that the animal is upside-down CLIMBINGCLQuadrupedal vertical ascent HEAD-FIRST QUADRUPEDAL QDHClimbing down with four limbs head first DESCENT REAR-FIRST QUADRUPEDAL QDRClimbing down with four limbs rear first DESCENT DROPPINGDRODropping from a support to another with minimal horizontal displacement LEAPINGLEMovement in which the hindlimbs propel an animal across a gap between two supports INVERTED QUADRUPEDALIQInvolves suspension by all five appendages in an inverted position Branch RunningBRURunning and leaping on the floor of the canopy JumpingJJumping on the branches with the four limbs LeapingLHorizontal leaps between distant branches in which the propulsion is given by the hindlimbs HoppingHStanding jumps on the ground Vertical ClimbingVCMovement on a vertical support where the hindlimbs give the propulsion and the forelimbs contribute to keep the balance BrachiationBRASuspension on the forelimbs and swinging rythmic movement BipedalismBStridine gate Elenco dei comportamenti

19 SOCIAL INTERACTIONSSIEvery action determined by the contact with other individuals PLAYPPlay sessions and play bouts SEXUALSEXSexual interactions AGONISTICAGOAgonistic encounters AFFILIATIVEAFFAffiliative behaviours GROOMINGGROReciprocal toilet of the coat PROXIMITYPROAnimals sitting or lying at contact distance AVOIDANCEAVOAn animal leaves when a second animal moves in its direction DISPLACEMENTDISAn animal induces an other animal to go off SUBMISSIVESUBVarious submissive facial expressions or postures FACIAL EXPRESSIONSFEXFacial expressions VOCALIZATIONSVOCVocalizations OTHERSOIncludes behaviours that have not been previously defined, or unusual behaviours SCRATCHINGSCRRubbing the fur with one hand, foot, or the prehensile tail SWATING INSECTSSWIChase insects with one hand or foot YAWNINGYAWAn animal opens and closes the mouth SNEEZINGSNEAn animal emits a sound and clean his throat DEFECATINGDEFAn animal lets out dung URINATINGURIAn animal lets out urine DRINKINGDRIAn animal ingests water by licking, or sucking or by pouring water with its hands Elenco dei comportamenti 2

20 Scheda di rilevamento per il focal e time sampling Time 1 Activity 2 Food 3 Posture 4 Tree 5 Height 6 Branch size 7 Branch orientati on 8 Position in the crown 9 Number of animals R/DLYAr110 m FYoung leaves SITAr112 m … (almeno) 1. cadenza temporale in minuti; 2. codice dellattività osservata (come da tabella 2); 3. cibo utilizzato; 4. codice della postura (come da tabella 1); 5. codice dellalbero; 6. altezza a cui si trova lindividuo; 7. Branch size (1= small, 2= medium, 3 large); Branch orientation (1=vertical, 2= orizontal, 3=oblique); 9. Position in the crown (1 = central, 2 = intermediate, 3= external); 10. Numero di altri animali presenti sullo stesso albero. Talvolta può essere utile indicare la distanza degli animali e, se possibile, il sesso (nel caso, = indica contatto, + distanza inferiore a 3 metri, ++ distanza compresa tra 3 e10 metri, +++ distanza maggiore di 10 metri).

21 Letogramma È un catalogo esaustivo del repertorio di comportamenti di base tipici di una specie. Ogni comportamento osservato deve essere citato una sola volta. I comportamenti possono essere raggruppati in social - non social, oppure affiliativi – agonistici, self maintenance, etc. Il time budget Rappresenta la scansione e quantificazione delle attività quotidiane. Può essere raffigurato con istogrammi di frequenza o con aerogrammi. Disegno del trail La costruzione, o la scelta, e la ricostruzione grafica del trail è la prima fase della ricerca sperimentale. Si devono individuare alcuni punti (mark points) lungo il trail a distanze più o meno costanti, o in punti in cui il sentiero cambia direzione e da ciascuno di essi si rileva la distanza e lorientamento (in gradi rispetto al nord, con una bussola) rispetto al punto successivo. I dati raccolti possono essere utilizzati per trascrivere il sentiero su un foglio di carta millimetrata (mappatura), oppure direttamente sul computer, utilizzando appositi software (ad esempio pathfinder). La mappatura dei sentieri può anche essere effettuata tramite lutilizzo di un GPS (ricevitore satellitare) e i dati possono essere visualizzati su carte georeferenziate (GIS).

22 Stima dellhome range Per definire lhome-range (area vitale degli animali) è necessario, per alcuni giorni consecutivi, riportare sul grafico del trail la posizione degli alberi (o altri punti di localizzazione) frequentati dagli animali, ovvero la loro distanza da uno dei mark points del trail, e lorientamento. Se non si riesce a misurare direttamente la distanza (perché cè troppa vegetazione nel sottobosco), si può ricorrere alla triangolazione: da almeno due diversi punti del trail (scelti in modo tale che il triangolo formato con lalbero sia approssimativamente equilatero) si valuta con la bussola la direzione in cui è collocato lalbero; il punto di incontro delle direzioni stabilite dai diversi punti, riportate sul grafico, corrisponde alla posizione dellalbero, di cui si può calcolare la distanza dal trail. UnUna volta annotata la posizione degli alberi di feeding e resting, si può calcolare, giorno per giorno, larea dellhome range. I principali metodi di analisi sono tre: Minimum Convex Polygon, Grid Method, Kernel Method.

23 Distance sampling È il metodo più comunemente utilizzato per stimare la densità degli animali. Si deve definire un trail più lineare possibile e camminare lungo di esso alla velocità di 1 Km allora (se di notte con una torcia, che consente di individuare gli animali per il riflesso del tapetum lucidum). Se si vede un animale, se ne stima immediatamente la distanza dalla posizione di rilevamento e si valuta langolo α con la bussola. La distanza tra lanimale e il trail può successivamente essere calcolata come: d = L sin(α). La densità sarà quindi calcolabile con la formula: n δ = , 2d m L dove n è il numero di animali, d m la distanza media di questi dal trail, L la lunghezza del trail (in metri). La densità varia a seconda del tipo di ambiente. Può essere utilizzato il software Distance. Accuratezza e precisione È necessario realizzare le proprie misurazioni in modo che queste siano confrontabili con quelle di altri studiosi. Le rilevazioni devono dunque essere accurate, ovvero le definizioni devono essere il più possibile corrispondenti al comportamento in osservazione, e precise, ovvero ripetibili e non variabili in conseguenza di errori di rilevamento. Può essere utile che più ricercatori partecipino al rilevamento dei dati di un particolare studio. In questo caso, deve essere preliminarmente realizzato un test che valuti lerrore interosservatore. La concordanza tra i risultati di due diversi ricercatori deve essere almeno del 95%.

24 Caratterizzazione della foresta tropicale Consiste nella definizione e misura dellarea in cui vivono gli animali. È possibile innanzitutto distinguere una foresta in primaria, riconoscibile perché vi si incontrano grandi alberi, e secondaria, ovvero ricostituitasi in seguito alle modificazioni indotte dalle attività umane (pressione antropogenica), come incendi, coltivazioni… È inoltre possibile distinguere una foresta stagionale, dove sono riconoscibili modificazioni cicliche durante lanno, e una foresta astagionale. I principali metodi in uso per la caratterizzazione di una foresta sono di tre tipi. 1) Plot method 2. Quarter point method 3) Transect Plot e sub plots

25 Il concetto di cultura è stato a lungo attribuito alla sola specie umana. [La cultura è] quel tutto complesso che include la conoscenza, la fede, l'arte, la morale, i costumi e tutte le altre capacità ae abitudini acquisite dall'uomo in quanto membro della società (Edward Tylor, 1871). Gli psicologi dell'apprendimento sostengono che, per poter parlare di cultura, debbano esservi imitazione, insegnamento e linguaggio. Al contrario, in biologia il termine cultura si utilizza in senso lato, a prescindere dal suo modo di propagazione. I fenomeni vengono infatti definiti nella loro sostanza e non attraverso i meccanismi con cui si realizzano. Es. Respirazione = scambio di molecole di gas tra organismo e ambiente (branchie, polmoni); locomozione = movimento autopropulsivo (arti, ali). La nostra cultura e la religione dominante hanno legato la dignità e il valore umani alla nostra separazione dalla natura e alla distinzione dagli altri animali. La filosofia orientale è invece tradizionalmente adatta ad ottenere i migliori risultati nella primatologia: è sempre stato assente il concetto di scala naturae. Non esiste una netta separazione tra uomo e animali, ma anzi l'anima umana può incarnarsi in tante forme diverse. esiste il contatto con i primati (i racconti popolari sono ricchi di riferimenti alle scimmie come specchio dell'umanità). L'istinto è un comportamento ereditato e quindi è qualcosa di opposto alla cultura, che rappresenta invece il comportamento acquisito. Se è dogmatico considerare tutto il comportamento animale come istintivo, è parimenti dogmatico considerare tutto il comportamento umano come culturale. (Kinji Imanishi, 1952) Mentre gli studiosi occidentali esigevano la più stretta neutralità negli studi sugli animali, gli orientali utilizzavano il concetto di individuo nella sua società. Documentavano per ciascun componente del gruppo (identificato con un nuome proprio) le relazioni di parentela, di amicizia, di rivalità, di rango. Inoltre avevano l'uso di distribuire cibo agli animali. Prima che qualcuno osasse vedere nell'infanticidio un modello ricorrente di comportamento, molti giovani animali sono stati uccisi dai loro conspecifici. L'uccisione di nuove vite non trovava una spiegazione plausibile in termini di adattamento e selezione darwiniana. Le prime osservazioni rislagono al 1967 (Y. Sugiyama). Il fenomeno si realizza nel caso di introduzione di un nuovo maschio dominante nel gruppo, dove l'uccisione dei piccoli induce le femmine a disporsi a un nuovo accoppiamento in minor tempo.

26 Verso una definizione di cultura La cultura è un modo di vivere condiviso dai membri di un gruppo, ma non necessariamente dai membri di gruppi diversi della stessa specie. Copre la conoscenza, gli usi, le abilità, incluse le tendenze e le preferenze sottostanti, che derivano da un'esposizione agli altri e dall'apprendimento dagli altri. Qualsiasi variazione sistematica nella conoscenza, negli usi e nelle abilità tra gruppi, che non può essere attribuita a fattori genetici o ecologici, è probabilmente una variazione culturale. La cultura è la diffusione non genetica di capacità e informazioni. La cultura deve avere avuto inizi semplici che possono essere trovati al di fuori della nostra specie. Gli umani sono i più culturali di tutti gli esseri culturali. Grazie ai simboli, al linguaggio, alle idee, ai significati, all'istruzione, all'imitazione, l'umanità ha fatto fare alla cultura un passo che non ha precedenti. Costruire nuove invenzioni su quelle più vecchie è un processo unicamente umano e porta ad un'accumulazione dei miglioramenti nel corso della storia (effetto di irreversibilità). Cultura animale La cultura intesa come trasmissione sociale di capacità e informazioni è molto diffusa in natura. Gli animali mancano di simboli e linguaggio; ma non c'è dubbio che essi sviluppino nuove tecnologie, preferenze per i cibi, gesti comunicativi e altre capacità che i giovani apprendono dai vecchi (o viceversa). Imanishi definisce la cultura animale come: comportamento flessibile trasmesso socialmente, una forma di trasmissione del comportamento che non poggia su basi genetiche.

27 Ci vuole un villaggio per allevare un bambino (proverbio africano) La domanda del biologo è se i processi culturali siano visibili dal punto di vista della selezione, se cioè contribuiscano alla sopravvivenza. L'apprendimento sociale è ampiamente diffuso tra gli animali e presenta enormi vantaggi. 1. L'immagine del predatore (serpente, leopardo, aquila) viene tramandata e affiancata da uno specifico richiamo di allarme che richiede una specifica risposta comportamentale. 2. Il cibo. Gli animali imparano gli uni dagli altri cosa mangiare e cosa non mangiare. L'imitazione è un fenomeno molto complesso ed è considerata una delle più raffinate imprese cognitive. Ogni imitazione è una combinazione di un'idea generale presa dagli altri e di una pratica individuale con cui tale abilità viene affinata. Essa necessita che l'input visivo sia convertito in output motorio. Gli umani imparano dagli altri con più facilità e precisione di qualsiasi altro animale. Oltre ad essi, solo le grandi scimmie riescono bene a imitare. Copiano meglio se l'azione lega due oggetti, così come spesso avviene nell'uso di utensili in natura, piuttosto che se lega un oggetto con il corpo.

28 Alcuni scimmiottamenti segare legna, piantare chiodi, indossare una t-shirt, ripararsi gli occhi dal sole, legare un'amaca, spaccare noci di cocco; camminare come altri, strofinare le pietre l'una contro l'altra, bere da una bacinella immergendovi il braccio e poi leccandolo. Le scimmie allevate in famiglia sono risultate imitatrici altrettanto brave dei bambini di due anni. Alcune di queste inseriscono la loro foto tra quelle degli uomini, separandosi dal resto degli altri animali. All'interno del proprio gruppo, le scimmie giovani tendono ad imitare gli anziani. Negli animali in cattività e nella colonia di macachi sull'isola di Koshima nessuna maschio alfa è stato mai spodestato: il trasferimento del potere è sempre avvenuto dopo la morte naturale. Nei gruppi in natura, al contrario, i giovani maschi sfidanti provengono dall'esterno e sono del tutto privi di impedimenti dovuti al rispetto. L'isola di Koshima La prima esplorazione dell'isola di Koshima da parte di Imanishi fu nel Subito dopo cominciò la distribuzione di grano e patate dolci per abituare i macachi al contatto. Nel 1953 venne documentato per la prima volta il lavaggio spontaneo delle patate da parte di Imo, una scimmia di diciotto mesi. Più tardi migliorò la tecnica. Il lavaggio delle patate si diffuse all'inizio orizzontalmente, da Imo ai suoi compagni di gioco. Dopo tre mesi, due dei suoi compagni e la madre presentavano il comportamento. Si estese quindi ad altre scimmie giovani, ai fratelli e alle sorelle maggiori, e alle rispettive madri. I maschi più vecchi non adottarono mai questo comportamento. La trasmissione sembrava seguire la quantità di tempo che le scimmie trascorrevano insieme. Anche la trasmissione lungo le linee di parentela, da giovane a giovane, e da giovane a adulto. Successivamente le patate vennero lavate nell'acqua e a questo comportamento si attribuisce il valore di ottenere un 'condimento'. Nel 1956 Imo imparò a separare il grano dalla sabbia portando una manciata del miscuglio vicino all'acqua e gettandocela dentro. Nel 1965 comparve l'articolo dal titolo: Newly-acquired pre-cultural behavior of the natural troop of Japanese monkeys on Koshima islet (Kawai, 1965; Primates, 6: 1-30).

29 Le condizioni necessarie per l'imitazione sono state così definite dagli psicologi sperimentali: Identificazione Comprensione dell'obiettivo Conoscenza di sfondo Al contrario, secondo Frans de Waal, è dubbio se vi sia la comprensione degli obiettivi e se i comportamenti imitativi debbano essere finalizzati alla risoluzione di problemi. BIOL (Bonding- and Identification-based Observational Learning). Le motivazioni sottostanti l'apprendimento sociale affondano le radici nelle emozioni sociali e nel conformismo ai desideri più che nell'aspettativa di una ricompensa o nel timore di una punizione. Gli animali guardano gli altri e copiano il loro comportamento solo per inserirsi nel gruppo e comportarsi come i loro simili. Il risultato (vantaggio) finale è la diffusione di tecniche e abitudini all'interno di una popolazione. Il desiderio di agire come gli altri e l'abilità di riprodurne i comportamenti si sono evoluti insieme. Del resto anche nell'uomo, non esiste un obiettivo preciso per giustificare la tendenza degli adolescenti a parlare con un gergo simile e non producono un risultato tangibile nemmeno la moda, la religione, la cucina, l'arte, lo stile sociale.


Scaricare ppt "Principali modalità di comunicazioni non verbale nei primati Comunicazione chimica ( gusto e olfatto) Comunicazione tattile Comunicazione visiva Comunicazione."

Presentazioni simili


Annunci Google