La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fate clic per aggiungere testo Il Romanticismo. Origini e cause 1. Origine del termine: Metà del ‘600: ciò che è fantastico, assurdo nei romanzi cavallereschi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fate clic per aggiungere testo Il Romanticismo. Origini e cause 1. Origine del termine: Metà del ‘600: ciò che è fantastico, assurdo nei romanzi cavallereschi."— Transcript della presentazione:

1 Fate clic per aggiungere testo Il Romanticismo

2 Origini e cause 1. Origine del termine: Metà del ‘600: ciò che è fantastico, assurdo nei romanzi cavallereschi e pastorali. ‘700: perde il significato spregiativo. Nella Nuova Eloisa indica qualcosa di vago e indefinito. Novalis: il termine indica la letteratura moderna. 1. Ansia, paura, insicurezza verso un mondo di cose che sfugge al controllo (Frankenstein di M. Shelley); senso di colpa per aver violato la Madre Natura.

3 Contesto storico- culturale 1. Rivoluzione politica ( fine della monarchia assoluta di diritto divino; si afferma sempre più la sovranità del popolo). 2. Rivoluzione industriale: Nascita delle città industriali; Formazione del ceto borghese attivo e dinamico; Formazione delle masse operaie sfruttate e ostili al sistema; Trasporti più rapidi; Espansione della produzione con conseguenti crisi cicliche dell’economia; Comincia l’aggressione dell’industria verso la natura.

4 L’intellettuale Proviene per lo più dal ceto borghese; Deve lavorare per vivere; Deve assecondare l’editoria; Si ritrova ai margini del processo produttivo: nella nuova società prevale la scienza e la tecnica; Avverte frustrazione, rabbia verso la stessa società da cui proviene. Rifiuta la realtà e ciò lo porta ad assumere due contrastanti atteggiamenti: 1. eroe ribelle (masnadiere) 2. Eroe vittima (Werther). Comunque afferma la propria superiorità di genio ispirato.

5 Temi 1. Rifiuto della ragione; 2. Il sogno, la follia; 3. Tensione verso l’infinito; 4. Soggettivismo; 5. Ritorno alla religiosità; 6. Interesse per il Male (Faust, Goethe); 7. Sehnsucht; 8. Esotismo; 9. Il popolo; 10. Mito dell’infanzia e del primitivo.

6 Concezione dell’arte 1. Rifiuto dei canoni immutabili del Bello; 2. Rifiuto dei modelli, dei generi, delle regole formali; 3. Artista come genio; 4. Ricerca della originalità; della spontaneità, dell’autenticità; 5. Ricerca del vago, dell’indefinito, del musicale.

7 Germania 1. Athenaeum (Schlegel, Novalis, Tieck, Schelling); 2. Culto del medioevo e delle tradizioni, in accordo col nazionalismo allora imperante (fiabe dei fratelli Grimm); 3. Idealismo di Fichte; 4. Soggettivismo esasperato; 5. Tensione verso l’infinito; 6. Gusto per il fantastico.

8 Inghilterra 1. ‘800: Wordsworth e coleridge: manifesto del romanticismo 2. Byron, Shelley e Keats: conflitto con la società, il linguaggio si fa più complesso; 3. Romanzo storico di Scot e Austen.

9 Francia (3° decennio dell’800) 1. Chateaubriand, De Stael, Hugo: il bello e il brutto convivono; 2. Baudelaire, Merimèe, Stendhal, Balzac, Flaubert.

10 Russia Puskin e Lermontov, perseguitati dal regime zarista per le loro idee liberali e progressiste.

11 U.S.A. Si sviluppa in particolar modo il romanzo storico avventuroso (Hawthorne e Melville) e quello nero (Poe).

12 Italia 1. Polemica coi classicisti scaturita dall’ìarticolo della De Stael Sulla maniera e l’utilità delle traduzioni, il 1816 sulla “Biblioteca italiana”. P. Giordani e C. Botta intervengono in difesa dei classicisti. Un gruppo di “romantici” difende la De Stael e fonda “il Conciliatore” (Pellico, Borsieri, Di Breme, Visconti), giornale romantico e diffondeva anche nozioni scientifiche per lo sviluppo economico della Lombardia.

13 Contesto storico- culturale 1. Italia ancora divisa: Arretratezza dello sviluppo economico e sociale; Paese prevalentemente agricolo; Assenza del ceto borghese, (l’ala progressista dell’aristocrazia fa le sue veci); Sorge il concetto di nazione; Il “quarto stato” (contadini) vivono fuori della storia e per questo resteranno esclusi dalla formazione di uno stato italiano.

14 Ideologie 1. Liberali moderati (Gioberti, Balbo, D’Azeglio, Cavour) vi aderisce Manzoni; 2. Liberali democratici (Mazzini, Cattaneo, Ferrari).

15 Differenze del Romanticismo italiano rispetto a quello europeo 1. Rifiuto delle tematiche cupe e irrazionalistiche; 2. Rifiuto delle soluzioni formali estreme. 3. Rifiuto di una letteratura meramente fantastica: essa deve invece ancorarsi al vero. 4. Letteratura con finalità civili e morali. 5. Il Romanticismo lombardo esprimeva esigenza di rinnovamento della società, fu avanguardia intellettuale del processo di formazione della borghesia; 6. L’intellettuale ha ruolo attivo di primo piano nella società come guida dei processi risorgimentali. 7. Le tematiche irrazionalistiche arriveranno in Italia solo alla fine del Risorgimento con gli Scapigliati (es.:Boito Dualismo).

16 Generi letterari 1. Poesia patriottica; 2. Poesia satirica (Giusti); 3. Novella in versi e Ballata (Carrer), particolarmente amata dal pubblico. Essa testimonia il passaggio da una letteratura d’èlite ad una letteratura di massa. 4. Poesia languida e sentimentale (Prati e Aleardi). 5. Poesia dialettale di Porta e Belli: fortemente innovativa. 6. Il romanzo: storico, sociale, psicologico(Tommaseo, Fede e Bellezza), “contemporaneo” (Nievo). 7. La tragedia storica; 8. Il Melodramma; 9. Nascita del critico professionista; 10. Nascita del critico di professione; 11. Nascita della storiografia letteraria (St. d. Lett. Ital. Di Giudici; Settembrini; St. d. Lett. ital-. Di F. De Sanctis).


Scaricare ppt "Fate clic per aggiungere testo Il Romanticismo. Origini e cause 1. Origine del termine: Metà del ‘600: ciò che è fantastico, assurdo nei romanzi cavallereschi."

Presentazioni simili


Annunci Google