La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alberto Perra e Angela Giusti Perugia, novembre 2011 La comunità di pratica su Moodle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alberto Perra e Angela Giusti Perugia, novembre 2011 La comunità di pratica su Moodle."— Transcript della presentazione:

1 Alberto Perra e Angela Giusti Perugia, novembre 2011 La comunità di pratica su Moodle

2 Il razionale

3 3 scegliere gli strumenti migliori processi trasparenti e riproducibili Avere un modello teorico-concettuale di riferimento ci aiuta a scegliere gli strumenti migliori per ottenere il risultato che desideriamo (validità) rendendo al contempo i processi trasparenti e riproducibili (attendibilità)

4 la conoscenza è un insieme di oggetti la mente è un contenitore … LIMBUTO DI NORIMBERGA

5 Modello comportamentista la mente non è conoscibile si studia la relazione tra stimolo e risposta … LA SCATOLA NERA

6 GUARDA COSA RIESCO A FAR FARE A PAVLOV: NON APPENA SBAVO, LUI SORRIDE E SCRIVE SUL QUADERNO.

7 Modello cognitivista di elaborazione dellinformazione la mente trasforma le informazioni in entrata il processo di trasformazione è descrivibile da un algoritmo … IL COMPUTER

8 LA FORESTA Modello costruttivista la mente è un sistema cibernetico Il soggetto costruisce attivamente la propria conoscenza la conoscenza emerge dallinterazione …

9 Dal modello comportamentista… …al modello costruttivista

10 raggiungere obiettivi condivisi. È un metodo di apprendimento/insegnamento in cui coppie o piccoli gruppi di discenti lavorano insieme per raggiungere obiettivi condivisi. a beneficio di tutti Obiettivo della cooperazione è ottimizzare il proprio apprendimento e quello degli altri unendo gli sforzi a beneficio di tutti favorirebbe la competizione Questo metodo aiuta a correggere il bias sociale ed educativo inconscio che favorirebbe la competizione cooperativo collaborativo Apprendimento cooperativo e collaborativo

11 avere un maggiore controllo 1. In generale, gli adulti desiderano avere un maggiore controllo del proprio apprendimento confidano nella propria esperienza 2. Gli adulti confidano nella propria esperienza come risorsa per lapprendimento più motivati 3. Gli adulti tendono ad essere più motivati nelle situazioni di apprendimento (commitment) pragmatici nellapprendimento 4. Gli adulti sono più pragmatici nellapprendimento spesso secondario 5. Per gli adulti, il ruolo di studenti è spesso secondario dallorganizzazione della propria vita 6. Gli adulti devono far rientrare l apprendimento nei margini consentiti dallorganizzazione della propria vita mancano di fiducia 7. Molti adulti mancano di fiducia nelle proprie capacità di apprendimento più resistenti al cambiamento 8. Gli adulti sono più resistenti al cambiamento maggiori differenze interindividuali 9. Gli adulti presentano maggiori differenze interindividuali velocità di apprendimento la profondità dellapprendimento 10. Con letà, la velocità di apprendimento tende a diminuire; in compenso, la profondità dellapprendimento tende ad aumentare.

12 La Comunità di Pratica (CoP)

13 Le comunità di pratica è un gruppo sociale che ha come obiettivo finale il generare conoscenza organizzata e di qualità cui ogni individuo può avere libero accesso. In queste comunità gli individui mirano a un apprendimento continuo e hanno consapevolezza delle proprie conoscenze. Non esistono differenze di tipo gerarchico: tutti hanno uguale importanza perché il lavoro di ciascuno è di beneficio allintera comunità. Da Wikipedia

14 Favoriscono il knowledge management Professionisti accomunati da Un compito comune Cultura specifica Profilo di crescita improntato allautoapprendimento e imparar facendo I progetti richiedono sempre soluzioni nuove, risultanti da nuova conoscenza Letture o soluzioni identificate in unarea alleggeriscono il lavoro di unaltra Valutazione ex-ante solidali parziali o complete Efficienza (le distanze fra salute e scuola non sono solo virtuali…………….)

15 Le 3 dimensioni della CoP: Campo tematico condiviso e dinteresse: la pianificazione della promozione della salute Quadro di riferimento regionale Competenze documentate dei partecipanti Prevenzione, studio del contesto….. La comunità: Processi di lavoro condivisi, produzione o condivisione conoscenze e evidence, best practices, innovazione, problematiche locali o generali di lavoro….. La pratica: I progetti di promozione della salute per area da produrre entro giugno

16 16 Deliverable: Progetto di area di promozione della salute Professionista 1 provincia 1 Professionista 2 provincia 1 Professionista 1 provincia 2 Professionista 2 provincia 2 Professionista 3 provincia 2 Professionista 3 provincia 1 Regione e coordinatori di area Avvio, organizzazione e assistenza della CoP Com. Pratica Tutte le province, diverse aree di azione

17 17 Deliverable: Progetto di area di promozione della salute Professionista 1 provincia 1 Professionista 2 provincia 1 Professionista 1 provincia 2 Professionista 2 provincia 2 Professionista 3 provincia 2 Professionista 3 provincia 1 Regione e coordinatori di area Avvio, organizzazione e assistenza della CoP Com. Pratica Stessa provincia

18 18 Deliverable: Progetto di area di promozione della salute Professionista 1 provincia 1 Professionista 2 provincia 1 Professionista 1 provincia 2 Professionista 2 provincia 2 Professionista 3 provincia 2 Professionista 3 provincia 1 Regione e coordinatori di area Avvio, organizzazione e assistenza della CoP Com. Pratica Stessa area di tematica

19 19 Deliverable: Progetto di area di promozione della salute Professionista 1 provincia 1 Professionista 2 provincia 1 Professionista 1 provincia 2 Professionista 2 provincia 2 Professionista 3 provincia 2 Professionista 3 provincia 1 Regione e coordinatori di area Avvio, organizzazione e assistenza della CoP Com. Pratica Supporto metodologico Esperti Cooperazione Risorse

20 Attività I membri lavorano nello sviluppo di una pratica Coalizione Creazione di una condivisione e riconoscimento delle reciproche potenzialità Dispersione Impegno dei membri in diminuzione, ma scambi ancora esistenti Potenzialità Si affrontano situazioni simili senza il beneficio di pratiche condivise Memoria La CoP non è più elemento centrale, ma i membri la ricordano come parte significativa della loro identità Conoscenza reciproca Definire gli obiettivi in comune Coinvolgimento in attività comuni, gestione del cambiamento, Interesse, impegno, relazioni Mantenimento dei contatti, incontri, scambi consigli Racconto episodi, scambio rapporti Fasi e attività nella storia naturale delle CoP Adattato da Wenger, 1998

21 Attività I membri lavorano nello sviluppo di una pratica Coalizione Creazione di una condivisione e riconoscimento delle reciproche potenzialità Dispersione Impegno dei membri in diminuzione, ma scambi ancora esistenti Potenzialità Si affrontano situazioni simili senza il beneficio di pratiche condivise Memoria La CoP non è più elemento centrale, ma i membri la ricordano come parte significativa della loro identità Conoscenza reciproca Definire gli obiettivi in comune Coinvolgimento in attività comuni, gestione del cambiamento, Interesse, impegno, relazioni Mantenimento dei contatti, incontri, scambi consigli Racconto episodi, scambio rapporti Fasi e attività nella storia naturale delle CoP Adattato da Wenger, 1998 Avvio Gestione delle attività Chiusura

22 Dinamiche di interazione Comunicazione, orientata alla conoscenza reciproca, del proprio lavoro Condivisione, identificazione degli interessi e risorse in comune Collaborazione, azione in comune per problemi separati Cooperazione, azione in comune per prodotto unico

23 23 Martin Dougiamas, creatore di Moodle: an internet guy An Open Source Learning Management System An Open Source Learning Management System

24 Acronimo di M odular O bject- O riented D ynamic L earning E nvironment Open source Tradotta in oltre 60 lingue É stata pensata secondo il modello pedagogico/andragogico del costruttivismo sociale É un ambiente virtuale di apprendimento pensato per creare opportunità di interazione efficace

25 Ha dato vita ad una delle più learning community al mondo. Attualmente sono registrati siti attivi in 206 Paesi

26 Forum Journal/Blog Wiki Quiz con diverse tipologie di item Database Survey Chat Glossario Lezioni Workshop Reports Progettazione modulare Assegnazione di compiti Peer reviewing e assessment Valutazioni formative e certificative Pianificazione attività (calendario)

27 Ed ora a noi………

28 28 Grazie per lascolto!


Scaricare ppt "Alberto Perra e Angela Giusti Perugia, novembre 2011 La comunità di pratica su Moodle."

Presentazioni simili


Annunci Google