La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Fumo e territorio Dr.ssa Patrizia Gai Centro Antifumo Ser.T (dir. Dr. G. Villani) A.S.L. 4 - Prato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Fumo e territorio Dr.ssa Patrizia Gai Centro Antifumo Ser.T (dir. Dr. G. Villani) A.S.L. 4 - Prato."— Transcript della presentazione:

1 1 Fumo e territorio Dr.ssa Patrizia Gai Centro Antifumo Ser.T (dir. Dr. G. Villani) A.S.L. 4 - Prato

2 2 Il fumo NON E un comportamento a rischio È una patologia a sé stante Sedentarietà Sedentarietà Alimentazione scorretta Alimentazione scorretta NO Diabete Diabete Ipertensione Ipertensione BENSI

3 3 Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), 2007 International classification of disease ICD – 10 Capitolo V: Disordini mentali e comportamentali (F00-F99) Disordini mentali e comportamentali dovuti ad uso di sostanze psicoattive (F10-F19) F17.2 disordini mentali e comportamentali dovuti a sindrome da dipendenza da tabacco

4 4 Forte desiderio di assumerla Forte desiderio di assumerla Difficoltà nel controllarne luso Difficoltà nel controllarne luso Uso persistente, nonostante conseguenze dannose Uso persistente, nonostante conseguenze dannose Alta priorità data alluso della sostanza rispetto ad altre attività od impegni Alta priorità data alluso della sostanza rispetto ad altre attività od impegni Incremento della tolleranza Incremento della tolleranza Talvolta astinenza Talvolta astinenza Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), 1992 Un insieme di fenomeni comportamentali, cognitivi e fisiologici che si sviluppa dopo luso ripetuto della sostanza che comprende: Dipendenza da tabacco:

5 5 DIPENDENZA NICOTINA FUMO OLTRE SOSTANZE

6 6 NICOTINA Si lega ai recettori colinergici nicotinici: periferici e centrali Periferici: presenti a livello della giunzione neuromuscolare e della midollare surrenalica Periferici: presenti a livello della giunzione neuromuscolare e della midollare surrenalica Centrali presenti a livello del SNC (ippocampo, corteccia, talamo, abenula, gangli della base, area ventrale tegmentale) Centrali presenti a livello del SNC (ippocampo, corteccia, talamo, abenula, gangli della base, area ventrale tegmentale) F. Nava Manuale di neurobiologia e clinica delle dipendenze

7 7 La nicotina nel cervello causa liberazione di Benowitz, 1999 Dopamina Piacere, soppressione appetito Norepinefrina Prontezza, soppressione appetito Acetilcolina Prontezza, incremento cognitivo Vasopressina Miglioramento memoria Serotonina Modulazione dellumore, soppressione appetito Beta-endorfina Riduzione di ansia e tensione

8 8 Si distinguono tre componenti principali: il nucleus accumbens, (un settore del sistema limbico responsabile delle emozioni) l'area tegmentale ventrale, nel mesencefalo, la corteccia cerebrale prefrontale, posta subito dietro la fronte. In questo sistema il nucleus accumbens ha un ruolo chiave, tanto che può essere considerato lo snodo centrale del sistema nervoso di gratificazione. Centro della gratificazione F. Nava Manuale di neurobiologia e clinica delle dipendenze

9 9 Interruzione assunzione di nicotina Sindrome dastinenza È il segnale che il SNC manda per chiedere nuova nicotina Umore disforicoUmore disforico InsonniaInsonnia Irritabilità, impazienza, aggressivitàIrritabilità, impazienza, aggressività Aumento ansiaAumento ansia Difficoltà concentrazioneDifficoltà concentrazione IrrequietezzaIrrequietezza Diminuzione frequenza cardiacaDiminuzione frequenza cardiaca Aumento dellappetitoAumento dellappetito American Psychiatric Association, Practice guideline for the treatment of patients with nicotine dependence, 1996

10 10 Sindrome dastinenza da nicotina Inizia dopo 2 ore dallultima sigaretta Inizia dopo 2 ore dallultima sigaretta Raggiunge il massimo dopo ore Raggiunge il massimo dopo ore Dopo 2-3 giorni inizia a diminuire dintensità anche se permane difficoltà di concentrazione per alcune settimane Dopo 2-3 giorni inizia a diminuire dintensità anche se permane difficoltà di concentrazione per alcune settimane American Psychiatric Association, Practice guideline for the treatment of patients with nicotine dependence, 1996

11 11 La dipendenza da tabacco si basa su due tipi di rinforzo Rinforzo positivo: piacere provato durante il fumare Rinforzo positivo: piacere provato durante il fumare Rinforzo negativo: sollievo dai sintomi dastinenza Rinforzo negativo: sollievo dai sintomi dastinenza

12 12

13 13 Il Centro Antifumo ASL Prato C.S.S. Giovannini via Cavour, 118 tel È un centro di 2° livello È un centro di 2° livello Vi afferiscono pazienti inviati dal MMG e dallo SPECIALISTA Vi afferiscono pazienti inviati dal MMG e dallo SPECIALISTA Tentativi falliti Tentativi falliti Complicanze Complicanze Vi si lavora in équipe (medico, ass. sociale, operatore Centro Antifumo) Vi si lavora in équipe (medico, ass. sociale, operatore Centro Antifumo) Effettua un trattamento INTEGRATO, multidisciplinare Effettua un trattamento INTEGRATO, multidisciplinare

14 14 Centro Antifumo Visita Medica Event. terapia farmacologica Terapia di gruppo Counselling individuale Follow-up Sostituti nicotina Bupropione Vareniclina

15 : 88 pz Età media 54 anni 2 ancora in trattamento2,3% 8 trattamento inefficace 9,1% 15 drop out17% 39 cessazioni complete44,3% 24 riduz. < 10 sig/die27,3% 54%

16 16 Patologie coesistenti Ipertensione10% Malattie ischemiche (IM, angina, Arteriopatia perif.) 15% BPCO20% Neoplasie7%

17 17 Conclusioni: Il tabagismo è una dipendenza Il tabagismo è una dipendenza La percentuale pz che smettono di fumare senza aiuto è 3-5% La percentuale pz che smettono di fumare senza aiuto è 3-5% Esistono terapie integrate (farmaci, counselling) Esistono terapie integrate (farmaci, counselling) La percentuale pz che smettono di fumare con trattamento è 30-50% La percentuale pz che smettono di fumare con trattamento è 30-50%

18 18


Scaricare ppt "1 Fumo e territorio Dr.ssa Patrizia Gai Centro Antifumo Ser.T (dir. Dr. G. Villani) A.S.L. 4 - Prato."

Presentazioni simili


Annunci Google