La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La patologia tromboembolica postchirurgica: problematiche valutative Dr Francesco Longobardi U.O. di Cardiochirurgia AORN San Sebastiano Caserta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La patologia tromboembolica postchirurgica: problematiche valutative Dr Francesco Longobardi U.O. di Cardiochirurgia AORN San Sebastiano Caserta."— Transcript della presentazione:

1 La patologia tromboembolica postchirurgica: problematiche valutative Dr Francesco Longobardi U.O. di Cardiochirurgia AORN San Sebastiano Caserta

2 La TROMBOEMBOLIA è una insufficienza acuta di circolo dovuta ad ostruzione intrinseca, per un coagulo o altro corpo estraneo, che si forma in un punto del sistema circolatorio, o che vi penetra, e che viene poi sospinto dalla corrente ematica in altra sede

3 Embolos dal greco significatappo o turacciolo. Il termine fu usato per la prima volta da Wirchow nel 1854.

4 Condizione successiva al fenomeno tromboembolico è la degenerazione dellorgano o tessuto servito dal vaso occluso

5 TROMBOEMBOLIA DISTRETTO SISTEMICO Centrale (Cerebrale) Periferica (Arti) DISTRETTO POLMONARE Splancnico Embolia Polmonare

6 Cause delle embolie arteriose Cause Frequenti Fibrillazione auricolare: dovuta a valvulopatia dovuta ad aterosclerosi coronarica Trombi parietali in corso di: Infarto del miocardio Insufficienza cardiaca (cardiomegalia) Aneurisma ventricolare Cardiomiopatia Endocardite maligna lenta Protesi valvolari Aneurisma dellaorta Aterosclerosi delle arterie: Embolo fibrinoso Embolo piastrinico Embolo di colesterolo Cause rare Cuore: -Mixoma -Defibrillazione -Endocardite maligna acuta Vene: -Embolia paradossa per Persistenza del Forame Ovale -Shunt congenito -Shunt acquisitop sinistro-destro Diverse: -Embolia di cellule neoplastiche -Embolia gassosa -Embolia amniotica -Embolia da corpo estraneo (catetere )

7 Cause dellembolia polmonare postoperatoria T.V.P.

8 trombosi venosa Profili geometrici del destino naturale della trombosi venosa profonda nel paziente chirurgico non trombosi 300 TVP asintomatica 240 Lisi spontanea 60 TVP sintomatica 30 Lisi spontanea 30 EMBOLIA POLMONARE 26 Guarigione 4 Decesso

9 SEDE TVP ARTI INFERIORI 75% Polpaccio VENE DEL BACINO Femorali 25%Iliache Poplitee Dopo intervento sullanca, Interventi ginecologici, Interventi urologici, ecc.

10 TROMBOSI VENOSA STASI IPERCOAGULABILITA ALTERAZIONE DI PARETE

11 FATTORI DI RISCHIO DELLA TVP Età >60 anni Immobilizzazione arti Interventi chirurgici prolungati Contraccezione orale (Deficit ATIII: <60%) TRAUMATISMI ARTI (Fratture femore, anca, bacino) Neoplasie Deficit ATIII (grave rischio di trombosi spontanea se il valore è <50%) VARICI

12 DIAGNOSI TVP ESAME CLINICO:- Negativo nel 70% dei casi -Nel 30% edema sottofasciale, dolore, segno di Homans + TESTS STRUMENTALI: - Fibrinogeno marcato con I Radioattivo -Flebografia - Ecografia

13 PROFILASSI TVP ed EMBOLIA POLMONARE EPARINE a basso peso molecolare Anticoagulanti orali Antiaggreganti piastrinici Bendaggio arti intra e postoperatorio Filtro cavale?

14 Esame Positivo (%) Test al fibrinogeno marcato Flebografia di contrasto Interventi addominali maggiori Chirurgia toracica26- Chirurgia ginecologica Prostatectomia Retropubica Transvescicale7-10- Chirurgia ortopedica Frattura dellanca Aortoplastica dellanca Operazione del ginocchio-57 Frattura della tibia-18-45

15 Fattori di rischio preoperatorio per tromboembolismo sistemico Età Storia di pregressi accidenti cerebrovascolari Malattia vascolare periferica Ipertensione Diabete Pregressa chirurgia cardiaca Infezione preoperatoria (Endocardite) Bypass cardiopolmonare >2h Necessità di emofiltrazione intraoperatoria Grosse quantità di sangue trasfuso

16 Valutazione strumentale preoperatoria ECO COLOR DOPPLER TSA ECOTRANSESOFAGEO TAC TORACE con MDC

17 TROMBOEMBOLISMO SISTEMICO CENTRALE DOPO INTERVENTO CARDIOCHIRURGICO (Bucerius 2003) interventi 4.6 % STROKE CABG 3.8% Beating heart 1.9% Aortic Valve Surgery 4.8% Mitral Valve Surgery 8.8% Double or Triple Valve Surgery 9.7% CABG and Valve Surgery 7.4%

18 Strategia Chirurgica Diagnosi e trattamento preventivo di vasculopatia dei TSA Induzione anestetica e mantenimento con assenza di instabilità emodinamica Cuore battente quando possibile Eparinizzazione sistemica accurata Limitazione tempi CEC PA in CEC non < a 50 mmHg Limitazione emotrasfusioni

19 Incidenza di Stroke UO di Cardiochirurgia Ospedale San Sebastiano Novembre 2002-Novembre pazienti

20 Tromboembolismo perioperatorio sistemico 16 pazienti con stroke : –8 by-pass aorto-coronarico con intervento associato di TEA carotidea –1 aneurisma aorta ascendente(intervento di Bentall) –3 sostituzioni valvolari aortiche per stenosi calcifiche –1 by-pass aorto-coronarico off pump –2 sostituzioni valvolari mitraliche

21 UO di Cardiochirurgia Ospedale San Sebastiano Novembre 2002-Novembre casi di rivascolarizzazione miocardica Novembre Giugno 2003Giugno 2003 – Novembre 2004

22 UO di Cardiochirurgia Ospedale San Sebastiano Novembre 2002-Novembre casi di rivascolarizzazione miocardica

23 CONCLUSIONI Lincremento nelluso della tecnica del cuore battente per la chirurgia coronarica, associata ad un accurato studio e preparazione farmacologica agli interventi cardiochirurgici hanno drasticamente ridotto lincidenza della mortalità e morbilità per tromboembolismo postoperatorio


Scaricare ppt "La patologia tromboembolica postchirurgica: problematiche valutative Dr Francesco Longobardi U.O. di Cardiochirurgia AORN San Sebastiano Caserta."

Presentazioni simili


Annunci Google