La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Problema dell’Ordinamento. Problema dell’ordinamento Formulazione del problema –Si vuole ordinare una lista di elementi secondo una data proprietà P Esempio:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Problema dell’Ordinamento. Problema dell’ordinamento Formulazione del problema –Si vuole ordinare una lista di elementi secondo una data proprietà P Esempio:"— Transcript della presentazione:

1 Problema dell’Ordinamento

2 Problema dell’ordinamento Formulazione del problema –Si vuole ordinare una lista di elementi secondo una data proprietà P Esempio: – Dato il vettore V = {3,1,7,9,12,5,3,4,2,10} di N = 10 numeri interi, lo si ordini in modo tale che sia verificata la proprietà: P = { V[i]  V[i+1]  i=1,.. N-1}

3 Problema dell’ordinamento Il problema può essere risolto utilizzando diversi algoritmi: –Ordinamento per scambi (Bubble Sort) –Ordinamento per Inserzioni –Ordinamento per distribuzione e fusione (Merge Sort) –Ordinamento con doppio indice (Quick Sort)

4 Ordinamento per Scambi L’algoritmo Bubble Sort prevede: –il confronto e l’eventuale scambio degli elementi del vettore per coppie; –il confronto va iterato su tutti gli elementi della sottolista da ordinare in modo da portare l’elemento massimo nell’ultima posizione; –dopo aver portato l’elemento massimo della sottolista nell’ultima posizione vengono ripetute ciclicamente le operazioni precedenti in modo da ordinare le restanti sottoliste.

5 Ordinamento per Scambi Confronto e scambio I iterazione –Situazione iniziale  –I passo  –II passo  –Dopo il passo N  Confronto Sottolista ordinata

6 Ordinamento per Scambi Iterazione k+1 –Dopo la k-esima iterazione Sottolista ordinata k-1 k

7 Ordinamento per Scambi Problema dello scambio –Lo scambio può avvenire correttamente solo se si utilizza una variabile di comodo C V[i] V[i+1] Passo 1 Passo 2 Passo 3 Frammento di codice C = V[i+1]; V[i+1] = V[i]; V[i] = C;

8 Ordinamento per Scambi Ordinamento con l’algoritmo Bubble Sort // Ciclo di ordinamento della sottolista for ( j = 0; j < N; j++ ) { // Scansione interna al sottoarray per collocare nella // ultima posizione l’elemento massimo for ( k = 0; k <= j; k++ ) { if ( lista[k] > lista[j] ) // if (!P) { // Scambia i valori scambio = lista[k]; lista[k] = lista[k+1]; lista[k+1] = scambio; }

9 Ordinamento per Scambi Ottimizzazione dell’algoritmo –L’algoritmo può essere ottimizzato se si considera che: L’ultimo scambio in un ciclo determina la sottolista ordinata. Infatti, se l’ultimo scambio in una iterazione è avvenuto alla posizione k, vuol dire che la sottolista di elementi da k+1 ad N è ordinata, quindi la successiva iterazione dovrà riguardare gli elementi da 1 a k. –L’algoritmo può terminare anticipatamente qualora in una iterazione non vi sono stati scambi.

10 Ordinamento per Scambi Complessità –Numero di operazioni di confronto n(n-1)/2 –Complessità O(n 2 )

11 Ordinamento per Inserzioni L’algoritmo di ordinamento per inserzioni prevede: –si considera l’elemento a[i] –la ricerca del primo elemento più piccolo (a[k]) di quello selezionato all’interno della sottolista da ordinare; –l’inserimento dell’elemento a[k] al posto di a[i] e si scalano di una posizione in avanti tutti gli elementi della sottolista fino a quello immediatamente precedente a[k]; –Si intera il procedimento con l’elemento a[i+1].

12 Ordinamento per Inserzioni Elementi da scalare di una posizione I iterazione –Situazione iniziale  –I passo  –II passo  –III Passo

13 // Ciclo di ordinamento della sottolista for ( j = 0; j < N; j++ ) for ( k = j+1; k < N; k++ ) if ( lista[k] < lista[j] ) { // Salvataggio del valore V[k] c = V[k]; // Shift degli elementi di una posizione for(i=k-1; i=>j; i--) V[i+1] = V[i]; // Inserzione nella posizione j del valore precedentemente salvato V[j] = c; }

14 Ordinamento per Inserzioni Complessità –L’algoritmo richiede n inserzioni. L’inserzione dell’j-mo elemento al posto k richiede k-1 confronti e j-k spostamenti, cioè j-1 operazioni (+ l’inserimento). Il numero di operazioni è quindi n(n-1)/2 –Complessità O(n 2 )

15 Ordinamento con doppio indice (Quick Sort) L’algoritmo Quick Sort prevede l’utilizzo dell’ –algoritmo di separazione –Utilizzo ricorsivo dell’algoritmo di separazione sulle due sottoliste fino a ordinare tutti gli elementi

16 Ordinamento con doppio indice (Quick Sort) L’algoritmo Quick Sort prevede l’utilizzo dell’ –algoritmo di separazione: tale algoritmo, tramite lo spostamento fisico di al più 3 elementi per volta, tende a raggiungere una situazione per cui: sia identificato un elemento di sparazione x siano identificate due sottoliste, una a sinistra ed una a destra di x tali che: –gli elementi della prima siano non maggiori di x –gli elementi della seconda siano non minori di x –l’algoritmo appena descritto viene ripetuto ricorsivamente sulle due sottoliste fino a ordinare tutti gli elementi

17 Si partiziona l’array in modo che –Si sceglie come elemento di partizione un elemento (es. l’ultimo della lista) a[m] –Si usa a[m] come elemento di separazione in modo che a[i]  a[m] per ogni i < m a[i]  a[m] per ogni i > m Algoritmo di separazione

18 Algoritmo di Separazione s d c cd s scd L1L2 A[i]  A[8]A[i]  A[8]

19 sdc cs 6453 c d 453 cs

20 Passi dell’algoritmo di separazione –si parta da una lista a[1]...a[n] –si assume come elemento di separazione un qualsiasi elemento dell’array x in posizione c (ad esempio l’ultimo) –si cerca il primo elemento da sinistra maggiore di x. Supponiamo sia in posizione s (se tale elemento non esiste si pone s = n+1) –si cerca il primo elemento da destra minore di x. Supponiamo sia in posizione d (se tale elemento non esiste si pone d = 0) Ordinamento con doppio indice

21 –si ordinano gli elementi trovati in modo che x risulti al centro, a[d] vada alla sua sinistra e a[s] vada alla sua destra. Nel caso s = n+1 o d = 0 viene effettuato l’ordinamento dei soli due elementi trovati: a[c] e a[d] oppure a[s] e a[c] –in questo momento risultano a[1]...a[s] formata da elementi non maggiori di x a[d]...a[n] formata da elementi non minori di x

22 Ordinamento con doppio indice –sia c la nuova posizione dell’elemento di separazione x, ottenuta tramite lo spostamento precedente –mentre s < d si riparte dal punto 3 dell’algoritmo, cercando da sinistra e da destra a partire da s e da d

23 Int separa(int a[], int left, int right) { Int s = left –1; Int d = right; Int p = a[right]; Int temp; for(;;) { while (a[++s] >p && (s=d) break; temp=a[s]; a[s]=a[d]; a[d]=temp; } temp=a[s]; a[s]=a[right]; a[right]=temp; return s; }

24 La routine quicksort voidquicksort(int lista[], int a, int z) { intcf = 0; if(z>a) { cf = separa(lista, a, z); quicksort(lista, a, cf-1); quicksort(lista, cf+1, z); }

25 Ordinamento per Distribuzione e Fusione L’algoritmo Merge Sort prevede 3 passi: –Suddividi l’array in duw sottoarray – ordina i sottoarray; –esegui la fusione dei sottoarray ordinanti in un unico vettore.

26 Problema della fusione di due liste ordinate: –Siano V1 e V2 due vettori ordinati di dimensione rispettivamente N1 ed N2. Siano i e j gli indici rispettivamente su V1 e V2. Il vettore fusione V si otterrà con la seguente procedura: Si confrontano il primo elemento di V1 ed il primo elemento di V2. L’elemento minore verra copiato in V, quindi verranno incrementati gli indici k su V ed i su V1 se l’elemento minore è stato ottenuto da V1, j su V2 se l’elemento minore è stato ottenuto da V2; Si iterano i confronti finché non si raggiunge il termine di V1 o V2, quindi si completa il vettore fusione V con gli elementi del vettore per il quale non si è giunti ancora al termine.

27 Fusione di due vettori ordinati

28 Nucleo della funzione merge: void merge(V1,V2) { i = j = 0; // Ciclo di fusine delle due liste while ((i < N1) && (j < N2)) { // Confronto tra gli elementi di V1 e V2 if(V1[i] < V2[j]) // L’elemento copiato in V proviene da V1 V[k++] = V1[i++]; else // L’elemento da inserire in V proviene da V2 V[k++] = V2[j++]; } // Completamento del vettore V if ( i < N1 ) // Il vettore V deve essere completato con gli elementi di V1 while (i < N1) V[k++] = V1[i++]; else // Il vettore V deve essere completato con gli elementi di V2 while (j < N2) V[k++] = V2[j++]; }

29 Problema della distribuzione - Descrizione della procedura sort: –La suddivisione di una lista in sottoliste ordinate avviene in questo modo: se la lista contiene più di due elementi viene calcolato il punto medio della lista, vengono create due sottoliste a partire da esso ed infine, viene richiamata ricorsivamente la funzione di sort per entrambe le sottoliste create; se la lista è costituita da due elementi (condizione di uscita dalla ricorsione), si procede con un confronto ed eventuale scambio dei due elementi; questo garantisce la restituzione di sottoliste ordinate.

30 Nucleo della procedura sort: Void sort(V) { if(Lunghezza > 2) { // La procedura separa divide la lista V in due vettori V1 e V2 separa(V,V1,V2); // Chiamate ricorsive su V1 e V2 sort(V1); sort(V2); // fusione delle liste merge(V1,V2); } else // Raggiunta la condizione di uscita dalla ricorsione if(V[1] > V[2]) // Effettua lo scambio { scambio = V[1]; V[1] = V[2]; V[2] = V[1]; }

31 Merge Sort Void mergesort(listaCompleta) { sort(listacompleta); }


Scaricare ppt "Problema dell’Ordinamento. Problema dell’ordinamento Formulazione del problema –Si vuole ordinare una lista di elementi secondo una data proprietà P Esempio:"

Presentazioni simili


Annunci Google