La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La ricerca in didattica della fisica: temi e problemi Ugo Besson Università di Pavia - Dipartimento di fisica Centro di ricerca per la didattica e la storia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La ricerca in didattica della fisica: temi e problemi Ugo Besson Università di Pavia - Dipartimento di fisica Centro di ricerca per la didattica e la storia."— Transcript della presentazione:

1 La ricerca in didattica della fisica: temi e problemi Ugo Besson Università di Pavia - Dipartimento di fisica Centro di ricerca per la didattica e la storia delle scienze

2 La didattica della fisica: definizioni e temi di ricerca Linsegnamento dellenergia: problemi, approcci e strategie Un percorso didattico sugli effetti termici della radiazione e leffetto serra Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica

3 Ugo Besson Università di Pavia La didattica della fisica, e in generale di una disciplina, studia l'insegnamento e l'apprendimento, in ciò che essi hanno di specifico per la disciplina stessa. Si distingue dalla pedagogia e dalla psicologia dell'apprendimento, poiché tratta di fenomeni e problemi collegati con la specificità del contenuto disciplinare, non riducibili né risolubili in un quadro generale psicopedagogico. Nasce in contrasto con due idee diffuse, opposte e simmetriche: lidea di una didattica indipendente dai contenuti o pedagogia generale, larte di insegnare tutto a tutti ; lidea di una didattica basata solo sui contenuti, se conosci bene la materia, la sai anche insegnare bene, sapere è saper insegnare. Studiare problemi e soluzioni relativi allapprendimento di specifici contenuti. 3

4 Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Ugo Besson Università di Pavia Pone al centro del suo interesse il triangolo allievo – insegnante – sapere, e la costruzione di efficaci situazioni didattiche. I lati a dominanza epistemologica (S-I, elaborazione e analisi dei contenuti), psicologica (A-S, concezioni e rappresentazioni, strategie di appropriazione), pedagogica (I-A, interazioni didattiche in classe) e al centro la costruzione delle situazioni didattiche. 4

5 Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Ugo Besson Università di Pavia Una disciplina scolastica non è il calco semplificato della disciplina universitaria o accademica. Una costruzione intermedia fra la fisica del fisico e la fisica dellallievo Ricostruzione, rielaborazione Trasposizione esterna interna Decontestualizzare Perdita di senso Ricostruzione o trasposizione didattica Oggetto scientifico Oggetto da insegnare Oggetto dinsegnamento 5

6 Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Ugo Besson Università di Pavia La didattica delle scienze ha una svolta e un suo momento fondante come disciplina autonoma negli anni 70, con lo sviluppo delle ricerche sulle concezioni alternative degli studenti. Bruner. Piaget. Il cognitivismo. I progetti del dopo Sputnik. Ausubel (1968): Il singolo fattore più importante che influenza lapprendimento sono le conoscenze che lo studente già possiede. Accertatele e comportatevi in conformità nel vostro insegnamento, il sussistere di preconcetti è il fattore singolo più importante nellacquisizione e nella ritenzione delle conoscenze in una data materia … questi preconcetti sono sorprendentemente tenaci e resistenti alleliminazione Concezioni degli studenti. Gli studenti già possiedono schemi interpretativi, idee e concezioni su molte situazioni fisiche.iche 6

7 Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Ugo Besson Università di Pavia Con questo sfondo culturale, si sviluppano rapidamente le ricerche sulle concezioni alternative degli studenti. La terminologia utilizzata varia col tempo, secondo le aree culturali ed i quadri interpretativi: pre-conceptions, misconceptions, prior ideas, alternative frameworks, children science, rappresentazioni mentali, ragionamenti spontanei, concezioni difformi... Si ritrovano concezioni simili in ambiti geografici e culturali molto differenti tanto da fare pensare ad una specie di fisica spontanea, come un risultato di ricerca fondamentale e stabile. Bachelard introduce l'idea di ostacolo epistemologico e pedagogico, gli insegnanti non capiscono perché gli studenti non capiscono. 7 Spesso gli studenti sbagliano non per distrazione o incapacità, ma perché la pensano diversamente. Lo statuto dellerrore è alterato profondamente: non si tratta solo di sbagli, ma anche di differenti modelli interpretativi.

8 Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Ugo Besson Università di Pavia Una volta riconosciuta l'importanza delle rappresentazioni mentali degli allievi, si studiano le strategie di cambiamento concettuale, che favoriscano il passaggio dalla concezione difforme ad una concezione coerente con gli obiettivi dellinsegnamento. Alcuni sottolineano la continuità (diSessa, Clement, Brown, Vosniadou, Weil-Barais... anche Piaget) fra idee comuni e conoscenza scientifica e considerano le pre-concezioni come risorse, altri insistono sulle rotture ed il conflitto cognitivo (Hewson, Strike, Posner... e Bachelard) e considerano necessario un cambiamento concettuale, come una personale fase di rivoluzione scientifica. Con riferimento a Vygotsky, che attribuisce alle interazioni sociali e al linguaggio un ruolo centrale nello sviluppo cognitivo, molti parlano di un conflitto socio-cognitivo come motore del cambiamento concettuale, suggerendo situazioni didattiche che favoriscano la creazione di un dibattito scientifico in classe e alla relazione e discussione fra pari. 8

9 Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Ugo Besson Università di Pavia La progettazione di percorsi dinsegnamento e apprendimento Percorsi o sequenze d'insegnamento e apprendimento (Teaching learning sequences, TLS), basati sui risultati delle ricerche sulle concezioni di senso comune e sui processi di apprendimento relativi a specifici contenuti scientifici. L'importanza dell'insegnante, molte ricerche si sono concentrate sullo studio del ruolo e la formazione degli insegnanti. Il problema dello scarto fra le elaborazioni della ricerca didattica e la realtà scolastica. 9 Utilizzare i risultati ottenuti per costruire situazioni didattiche che consentano agli studenti di capire e di migliorare lapprendimento. Apprendimento come costruzione di conoscenza. Linsegnante come preparatore e mediatore nellevoluzione cognitiva dellallievo.

10 Pedagogical content knowledge PCK (Shulman 1986) : Pre-concezioni, stili cognitivi Lapprendimento non è un semplice trasferimento di conoscenza Linsegnamento non ha successo se ignora le conoscenze e le modalità cognitive dellallievo Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica comprensione di ciò che rende un argomento facile o difficile, le concezioni e rappresentazioni mentali degli studenti; strategie didattiche per riorganizzare gli schemi esplicativi degli studenti, superare le concezioni errate e assimilare nuove conoscenze; strumenti di rappresentazione e comunicazione (analogie, illustrazioni, esempi, spiegazioni, dimostrazioni). un amalgama speciale di contenuto e di pedagogia, che è caratteristica unica dellinsegnante, una sua specifica forma di comprensione professionale

11 Temi di ricerca della didattica della fisica Concezioni e rappresentazioni mentali Cambiamento concettuale Sequenze dinsegnamento - apprendimento Ruolo e formazione degli insegnanti Modelli e analogie Storia e filosofia della scienza Ruolo degli esperimenti Tecnologie informatiche Argomentazione scientifica Didattica informale Risoluzione dei problemi STS - Scienza tecnica e società … Rilanciare linteresse dei giovani per lo studio delle materie scientifiche e della Fisica. Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica, Incontri di fisica

12 Subject matter History of Science Philosophy of Science Cognitive Science Learning theories Pedagogy and Didactics Science teaching Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Teacher

13 Riviste di ricerca in didattica delle scienze International Journal of Science Education, pubblicata dal 1979, prima europea, (European Journal…), poi diventata internazionale ed è ora fra le più autorevoli nel campo. Science Education, in USA, forse la più antica del settore, i primi numeri dal 1916, Science & Education dedicata ai rapporti fra didattica, storia della scienza, epistemologia, società, dal Journal of Research in Science Teaching, rivista della NARST, National Association for Research in Science Teaching (USA), Physical Review Special Topics - Physics Education Research di American Physical Society settore di Physical Review, attivato dal Solo on line. Research in Science Education Journal of Science Teacher Education, the journal of USA Association for Science Teacher Education, Ugo Besson Università di Pavia Corso di Didattica della fisica Introduzione alla didattica 13

14 Riviste di didattica della fisica rivolte a insegnanti La Fisica nella Scuola, rivista dellAIF, Associazione per lInsegnamento della fisica. Physics Education, rivista del IOP, Institute of Physics, Regno Unito. The Physics Teacher, dellAAPT, American Association of Physics Teachers Le BUP, Bulletin de lUnion des physiciens, dellassociazione francese degli insegnanti di fisica e chimica. Ugo Besson Università di Pavia Corso di Didattica della fisica Introduzione alla didattica 14 Giornale di fisica, della SIF, Società italiana di fisica European Journal of Physics, di Institute of Physics, del Regno Unito. American Journal of Physics, dellAmerican Institute of Physics (USA)

15 Associazioni internazionali per la ricerca in didattica delle scienze o della fisica ESERA, European Science Education Research Association, fondata nel 1995, organizza ad anni alterni un congresso internazionale e una scuola estiva per dottorandi in didattica delle scienze (ESERA Summerschool). GIREP, Groupe International de Recherche sur l'Enseignement de la Physique, fondato nel 1966, organizza ogni anno una conferenza o un seminario. IOSTE, International Organization for Science and Technology Education, fondata nel 1984, International History, Philosophy and Science Teaching Group, IHPST, che pubblica anche la rivista Science & Education Ugo Besson Università di Pavia Corso di Didattica della fisica Introduzione alla didattica 15 Le società di fisica hanno istituito commissioni specifiche per la Physics Education La European Physical Society, ha la Physics Education Division (PED). Lo IUPAP, International Union of Physics and Applied Physics, ha lo International Committee on Physics Education, ICPE, che organizza congressi internazionali annuali.

16 La didattica della fisica: definizioni e temi di ricerca Linsegnamento dellenergia: problemi, approcci e strategie Un percorso didattico sugli effetti termici della radiazione e leffetto serra Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica

17 Molte ricerche sono state dedicate, a partire dagli anni 80, alle concezioni e difficoltà degli studenti su concetti legati allenergia. Fra i più giovani, prevalgono concezioni antropocentriche e vitalistiche: lenergia è collegata alla vita e al movimento, alla capacità di compiere lavori. Non simmagina lenergia associata a oggetti inanimati immobili, salvo per oggetti fabbricati per immagazzinare e fornire energia, come le pile e i combustibili. Gli studenti fondono in una nozione indifferenziata le idee di energia, forza, impulso, parole che spesso usano in modo intercambiabile Lenergia come qualcosa che produce azioni ed effetti e si consuma, mentre spesso mancano o non sono utilizzate correttamente le idee di conservazione e degradazione di energia. Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Difficoltà a distinguere tra grandezze estensive e intensive, tra calore e temperatura, oppure la temperatura è considerata come una misura del livello di calore di un corpo. L'idea che soltanto lo scambio di calore può fare aumentare la temperatura.

18 Il linguaggio abitualmente utilizzato nei manuali favorisce questa idea: si parla di calore ceduto o fornito ma di lavoro compiuto. Romer (2001, Am.J.Phys.): If you want to think up a good noun for energy transferred by virtue of a temperature difference that would be fine with me. Call it Harry, call it Quincy, anything except heat Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Calore contenuto in un corpo, come una sostanza che può passare da un corpo a un altro, concezione simile allidea storica del calorico. Per superare queste ambiguità sarebbe forse opportuno abolire le parole calore e lavoro e sostituirle con espressioni concettualmente più limpide, come trasferimento meccanico e trasferimento termico di energia. Besson U. (1999) Quando la termodinamica incontra la meccanica : bilanci energetici di oggetti in movimento, La Fisica nella Scuola, XXXII, n. 3, pp Besson U. (2001) Work and Energy in the Presence of Friction: The Need for a Mesoscopic Analysis. European Journal of Physics, 22 (November), pp Besson U. (2003) The distinction between heat and work: an approach based on a classical mechanical model, European Journal of Physics, 24 (May) pp

19 Zemansky (1957): The gain or loss of internal energy, equal to the difference between the energy of the thermal radiation which is absorbed and that which is radiated, is called heat. Lo sviluppo storico dellidea di calore radiante e il confronto con le proprietà della luce mostra come il processo di differenziazione sia stato lungo e impegnativo. Ciò suggerisce la necessità di affrontare esplicitamente il problema con gli studenti. Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica È importante anche la chiarificazione del ruolo della radiazione. Lo scambio di energia tramite radiazione deve essere considerato come lavoro, come calore o come una terza modalità specifica? Alcuni considerano tre tipi di trasferimenti di energia: lavoro, calore e radiazione. Altri solo due tipi, classificando la radiazione come lavoro o come calore secondo le situazioni. La comprensione del principio di conservazione dellenergia richiede una chiara distinzione fra i concetti di lavoro, calore, energia interna, temperatura. Besson U. (2010) The history of cooling law: when the search for simplicity can be an obstacle. Science & Education, DOI /s

20 Una grandezza astratta inventata dagli scienziati per descrivere e prevedere i fenomeni oppure unentità reale, una specie di sostanza. Nel passato, alcuni scienziati (Lodge, Ostwald ) consideravano lenergia una sostanza reale esistente nello spazio, mentre altri (Planck, Hertz, Thomson,) si opponevano a questa idea. La sostanzializzazione delle grandezze fisiche è una tendenza spontanea del pensiero comune ed anche degli scienziati.. Lenergia evoca immagini, suggestioni e significati che vanno molto al di là del recinto di contenuti strettamente legato alla fisica.. Che cosa è energia? Da un punto di vista ontologico: Un fisico può anche tenersi lontano da queste implicazioni polisemiche, considerandole non pertinenti e non necessarie per la fisica. Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Feynman : It is important to realize that in physics today, we have no knowledge of what energy is. Linsegnante non può non tenere conto di immagini e suggestioni che molti studenti associano al concetto o alla parola energia.

21 Molti manuali definivano lenergia come capacità di compiere lavoro, seguendo Maxwell (1871): the energy of a body may be defined as the capacity which it has of doing work, and is measured by the quantity of work which it can do. Questa definizione contrasta con il secondo principio della termodinamica e la teoria delle macchine termiche. La modificazione della definizione in capacità di produrre cambiamenti cade sotto critiche simili alla precedente. Ogborn (1986): energy is not the go of things … the possession of energy is not what drives, explains or account for change … entropy or free energy is what decides if the change can happen. La capacità di compiere lavoro può essere rappresentata dallenergia libera o dalla grandezza exergia (Ogborn 1986, Viglietta 1990). Qualunque definizione semplice e breve di energia deve essere evitata, sostituita da una costruzione concettuale progressiva. Da un punto di vista concettuale Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica

22 Diversi approcci dinsegnamento dellenergia sono stati proposti e sperimentati dalla ricerca didattica. Indico qui quattro tipologie: - Approccio costruttivo e graduale, che segue la successione usuale degli argomenti di fisica nel programma scolastico. - Approccio olistico, in cui si presenta subito un concetto generale di energia come grandezza che si conserva in tutte le trasformazioni Approcci per linsegnamento dellenergia Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Approccio storico, in cui si propone una ricostruzione didattica di un percorso storico della nascita del concetto di energia, e della legge di conservazione, mostrando il progressivo definirsi e affinarsi dei concetti, con cambiamenti, controversie, errori. - Approccio STSE (Science Technology Society Environment), che si sviluppa attorno a problemi legati alluso della tecnologia, alle risorse disponibili, alla salvaguardia dellambiente, con una caratterizzazione spesso multidisciplinare.

23 Il nostro lavoro Superare un tecnicismo eccessivo nellinsegnamento di argomenti di fisica, trattati come un mondo separato e autoconsistente. In particolare, per quanto riguarda lenergia, è necessario immergere i contenuti fisici in un contesto culturale più generale. Anche per dare un senso ai contenuti fisici e connetterli al mondo culturale dellallievo e alle sollecitazioni provenienti da altre fonti, dedicando allo stesso tempo unattenzione particolare ai problemi concettuali, alla progressione cognitiva e alla coerenza teorica. Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Centri dinteresse attorno cui costruire progressivamente una rete di concetti e modelli fisici Besson U., De Ambrosis A. (2011) Leffetto serra e linsegnamento di concetti e fenomeni fisici legati allenergia. Giornale di fisica.

24 Abbiamo elaborato un percorso sul problema dell'effetto della serra e del riscaldamento globale. -Porta ad analizzare bilanci energetici in situazioni stazionarie dove non cè equilibrio termico. Un tipo di situazioni importanti in vari argomenti di fisica che gli allievi hanno difficoltà a capire e in cui fanno confusione fra fasi transitorie e stazionarie. Offre occasioni per chiarire la distinzione fra lavoro, calore, energia interna, temperatura, energia di radiazione e introdurre schemi e grafici per rappresentare flussi e bilanci di energia. Limportanza del problema è riconosciuta dalla Comunità internazionale (Intergovernmental Panel on Climate Change 2001 e 2007). Perché questo tema? Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Inoltre:

25 La didattica della fisica: definizioni e temi di ricerca Linsegnamento dellenergia: problemi, approcci e strategie Un percorso didattico sugli effetti termici della radiazione e leffetto serra Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica

26 Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Un approccio « tridimensionale » per la progettazione di percorsi dinsegnamento e apprendimento (TLS). Trattamento usuale nei manuali e nella pratica scolastica Analisi del contenuto scientifico, la sua storia e le applicazioni Analisi della ricerca didattica sullargomento (concezioni e TLS) Progettazione e sperimentazione di una TLS Formazione insegnanti Diffusione nel contesto scolastico Ugo Besson Università di Pavia 26 Besson U., Borghi L., De Ambrosis A. and Mascheretti P. (2010) A three-dimensional approach and open source structure for the design and experimentation of teaching learning sequences, International Journal of Science Education 32, 1289–1313.

27 Effetti termici dell'interazione fra radiazione e materia ed effetto serra: un percorso didattico per studiare le basi fisiche del riscaldamento globale. La comprensione dell'effetto della serra e del problema del possibile riscaldamento globale della Terra costituisce un importante obiettivo generale socio-culturale. Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Spesso largomento di fisica e la tematica sociale rimangono separati e non si favorisce una comprensione approfondita e completa del problema. Il nostro scopo è di favorire la connessione fra i due aspetti, fornendo le necessarie basi concettuali di fisica. Collegare due temi, ottica e fenomeni termici, che sono strettamente correlati dal punto di vista concettuale, scientifico e tecnologico, ma che sono spesso presentati separatamente, senza evidenziarne le connessioni.

28 Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Ricerche sulle concezioni degli allievi sullargomento Le concezioni su calore e temperatura, cambiamenti di fase, conduzione termica ed il loro sviluppo dopo linsegnamento (Stavy & Berkovitz 1980, Shayer & Wylam 1981, Erickson & Tiberghien 1985). Concezione degli allievi e sequenze dinsegnamento su luce, visione e colori (Guesne 1985, Andersson & Kärrqvist 1983, Kaminski 1989, Chauvet 1993). Poche ricerche sulle idee degli studenti sugli effetti termici della radiazione e in genere riguardanti aspetti particolari o ambientali (rischi per luomo e l'ambiente della radioattività e dei raggi X, cause del riscaldamento globale). Si è trovato, per esempio, che molti allievi considerano: il buco dellozono e la radioattività come cause del riscaldamento globale ed il cancro della pelle come effetto; un'idea di intrappolamento dei raggi solari da parte dellatmosfera come spiegazione dell'effetto della serra; leffetto serra è spiegato considerando una situazione non stazionaria nella quale entra più energia di quanta ne esca.

29 Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Laccumulo di gas serra nellatmosfera favorisce lintrappolamento dellenergia della radiazione solare riflessa, determinando un aumento della temperatura della superficie della Terra.

30 Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica I raggi solari arrivano sulla Terra e forniscono calore e luce. Il calore rimbalza sulla superficie del nostro pianeta verso lo spazio. I gas nellatmosfera conservano parte del calore che rimbalza indietro verso la Terra. Se cè più Co2, il calore sfugge di meno nello spazio. È il cosiddetto effetto serra.

31 mancante o errata considerazione dellemissione infrarossa negli equilibri termici; una confusione fra le fasi transitorie, in cui vi sono variazioni di temperatura e situazioni stazionarie; un'idea di intrappolamento dei raggi solari da parte dellatmosfera come spiegazione dell'effetto della serra. una tendenza a dare significato assoluto alle proprietà ottiche (trasparenza, assorbimento …) come qualità intrinseche dei corpi. Al contrario, la dipendenza di queste proprietà dalla frequenza di radiazione è essenziale per capire fenomeni come l'effetto serra e il riscaldamento globale. Abbiamo studiato le idee degli studenti sullinterazione fra radiazione e materia e leffetto serra. Per esempio, abbiamo trovato: Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica

32 Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 L'effetto serra ed il riscaldamento globale sono temi complessi che coinvolgono molteplici proprietà e fenomeni fisici. Per ottenere un apprendimento stabile, è necessario procedere per passi successivi, studiando i vari fenomeni fisici implicati, e trattare l'effetto serra soltanto alla fine di questo percorso. Occorre elaborare una attenta analisi concettuale e ricostruzione didattica delargomento. Costruire una successione di esperimenti e di osservazioni teoriche, su cui costruire modelli esplicativi delleffetto serra. Besson Ugo, De Ambrosis Anna and Mascheretti Paolo (2010) Studying the physical basis of global warming: thermal effects of the interaction between radiation and matter and greenhouse effect. European Journal of Physics, 31 (2), Besson Ugo (2009) Paradoxes of thermal radiation. European Journal of Physics, 30 (5), 995–

33 1)distinguere le grandezze temperatura, energia, calore e lavoro, mostrando come sia possibile scaldare senza fornire calore e fornire calore senza scaldare; 2)riconoscere e spiegare una condizione di temperatura stazionaria per oggetti esposti al sole o ad una lampada; 3)differenziare calore e radiazione e riconoscere che tutti gli oggetti emettono radiazione; 4)comprendere che il comportamento di un dato materiale nellinterazione con la radiazione dipende dalla regione dello spettro considerata; 5)organizzare e coordinare le conoscenze acquisite per capire leffetto serra in una situazione–modello; 6)estendere il modello per capire leffetto serra sulla Terra e il riscaldamento globale. Una sequenza di passi cognitivi necessari per la costruzione di una spiegazione coerente delleffetto serra: Ugo Besson Università di Pavia 33Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

34 34 1. Distinguere le grandezze temperatura, energia, calore e lavoro, mostrando come sia possibile scaldare senza fornire … Energia (in) = U (variazione energia interna) + Energia (out) U = mc T La relazione è discussa come conseguenza del principio di conservazione e aiuta a mettere a fuoco le differenze fra calore, lavoro, radiazione ed energia interna Oggetti sono riscaldati facendo il lavoro su essi (con forze di attrito, correnti elettriche …), mediante scambio di calore e mediante la radiazione. Si sottolinea che è possibile riscaldare i corpi senza dare calore e dare calore senza riscaldare. Ugo Besson Università di Pavia 34Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Lanalisi di situazioni che comportino il raggiungimento di temperature stazionarie in condizioni di non equilibrio termico.

35 35 2. Riconoscere e spiegare una condizione di temperatura stazionaria per oggetti esposti al sole o ad una lampada Alcune tipiche previsioni di studenti: Il cilindro aumenterà la sua temperatura indefinitamente raggiungerà la temperatura massima possibile a seconda del materiale si scalderà fino ad essere pieno di energia così che non ne può ricevere più Piccoli cilindri di metallo di uguale massa con superfici diverse (bianca, nera, lucida) e un cilindro trasparente sono esposti alla luce del sole. Sensori di temperatura sono inseriti in un foro in ogni cilindro. Grafici temperatura - tempo sono ottenuti con un data logger e mostrano landamento verso lo stato stazionario. Ugo Besson Università di Pavia 35Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

36 36 Importanza dell'idea di bilancio energetico I dati ed i grafici sono studiati in aula salvandoli sui calcolatori della scuola. Energia che entra = U (variazione energia interna) + Energia che esce Perché le temperature stazionarie sono differenti per cilindri di diverso colore? È opportuno dedicare tempo per spiegare e discutere il bilancio energetico in situazioni stazionarie e transitorie: per gli allievi è difficile capire bene questo punto e distinguere i due casi. Ugo Besson Università di Pavia 36Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

37 37 3. Differenziare calore e radiazione e riconoscere che tutti gli oggetti emettono radiazione Confrontare il comportamento di oggetti trasparenti e opachi esposti al sole consente di precisare che la radiazione produce effetti termici solo quando è assorbita dal materiale. Questo mostra una differenza importante fra calore e radiazione: la radiazione passa solo se non riscalda il materiale Nei bilanci energetici è necessario considerare l'energia scambiata per mezzo del calore e della radiazione Usando un radiometro con range m Si misura la radiazione termica emessa da vari oggetti a differente temperatura. Gli oggetti emettono la radiazione Ugo Besson Università di Pavia 37Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

38 38 Vedere l'invisibile Dalla relazione di un allievo : Abbiamo generato un arcobaleno con l'aiuto di una lavagna luminosa e di un prisma ottico. Usando una macchina fotografica digitale, abbiamo visto che cè una radiazione oltre il colore rosso dello spettro visibile … abbiamo stabilito che non possiamo vedere naturalmente la radiazione infrarossa, ma possiamo rivelarla, usando una macchina fotografica. Abbiamo osservato con la macchina fotografica le radiazioni infrarosse emesse da un telecomando. Ugo Besson Università di Pavia 38Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica Comprendere che il comportamento di un materiale rispetto alla radiazione dipende dalla regione dello spettro considerata

39 39 La parola trasparente usata nel linguaggio quotidiano si riferisce alla luce visibile. Si può dire che il vetro è nero per la radiazione IR termica mentre è trasparente per la luce visibile. Due foto dello stesso telecomando, con una video-camera. Nella foto di destra, un fascio di radiazione infrarossa è stata emessa dalla video-camera durante l'osservazione. Gli allievi possono osservare che la copertura del telecomando è opaca alla luce visibile ma è trasparente allinfrarosso vicino. Ugo Besson Università di Pavia 39Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

40 40 - lo spettro della radiazione emessa da un corpo dipende dalla temperatura; - a temperature ordinarie la radiazione emessa è nellinfrrosso lontano. - le proprietà ottiche dei materiali dipendono dallaregione dello spettro considerata (frequenza o lunghezza donda); - alcuni materiali sono trasparenti alla luce visibile ma assorbono linfrarosso lontano. Ugo Besson Università di Pavia 40Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Si insiste sulla dipendenza delle proprietà ottiche dei materiali dalla frequenza della radiazione

41 41 5.Organizzare e coordinare le conoscenze acquisite per capire leffetto serra in una situazione–modello Ugo Besson Università di Pavia 41Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

42 42 Un modello per interpretare i risultati sperimentali I risultati sono interpretati con un modello dei flussi denergia Per superare l'idea comune dell'intrappolamento dei raggi solari, sottolineiamo che le radiazioni emesse R P non sono raggi del sole riflessi dalla piastra ma una nuova radiazione emessa dipendente dalla temperatura della piastra. Ugo Besson Università di Pavia 42Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Energia che entra = U (variazione energia interna) + Energia che esce

43 43 6. Costruire un modello semplificato ma coerente delleffetto serra della Terra e del riscaldamento globale Si stabiliscono corrispondenze (e differenze) fra gli elementi del sistema Terra-atmosfera e quelli della piccola serra. È importante sottolineare che l'effetto serra è utile per la vita sulla Terra perché ha prodotto una temperatura di equilibrio compatibile con la vita. È l'aumento dell'effetto che è pericoloso, non l'effetto. Ugo Besson Università di Pavia 43Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

44 44 Per confermare il ruolo del CO 2 si può fare un esperimento in cui anziché con un coperchio la scatola della serra è coperta da un gas CO 2 prodotto da bicarbonato e aceto. Ugo Besson Università di Pavia 44Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

45 La sperimentazione ha confermato limportanza di passare attraverso tutte le fasi del percorso dedicando un tempo sufficiente a ciascuna di esse. Il fenomeno è complesso e richiede un approccio graduale. Ugo Besson Università di Pavia 45Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011 Il percorso è stato sperimentato nel in sei classi di scuola secondaria superiore per un totale di 121 studenti. I risultati ottenuti sono stati positivi e confermano la validità delle scelte fondamentali del percorso cognitivo proposto. Tuttavia, le risposte degli studenti e le osservazioni degli insegnanti evidenziano la difficoltà dellargomento, indicano alcuni punti deboli del percorso e suggeriscono alcuni miglioramenti. Gli insegnanti hanno osservato che alcune difficoltà degli allievi potrebbero essere causate da una comprensione insufficiente dei concetti di base su energia e fenomeni termici. Esigenza di avere nuovi materiali didattici per gli allievi, per uno studio individuale e un ripasso, in quanto le trattazioni dei libri di testo erano giudicate inadeguate e talora fuorvianti.

46 Abbiamo quindi avviato una nuova fase di lavoro per: - Modificare alcune parti della sequenza - Preparare nuovi materiali per gli allievi. I materiale preparati sono di tre tipi: schede guida per gli esperimenti; fascicoli di spiegazione e approfondimento; indicazioni per linsegnante. Lesperimento è inteso come un momento del discorso scientifico sullargomento, in un dialogo fra teoria, ipotesi ed esperimenti. I fascicoli di spiegazione cercano di essere aderenti agli specifici esperimenti fatti, citandoli, riprendendone particolari aspetti, in un dialogo con quanto osservato. Una discussione degli esperimenti e poi sistematizzare quanto ottenuto in un quadro teorico semplificato, provvisorio, ma il più coerente possibile, anche aggiungendo risultati sperimentali e/o teorici non direttamente ricavati o ricavabili dal lavoro fatto. Ugo Besson Università di Pavia 46Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

47 O Onde e luce. T Fenomeni termici R Spettro della radiazione. Le proprietà dellinterazione fra radiazione e materia dipendono dalla regione considerata dello spettro. S Effetto serra, modello della serra. Effetto serra sulla Terra. Riscaldamento globale. Il materiale prodotto è diviso in tre parti: T (fenomeni termici), R (radiazione), S (effetto serra). Una fase introduttiva O fornisce alcune conoscenze di base su ottica e onde. Questi materiali rappresentano una ricostruzione didattica degli argomenti realizzata dal gruppo di insegnanti con il nostro gruppo di ricerca e sulla base della condivisione dei risultati della sperimentazione con gli alunni. 47

48 Abbiamo usato questi materiali nella.s in quattro classi di liceo, la valutazione è in corso. La comprensione dei concetti di base sullenergia è necessaria per la comprensione dell'effetto della serra, ma anche viceversa lo studio delleffetto serra può essere un centro dinteresse utile per introdurre concetti e fenomeni sullenergia. L'esperienza ha indicato che luso di centri di interesse motivanti può favorire la costruzione progressiva di concetti e modelli di fisica. La definizione di un particolare approccio didattico non consegue direttamente dalla conoscenza tecnica dellargomento. È illusorio pensare di elaborare percorsi efficaci dinsegnamento senza un attento studio basato su rilevazioni e osservazioni empiriche organizzate con modalità di ricerca e/o su precedenti ricerche didattiche sviluppate da altri studiosi. Ugo Besson Università di Pavia 48Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

49 Basandosi sullormai vasta letteratura internazionale, elaborare e sperimentare percorsi e materiali specialmente adattabili al contesto concreto delle scuole e degli insegnanti italiani. Un problema attuale è lo scarto fra le elaborazioni della ricerca didattica e la pratica scolastica effettiva. Uno scarto che si può colmare solo con esperienze non episodiche di collaborazione fra ricercatori e gruppi di insegnanti. Ricerca in fisica o altre scienze Insegnanti Ricerca in didattica delle scienze Ugo Besson Università di Pavia 49Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica 2011

50 Fine Grazie dellattenzione Ugo Besson Università di Pavia Ricerca in didattica della fisica Incontri di fisica

51 Besson U., De Ambrosis A. and Mascheretti P. (2010) Studying the physical basis of global warming: thermal effects of the interaction between radiation and matter and greenhouse effect. European Journal of Physics, 31 (2), Besson U. (2009) Paradoxes of thermal radiation. European Journal of Physics, 30 (5), 995–1007. Besson U., De Ambrosis A. (2011) Leffetto serra e linsegnamento di concetti e fenomeni fisici legati allenergia. Giornale di fisica. Besson U. (2010) The history of cooling law: when the search for simplicity can be an obstacle. Science & Education, DOI /s Besson U. (1999) Quando la termodinamica incontra la meccanica : bilanci energetici di oggetti in movimento, La Fisica nella Scuola, XXXII, n. 3, pp Besson U. (2001) Work and Energy in the Presence of Friction: The Need for a Mesoscopic Analysis. European Journal of Physics, 22 (November), pp Besson U. (2003) The distinction between heat and work: an approach based on a classical mechanical model. European Journal of Physics, 24 (May) pp Besson U. (2011) La ricerca in didattica della fisica, dallo studio delle concezioni spontanee allelaborazione di percorsi dapprendimento. In AA.VV. Ricerche in didattica e storia delle scienze a Pavia. Pavia University press. In stampa.


Scaricare ppt "La ricerca in didattica della fisica: temi e problemi Ugo Besson Università di Pavia - Dipartimento di fisica Centro di ricerca per la didattica e la storia."

Presentazioni simili


Annunci Google