La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fausto Amorini I NUOVI OBIETTIVI TERAPEUTICI ALLO STUDIO CON STATINE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fausto Amorini I NUOVI OBIETTIVI TERAPEUTICI ALLO STUDIO CON STATINE."— Transcript della presentazione:

1 Fausto Amorini I NUOVI OBIETTIVI TERAPEUTICI ALLO STUDIO CON STATINE

2 Conclusione I risultati di questo studio dimostrano che la diminuzione media dei livelli di LDL di 1 mmol/L nellarco di 5 anni di trattamento, si traduce in una riduzione media del 17% della mortalità cardiovascolare in un ampio range di individui ad elevato rischio. Lesposizione alla statina durante i 5 anni di follow-up non ha determinato alcuna differenza nel tasso di mortalità non cardiovascolare e nell'incidenza di tumori, rispetto al placebo.

3 In definitiva, i risultati di questo studio supportano levidenza che lutilizzo cronico di statine in prevenzione primaria nei pazienti ad alto rischio cardiovascolare (indipendentemente dai livelli iniziali di colesterolemia, dalletà e dal sesso), potrebbe significativamente ridurre il rischio di patologie cardiovascolari. Tutto ciò si otterrebbe senza determinare un aumentato rischio di morbilità o mortalità non cardiovascolare ed, in particolare, oncologica.

4

5 CONCLUSIONI: Complessivamente, questo studio non ha fornito evidenze rilevanti sul ruolo delle statine come fattore causale o protettivo dei tumori.

6

7 Conclusione Alla luce dell opinione secondo cui più bassi sono i livelli di colesterolo minore è il rischio cardiovascolare, sarebbe prudente non utilizzare dosi di statine superiori a quelle necessarie per ottenere il target di colesterolo richiesto. La correlazione tra bassi livelli di colesterolo e aumento dellincidenza del cancro è stata osservata in diversi studi epidemiologici e sembra contrastare la riduzione della mortalità da cause cardiovascolari.

8 Nella maggior parte di tali indagini, lincidenza del cancro è risultata maggiore nei pazienti con livelli basali di colesterolo < 160 mg/dl rispetto a quelli con valori più elevati. Tuttavia, una revisione generale dei dati provenienti dagli studi epidemiologici ha concluso affermando che non è possibile effettuare uninterpretazione definitiva dellassociazione tra bassi livelli di colesterolo e cancro ma che questa può essere spiegata dalla presenza di fattori di confondimento. In tal senso, una possibile spiegazione potrebbe risiedere nel fatto che la riduzione dei livelli di colesterolo rappresenta soltanto leffetto della patologia e non la sua causa.

9 Donne: Troppo calcio può causare infarto Studio pubblicato nell'ultimo numero della rivista medica B.M.J. Ricercatori dell'Università di Auckland durante un periodo di cinque anni, hanno preso in esame un campione di donne, sane ed entrate in menopausa. A 732 sono state somministrate pastiglie di calcio, e alle altre 939 placebo. Risultato: 31 donne contro le 21 del secondo gruppo che hanno riportato vari problemi relativi al cuore e infarti. Problemi che andavano aumentando con il tempo. "Se i nostri risultati saranno confermati da altri studi, potrebbe essere meglio sospendere la somministrazione di calcio. Per adesso medici e pazienti dovranno scegliere tra i benefici del calcio alle ossa, soprattutto per pazienti più anziani, e quello del rischio di infarto", hanno commentato gli scienziati neozelandesi nell'articolo

10

11 Prevenzione primaria Limite tra prevenzione 1° e 2° I probabilisticamente a rischio Significato di continuare ad abbassare le soglie di normalità della Col. ed LDL (includendo in tale modo nei non sani, una gran parte della popolazione)? Quale SSN potrà sostenere i costi di una statinizzazione rivolta ad una gran parte della popolazione => 70% della popolazione italiana ?

12

13

14 Soggetti ad alto CV: è più importante trattare il rischio e non il livello di colesterolo. Non sarà più necessario misurare il colesterolo per decidere se instaurare un trattamento con statine. I pazienti diabetici beneficiano del trattamento con statine tout court. Per i pazienti ad alto CV (diabetici inclusi) bisogna puntare a livelli di C­LDL particolarmente bassi (anche se tali limiti non sono stati ancora identificati).

15 Decidendo diniziare una terapia con una statina, scegliere un dosaggio adeguato rispetto all'obiettivo di C-LDL Il trattamento "aggressivo" con statine nei soggetti ad alto CV, al fine di raggiungere il goal terapeutico previsto dalle linee guida, è costo-efficace.

16 TOTALE PAZIENTI 23102

17 PREVALENZA DI UTILIZZO DAL 2000 AL 2006 trimestremaschifemmineTotaliPrevalenza % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % 2007 – %

18 PREVALENZA DIABETICI SINGOLI MMG 5.12 DIABETICI n° 1210 STATINE n° 225 DIABETICI n° 88 STATINE n° 18

19 USO STATINE DIABETICI PER SESSO Totale diabetici 1210 Totale diabetici in trattamento 225

20 CONFRONTO MASCHI-FEMMINE-ETA Maschi Femmine

21 UTILIZZO MASCHI+FEMMINE eta?

22 N o s t r o A r c h i v i o Deceduti per cause cardiovascolari : 43.5% Deceduti per cause cardiovascolari : 46.5% %

23 Pazienti con valori del colesterolo superiori alla norma Pazienti presenti in archivio n° (anni ) Paz. con colesterolo totale n°8.954 (38.76%) Paz. con colesterolo totale =>200 n° (45.%) Colesterolo valore medio: (Anni ) Paz. con colesterolo totale n° (36.82 %) Paz. con colesterolo totale =>200 n° (53.91%) Colesterolo valore medio: 233.4

24 TOTALE PAZIENTI 23102

25 IPERTENSIONE ARTERIOSA

26 Quanti ipertesi ? (Anni ) Paz.con misurazione di PA n°8.054 (34.50%) (m.tot ) Paz.con PA max e/o min => 140/90 n° (59.02%) Media pressione: Massima Minima Pazienti presenti in archivio n° (Anni ) Paz. con misurazione di PA n°7950 (34.41%) (m.tot ) Paz. con PA max e/o min => 140/90 n° (59.52%) Media pressione: Massima Minima : 81.92


Scaricare ppt "Fausto Amorini I NUOVI OBIETTIVI TERAPEUTICI ALLO STUDIO CON STATINE."

Presentazioni simili


Annunci Google