La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. DANNUNZIO DI CHIETI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. DANNUNZIO DI CHIETI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI G. DANNUNZIO DI CHIETI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. DANNUNZIO DI CHIETI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. DANNUNZIO DI CHIETI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. DANNUNZIO DI CHIETI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA Direttore: Prof. Ferdinando ROMANO INDAGINE EPIDEMIOLOGIA DI UN FOCOLAIO EPIDEMICO DI SALMONELLOSI NELLA PROVINCIA DI PESCARA: CONTRIBUTO PERSONALE Specializzanda Relatore Dott.ssa Patrizia MARANI TORO Chiar.ma Prof.ssa Carla GRANCHELLI ANNO ACCADEMICO 2005/2006

2 INTRODUZIONE Le Salmonellosi costituiscono un importante problema di Sanità Pubblica nei paesi industrializzati Le problematiche sono legate allelevata morbosità ed al rilevante peso economico che comportano Le dimensioni reali del fenomeno sono di difficile quantificazione per la sottostima delle notifiche

3 INTRODUZIONE (I) Negli USA, secondo i CDC, sono circa i casi di salmonellosi notificati ogni anno In Italia, secondo il SIMI, sono circa i casi di salmonellosi non tifoidee notificati ogni anno Secondo i dati ISTAT, sarebbero circa 20 i decessi causati da salmonella ogni anno

4 INTRODUZIONE (II) Dal 1997 in Italia è attivo il sistema di sorveglianza ENTER-NET Italia Comprende una rete di 29 laboratori di microbiologia coordinata dallISS ed afferente al Centro di coordinamento Europeo di Londra S.Enteritidis (35,8% ) e S.Typhimurium (37,7%) rappresentano i sierotipi più frequentemente riscontrati

5 INTRODUZIONE (III) La distribuzione dei casi di salmonellosi sul territorio nazionale non è uniforme

6 INTRODUZIONE (IV) Nella Provincia di Pescara è stato riscontrato un aumento dellincidenza dei casi di S.Enteritidis negli anni 2004, 2005 e soprattutto nei primi nove mesi del 2006 Sono stati evidenziati nei primi mesi del 2006 quattro focolai epidemici di salmonellosi

7 Lindagine epidemiologica dei focolai di tossinfezione alimentare e la sorveglianza delle zoonosi sono fondamentali D.Lgs. n.191 del 4 aprile 2006 in attuazione della Direttiva 2003/99/CE sulle misure di sorveglianza delle zoonosi e degli agenti zoonotici. INTRODUZIONE (V)

8 CONTRIBUTO PERSONALE Il Servizio di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica della ASL di Pescara il 23 Maggio 2006 ha ricevuto segnalazione riguardante 31 soggetti colpiti da sindrome gastrointestinale, riferibile a probabile tossinfezione alimentare

9 MATERIALI E METODI E stata disposta una serie di indagini per Confermare la tossinfezione alimentare Individuare la fonte di infezione Ricostruire tutte le fasi della preparazione degli alimenti

10 MATERIALI E METODI Iter procedurale: Ricezione della notifica di malattie Intervista ai malati e alle persone a rischio Associazioni epidemiologiche Formulate ipotesi

11 Ispezione del luogo dove i cibi sospetti sono stati preparati e consumati Raccolta dei campioni alimentari, blisters vuoti relativi alle uova utilizzate e acqua potabile Effettuazione di tamponi ambientali su piani di lavoro, attrezzature, utensili da cucina e frigorifero allinterno del locale cucina MATERIALI E METODI (I)

12 Il personale di cucina è stato interrogato sulle procedure di preparazione e sottoposto agli accertamenti del caso Le matrici alimentari prelevate sono state inviate presso la Sezione diagnostica di Pescara dellIstituto Zooprofilattico (IZV) per gli accertamenti di tipo batteriologico Ai partecipanti è stato somministrato un questionario MATERIALI E METODI (II)

13 Dalle informazioni raccolte è stato emesso il sospetto di tossinfezione alimentare con probabile veicolo rappresentato dalle uova utilizzate per la preparazione di alcune pietanze Nellesercizio di vendita dove sono state acquistate le uova, è stato recuperato lo stesso lotto di uova utilizzate presso il ristorante MATERIALI E METODI (III)

14 Il 29 Maggio si sono acquisiti i primi risultati analitici che hanno evidenziato la presenza di S. Enteritidis: uova (guscio e albume) blisters prelevati campioni biologici dei pazienti ricoverati tamponi ambientali (allinterno del frigorifero e in una teglia dacciaio utilizzata per condire la pasta) MATERIALI E METODI (IV)

15 Filiera relativa a produzione-commercializzazione-consumo uova AllevamentoCentro di imballaggio DepositiEsercizi di vendita Cucina Ristorante Lotti X ed Y contaminati da Salmonella enteritidis Episodio di tossinfezione Consumatori Indagine epidemiologica (rintraccio e attivazione sistema di allerta )

16 Siamo riusciti ad intervistare tutti i partecipanti pertanto, è stato scelto come disegno di studio quello di coorte I dati raccolti, sono stati inseriti ed elaborati con EpiInfo 2005 versione RISULTATI

17 Ai fini della descrizione del focolaio è stata adottata la seguente definizione di caso: tutti i soggetti partecipanti al pranzo del 22 Maggio che avevano manifestato diarrea > 3 scariche febbre 38°C dolori addominali nausea o vomito con esordio nella serata o fino a 72 ore dopo la consumazione RISULTATI (I)

18 RISULTATI (II) Dei 96 soggetti che avevano consumato alimenti, 31 si sono ammalati. Il 46,9% (n.45) dei partecipanti era di sesso maschile e il 53,1% (n. 51) era di sesso femminile 12 erano adulti con età media di 41 anni e 84 bambini con età media di 7,5 anni.

19 Grafico 1 – Curva epidemica

20 SintomiCasi% Febbre2890,3 Diarrea2787,1 Crampi addominali2374,2 Vomito2167,7 Nausea2167,7 Totale31 Tabella3. Manifestazioni cliniche

21 Tabella 4. Tasso di attacco per singolo alimento (TA), rischi relativi (RR) e intervallo di confidenza al 95%

22 In base ai risultati dellindagine epidemiologica e degli accertamenti batteriologici: Lalimento individuato come causa della tossinfezione alimentare è stato luovo la cui contaminazione è stata primaria Non si può escludere una contaminazione secondaria delle altre pietanze per fenomeni di cross-contaminazione CONCLUSIONI

23 Lindagine da noi condotta si è dimostrata utile è stato identificato lalimento in causa sono state ricostruite tutte le fasi di preparazione dellalimento dallapprovvigionamento delle materie prime fino al consumo sono stati individuati i punti di maggiore rischio per la contaminazione CONCLUSIONI (I)

24 Per il successo dellindagine epidemiologica risultano fondamentali La tempestività delle segnalazioni I tempi di reazione La collaborazione dei diversi settori operativi: microbiologi, epidemiologi, igenisti degli alimenti e veterinari CONCLUSIONI (II)

25 CONCLUSIONI (III) Ulteriori progressi nel campo della prevenzione delle tossinfezioni alimentari potranno essere perseguiti attraverso un sempre maggiore rispetto delle corrette norme igieniche a livello delle aziende agricole (Regolamento 502/04) unitamente alla applicazione di sistemi di sorveglianza sulla produzione degli alimenti (HACCP)


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI G. DANNUNZIO DI CHIETI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. DANNUNZIO DI CHIETI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA."

Presentazioni simili


Annunci Google