La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aspetti epidemiologici e clinici della Legionellosi Sonia Impullitti Francesca Picciotti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aspetti epidemiologici e clinici della Legionellosi Sonia Impullitti Francesca Picciotti."— Transcript della presentazione:

1 Aspetti epidemiologici e clinici della Legionellosi Sonia Impullitti Francesca Picciotti

2 Il termine LEGIONELLOSI comprende tutte le forme morbose causate da microrganismi appartenenti al genere Legionella. Linfezione: -può rimanere asintomatica -si può manifestare con una forma simil- influenzale -può provocare una grave polmonite ad elevata mortalità.

3 CENNI STORICI La malattia è stata descritta la prima volta nel luglio del 1976, in seguito ad unepidemia insorta tra i partecipanti ad un raduno di reduci della guerra del Vietnam svoltosi a Filadelphia (Convention of American Legion): da questa circostanza è derivata la denominazione.

4 EZIOLOGIA I microrganismi del genere Legionella sono batteri Gram-negativi, aerobi, asporigeni, non capsulati, mobili, che crescono bene in ambienti caldo-umidi e dove si ha sviluppo di alghe. La specie più frequentemente coinvolta in casi umani è Legionella pneumophila.

5 RISERVA DINFEZIONE I microrganismi sono comunemente presenti nellambiente naturale: fiumi laghi pozzi acque termali ma possono essere presenti anche negli acquedotti in quanto sono in grado di superare i normali trattamenti di potabilizzazione.

6 CONDIZIONI PER LO SVILUPPO DELLA LEGIONELLOSI Temperatura ottimale di sviluppo (25°- 45°C) Ph (5,4-9,2) Ambiente aerobico Presenza di elementi nutritivi (alghe, amebe) Polverizzazione dellacqua Alto livello di contaminazione

7 IMPIANTI E PROCESSI TECNOLOGICI A RISCHIO Sono a rischio tutti gli impianti ed i processi tecnologici che comportano un moderato riscaldamento dellacqua e la sua nebulizzazione: - Impianti di condizionamento - Impianti idrosanitari - Torri di raffreddamento - Piscine - Vasche idromassaggio - Fontane decorative - Apparecchi di erogazione ossigeno - Sistemi di raffreddamento macchine utensili

8 MODALITA DI TRASMISSIONE Attraverso le suddette strutture il microrganismo, veicolato da particelle dacqua, viene disperso negli ambienti chiusi, ove può essere facilmente inalato. Non esistono dimostrazioni di trasmissione interumana diretta né la malattia si contrae bevendo acqua contaminata.

9 La malattia si può manifestare con epidemie dovute ad ununica fonte di infezione oppure con una serie di casi indipendenti tra di loro. Focolai epidemici si sono ripetutamente verificati in ambienti collettivi a residenza temporanea come ospedali, alberghi e villaggi turistici.

10 FATTORI DI RISCHIO Età avanzata Sesso maschile Alcolismo Tabagismo Malattie croniche Stati di immunodeficienza

11 ANDAMENTO STAGIONALE I casi di Legionellosi di origine nosocomiale non presentano una particolare stagionalità mentre quelli di origine comunitaria presentano unincidenza più elevata nel periodo estivo- autunnale (luglio-ottobre) da mettere in rapporto con un più intenso uso degli impianti di condizionamento in questo periodo.

12 CLINICA FEBBRE DI PONTIAC -periodo d incubazione 1-2 giorni -forma acuta, simil-influenzale, benigna -si risolve in 2-5 giorni -soggetti sani di anni - entrambi i sessi -riconoscibili le forme epidemiche

13 CLINICA MALATTIA DEI LEGIONARI -periodo dincubazione 2-10 giorni -concomitanti patologie nel 60% dei casi - sesso maschile più colpito -età avanzata -interessamento polmonare di discreta o notevole entità ( tosse non produttiva) -reperto radiologico non patognomonico

14 Complicanze: ascesso polmonare, empiema, insufficienza respiratoria,CID, shock, porpora, insufficienza renale acuta Comuni le manifestazioni extrapolmonari, prevalentemente gastroenteriche e neurologiche,con specifica modalità di coinvolgimento di organi ed apparati

15 Manifestazioni extrapolmonari comuniManifestazioni extrapolmonari rare Neurologiche: Confusione Disorientamento Letargia Gastrointestinali Nausea Vomito Feci non formate/Diarrea Dolore addominale Renali Proteinuria Ematuria Testa/occhi/orecchi Nessuna Cardiache Nessuna Tessuti molli/pelle Nessuna Insonnia Allucinazioni Delirio Atassia Ascesso cerebrale Deficit neurologici focali Amnesia retrograda Convulsioni Neuropatia periferica Corea Encefalomielite Vertigini Epatomegalia Peritonite Ascesso perirettale Ascesso appendicolare Pancreatite Colite Insufficienza renale Insufficienza renale mioglobinurica Nefrite acuta tubulointerstiziale Ascesso renale Glomerulonefrite Sinusite Miocardite Pericardite Effusione pericardica Torsione della punta Cellulite Ascesso cutaneo Infezione di ferite

16 LETALITA La letalità per Legionellosi è pari al 15-20% dei casi. Notevolmente superiore per le infezioni nosocomiali e per i soggetti immunodepressi (60%)

17 DIAGNOSI Criteri clinici Criteri epidemiologici Criteri laboratoristici ( indispensabili ) 1. Isolamento ed identificazione del microrganismo ( es. colturale, immunofluorescenza, prove di biologia molecolare) 2. Antigenuria 3. Metodi sierologici

18 TERAPIA Supporti generali e respiratori Antibiotici: macrolidi da soli o in associazione ai chinolonici

19 SORVEGLIANZA Obiettivi - monitoraggio frequenza della Legionellosi dal punto di vista epidemiologico e clinico - identificazione di eventuali variazioni nell andamento della malattia -identificazione di cluster epidemici dovuti a particolari condizioni ambientali al fine di evidenziare i fattori di rischio ed interrompere la catena di trasmissione

20 SISTEMA DI SORVEGLIANZA NAZIONALE SCHEDA DI SORVEGLIANZA Informazioni relative ad una eventuale esposizione a rischio nelle due settimane precedenti l insorgenza dei sintomi: -professione,contatto con acqua nebulizzata -luogo di soggiorno -bagni termali, piscine, idromassaggi -partecipazione a crociere, fiere, esposizioni -terapia respiratoria, trattamenti odontoiatrici -soggiorni in ambienti climatizzati

21 SISTEMA DI SORVEGLIANZA INTERNAZIONALE EWGLI I.S.S.

22 RAPPORTO ANNUALE SULLA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2001 In Italia negli ultimi anni sono stati notificati mediamente un centinaio di casi allanno. La maggioranza di essi viene notificata da regioni del nord e del centro, mentre solo un numero molto limitato di casi viene segnalato dalle regioni dellItalia meridionale.

23 Nel corso dellanno 2001 sono state inviate allIstituto Superiore di Sanità 325 schede di sorveglianza relative ad altrettanti casi di Legionellosi, di cui 289 (89%) confermati e 36 presunti. Nelle Marche sono stati notificati 4 casi. Oltre il 56% è stato notificato da due sole regioni: Lombardia e Piemonte.

24 Le caratteristiche dei pazienti sono molto simili a quelle degli anni precedenti. Il 70% dei casi è di sesso maschile. Il 65% dei casi ha superato i 50 anni di età e letà media dei pazienti è di 57 anni.

25 OCCUPAZIONE Pensionati (43%) Operai (18,5%) Impiegati (8%) Professionisti (4,3%) Casalinghe (4,3%) Albergatori (1,8%) Studenti (0,6%) Altre categorie di lavoratori (14,5%) Occupazione non nota (5%)

26 FATTORI DI RISCHIO E POSSIBILI ESPOSIZIONI Il 41% dei pazienti affetti da Legionellosi presentava altre malattie concomitanti, soprattutto di tipo cronico-degenerativo e neoplastico. I casi in cui linfezione è stata acquisita in ospedale sono stati complessivamente il 15,6% del totale. Il 22,8% dei pazienti ha dichiarato di aver pernottato almeno una notte in luoghi diversi dallabitazione abituale (alberghi, campeggi, villaggi turistici) nelle due settimane precedenti linsorgenza dei sintomi.

27 LEGIONELLOSI ASSOCIATA AI VIAGGI Nel 2001 sono stati notificati allISS 130 casi di Legionellosi relativi a turisti italiani e stranieri. Turisti italiani: 74 (57%) Turisti stranieri: 56 (43%)

28 Tipo di soggiorno dei 74 turisti italiani: -Albergo : 53 -Casa privata: 13 -Campeggio: 4 -Traghetto: 1 -Sconosciuto: 3

29 Linee guida europee Le linee-guida europee sulla Legionellosi associata ai viaggi prevedono che, in caso di cluster, debbono essere immediatamente allertati lOrganizzazione Mondiale della Sanità e tutti i paesi partecipanti alla rete di sorveglianza.

30 Le autorità sanitarie del paese in cui si è verificato il cluster, hanno il dovere di intervenire tempestivamente e di informare entro 6 settimane il Centro di Coordinamento sulle misure di controllo intraprese.

31 Le linee-guida sottolineano come, laddove queste scadenze non vengano rispettate, i nomi degli alberghi inadempienti verranno pubblicati su un sito web accessibile al pubblico, con ovvie ripercussioni sul flusso turistico regionale.

32


Scaricare ppt "Aspetti epidemiologici e clinici della Legionellosi Sonia Impullitti Francesca Picciotti."

Presentazioni simili


Annunci Google