La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli indicatori trofici per le acque marino costiere Emiliano Sparacino

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli indicatori trofici per le acque marino costiere Emiliano Sparacino"— Transcript della presentazione:

1 Gli indicatori trofici per le acque marino costiere Emiliano Sparacino

2 Indice Trofico (TRIX) Sviluppato appositamente per il monitoraggio dello stato troco delle acque marino-costiere Attualmente è lunico indice riconosciuto Il D.Lgs. 258/00 associa ai valori di TRIX (2-8) uno stato ambientale a cui corrispondono una serie di speciche condizioni

3 SCALA TROFICA STATOCONDIZIONI 2-4Elevato Acque scarsamente produttive Livello di trofia basso Buona trasparenza delle acque Assenza di anomale colorazioni delle acque Assenza di ipossie/anossie 4-5Buono Acque moderatamente produttive Livello di trofia medio Occasionali intorbidimenti delle acque Occasionali anomale colorazioni delle acque Occasionali ipossie 5-6Mediocre Acque molto produttive Livello di trofia elevato Scarsa trasparenza delle acque Anomali colorazioni delle acque Ipossie e occasionali anossie Stato di sofferenza a livello di ecosistema bentonico 6-8Scadente Acque fortemente produttive Livello di trofia molto elevato Elevata torbidità delle acque Diffuse e persistenti anomalie nella colorazione delle acque Diffuse e persistenti ipossie/anossie Morie di organismi Alterazione/semplificazione delle comunità bentoniche Danni economici nei settori del turismo, pesca ed acquacoltura

4 Calcolo del TRIX Fattori che sono espressione diretta di produttività biologica: – Clorofilla-a [mg/m3]; – Ossigeno disciolto espresso in percentuale, come deviazione in valore assoluto dalla saturazione: |100 O%|. Fattori nutrizionali: – Fosforo totale [µg/l]; – Azoto minerale disciolto (DIN) [µg/l].

5 Calcolo del TRIX a e b sono determinati sulla base di dati sperimentali (per il Mar Adriatico Settentrionale a=1.5, b=1.2)

6 Indice trofico (TRIX) integrare più fattori che indicano il livello di troa ed eliminare valutazioni soggettive basate su singoli parametri; ridurre la complessità dei sistemi costieri consentendo di assumere un valore quantitativo anche su un unico campione prelevato; discriminare tra diverse situazioni spazio- temporali, rendendo possibile un confronto di tipo quantitativo.

7

8 Caratterizzazione della torbidità (TRBIX) le sostanze organiche disciolte come ad esempio gli acidi umici la biomassa fitoplanctonica la torbidità dovuta al particellato inorganico minerale la trasparenza è la risultante di almeno tre componenti che determinano lassorbimento della luce:

9 Caratterizzazione della torbidità (TRBIX) Se lassorbimento della luce è dovuto principalmente alla biomassa allora le acque, a qualsiasi grado di trasparenza, sono biomasse saturate Se è presente una torbidità di carattere minerale, allora le acque non possono essere biomasse saturate e le concentrazioni di queste biomasse sono al di sotto del loro potenziale. Esiste una relazione quantificabile tra la trasparenza (espressa come profondità di disco di Secchi) ed il massimo possibile di biomassa (mg/m3)

10 Caratterizzazione della torbidità (TRBIX) Relazione empirica tra la trasparenza e la clorofilla Rapporto Torbidità/Clorolla (trasp. potenziale (p), trasp. Misurata (a)) Indice di torbidità

11 Caratterizzazione della torbidità (TRBIX) TRBIX = 0, le acque sono otticamente saturate dalla biomassa, in termini di clorolla TRBIX = 1, leffetto della clorolla è uguale a quello del particellato inorganico TRBIX = 2, la clorolla contribuisce alla torbidità per ¼ …

12 TRBIX E TRIX: Indice generalizzato di qualità TRIX TRBIX A D BC

13 Utilizzo dellLWQI in mare O2 % SATChl-aDIPDINMacroalghePiante radicate


Scaricare ppt "Gli indicatori trofici per le acque marino costiere Emiliano Sparacino"

Presentazioni simili


Annunci Google