La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIFENDIAMO IL CUORE Casciana Terme, 12 gennaio 2008 dott. Giuseppe Castello U.O. Malattie Cardiovascolari - P.O. Volterra Campagna Educazionale Regionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIFENDIAMO IL CUORE Casciana Terme, 12 gennaio 2008 dott. Giuseppe Castello U.O. Malattie Cardiovascolari - P.O. Volterra Campagna Educazionale Regionale."— Transcript della presentazione:

1 DIFENDIAMO IL CUORE Casciana Terme, 12 gennaio 2008 dott. Giuseppe Castello U.O. Malattie Cardiovascolari - P.O. Volterra Campagna Educazionale Regionale LA SORVEGLIANZA CLINICA NEL POST-INFARTO

2 UN PARADIGMA NON SEMPRE COSì SCONTATO: LA SORVEGLIANZA CLINICA DEL POST-INFARTO

3 IL CASO CLINICO Presentazione iniziale: quadro di riferimento Il signor Nedo P. ha 67 anni in sovrappeso da circa 20 anni (h 1.70, peso 85 Kg - BMI 29.4), normopeso fino a quando ha svolto attività lavorativa presso le Acciaierie di Piombino; ha una circonferenza addominale di 106 cm fuma dieci sigarette al dì, beve due bicchieri di vino ai pasti è un paziente conosciuto da molti anni;

4 È affetto da diabete mellito tipo II, in buon compenso metabolico, per il quale è in terapia con antidiabetici orali. Soffre inoltre di ipertensione arteriosa, con valori medi, in terapia (Ace-inibitore in associazione con un diuretico tiazidico) di 130/85 mmHg È affetto da BPCO

5 12 anni fa ha avuto un infarto miocardico in quelloccasione fu sottoposto a coronarografia, ma non fu posta indicazione per un intervento di rivascolarizzazione: dopo levento acuto fu sottoposto a riabilitazione ambulatoriale.

6 Presentazione iniziale: gli esami Emocromo nei limiti K 4,0 mEq/l Creatininemia 1,1 mg/dl, uricemia 6,2 mg/dl Colesterolo totale 235* mg/dl, HDL 65, trigliceridemia 250* mg/dl Glicemia 102 mg/dl GOT 45* UI, GPT 50* UI Es. urine e microalbuminuria nella norma

7 Un ECG di un anno fa riferisce esiti di infarto miocardico settale. si invia il signor Nedo dal cardiologo per un controllo ….. Il paziente è in terapia con Ace-inibitori + diuretico, ASA, statina e antidiabetici orali.

8 PROGNOSI

9 PREVENZIONE A LUNGO TERMINE DEI PAZIENTI CON CARDIOPATIA ISCHEMICA: OBIETTIVI: 1.Prevenzione del rimodellamento 2.Prevenzione delle recidive ischemiche 3.Controllo dei fattori di rischio

10 CLASSE DI RISCHIO Fattori di rischio Diabete mellito Fumo Ipertensione arteriosa Sovrappeso Circonferenza addominale Ipercolesterolemia

11

12 CLASSE DI RISCHIO Fattori di rischio Diabete mellito Fumo Ipertensione arteriosa Sovrappeso Circonferenza addominale Ipercolesterolemia

13

14 CLASSE DI RISCHIO Fattori di rischio Diabete mellito Fumo Ipertensione arteriosa Sovrappeso Circonferenza addominale Ipercolesterolemia

15

16 CLASSE DI RISCHIO Fattori di rischio Diabete mellito Fumo Ipertensione arteriosa Sovrappeso Circonferenza addominale Ipercolesterolemia

17 chiudi finestra

18 CLASSE DI RISCHIO Fattori di rischio Diabete mellito Fumo Ipertensione arteriosa Sovrappeso Circonferenza addominale Ipercolesterolemia

19

20

21 SINDROME METABOLICA? Questa domanda vuole sottolineare il concetto di cluster ovvero di aggregazione di diverse patologie in una sindrome, patologie che avrebbero un denominatore comune patogenetico nellinsulino- resistenza e per questo definite metaboliche. In questa sindrome si aggregano fattori di rischio cardiovascolare che fornirebbero un rischio diverso, secondo alcuni studi maggiore, rispetto ai tradizionali fattori di rischio cardiovascolare, così come li riconosciamo identificati dai grandi studi epidemiologici come Framingham o dalle formule per il calcolo del rischio cardiovascolare, come per il Progetto Cuore italiano.

22 chiudi finestra

23

24

25 Il paziente ritorna con una breve relazione nella quale il cardiologo …

26


Scaricare ppt "DIFENDIAMO IL CUORE Casciana Terme, 12 gennaio 2008 dott. Giuseppe Castello U.O. Malattie Cardiovascolari - P.O. Volterra Campagna Educazionale Regionale."

Presentazioni simili


Annunci Google