La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Un paradigma non sempre così scontato: la sorveglianza clinica del post-infarto Cooperativa Etruria Medica Piero Angori MMG Castiglion F.no Roberto Nasorri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Un paradigma non sempre così scontato: la sorveglianza clinica del post-infarto Cooperativa Etruria Medica Piero Angori MMG Castiglion F.no Roberto Nasorri."— Transcript della presentazione:

1 1 Un paradigma non sempre così scontato: la sorveglianza clinica del post-infarto Cooperativa Etruria Medica Piero Angori MMG Castiglion F.no Roberto Nasorri MMG Cortona

2 2 GISSI I – II ( )) GISSI PREV.(1999) EUROASPIRE ( ) EUROASPIRE II ( )

3 3 GISSI PREVENZIONE Studio multicentrico aperto nel quale sono stati arruolati pazienti con infarto cardiaco recente (< o = a 3 mesi) che, oltre ai trattamenti di base, ed oltre a seguire una dieta corretta, sono stati randomizzati in quattro gruppi di trattamento: –n-3 PUFA da soli (1 g/die) –Vit. E da sola (300 mg/die) –n-3 PUFA combinati con Vit. E –Nessuna aggiunta alla terapia di base I Pazienti sono stati poi seguiti per 3-5 anni. I risultati hanno dimostrato che solo il gruppo trattato con supplemento di n-3 PUFA ha visto ridurre lend point combinato di morte, IMA non fatale e Stroke non fatale, morte improvvisa In conclusione da 5 a 7 vite potrebbero essere salvate ogni 1000 pazienti con pregresso infarto miocardico trattati con n-3 PUFA alla dose di 1 g/die. Lancet 1999;354;447-55

4 4 FARMACI EFFICACI IN PREVENZIONE SECONDARIA: ANTIAGGREGANTI

5 5 Da:LaRosa J C et al – For the Treating the New Targets (TNT) Investigators Intensive Lipid Lowering With Atorvastatin in Patients with Stable Coronary Disease – N Engl J of Med 2005; 352 FARMACI EFFICACI IN PREVENZIONE SECONDARIA: STATINE

6 6 Classe di raccomandazione Livello di evidenza ACE-inibitori nei pz con IMA recente o pregresso, indipendentemente dalla FE IA Beta-bloccanti nei pz con IMA recente indipendentemente dalla FE IA Beta-bloccanti nei pz con IMA pregresso e FE ridotta IB ACE-inibitori nei pz con coronaropatia accertata, indipendentemente dalla storia di IMA IB ALTRI INTERVENTI EFFICACI Controllo dellipertensione arteriosa, della dislipidemia e, in generale, dei fattori di rischio IA ALTRI FARMACI EFFICACI

7 7 ALLORA, TUTTO SOMMATO, E SEMPLICE … IN PREVENZIONE SECONDARIA, …PER DIFENDERE IL CUORE …. Niente fumo Attività fisica Dimagrire Ridurre lo stress Più frutta e verdura Magari un bicchiere di rosso Antiaggreganti Una statina Un ACE-inibitore Un Beta-bloccante n-3 PUFA Pressione e diabete sotto controllo TUTTO SCONTATO… O NO ???

8 8 Pazienti con malattia coronarica diagnosticata, o altre maggiori manifestazioni di malattia aterosclerotica sono stati fatti segno di due sondaggi tendenti ad evidenziare i fattori di rischio ancora presenti ed i farmaci preventivi in uso 6 mesi dopo la diagnosi. Tali sondaggi sono stati effettuati negli anni (EUROASPIRE I) su 3569 Pazienti e negli anni (EUROASPIRE II) su 3379 Pazienti Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Slovenia e Spagna Nove paesi europei : EUROASPIRE I e II

9 9 Comparazione delluso preventivo di farmaci nei Pazienti arruolati negli EUROASPIRE Uso preventivo EUROASPIRE I EUROASPIRE II Aspirina/antiaggreganti Beta bloccanti ACE inhibitori AntidislipidemiciAnticoagulanti 81%54%30%32%7%84%66%43%63%8% Lancet, 357: , 2001

10 10 Comparazione dei fattori di rischio fra EUROASPIRE I e II Colesterolo >210 mg/dl 58.8% Fattori di rischio Fumo 20.8% Ipertensione arteriosa (>140 mm Hg sistolica o >90 mm Hg diastolica) EUROASPIRE I 19.4% 32.8%Obesità25.3% 55.4% 86.2% 53.9% EUROASPIRE II Lancet, 357: , 2001

11 11 USA Europa (Est ed Ovest) Canada Australia – Nuova Zelanda Medio oriente Messico – America Latina Africa

12 12

13 13

14 14 Current secondary prevention practice is far from optimal. Recent studies showed that secondary prevention measures are not adequately implemented and consequently there is a large potential for improvement as many CHD patients are not achieving the recommended lifestyle and risk factor goals. Rationale Da :Prevenzione delle recidive nei soggetti che già hanno avuto accidenti cardiovascolari P. Giannuzzi Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS Divisione di Cardiologia Riabilitativa, Veruno (NO)

15 15 IL QUADRO GENERALE NON E QUINDI ESALTANTE !! ALLORA CI SIAMO CHIESTI … COSA SUCCEDE DALLE NOSTRE PARTI ?? I NOSTRI PAZIENTI INFARTUATI, COME VENGONO SEGUITI??

16 16 COOPERATIVA ETRURIA MEDICA 39 MEDICI DI MEDICINA GENERALE DELLA VALDICHIANA TUTTI INFORMATIZZATI CON LO STESSO SOFTWARE (Millewin), CON UN SERVER CONCENTRATORE DI DATI MEMORIZZAZIONE E CODIFICA DEI PROBLEMI DEI PAZIENTI (ICD9), DI ACCERTAMENTI E TERAPIE PARTECIPAZIONE A NUMEROSI STUDI CLINICI

17 17 1.ANGORI 2.ARGIRO 3.BROCCHI A. 4.BROCCHI D. 5.BURBI 6.CALZINI 7.CALZOLARI 8.CONTI 9.CIANTI 10.FAILLI 11.FARALLI 12.FRANCESCHINI 13.LOVRENCIE 14.MARIANGELONI 15.MELACCI 16.NASORRI 17.PELLEGRINI 18.RICCIARINI 19.RINCHI 20.SANTERAMO 21.VANNI

18 18 PREVALENZA DELLIMA IN VALDICHIANA Pazienti infartuati in vita al 31/12/07

19 19 DISTRIBUZIONE DELLIMA PER SESSO

20 IMA per fasce detà

21 21

22 22

23 23 TRATTAMENTI EFFETTUATI NELLA FASE ACUTA DELLIMA 21,36%54,98%17,66%14,24%

24 24 TRATTAMENTI COMBINATI IN FASE ACUTA 9,97%4,27%5,98%3,13%

25 25 FATTORI DI RISCHIO: FUMO

26 26 FATTORI DI RISCHIO: OBESITA

27 27 FATTORI DI RISCHIO: IPERTENSIONE ARTERIOSA (Sistolica > 140 e/o Diastolica >90) P.A. non controllata prima dellIMA Totale IMA P.A. non controllata dopo lIMA

28 28 FATTORI DI RISCHIO: COLESTEROLO (>200 mg/ml)

29 29 FATTORI DI RISCHIO: DIABETE

30 30 FATTORI DI RISCHIO: VITA SEDENTARIA Vita sedentaria prima dellevento Vita sedentaria attualmente

31 31 TRATTAMENTI FARMACOLOGICI NEL POST IMA

32 32 TRATTAMENTI EMOREOLOGICI

33 33 TRATTAMENTO DELLA DISLIPIDEMIA

34 34 CHE FIGURA FANNO I NOSTRI PAZIENTI NEL CONFRONTO CON QUELLI ARRUOLATI NEGLI EUROASPIRE?

35 35 CERTAMENTE NON SONO POPOLAZIONI OMOGENEE ED I DATI NON SONO DEL TUTTO CONFRONTABILI…. …. MA PROVIAMO !!!

36 36 Uso preventivo EUROASPIRE I EUROASPIRE II Aspirina/antiaggreganti Beta bloccanti ACE inibitori AntidislipidemiciAnticoagulanti PUFA n-3 81%54%30%32%7%-84%66%43%63%8%- Cooperativa Etruria Medica 92%72%80%80%9%9% Comparazione delluso preventivo di farmaci nei Pazienti arruolati negli EUROASPIRE e nei Pazienti arruolati in Valdichiana

37 37 Colesterolo >210 mg/dl 58.8% Fattori di rischio Fumo 20.8% Ipertensione arteriosa (>140 mm Hg sistolica o >90 mm Hg diastolica) EUROASPIRE I 16% 32.8% Obesità 25.3% 55.4% 86.2% 53.9% EUROASPIRE II Cooperativa Etruria Medica 14% 30% 19.4% 17% Comparazione dei fattori di rischio fra i pazienti arruolati negli EUROASPIRE ed i Pazienti arruolati in Valdichiana

38 38 ALLORA, DOVE IL MMG PUO REALMENTE INCIDERE NELLA PREVENZIONE SECONDARIA? Niente fumo Attività fisica Dimagrire Ridurre lo stress Più frutta e verdura Magari un bicchiere di rosso Un antiaggregante Una statina Un ACE-inibitore Un Beta-bloccante n-3 PUFA Pressione e diabete sotto controllo STILE DI VITA TERAPIA LINFORMATIZZAZIONE CONSENTE NON SOLO IL CONTROLLO DELLA PRESCRIZIONE, MA ANCHE LA VERIFICA DELLA ASSUNZIONE DELLA TERAPIA

39 39 Evoluzione naturale per la malattia CV: Impatto delle strategie preventive/teraputiche I° evento Età I° evento Età Centri/strutture dedicate Mentalità dedicate MMG

40 40 LA PREVENZIONE SECONDARIA, PER QUANTO IMPORTANTE, RAPPRESENTA SPESSO IL RIMEDIO AD UN FALLIMENTO: LA MANCATA ATTUAZIONE DELLA PREVENZIONE PRIMARIA

41 41 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "1 Un paradigma non sempre così scontato: la sorveglianza clinica del post-infarto Cooperativa Etruria Medica Piero Angori MMG Castiglion F.no Roberto Nasorri."

Presentazioni simili


Annunci Google