La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SANDRO PENNA Via R. Jemma 84091 Battipaglia (SA) 19-20-21 gennaio 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SANDRO PENNA Via R. Jemma 84091 Battipaglia (SA) 19-20-21 gennaio 2011."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SANDRO PENNA Via R. Jemma Battipaglia (SA) gennaio 2011

2 incontra : Genitori Alunni Insegnanti

3 Taverna Vinci Fasanara

4 Giovanni XIII di Taverna delle Rose Angelo Patri di Aversana

5 Sandro Penna

6

7 La C. M. n° 101 del 30 dicembre 2010 disciplina le iscrizioni alla scuola dellInfanzia e le classi delle scuole di ogni ordine e grado per lanno scolastico 2011/2012

8 Le iscrizioni non solo costituiscono un importante adempimento amministrativo e gestionale, prodromico rispetto alle operazioni di preparazione e di regolare avvio del prossimo anno scolastico, ma rappresentano una rilevante occasione di confronto, di interlocuzione e di collaborazione tra i soggetti a vario titolo competenti e coinvolti: scuola famiglia autonomie locali.

9 QUANDO? Dal 24 gennaio al 12 febbraio 2011 Tutti i giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore Il mercoledì e il venerdì dalle ore alle ore Sabato dalle ore 8.00 alle ore DOVE? Presso la Segreteria dellIstituto Comprensivo Sandro Penna in Via Rosa Jemma - Battipaglia IN CHE MODO? Compilazione da parte del genitore della domanda di iscrizione su modelli predisposti dalla scuola. Le scelte saranno vincolanti per lintero anno scolastico.

10 I genitori possono indirizzare la domanda di iscrizione ad una sola Istituzione scolastica. Per le classi successive alle prime liscrizione è disposta dufficio. In caso di domande discrizione in eccedenza si terrà conto dei criteri di precedenza nellammissione, che sono visionabili nel POF. La scuola avrà cura di comunicare tempestivamente agli interessati il mancato accoglimento delle stesse per consentire liscrizione presso altra scuola. Qualora gli interessati chiedano ad iscrizione avvenuta il trasferimento ad unaltra scuola devono acquisire il nulla osta.

11 La facoltà di avvalersi o non avvalersi dellinsegnamento della Religione Cattolica viene esercitata dai genitori al momento delliscrizione. La scelta ha valore per lintero corso di studi e, comunque, in tutti i casi in cui sia prevista liscrizione dufficio, fatto salvo il diritto di modificare tale scelta per lanno successivo entro il termine delle iscrizioni.

12 Opzioni possibili: Attività didattiche formative Attività di studio e/o di ricerca individuali con assistenza di personale docente Non frequenza della scuola nelle ore di insegnamento della religione cattolica

13 La scuola dellInfanzia, o scuola materna come si chiamava una volta, è la prima scuola che il bambino incontra nella sua vita. Essa ha funzioni prevalentemente educative. È un ambiente educativo di esperienze concrete che valorizza il gioco in tutte le sue forme ed espressioni come occasioni di apprendimento. Le attività educative che i bambini svolgono nella scuola dellinfanzia si riconducono orientativamente a sei Campi dEsperienza.

14 Possono essere iscritti alle scuole dellInfanzia i bambini e le bambine che abbiano compiuto o compiono, entro il 31 dicembre 2011, il terzo anno detà. Possono, altresì, essere iscritti i bambini che compiano tre anni detà entro il 30 aprile Nel caso in cui le domande discrizione siano superiori al numero di posti disponibili, hanno precedenza i bambini che compiono i tre anni detà entro il 31 dicembre 2011.

15 Per quanto riguarda le assenze è bene precisare che pur non essendo scuola dellobbligo, la frequenza dei bambini una volta iscritti è dovuta. In caso di assenze saltuarie o prolungate, non adeguatamente giustificate, si procede alla dimissione di ufficio del bambino iscritto.

16 40 ore settimanali (orario ordinario) dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle ore settimanali (orario ridotto) dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle Elevato fino a 50 ore (orario prolungato) dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle il sabato dalle 8.00 alle 12.00

17 Con la Scuola Primaria o Scuola Elementare, come si chiamava fino a qualche anno fa, inizia lobbligo di istruzione. Fa parte del primo ciclo scolastico insieme alla Scuola Secondaria di primo grado (ex Scuola Media).

18 La Scuola Primaria ha il compito di promuovere lo sviluppo della personalità di ciascun alunno, far acquisire e sviluppare le conoscenze e le abilità di base, comprese quelle dellalfabetizzazione informatica, di far apprendere i mezzi espressivi, la lingua italiana e la lingua inglese, di porre le basi per lutilizzazione di metodologie scientifiche nello studio del mondo naturale, di valorizzare le capacità relazionali e di educare ai principi fondamentali della convivenza civile.

19 I genitori o i soggetti esercenti la potestà genitoriale: debbono iscrivere alla classe prima della scuola primaria i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre 2011; possono iscrivere anticipatamente i bambini che compiono sei anni di età entro il 30 aprile 2012.

20 A tale ultimo riguardo, per una scelta attenta e consapevole, i genitori o gli esercenti la patria potestà possono avvalersi anche delle indicazioni e degli orientamenti forniti dai docenti della scuola dellInfanzia frequentata dai propri figli. La scelta dellanticipo va ponderata attentamente perché non sono pochi i casi di bambini che incontrano difficoltà nelladattamento precoce al lavoro scolastico.

21 Le Famiglie potranno scegliere tra i 2 modelli base che prevedono un maestro unico di riferimento. 24 ore Dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore ore Dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.30

22 Sino a 30 ore Con attività facoltative o opzionali Dal lunedì al sabato dalle ore 8.15 alle ore Tempo pieno 40 ore Preferenza subordinata alla presenza di servizi e di strutture nonché alla disponibilità di organico.

23 Per lanno scolastico 2010/2011 devono essere iscritti alla classe prima della scuola secondaria di primo grado gli alunni che abbiano conseguito la promozione o lidoneità a tale classe.

24 La domanda di iscrizione da indirizzare allIstituzione scolastica prescelta, deve essere presentata per il tramite della scuola primaria di appartenenza, la quale provvede a trasmetterla, entro i cinque giorni successivi alla scadenza del termine del 12 febbraio 2011, alla istituzione scolastica prescelta.

25 Il Dirigente Scolastico della scuola secondaria di primo grado, in caso di mancato accoglimento di domande per mancanza di posti disponibili, ne dà sollecita comunicazione alle famiglie interessate perché possano esercitare una diversa opzione.

26 Negli Istituti Comprensivi non è richiesta la domanda discrizione alla classe prima della scuola secondaria di primo grado per gli alunni che hanno frequentato nella stessa istituzione la classe quinta della scuola primaria. In tale caso, liscrizione è disposta dufficio, fatte salve le scelte delle famiglie relativamente al tempo scuola e allinsegnamento della religione cattolica.

27 Qualora i genitori intendano far frequentare ai propri figli un istituto diverso da quello in cui gli stessi stanno concludendo lultimo anno della scuola primaria, devono presentare la domanda discrizione alla scuola prescelta per il tramite dellistituto comprensivo di appartenenza che provvederà a trasmetterla entro i cinque giorni successivi alla scadenza del termine del 12 febbraio 2011.

28

29 Allatto delliscrizione, i genitori esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dellorario settimanale, che è così definito: Laccoglimento delle opzioni per i modelli orari di tempo prolungato è subordinato allesistenza delle risorse di organico e alla disponibilità di servizi e strutture. 30 ore (orario ordinario ) dal lunedì al sabato dalle ore 8.00/ ore (orario prolungato) dal lunedì al sabato dalle ore 8.00/13.00 più due rientri pomeridiani (mercoledì e venerdì) fino alle Elevabili fino a 40 ore con tre rientri pomeridiani.

30 È un atto di impegno congiunto tra scuola-famiglia, da formalizzarsi, sottoscrivendolo allatto delliscrizione. Il Patto è soprattutto un documento di valore etico- deontologico che vincola, proprio su questo piano, i principali attori dello scenario educativo pubblico statale su alcune condizione base per il conseguimento degli obiettivi formativi.

31 È un atto di diritto privato, un momento di condivisione educativa tra scuola e famiglia, è una sorte di un vero e proprio patto donore. Diversa invece è la natura del Regolamento dIstituto che è un vero e proprio atto di diritto pubblico ed espressione di un potere autoritativo. Mantiene il carattere unilaterale e rappresenta lazione di regolamentazione generale dellIstituzione scolastica nei suoi vari aspetti, intesi come linsieme delle norme a cui doversi obbligatoriamente rifarsi.

32


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SANDRO PENNA Via R. Jemma 84091 Battipaglia (SA) 19-20-21 gennaio 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google