La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO SOLOLO Per i bambini vulnerabili di SOLOLO – nord Kenya.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO SOLOLO Per i bambini vulnerabili di SOLOLO – nord Kenya."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO SOLOLO Per i bambini vulnerabili di SOLOLO – nord Kenya

2 Indice di questa presentazione: Titolo:Progetto Sololo Attori:Chi fa Ruoli:Cosa fa Progetto:Sostegno per i Bambini Vulnerabili Obiettivi:Costruzione – Attivazione - Gestione Stato attuale:Costruzioni Preventivi: Spesa anno 2009 Viaggio:Come raggiungere il luogo Luogo:Sololo PROGETTO SOLOLO

3 attori CCM – Comitato Collaborazione Medica CIPAD – Culture Information Pastoralist Development MONDECO – Educazione Condivisa per il Mondo

4 CCM Comitato Collaborazione Medica è una ONG (organismo non governativo) è una ONLUS (organizzazione non lucrativa di Utilità Sociale ) è nato a Torino Italia nel 1968 ha ottenuto dal 1972 l'accreditamento dal MAE (Ministero Affari Esteri) opera nell'area di Sololo dal 1982 attualmente il CCM opera in Sudan, Etiopia, Kenya, Burundi, Uganda, Somalia, Mali, Marocco, e Guatemala.attualmente il CCM operain Sudan, Etiopia, Kenya, Burundi, Uganda, Somalia, Mali, Marocco, e Guatemala. La sua missione è: migliorare lo stato di salute delle popolazioni attraverso l'assistenza sanitaria e il sostegno alle strutture sanitarie presenti localmente

5 CIPAD Culture Information and Pastoralist Development è una CBO (organizzazione comunitaria di base; ossia è lequivalente locale di una nostra ONLUS ) è nata a Sololo nel 2003 La sua missione è: - Preservare la Cultura Borana; - Migliorare la qualità della vita dei pastori Borana tramite leducazione, la salute, lallevamento nomade del bestiame, nel rispetto e conservazione dellambiente

6 MONDECO Educazione Condivisa per il Mondo è una ONLUS è nata a Muggiò nel 2008 La sua missione è: solidarietà sociale benefica nel settore della formazione ovunque ed in particolare sul territorio ove risiede lAssociazione e nei Paesi in Via di Sviluppo (in breve PVS)

7 co-attori Associazione Missionaria Dom Helder Camara Associazione a forca da partilha (La Forza della Condivisione) Mehala Operazione Babbo Natale Bambu … Amici Vari … (Clubs, Ditte, Scuole, Singole persone, …)

8 ruoli Chi fa cosa attori principali CCM (ha partorito il progetto e le strutture di base; è pronto a cederle e passerà da attore principale a co-protagonista) CIPAD (controparte in loco – futuro proprietario e gestore delle strutture) MONDECO (futuro interlocutore unico e mediatore, tra CIPAD e Gruppi di aiuto) co-protagonisti (partecipano al Progetto Sololo, con proposte e condivisione delle scelte, tramite il coordinamento di MONDECO) BAMBU …

9 CIPAD GKMAE-UK NGO-ONLUS INTERNAZIONALI NGO-CBO NAZIONALI G8-UE Il CIPAD si rapporta con le organizzazioni kenyote

10 MONDECO MAE CCM DOM HELDER CAMARA MEHALA A FORCA DA PARTILHA OPERAZIONE BABBO NATALE BAMBU DONATORI VARI COMUNI-PROVINCIE- REGIONI ONG NAZIONALI G8-UE MONDECO si rapporta con le organizzazioni nazionali italiane

11 PROGETTO SOLOLO CIPADMONDECO COOPERAZIONE NELLA CODETERMINAZIONE AFRICA --- ITALIA ASSISTENZA BAMBINI VULNERABILI: SOSTEGNO AFFIDO ADOZIONE

12 PROGETTO SOLOLO CIPAD AFRICA ITALIA ASSISTENZA BAMBINI VULNERABILI: (sostegno e affido) SOSTEGNO AFFIDO ADOZIONE FAMIGLIA NATURALE FAMIGLIA ALLARGATA FAMIGLIA ARTIFICIALE (VILLAGGIO OBBITU) FAMIGLIA ADOTTIVA NAZIONALE FAMIGLIA ADOTTIVA INTERNAZIONALE ISTITUZIONE NAZIONALE ISTITUZIONE INTERNAZIONALE

13 Il VILLAGGIO OBBITU NON E UNA ISTITUZIONE è un luogo di affido del bambino da parte della comunità ad una struttura organizzata dalla stessa comunità, in analogia alla tradizionale magnata yaa … … va concepito come luogo della comunità per laffido alla comunità … è uno strumento della comunità … E questo un modello unico possibile solo a Sololo Il villaggio normalmente rispetterà ANCHE le richieste date dalla normativa di legge del Kenya ma dovrà restare pur sempre un luogo borana per la formazione dei borana, pena il suo fallimento.

14 PROGETTO SOLOLO Lobiettivo generale è quello di migliorare la condizione di vita dei minori vulnerabili garantendo il sostegno al diritto dei minori ad avere una famiglia (naturale-allargata-artificiale-adottiva) per divenire uomini e donne responsabili allinterno della loro società.

15 PROGETTO SOLOLO Minore vulnerabile = minore (bambino o adolescente) con uno standard di vita di assoluta povertà e/o fisicamente compromesso; a rischio di abbandono; a rischio di marginalizzazione o di esclusione dallintegrazione sociale

16 PROGETTO SOLOLO Lobiettivo specifico è garantire cura e protezione ai bambini vulnerabili tramite un approccio onnicomprensivo in modo che possono svilupparsi al loro completo potenziale. 1. Provvedere per una migliore e adeguata dieta nutrizionale per i bambini vulnerabili 2. Provvedere per il vestiario 3. Provvedere per laccesso all educazione primaria e secondaria o inserimento al lavoro 4. Provvedere per cure sanitarie 5. Provvedere per laccoglienza nellObbitu Village dei più bisognosi tra i bambini vulnerabili

17 PROGETTO SOLOLO Obbiettivi da perseguirsi nel rispetto delle seguenti priorità: - sostegno del minore presso la famiglia natale; qualora questo non fosse possibile, - sostegno presso famiglie adottive locali qualora questo non fosse possibile, -accoglienza in case-famiglie tradizionali in un villaggio-quartiere residenziale, costituito in conformità agli usi e costumi Borana

18 PROGETTO SOLOLO I livelli di intervento in pratica comprendono: a) il supporto al bambino vulnerabile presso le famiglie di origine o adottive locali b) la realizzazione di un villaggio-quartiere residenziale, del tutto simile agli altri diciannove che costituiscono lattuale città di Sololo, finalizzato allaccoglienza e alleducazione dei bambini vulnerabili. Il villaggio sarà costituito da più unità casa-famiglia-tradizionale, realizzata in conformità agli usi e costumi dei Borana, dove il bambino potrà vivere in una sorta di famiglia allargata, mantenendo il contatto con gli altri bambini del villaggio e della città. c) lofferta di un servizio di supporto sanitario e psicologico individualizzato rivolto ai minori vulnerabili d) unofferta formativa rivolta al personale del villaggio: alle mamme del villaggio, ognuna responsabile della gestione dellunità-familiare tradizionale a lei affidata; alle zie del villaggio coadiutrici delle mamme ; agli addetti alla manutenzione e alla sicurezza; ai pastori

19 PROGETTO SOLOLO

20 Pur "tirando la cinghia" al massimo, le spese complessive del prossimo anno sono stimate in euro Progetto e Voci di spesa sul sito

21 In viaggio verso SOLOLO … 800 Km da Nairobi

22

23

24

25

26

27

28

29

30 … ti presento SOLOLO …

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44


Scaricare ppt "PROGETTO SOLOLO Per i bambini vulnerabili di SOLOLO – nord Kenya."

Presentazioni simili


Annunci Google