La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Un patto di comunità per Battipaglia basato su etica e nuove opportunità “Nulla costa meno alla passione del mettersi al di sopra della ragione: il suo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Un patto di comunità per Battipaglia basato su etica e nuove opportunità “Nulla costa meno alla passione del mettersi al di sopra della ragione: il suo."— Transcript della presentazione:

1 Un patto di comunità per Battipaglia basato su etica e nuove opportunità “Nulla costa meno alla passione del mettersi al di sopra della ragione: il suo grande trionfo è di avere la meglio sull'interesse” - Jean De La Bruyère ( )

2 Un programma per ridare una ‘visione’ condivisa ad una comunità che ne è stata privata Etica Obiettivi strategici Azioni concrete

3 Gli obiettivi strategici

4 Riscrivere le regole della governance dell’organizzazione comunale 1 Modificare lo statuto del comune ripristinando le norme abrogate che vietavano ai consiglieri comunali di ricoprire cariche o consulenze negli enti dipendenti o controllati dal comune (art. 22, c. 4) 1.1 Riscrivere tutte le norme che qualificano conflitti potenziali di interesse tra i ruoli di controllo (propri dell’ente comunale) e quelli di gestione, anche nelle società controllate dal comune 1.2 Aggiornare i fondamentali regolamenti operativi alle normative vigenti (in primis il fondamentale regolamento di contabilità non ancora adeguato al D.Lgs. 267/2000 – TUEL) 1.3 Ripristinare il ricorso alle gare pubbliche di appalto riducendo l’abnorme utilizzo di procedure di urgenza (senza gara) per la stipula di contratti 1.4 Dividere le funzioni di “controllo di gestione” e “controllo strategico” da quelle di “valutazione del personale dipendente e dirigenziale” 1.5

5 Risanare il comune di Battipaglia dal punto di vista economico e finanziario, scongiurando il dissesto 2 Avviare immediatamente un’azione di finanza straordinaria per consolidare l’indebitamento a breve (soprattutto verso i fornitori) e coprire il debito pregresso (sale & lease-back; cessioni immobiliari; liquidazione attività non profittevoli; Bond Comunali) 2.1 Avviare azioni di riduzione dei costi correnti. Tra le prime iniziative sarà varato un piano comunale per l’illuminazione tramite energia solare fotovoltaica a costo zero. 2.2 Ripristinare efficacia ed efficienza dei processi dell’amministrazione comunale avviando un progetto di certificazione di qualità del comune ex. UNI EN ISO 9000:2000 da conseguire entro 24 mesi. Occorre incrementare l’efficacia fiscale del comune, non occorre aumentare le tasse comunali ma incassare quanto accertato 2.3 Realizzare un’attenta valutazione costi-benefici su tutti i contratti dati in outsourcing per verificare gli spazi per iniziative di incremento della produttività delle risorse umane del comune. Particolare attenzione sarà posta sull’area dei diritti di affissione e in generale della pubblicità 2.4 Realizzare una due diligence dei bilanci delle principali società controllate dal comune (in primis Alba Nuova) al fine di verificarne il reale stato economico-finanziario e porre mano ad un piano industriale 2.5

6 Rilanciare lo sviluppo economico, culturale e sociale del territorio 3 Costituire un ufficio per il Partenariato Pubblico Privato (PPP), cross- sectoral, in grado di attrarre risorse finanziarie private sia in forme contrattuali (project financing) che istituzionalizzate (società miste) 3.1 Costituire un Board per lo Sviluppo Economico (BSE) tra l’assessorato allo sviluppo economico e gli imprenditori del territorio per individuare azioni mirate di rilancio delle filiere e dei poli settoriali 3.2 Costituire e rendere operativo un ufficio progetti in grado di sviluppare richieste di finanziamento, anche in sinergia con i comuni limitrofi e/o con provincia e regione, a valere su fondi UE, nazionali, regionali e provinciali 3.3 Realizzare iniziative di venture capital pubblico (anche attraverso l’istituzione di un fondo di garanzia) per dare credito allo spirito imprenditoriale locale 3.4 Un piano a 5 anni di investimenti in infrastrutture per lo sviluppo con il dettaglio del piano di copertura finanziaria (con l’utilizzo dei fondi derivanti dalle operazioni straordinarie) 3.5

7 Ridare valore all’impegno politico degli individui e restituire onorabilità alle cariche pubbliche 4 Indicare da subito, dall’avvio della campagna elettorale chi sarà il gruppo di professionisti/esperti cui saranno affidati gli assessorati del comune di Battipaglia 4.1 Modificare le regole di remunerazione degli assessori, azzerando il loro compenso fisso e remunerandoli con un compenso legato al raggiungimento degli obiettivi assegnati a ciascun assessorato 4.2 Modificare i regolamenti di svolgimento delle assemblee comunali, con particolare riferimento ai consigli comunali prevedendo precise norme di comportamento consone a coloro che sono ‘eletti’ per rappresentare i cittadini di Battipaglia e ne veicolano l’immagine 4.3 Comunicare sin da subito che nessuno degli eletti nel consiglio comunale ricoprirà la carica di assessore 4.4 Indicare da subito che tutte le partecipazioni da parte dei consiglieri comunali e degli assessori ai comitati che saranno costituiti non prevedranno alcun onere aggiuntivo per l’amministrazione 4.5

8 Restituire ogni parte della città ai cittadini, ripristinando senso civico, legalità e sicurezza del territorio attraverso la partecipazione diretta 5 Avviare un piano straordinario per la pulizia e il decoro di tutti i quartieri della città. Una città sporca, un vetro rotto che non viene riparato mai, giardini non accessibili ai cittadini sono segnali di degrado che alimentano altro degrado. Occorre interrompere questo circolo vizioso 5.1 Realizzare immediatamente un apposito regolamento per l’Assistenza Domiciliare Integrata, per le persone fragili e/o non autosufficienti coordinato con le attività assistenziali per anziani erogate dal distretto sanitario C dell’ASL SA Dotare la città di un servizio di biblioteca comunale – anche se distribuita sul territorio – fruibile attraverso un catalogo elettronico cittadino unico. La biblioteca sarà arricchita con le varie formule di acquisto volumi in stock/outlet o tramite ritiro gratuito di volumi destinati alla distruzione 5.3 Avviare un’azione sociale, psicologica ed economica per favorire la civile integrazione e le condizioni di igiene essenziali alla forte comunità di immigrati che vive e lavora nel nostro territorio e che non possiamo più far finta di non vedere 5.4 Ridare valenza al senso civico e al bisogno di solidarietà di ogni uomo, istituendo un servizio di BANCA DEL TEMPO, sul modello di altre città d’Italia, al fine di consentire alle tante anime del TERZO SETTORE di rendersi attive e di contribuire sia con servizi individuali (assistenza, formazione) che pubblici (monitoraggio del territorio e dei quartieri) 5.5

9 Istituire spazi e momenti continui e costanti di comunicazione tra la comunità e il comune e misurare la qualità dei servizi e aumentare la trasparenza dell’amministrazione comunale 6 Istituire un calendario annuale delle assemblee pubbliche di quartiere nelle quali il sindaco e gli assessori si confrontano con i cittadini e ne ascoltano direttamente le esigenze e le proposte di miglioramento locale 6.1 Realizzare un nuovo portale informatico del comune di Battipaglia nell’ambito del quale prevedere appositi spazi di comunicazione e confronto tra i cittadini (forum e blog) nonché un’area dedicata alle FAQ (Frequently Asked Questions) delle varie tipologie di cittadini e un numero verde per l’orientamento del cittadino nei servizi offerti dal comune 6.2 Realizzare un servizio di PODCASTING per poter scaricare e ascoltare i dibattiti nell’ambito del consiglio comunale. Realizzare altresì un servizio di videoconferenza diretta per poter vedere dal portale del comune i consigli comunali mentre si svolgono 6.3 Aumentare la trasparenza degli uffici aperti al pubblico del comune di Battipaglia installando una serie di webcam che a rotazione mostrano lo stato delle code consentendo al cittadino di gestire opportunamente il suo tempo di accesso ai servizi 6.4 Avviare una operazione trasparenza sull’attività dei dirigenti, sulle consulenze esterne, sugli incarichi retribuiti concessi ai dipendenti dell’amministrazione ex. D.Lgs. 165/2001 rendendo tutto accessibile sul portale del comune di Battipaglia 6.5

10 Realizzare una trasformazione nell’erogazione di alcuni servizi utilizzando le nuove tecnologie per l’e- government 7 Istituire un comitato di benchmarking, coordinato dal sindaco e composto da dipendenti del comune e da una rappresentanza di cittadini per analizzare e introdurre le best-practices di e-government evidenziate dalle amministrazioni più virtuose (Forum PA, Formez, …) 7.1 Nell’ambito del nuovo portale informatico del comune di Battipaglia per avviare l’erogazione di una serie di servizi direttamente online con formula ASP (hosting), riducendo i costi per il cittadino e quelli per la pubblica amministrazione 7.2 Organizzare ed erogare gratuitamente ai cittadini battipagliesi corsi di formazione di base (finanziati tramite sponsorizzazioni e pubblicità) per l’accesso e l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche e della comunicazione 7.3 Istituire un panel di cittadini volontari ‘sorteggiati’ (stratificando) tra coloro che appartengono alle liste elettorali, rappresentativi di tutte le classi socio-demografiche per misurare periodicamente il livello di customer satisfaction verso l’azione dell’amministrazione 7.4 Ulteriore contenimento dei costi sarà ottenuto utilizzando software open source anche per l’Office Automation (Open Office) e utilizzando la tecnologia VOIP per le comunicazioni e le videoconferenze 7.5

11 Strategia Urbanistica Risparmiare territorio, risorsa esauribile, è un nostro dovere. Il programma urbanistico di questa coalizione si basa principalmente sul riuso e la riqualificazione urbana. Ciò non significa minimizzare i problemi alloggiativi, ne significa pensare ad una città che cresce oltre ogni limite La riqualificazione deve tendere al riequilibrio della struttura urbana, misurando gli interventi per qualità architettonica e per qualità funzionale. Dobbiamo percorrere la strada della integrazione funzionale cambiando marcia, correggendo gli errori della città specializzata formatasi sull’onda della pianificazione post ’68. La “167” dovrà trasformarsi accogliendo uffici e negozi, strutture di servizio di tipo urbano diffuse nei quartieri, con implementazione di attrezzature negli spazi verdi per incentivare l’uso della bici e per il footing. Al centro, puntando sulle potenzialità inespresse dalle aree pubbliche della ex Gescal e dello IACP, mediante progetti integrati di qualità architettonica introdurre le necessarie opere di urbanizzazioni carenti. Piani interrati dedicati ai parcheggi perinenziali e a rotazione d’uso nel sottopiazza e nel sottosuolo dei parchi urbani ricavati nei vuoti progettati mediante la semplificazione edilizia, ridisegno dei quartieri centrali, senza pregio, con una forte premialità distribuita anche agli assegnatari e ai piccoli proprietari, per rendere convincente l’attuazione del nuovo modello urbano. Una trasformazione che regoli le esatte densità edilizie, proporzionate agli spazi vuoti ricavati con il ridisegno urbanistico ed architettonico integrato. Parchi e piazze attrezzate nel centro urbano e nei quartieri periferici i cui costi dovranno essere sostenuti perequativamente dalle stesse trasformazioni, realizzando una chiara identità dei luoghi, gli spazi della comunità. Le opere pubbliche strategiche dovranno realizzarsi con progetti di finanza a capitale privato. Tutto ciò in un piano urbanistico comunale operativo, di breve termine, inserito in un quadro di sviluppo strategico complessivo di largo respiro ove le opzioni principali dovranno raccordarsi con le strategie e le opzioni del PTR e del PTP. 8.1

12 Carta dei Principi Etici Noi crediamo che la civile convivenza e lo sviluppo sociale, culturale ed economico di una Comunità sia fondato sul rispetto delle Leggi che quella Comunità si è data e delle Istituzioni che quella Comunità ha espresso. 9.1 Noi crediamo che il potere di amministrare la Comunità derivi dalla delega espressa dai Cittadini e manifestata liberamente attraverso il loro voto. Noi intendiamo amministrare la Comunità nella trasparenza, garantendo ai Cittadini il ruolo di giudici della nostra azione attraverso un’informazione tempestiva e corretta. 9.2 La Comunità ha diritto ad essere amministrata. Noi intendiamo restituire ai Cittadini la sicurezza che tutti i progetti avviati verranno portati a termine in tempi certi. Se non fossimo capaci di questo saremmo senz’altro obbligati a restituire alla Comunità la delega amministrativa. 9.3 Noi crediamo che i Cittadini abbiano diritto a partecipare alle scelte strategiche che interessano la Comunità e il suo territorio. Noi intendiamo stimolare la partecipazione di tutti i diversi interessi presenti sul territorio attraverso la formale istituzione di momenti di dialogo sociale. 9.4 Noi crediamo nello sviluppo che non depreda le future generazioni, che non deturpa il territorio e non danneggia l’ambiente. I progetti di sviluppo che l’Amministrazione intenderà promuovere ed avviare dovranno rispettare il principio della Sostenibilità sia economico-finanziaria che sociale ed ambientale


Scaricare ppt "Un patto di comunità per Battipaglia basato su etica e nuove opportunità “Nulla costa meno alla passione del mettersi al di sopra della ragione: il suo."

Presentazioni simili


Annunci Google