La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Leffetto Edison e il diodo Lezione del corso di Storia della Tecnologia 18/04/2008 Filippo Nieddu.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Leffetto Edison e il diodo Lezione del corso di Storia della Tecnologia 18/04/2008 Filippo Nieddu."— Transcript della presentazione:

1 Leffetto Edison e il diodo Lezione del corso di Storia della Tecnologia 18/04/2008 Filippo Nieddu

2 Leffetto Edison

3 La spiegazione delleffetto Edison La lampadina è connessa in entrambi i casi allalimentazione; nel circuito di sinistra lelemento metallico allinterno del bulbo è connesso al polo positivo, mentre in quello di destra lo è al polo negativo. Il riscaldamento del filamento produce elettroni (particelle elementari di segno negativo), attratti dal polo positivo e respinti da quello negativo. Nel circuito di sinistra gli elettroni fluiscono così verso lelemento metallico polarizzato positivamente, dando luogo a un circuito chiuso; nel circuito di destra, gli elettroni, pur prodotti per riscaldamento del filamento, non fluiscono verso lelemento, che in questo caso è polarizzato negativamente, e li respinge. La corrente del circuito di sinistra fu rilevata per mezzo di un galvanometro, rappresentato nei circuiti dal cerchio con la freccia allinterno. Edison immaginò linvenzione come destinata alla misura di correnti variabili allinterno di un circuito, e al più allapertura o alla chiusura di un circuito per mezzo dellago di un galvanometro ad essa collegato. Lago, muovendosi per effetto della variazione di corrente, chiudeva o apriva un circuito, fungendo da interruttore.

4 Il funzionamento del diodo / 1 Verso di percorrenza del circuito Intensità di corrente (positiva) Tempo Intensità di corrente (negativa)

5 Il funzionamento del diodo / 2

6 Il funzionamento del diodo / 3 Avere a disposizione una corrente continua permetteva lintegrazione del segnale, ossia la sua accumulazione, a mezzo di condensatori. Il segnale ricevuto era di bassissima potenza, e il suo accumulo e successivo rilascio ne consentivano lascolto in cuffia a mezzo di un ricevitore di tipo telefonico. Ciò permise il passaggio dalla trasmissione di tipo booleano (segnale / assenza di segnale) a una modulazione delle onde: era nata la radiotelefonia. La valvola funzionava come raddrizzatore, e svolgeva sufficientemente bene questa funzione sia alle basse frequenze della rete elettrica ordinaria, sia a quelle alte proprie della trasmissione senza fili. A maggiore corrente in ingresso nel circuito corrispondeva un suono di frequenza maggiore; così, a corrente minore corrispondeva un suono di frequenza minore in uscita dal telefono.

7 Riferimenti bibliografici essenziali Chiara OTTAVIANO, Mezzi per comunicare, Torino : Paravia, 2000 Chiara OTTAVIANO et al., LItalia al telefono, CD- ROM, Milano : Telecom, 2002 (v. anche


Scaricare ppt "Leffetto Edison e il diodo Lezione del corso di Storia della Tecnologia 18/04/2008 Filippo Nieddu."

Presentazioni simili


Annunci Google