La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Scuole di pensiero macroeconomico e approcci metodologici Corso di Macroeconomia Prof. Andrea Fumagalli, Università di Pavia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Scuole di pensiero macroeconomico e approcci metodologici Corso di Macroeconomia Prof. Andrea Fumagalli, Università di Pavia."— Transcript della presentazione:

1 Scuole di pensiero macroeconomico e approcci metodologici Corso di Macroeconomia Prof. Andrea Fumagalli, Università di Pavia

2 Due approcci alternativi alla macroeconomia2 Due Approcci Alternativi Lapproccio dominante: la teoria dellequilibrio economico generale o teoria neoclassica Dal 1870 a oggi. Walras, Menger, scuola marginalista, teoria paretiana del benessere, teoria moderna dellE.E.G. (Debreu, Arrow, Hahn), teoria del disequilibrio, …. Lapproccio eterodosso: leconomia politica come analisi del sistema capitalistico di produzione Teoria classica, Quesnay, Smith, Ricardo. Critica delleconomia politica di Marx e approccio marxiano, Schumpeter, Kalecki, Keynes e filone post-keynesiano (Robinson, Kaldor, Pasinetti, …..)

3 Due approcci alternativi alla macroeconomia3 Lapproccio dominante Atomismo e individualismo metodologico Razionalità => max beneficio individuale sotto vincoli Economia di mercato e lo scambio Validità generale assiomatica della teoria economica Centralità del concetto di equilibrio EEG e dinamica => la macreconomia moderna e i modelli DSGE Stabilità ed equità (Fallimenti del mercato) Neutralità della moneta (nel lungo periodo) Esogeneità della tecnologia ( ) L. Robbins: La scienza economica studia lallocazione ottimale di risorse scarse date a priori fra usi alternativi

4 Due approcci alternativi alla macroeconomia4 Conseguenze teoriche conta solo leconomia reale e lattività di scambio (moneta e tecnologia neutrali e esogenamente date) ECONOMIA DI SCAMBIO E/O PRODUZIONE approccio metastorico individualismo metodologico primato della logica formale gli individui (agenti economici) sono tutti diversi perché hanno preferenze diverse ma potenzialmente tutti uguali perché hanno pari opportunità e si comportano tutti allo stesso modo (razionalità completa massimizzazione) è sufficiente studiare un agente economico rappresentativo per studiare le funzioni di produzioni, che vengono ridotte a due: produttore (offerta) e consumatore (domanda) primato della microeconomia; centralità del concetto di equilibrio: uguaglianza tra domanda e offerta e definizione di un vettore di equilibrio per tutte le merci scambiate.

5 Due approcci alternativi alla macroeconomia5 Lapproccio eterodosso Società formata da gruppi distinti e contrapposti => analisi dei gruppi sociali Il comportamento individuale è determinato dallappartenenza di classe Razionalità procedurale Levoluzione storica definisce i confini dellanalisi e della teoria economica => non esiste teoria con validità generale, ma solo una storicamente contingente => leconomia si occupa del sistema capitalistico di produzione così come storicamente determinato Questo si basa su un processo di accumulazione e non di scambio di mercato Instabilità e precarietà Mancanza di un criterio di efficienza collettivo => leconomia è lotta distributiva fra classi Ruolo essenziale della moneta Ruolo essenziale della tecnologia

6 Due approcci alternativi alla macroeconomia6 Conseguenze teoriche La moneta conta e non è neutrale LATTIVITA ECONOMICA PER ECCELLENZA E LACCUMULAZIONE (PRODUZIONE) E NON LALLOCAZIONE (SCAMBIO) Approccio storicistico insufficienza della logica formale (matematica) ma primato della logica argomentativa Lindividuo conta poco e solo se è inserito in aggregati Non esistono agenti economici rappresentativi Primato della macroeconomia ECONOMIA MONETARIA DI PRODUZIONE

7 Due approcci alternativi alla macroeconomia7 CARATTERISTICHE DEL CAPITALISMO lavoro libero (superamento della schiavitù/servitù della gleba) remunerazione del lavoro (con salario o a fattura) nascita della manifattura che sostituisce lagricoltura separazione tra capitale fisico e lavoro divisione del lavoro necessità di coniugare lavoro a capitale per avviare laccumulazione Per avviare lattività di produzione occorre comprare lavoro e remunerarlo, quindi occorre una disponibilità monetaria iniziale.

8 Due approcci alternativi alla macroeconomia8 Tre funzioni economiche Creazione di Moneta (banche e oggi sempre più mkt finanziari) Funzione di investimento (impresa) Consumo valorizzazione della produzione (lavoratori/trici e cittadini/e)

9 Due approcci alternativi alla macroeconomia9 Tre funzioni economiche La creazione di moneta implica uno scambio propedeutico tra chi può creare moneta ma non la usa e chi ha bisogno di moneta ma non lo può creare. Tale scambio avviene nel mercato del credito e NON E UNO SCAMBIO COME TUTTI GLI ALTRI (NON SOLVIBILITA) rapporto di debito/credito banca – impresa. Lattività di investimento si fonda sulle aspettative di valorizzazione delle merci prodotte (profitto monetario) e abbisogna di forza lavoro scambio impresa – lavoro. Lattività di consumo consente alle imprese di rientrare in possesso delle somme monetarie erogate per avviare la produzione e restituire il debito contratto con le banche. Il capitalismo è quindi produzione di moneta a mezzo di merci: D-M-D. E quindi: ECONOMIA MONETARIA DI PRODUZIONE

10 Due approcci alternativi alla macroeconomia10 D M (l, p) M D (MARX) dove: D = denaro; M = merce; l = quantità di forza-lavoro p = produttività tecnologica M – M = plusprodotto D – D = plusvalore

11 Due approcci alternativi alla macroeconomia11 (M, i) (E, i) Y (C, S) I S (KEYNES) dove: (M, i) = funzione di credito con M = moneta e i = tasso dinteresse; (E, i) = attività di investimento che dipende dalle aspettative (e) e al tasso dinteresse (i); Y (C, S) = valorizzazione della produzione/reddito Y tra consumi (C) e risparmio (S).

12 Due approcci alternativi alla macroeconomia12 Tendenza in atto a partire dagli anni 80 (esito della crisi del paradigma industriale-fordista): Economia finanziaria di produzione Centralità dei mkt finanziari: a.Come fonte finanziamento b.Come strumento di distribuzione reddito c.Come sostituto del Welfare State d.Come creazione di moneta

13 Due approcci alternativi alla macroeconomia13 La crisi finanziaria

14 Due approcci alternativi alla macroeconomia14 Boom del mercato immobiliare (prima della crisi) Variazione cumulativa dei prezzi delle case

15 Due approcci alternativi alla macroeconomia15 Boom del debito delle Famiglie negli USA

16 Due approcci alternativi alla macroeconomia16 Chi ha prestato tutto questo denaro alle famiglie americane? Soprattuto Cina e paesi produttori di petrolio Questo flusso di risorse ha determinato un deficit di bilancia dei pagamenti degli USA

17 Due approcci alternativi alla macroeconomia17

18 Due approcci alternativi alla macroeconomia18

19 Due approcci alternativi alla macroeconomia19 Gli americani risparmiano poco

20 Due approcci alternativi alla macroeconomia20 Dinamica del mercato immobiliare

21 Due approcci alternativi alla macroeconomia21 La crisi delle Borse mondiali

22 Due approcci alternativi alla macroeconomia22 La crisi delle Borse mondiali

23 Due approcci alternativi alla macroeconomia23 La Crisi Finanziaria: presente e passato Caduta del prezzo delle case (da picco a picco)

24 Due approcci alternativi alla macroeconomia24 La Crisi Finanziaria: presente e passato Caduta della borsa (da picco a picco)

25 Due approcci alternativi alla macroeconomia25 Cosa ha comportato la caduta dei prezzi delle case? Insolvenza dei cosiddetti debitori "subprime Innalzamento tassi dinteresse Difficoltà a pagare rate mutuo e interessi sul debito da parte delle imprese Sofferenze bancarie….nessuno sapeva lammontare dei default e dei titoli tossici

26 Due approcci alternativi alla macroeconomia26 Prima fase: 9 Agosto Settembre 2008 Questa prima fase è caratterizzata da una sistemica carenza di liquidità 9 Agosto 2007: BNP Paribas temporaneamente ferma I rimborsi di quote di 3 fondi monetari in quanto non è in grado di calcolarle non riuscendo a prezzare subprime-mortgage-asset-backed securities Il mercato interbancario cessa di funzionare, le banche trattengono le proprie riserve, perchè non si fidano dei collaterali/garanzie tassi overnight alle stelle e grandi iniezioni di liquidità => la BCE implementa la più grande iniezione di liquidità dei suoi nove anni di storia: 94.8 miliardi di Euro, la FED 24 miliardi di $ Seconda fase: 15 Settembre 2008-?? 15 settembre 2008: Fallisce Lehman Brothers, Il 16 settembre AIG riceve un prestito dalla FEDNY, con appoggio del tesoro, di 85 miliardi di $ e Bank of America acquista Merrill Lynch, Morgan Stanley e Goldman Sachs sono riconosciute come banche commerciali, Washington Mutual fallisce (25/09) Il rischio di credito percepito è elevatissimo: il mercato monetario cessa di funzionare => gli unici fondi reperibili sono sul mercato overnight Non è più solo un problema di carenza liquidità delle banche, ma di funzionamento del mercato del credito alle imprese ed alle famiglie Le banche non riescono più a cartolarizzare i prestiti

27 Due approcci alternativi alla macroeconomia27

28 Due approcci alternativi alla macroeconomia28 Flight-to-quality

29 Due approcci alternativi alla macroeconomia29 FED Prima reazione classica: QE

30 Due approcci alternativi alla macroeconomia30 Dalla crisi bancaria alleconomia reale Difficoltà ad ottenere nuovo credito per il consumo (es: televisore, macchina) e finanziamenti per le imprese Effetti su consumo, investimento, reddito ed occupazione

31 Due approcci alternativi alla macroeconomia31


Scaricare ppt "Scuole di pensiero macroeconomico e approcci metodologici Corso di Macroeconomia Prof. Andrea Fumagalli, Università di Pavia."

Presentazioni simili


Annunci Google