La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

In Toscana vivono circa tre milioni e mezzo di abitanti (3.566.071 al 01/01/2004 - fonte Istat - ) pari al 6,2% della popolazione italiana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "In Toscana vivono circa tre milioni e mezzo di abitanti (3.566.071 al 01/01/2004 - fonte Istat - ) pari al 6,2% della popolazione italiana."— Transcript della presentazione:

1 In Toscana vivono circa tre milioni e mezzo di abitanti ( al 01/01/ fonte Istat - ) pari al 6,2% della popolazione italiana.

2 Sorveglianza epidemiologica regionale delle malattie cardiovascolari 1. Conoscenze su distribuzione ed andamento fattori di rischio 2. Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose

3 Manifestazioni cliniche Aterosclerosi Malattia coronarica Angina pectoris, infarto miocardico, morte cardiaca improvvisa Malattie cerebrovascolari TIA, Ictus Malattia vascolare periferica Claudicatio intermittente, gangrena ……….

4 Fattori associati ad aumento del Rischio Coronarico Stili di Vita Dieta Ipercalorica o ricca in Acidi grassi Saturi e Colesterolo Sedentarietà Fumo Consumo eccessivo di Alcol FRC Modificabili Ipertensione Arteriosa Elevato LDL-Colesterolo Ridotto HDL-Colesterolo Elevati Trigliceridi Iperglicemia/Diabete Obesità FRC Non Modificabili Età Sesso Storia familiare di CHD o altra malattia aterosclerotica precoce (maschi<55 a, femmine<65 a) Anamnesi positiva per CHD o altra malattia aterosclerotica Prevenzione Primaria FONTE: Gian Francesco Mureddu Learning Center ANMCO - Area Prevenzione Firenze Ottobre 2001

5

6

7

8

9

10

11

12 Mortalità In Italia, la mortalità per malattie cardiovascolari è al primo posto: il 42% di tutte le morti sono dovute a malattie del sistema cardiocircolatorio. Nella popolazione adulta (35-74 anni) il 28% delle morti è causato da malattie cardiovascolari; in particolare, il 12% è dovuto a malattie ischemiche del cuore e il 6% a malattie cerebrovascolari (dati relativi al 2002).mortalità In Italia, la mortalità per malattie cardiovascolari è al primo posto: tra la popolazione adulta (35-74 anni) il 12% di tutte le morti è dovuto a malattie ischemiche del cuore, l8% a infarto acuto del miocardio.mortalità La mortalità per le malattie ischemiche del cuore è maggiore negli uomini rispetto alle donne. Dagli anni 80 a oggi, il tasso di mortalità è diminuito in maniera lenta e graduale, sia tra gli uomini che tra le donne.

13 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Mortalità ASF – 2005 Numero deceduti/anno ASF Toscana Malattie circolatorie Cardiopatia ischemica Malattie cerebrovascolari

14 ANNO 2000 Le malattie del sistema circolatorio hanno provocato decessi, tra queste predominano la cardiopatia ischemica nel sesso maschile (2.704 morti tra gli uomini e tra le donne) e le malattie cerebrovascolari nel sesso femminile (3.430 morti tra le donne e tra gli uomini). Linfarto miocardico acuto è stato responsabile di morti.

15 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Ospedalizzazione Numero ricoveri/anno ASF Toscana Malattie circolatorie Cardiopatia ischemica Malattie cerebrovascolari ASF: SDO 2005

16

17

18

19

20 Uomini Mortalità per per malattie ischemiche del cuore (codici ICD ) e infarto miocardico acuto (codice ICD-9 410), uomini anni (dati standardizzati con la popolazione europea)

21 Uomini Mortalità per per malattie ischemiche del cuore (codici ICD ) per area geografica, uomini anni (dati standardizzati con la popolazione europea)

22

23 Uomini Mortalità per per malattie cerebrovascolari (codici ICD ), per emorragia sub aracnoidea (codice ICD-9 430), per emorragia intracerebrale (codici ICD ) e per ictus ischemico (codici ICD e 436) per area geografica, uomini anni (dati standardizzati con la popolazione europea)

24 In Italia, la prevalenza delle malattie cardiovascolari nella fascia di età compresa fra 35 e 74 anni è: infarto: 1,5% negli uomini e 0,4% nelle donne ictus: 1,1% negli uomini e 0,8% nelle donne fibrillazione atriale: 0,8% negli uomini e 0,7% nelle donne angina pectoris: 3,3% negli uomini e 3,9% nelle donne claudicatio intermittens: 1,9% negli uomini e 2,5% nelle donne TIA: 0,8% negli uomini e 0,6% nelle donne ipertrofia ventricolare sinistra: 2,6% negli uomini e 1% nelle donne.

25 Prevalenza - Centro Nel Centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio) la prevalenza delle diverse malattie cardiovascolari è: prevalenza infarto: 1,1% negli uomini e 0,5% nelle donne ictus: 1,1% negli uomini e 0,5% nelle donne fibrillazione atriale: 0,5% negli uomini e 0,4% nelle donne angina pectoris: 3,4% negli uomini e 4,2% nelle donne cludicatio intermittens: 1,3% negli uomini e 1,9% nelle donne TIA: 0,9% negli uomini e 0,5% nelle donne ipertrofia ventricolare sinistra: 3,1% negli uomini e 1,3% nelle donne.

26 Incidenza Si stima che in Italia nel 2000 si siano verificati nuovi eventi coronarici negli uomini di età compresa fra 25 e 84 anni, e nelle donne. Il tasso di incidenza standardizzato (TSE) è stato di 227,3 eventi ogni 100 mila uomini e di 97,9 eventi ogni 100 mila donne. Queste stime di incidenza derivano dai dati di incidenza e sopravvivenza raccolti nel registro MONICA - Area Friuli, elaborati con il modello MIAMOD insieme ai dati demografici e di mortalità dellIstat.incidenza Differenze si notano nelle diverse aree del paese: Nord: si stima che nel 2000 ci siano stati eventi coronarici maggiori negli uomini e nelle donne. Il TSE risulta pari a 221,5 ogni 100 mila uomini e 93 ogni 100 mila donne Centro: si stima che nel 2000 ci siano stati eventi coronarici maggiori negli uomini e nelle donne. Il TSE risulta pari a 228 ogni 100 mila uomini e 100,2 ogni 100 mila donne Sud: si stima che nel 2000 ci siano stati eventi coronarici maggiori negli uomini e nelle donne. Il TSE risulta pari a 238,9 ogni 100 mila uomini e 104,2 ogni 100 mila

27

28

29 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza infarto miocardico acuto ARS – Registro regionale Infarto Miocardico Acuto Tassi per abitanti, standardizzati per età. Toscana

30 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza infarto miocardico acuto ARS – Registro regionale Infarto Miocardico Acuto Tassi per abitanti, standardizzati per età. Toscana Maschi Femmine

31 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza infarto miocardico acuto ARS – Registro regionale Infarto Miocardico Acuto Numero eventi/anno ASF Toscana IMA ospedalizzati Morti coronariche senza ricovero Totale eventi

32 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza infarto miocardico acuto ARS – Registro regionale Infarto Miocardico Acuto Tassi per abitanti, standardizzati per età. Toscana

33 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza infarto miocardico acuto ARS – Registro regionale Infarto Miocardico Acuto Tassi per abitanti, standardizzati per età. Toscana MaschiFemmine

34 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza ictus cerebrale ARS – Registro regionale Eventi cerebrovascolari acuti Tassi per abitanti, standardizzati per età. Toscana

35 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza ictus cerebrale ARS – Registro regionale Eventi cerebrovascolari acuti Tassi per abitanti, standardizzati per età. Toscana

36 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza ictus cerebrale Numero eventi/anno ASF Toscana Ictus ospedalizzati Decessi senza ricovero Totale eventi ARS – Registro regionale Eventi cerebrovascolari acuti

37 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Incidenza ictus cerebrale MaschiFemmine Tassi per abitanti, standardizzati per età. Toscana ARS – Registro regionale Eventi cerebrovascolari acuti

38 Centro Pressione arteriosa: il 31% degli uomini e il 29% delle donne sono ipertesi (pressione arteriosa uguale o superiore a 160/95 mmHg), oppure sotto trattamento farmacologico specifico. Il 18% degli uomini e il 13% delle donne è in una condizione di rischio (pressione sistolica fra 140 e 159 mmHg o diastolica fra 90 e 95 mmHg). Colesterolemia: il 19% degli uomini e il 24% delle donne ha colesterolemia totale uguale o superiore a 240 mg/dl. Il 36% degli uomini e delle donne è in una condizione di rischio (colesterolemia compresa fra 200 e 239 mg/dl). Sedentarietà: il 36% degli uomini e il 48% delle donne non svolge alcuna attività fisica durante il tempo libero. Abitudine al fumo di sigaretta: il 31% degli uomini fuma in media 16 sigarette al giorno, contro il 25% delle donne che ne fuma 13. Obesità: il 16% degli uomini e il 19% delle donne sono obesi. In media l'indice di massa corporea è 27 Kg/m2 per gli uomini e 26 Kg/m2 per le donne. Glicemia: il 10% degli uomini e il 7% delle donne sono diabetici (glicemia uguale o superiore a 126 mg/dl), mentre il 10% degli uomini e il 7% delle donne è in una condizione di rischio (glicemia compresa fra 110 e 125 mg/dl). negli uomini il valore medio della glicemia è 93 mg/dl, nelle donne è 88 mg/dl. Il 24% degli uomini e il 22% delle donne è affetto da sindrome metabolica. Pressione arteriosa Colesterolemia Sedentarietà Abitudine al fumo di sigaretta Obesità Glicemia

39 Trends in the age-adjusted prevalence of health conditions, U.S. adults ages (NHANES: to ). Source: Briefel and Johnson. Annu Rev Nutr. 2004;24: Printed with permission from the Annual Review of Nutrition.

40 Il fumo di sigaretta rappresenta il più pericoloso e diffuso killer fra gli stili di vita nocivi per la salute. In Toscana fumano ancora quasi mezzo milione di uomini e più di donne, pari rispettivamente al 33% ed al 22%. le donne toscane infatti, al contrario degli uomini, fumano nettamente di più di quelle italiane. Non si può neanche essere soddisfatti della tendenza temporale della abitudine a fumare: negli ultimi 4 anni è rimasta stabile la percentuale di uomini fumatori, ed è aumentata di quasi 3 punti la percentuale di donne fumatrici. Nel 1998 fumano circa donne in più rispetto al Labitudine al fumo aumenta con letà, come anche la propensione a smettere di fumare. Tuttavia, anche fra i giovani ci sono molti fumatori. Prima dei 20 anni fuma già un ragazzo ogni 5.

41 Fumo Nella popolazione italiana labitudine al fumo di sigaretta riguarda il 30% degli uomini e il 21% delle donne. Entrando nei dettagli delle diverse aree geografiche, si vede che: CENTRO:il 21% degli uomini fuma 16 sigarette al giorno, contro il 25% delle donne che ne fuma 13 al giorno. Gli ex- fumatori sono pari al 37% degli uomini e al 17% delle donne.

42 Conoscenze su distribuzione ed andamento fattori di rischio Abitudine al fumo Toscana: % fumatori ISTAT – Indagini multiscopo MASCHI FEMMINE Toscana Italia Toscana Italia Fumatori correnti 28% 29% 18% 17% Ex fumatori 36% 31% 19% 15% Mai fumato 36% 40% 63% 68%

43 Il 25% dei maschi ed il 16% delle femmine in Toscana praticano regolarmente uno sport, poco più di quanto si fa in Italia (rispettivamente 24% e 15%). Labitudine allo sport è piuttosto frequente nei bambini e nei giovani, e si mantiene abbastanza diffusa fra i giovani adulti. Diventa rara dopo i 50 anni, quando circa il 9% degli uomini e solo il 5% delle donne dichiarano di praticare regolarmente uno sport

44 Sedentarietà In Italia, in media, il 34% degli uomini e il 46% delle donne non svolge alcuna attività fisica durante il tempo libero. Entrando nei dettagli delle diverse aree geografiche, si vede che: CENTRO: il 36% degli uomini e il 48% delle donne non svolge alcuna attività fisica durante il tempo libero.

45 Conoscenze su distribuzione ed andamento fattori di rischio Attività fisica ISTAT – Indagine multiscopo maschi femmine

46 In Toscana, sono circa i soggetti decisamente sovrappeso od obesi, pari al 7% degli uomini e quasi al 10% delle donne. Rispetto allItalia, la situazione toscana è leggermente migliore soprattutto per le donne. Sono invece circa le donne toscane sottopeso (il 7% della popolazione femminile, simile al dato italiano). Fra queste, circa sono fortemente sottopeso. Il problema del sottopeso è invece abbastanza raro nei maschi.

47 Obesità e misure antropometriche In media, in Italia il 18% degli uomini e il 22% delle donne è obeso e ha un indice di massa corporea (IMC) attorno a 27 Kg/m2 per gli uomini e a 26 Kg/m2 per le donne. La circonferenza della vita è in media pari a 95 cm per gli uomini e 85 cm per le donne; la circonferenza fianchi è di 101 cm per gli uomini e per le donne. Secondo le Linee guida europee la circonferenza vita non dovrebbe superare i 102 cm negli uomini e gli 88 cm nelle donne. Il rapporto vita/fianchi dovrebbe essere inferiore a 0,95 per gli uomini e 0,85 nelle donne. Entrando nei dettagli delle diverse aree geografiche, si vede che: CENTRO:il 16% degli uomini e il 19% delle donne è obeso, il 50% degli uomini e il 37% delle donne è in sovrappeso. In media l'IMC è 27 Kg/m2 per gli uomini e 26 Kg/m2 per le donne. Il rapporto fra la circonferenza vita e fianchi è di 0,94 per gli uomini e 0,84 per le donne.

48 Conoscenze su distribuzione ed andamento fattori di rischio Indice massa corporea ISTAT – Indagine multiscopo – 2005 > 18 anni maschi femmine

49 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Pazienti in trattamento con farmaci antiipertensivi 21% toscani 22% fiorentini ARS – Relazione Sanitaria regionale anno 2005

50 Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Pazienti in trattamento con farmaci antiipertensivi ARS – Relazione Sanitaria regionale Tassi per abitanti, standardizzati per età MaschiFemmine anno 2005

51 Trattamento per lipertensione arteriosa / uomini In Italia oggi in media il 33% degli uomini soffre di ipertensione arteriosa, cioè la pressione arteriosa è uguale o superiore a 160/95 mmHg. Di questi il 50% non è sottoposto ad alcun trattamento farmacologico per tenere sotto controllo il livello della pressione arteriosa e il 22% degli uomini non è trattato in modo adeguato (il valore della pressione arteriosa continua a rimanere superiore a 160 e 95 mmHg). Solo il 28% degli uomini viene trattato in modo adeguato (pressione arteriosa inferiore a 160 e 95 mmHg).

52 Trattamento per lipertensione arteriosa / donne In Italia oggi in media il 31% delle donne soffre di ipertensione arteriosa, cioè la pressione arteriosa è uguale o superiore a 160/95 mmHg. Di queste il 34% non è sottoposto ad alcun trattamento farmacologico per tenere sotto controllo il livello della pressione arteriosa e il 27% delle donne non è trattato in modo adeguato (il valore della pressione arteriosa continua a rimanere superiore a 160 e 95 mmHg). Solo il 39% delle donne viene trattato in modo adeguato (pressione arteriosa inferiore a 160 e 95 mmHg). Centro

53 Trattamento per il diabete / uomini In Italia oggi in media il 9% degli uomini è diabetico, cioè ha una glicemia superiore a 126 mg/dl. Di questi il 62% non è sottoposto ad alcun trattamento farmacologico e il 24% degli uomini non è trattato in modo adeguato (il valore della glicemia continua a rimanere superiore a 126 mg/dl). Solo il 14% degli uomini viene trattato in modo adeguato (valore della glicemia inferiore a 126 mg/dl).

54 In Italia oggi in media il 6% delle donne è diabetica, cioè ha una glicemia superiore a 126 mg/dl. Di queste il 56% non è sottoposto ad alcun trattamento farmacologico e il 31% delle donne non è trattato in modo adeguato (il valore della glicemia continua a rimanere superiore a 126 mg/dl). Solo il 13% delle donne viene trattato in modo adeguato (valore della glicemia inferiore a 126 mg/dl). Centro

55 Trattamento per lipercolesterolemia / uomini In Italia oggi in media il 21% degli uomini ha il valore della colesterolemia totale uguale o superiore a 240 mg/dl. Di questi l81% non è sottoposto ad alcun trattamento farmacologico e il 5% degli uomini non è trattato in modo adeguato (il valore della colesterolemia totale rimane superiore a 240 mg/dl). Solo il 14% degli uomini viene trattato in modo adeguato (colesterolemia totale inferiore a 240 mg/dl). Centro

56 Trattamento per lipercolesterolemia / donne In Italia oggi in media il 25% delle donne ha il valore della colesterolemia totale uguale o superiore a 240 mg/dl. Di queste l84% non è sottoposto ad alcun trattamento farmacologico e il 6% delle donne non è trattato in modo adeguato (il valore della colesterolemia totale rimane superiore a 240 mg/dl). Solo il 10% delle donne viene trattato in modo adeguato (colesterolemia totale inferiore a 240 mg/dl). Centro

57 3.1.01CENTRO NORD- OVEST SUD-EST REGIONE TOSCANA Mortalità - Generale - IND. RESIDENZ A ANNO Numero decessi (Maschi) Numero decessi (Femm.) Numero decessi (Tot.) ANNO Numero decessi (Maschi) Numero decessi (Femm.) Numero decessi (Tot.) AUSL 1 - Massa e Carrara Lunigiana Apuane

58 3 Mortalità - Cause –ICD IND. RESIDEN ZA ANN O Numero decessi (Maschi) Numero decessi (Femm.) Numero decessi (Tot.) ANN O Numero decessi (Maschi) Numero decessi (Femm.) Numero decessi (Tot.) AUSL 1 - Massa e Carrara Lunigiana Apuane CENTRO NORD- OVEST SUD-EST REGIONE TOSCAN A

59 3 Mortalità - Cause –ICD 410 IND. RESIDEN ZA ANN O Numero decessi (Maschi) Numero decessi (Femm.) Numero decessi (Tot.) ANN O Numero decessi (Maschi) Numero decessi (Femm.) Numero decessi (Tot.) AUSL 1 - Massa e Carrara Lunigiana Apuane CENTRO NORD- OVEST SUD-EST REGIONE TOSCAN A

60 AUSL 1 - Massa e Carrara Lunigiana Apuane CENTRO NORD- OVEST SUD-EST REGIONE TOSCAN A ICD

61 4 Registri di Patologia - Infarto del Miocardio: Incidenza(eventi ospedalizzati e morti coronariche senza ricovero) IND.RESIDENZAANNO Numero casi (Maschi) Numero casi (Femm.) Numero casi (Tot.) AUSL 1 - Massa e Carrara Lunigiana Apuane CENTRO NORD-OVEST SUD-EST REGIONE TOSCANA

62 4 Registri di Patologia - Infarto del Miocardio: Incidenza(IMA ospedalizzati) IND.RESIDENZAANNO Numero casi (Maschi) Numero casi (Femm.) Numero casi (Tot.) AUSL 1 - Massa e Carrara Lunigiana Apuane CENTRO NORD-OVEST SUD-EST REGIONE TOSCANA

63 4 Registri di Patologia - Infarto del Miocardio: Incidenza(morti coronariche senza ricovero) IND.RESIDENZAANNO Numero casi (Maschi) Numero casi (Femm.) Numero casi (Tot.) AUSL 1 - Massa e Carrara Lunigiana Apuane CENTRO NORD-OVEST SUD-EST REGIONE TOSCANA

64 4 Registri di Patologia - Infarto del Miocardio: Alcune procedure diagnostico-terapeutiche(uso della PTCA entro 24 ore dallIMA) IND.RESIDENZAANNO Numero casi trattati (Tot.) ANNO Numero casi trattati (Tot.) AUSL 1 - Massa e Carrara AUSL 2 - Lucca AUSL 3 - Pistoia AUSL 4 - Prato AUSL 5 - Pisa AUSL 6 - Livorno AUSL 7 - Siena AUSL 8 - Arezzo AUSL 9 - Grosseto AUSL 10 - Firenze AUSL 11 - Empoli AUSL 12 - Viareggio CENTRO NORD-OVEST SUD-EST REGIONE TOSCANA

65 4 Registri di Patologia - Infarto del Miocardio: Alcune procedure diagnostico-terapeutiche(uso della coro entro 24 h dallIMA) IND.RESIDENZAANNO Numero casi trattati (Tot.) ANNO Numero casi trattati (Tot.) AUSL 1 - Massa e Carrara AUSL 2 - Lucca AUSL 3 - Pistoia AUSL 4 - Prato AUSL 5 - Pisa AUSL 6 - Livorno AUSL 7 - Siena AUSL 8 - Arezzo AUSL 9 - Grosseto AUSL 10 - Firenze AUSL 11 - Empoli AUSL 12 - Viareggio CENTRO NORD-OVEST SUD-EST REGIONE TOSCANA

66

67

68

69

70

71 Sorveglianza epidemiologica regionale delle malattie cardiovascolari Conoscenze su frequenza ed andamento diverse forme morbose Mortalità Ricoveri ospedalieri Uso farmaci Registro toscano Infarto miocardico acuto Registro toscano Eventi cerebrovascolari acuti

72 Sorveglianza epidemiologica regionale delle malattie cardiovascolari Considerazioni conclusive 1.Rilevanza patologia cardiovascolare 2.Trend incidenza favorevoli (al netto dellinvecchiamento della popolazione) 3.Siamo in grado di monitorare sufficientemente bene le malattie 4.Insufficienti conoscenze differenze distribuzione principali fattori di rischio nelle diverse aree della regione Difendiamo il cuore non solo con le terapie ma anche intervenendo sulla modifica delle abitudini di vita!


Scaricare ppt "In Toscana vivono circa tre milioni e mezzo di abitanti (3.566.071 al 01/01/2004 - fonte Istat - ) pari al 6,2% della popolazione italiana."

Presentazioni simili


Annunci Google