La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anni 1870 Svolta teorica rapida che ha esercitato unenorme influenza sulla scienza economica contemporanea. U.K. William Stanley Jevons, The Theory of.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anni 1870 Svolta teorica rapida che ha esercitato unenorme influenza sulla scienza economica contemporanea. U.K. William Stanley Jevons, The Theory of."— Transcript della presentazione:

1 Anni 1870 Svolta teorica rapida che ha esercitato unenorme influenza sulla scienza economica contemporanea. U.K. William Stanley Jevons, The Theory of Political Economy 1871 Austria Carl Menger, Grundsätze der Volkwirtschaftslehre, 1871 Svizzera (Losanna) Léon Walras, Eléments déconomie politique pure, 1874

2 Approccio nuovo, basato su alcuni concetti- chiave: utilità marginale, soddisfazione dei bisogni, allocazione delle risorse, massimizzazione del piacere e minimizzazione del dolore, equilibrio economico.

3 I concetti-base del marginalismo derivano prevalentemente da una tradizione filosofica iniziata nel XVII secolo in Gran Bretagna e Francia e diffusa anche in Italia: Hobbes: agire mosso dalle aspettative di piacere "foreseen and expected" pleasures and pains (De homine, 147)

4 Locke: agire mosso dalla uneasiness (disagio, inquietudine) = dolore per la mancanza di un oggetto che vogliamo possedere. Essay on Human Understanding (1690), parte II, cap. XX: Desire. The uneasiness a man finds in himself upon the absence of anything whose present enjoyment carries the idea of delight with it, is that we call desire; which is greater or less, as that uneasiness is more or less vehement. Where, by the by, it may perhaps be of some use to remark, that the chief, if not only spur to human industry and action is uneasiness. For whatsoever good is proposed, if its absence carries no displeasure or pain with it, if a man be easy and content without it, there is no desire of it, nor endeavour after it; there is no more but a bare velleity, the term used to signify the lowest degree of desire, and that which is next to none at all, when there is so little uneasiness in the absence of anything, that it carries a man no further than some faint wishes for it, without any more effectual or vigorous use of the means to attain it.

5 Utilitarismo classico inglese: Jeremy Bentham ( ) James Mill ( ) John Stuart Mill ( ) La filosofia utilitaristica consta di due parti: 1. psicologia: agire mosso da dolore e piacere (edonismo) 2. etica: principio di utilità: preferire lazione che massimizza lutilità totale degli individui coinvolti.

6

7 1. Nature has placed mankind under the governance of two sovereign masters, pain and pleasure. It is for them alone to point out what we ought to do, as well as to determine what we shall do. On the one hand the standard of right and wrong, on the other the chain of causes and effects, are fastened to their throne. They govern us in all we do, in all we say, in all we think: every effort we can make to throw off our subjection, will serve but to demonstrate and confirm it. In words a man may pretend to abjure their empire: but in reality he will remain. subject to it all the while. The principle of utility recognizes this subjection, and assumes it for the foundation of that system, the object of which is to rear the fabric of felicity by the hands of reason and of law. Ch. 1- Of the principle of utility

8 III. By utility is meant that property in any object, whereby it tends to produce benefit, advantage, pleasure, good, or happiness, (all this in the present case comes to the same thing) or (what comes again to the same thing) to prevent the happening of mischief, pain, evil, or unhappiness to the party whose interest is considered: if that party be the community in general, then the happiness of the community: if a particular individual, then the happiness of that individual. VI. An action then may be said to be conformable to the principle of utility, or, for shortness sake, to utility, (meaning with respect to the community at large) when the tendency it has to augment the happiness of the community is greater than any it has to diminish it.

9 Chapter IV Value of a Lot of Pleasure or Pain, how to be Measured II. To a person considered by himself, the value of a pleasure or pain considered by itself, will be greater or less, according to the four following circumstances: 1. Its intensity. 2. Its duration. 3. Its certainty or uncertainty. 4. Its propinquity or remoteness. … 5. Its fecundity, or the chance it has of being followed by sensations of the same kind: that is, pleasures, if it be a pleasure: pains, if it be a pain. 6. Its purity, or the chance it has of not being followed by sensations of the opposite kind: that is, pains, if it be a pleasure: pleasures, if it be a pain.

10 IV. To a number of persons, … [dimensioni 1-6] And one other; to wit: 7. Its extent; that is, the number of persons to whom it extends; or (in other words) who are affected by it.

11 Metodo di calcolo: 5. Sum up all the values of all the pleasures on the one side, and those of all the pains on the other. The balance, if it be on the side of pleasure, will give the good tendency of the act upon the whole, with respect to the interests of that individual person; if on the side of pain, the bad tendency of it upon the whole. 6. Take an account of the number of persons whose interests appear to be concerned; and repeat the above process with respect to each. Sum up the numbers expressive of the degrees of good tendency, which the act has, with respect to each individual, in regard to whom the tendency of it is good upon the whole: … do this again with respect to each individual, in regard to whom the tendency of it is bad upon the whole. Take the balance which if on the side of pleasure, will give the general good tendency of the act, with respect to the total number or community of individuals concerned; if on the side of pain,the general evil tendency, with respect to the same community.

12 NB. Il principio dutilità è dunque un principio etico. Sue caratteristiche: 1.Utilitarismo = dottrina etica assiologica (la moralità duna azione deriva da qualche bontà connessa a questa azione, per esempio le sue conseguenze) / vs. Dottrine deontologiche. 2. Utilitarismo = dottrina etica puramente consequenzialista. [Altre dottrines consequenzialiste: a. Egoismo etico individuale b. Egoismo etico di gruppo (nazionalismo, ragione di Stato, razzismo) c. Specismo] 3. Universalismo dellutilitarismo 4. Bentham: utilitarismo edonistico dellatto: la sola cosa che ha valore intrinseco è la felicità cioè il piacere o lassenza di dolore. 5. sum ranking. Latto migliore è quello che massimizza la felicità. Bentham: utilitarismo del totale. Latto migliore è quello che massimizza la felicità totale degli individui di una collettività.

13 Il marginalismo riprende soltanto lanalisi psicologica edonista, non la teoria etica utilitarista la usa per fondare una teoria del valore basata su utilità e scarsità ( Smith- Ricardo). Precedenti: Nel 700 lAbbé de Condillac, Ferdinando Galiani, Pietro Verri. Nell800: Augustin Cournot, Jules Dupuit

14 La teoria economica marginalista si proponeva come alternativa alleconomia classica: Teoria del valore soggettivistica (primato del consumo): utilità marginale (decrescente) Teoria del valore oggettivistica: Costo di prod.; lavoro contenuto Economia ClassicaEconomia Marginalista Problema centrale: crescita economica; distribuzione come causa di sviluppo (dinamica) Problema centrale: allocazione ottima di risorse scarse; lequilibrio economico (statica) Prezzi naturali o di lungo periodoPrezzi di mercato o di breve per. I soggetti sono classi sociali con interessi contrapposti I soggetti sono agenti economici razionali; massimizzano lutilità Economia politica: scienza della riproduzione della ricchezza sociale Scienza economica (economics): studia la condotta umana come rel. tra obiettivi molteplici e mezzi scarsi (Robbins 1932).

15 Concetto di utilità marginale decrescente: quantità successive di uno stesso bene determinano in un consumatore incrementi di utilità via via decrescenti (lutilità di ununità addizionale di un bene dipende dalla quantità del bene già posseduta) La nozione di utilità impiegata dagli economisti marginalisti è cardinale (misurabile) Leggi di Gossen: Lutilità marginale è decrescente (saturazione) Lagente alloca un bene di cui dispone in modo da eguagliare le utilità marginali dei vari impieghi. NB. Il termine utilità marginale compare solo nel 1884 ad opera di Friedrich von Wieser. Jevons: grado finale di utilità Walras: rarità Menger: varie perifrasi

16 Anni 1870 e Jevons, Menger e Walras sono quasi isolati Anni Affermazione vigorosa Ragioni del successo? 1. Interpretazioni relativiste: dalla fase di industrializzazione in cui è centrale la crescita a una fase di assestamento in cui è centrale lallocazione (Dasgupta, Myint): … ma i paesi in cui il marginalismo si afferma sono molto diversi! da una fase di sviluppo capitalistico in cui gli economisti mettono in evidenza i contrasti di interesse tra le classi (in particolare capitalisti e proprietari fondiari), a una fase di conflitti sociali (capitale-lavoro) e di rischi rivoluzionari, in cui gli economisti cercano una teoria economica armonicistica e conservatrice: … ma molti marginalisti, come Walras, non sono affatto conservatori! (variante): il marginalismo contesta leconomia classica perché aveva generato leconomia marxista: … ma solo Böhm-Bawerk attacca direttamente Marx, e solo Jevons è anti-classico!

17 2. Interpretazioni assolutiste: il marginalismo è semplicemente un passo avanti, date le difficoltà teoriche in cui si trovava ormai leconoma classica: … ma ci sono anche perdite! 3. Interpretazioni sociologico-professionali: il marginalismo ha successo perché appare agli economisti professionalizzati come una teoria più scientifica, soprattutto per luso della matematica: … ma non era una strada obbligata; inoltre ebbe a lungo unalternativa altrettanto scientifica: il positivismo il marginalismo ha successo perché appare più elegante e persuasivo (il successo di un paradigma dipende da ragioni di retorica)…


Scaricare ppt "Anni 1870 Svolta teorica rapida che ha esercitato unenorme influenza sulla scienza economica contemporanea. U.K. William Stanley Jevons, The Theory of."

Presentazioni simili


Annunci Google