La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi G. dAnnunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso I test psicodiagnostici a cura del prof. Salvatore Sasso e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi G. dAnnunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso I test psicodiagnostici a cura del prof. Salvatore Sasso e."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi G. dAnnunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso I test psicodiagnostici a cura del prof. Salvatore Sasso e del dott. Giuseppe Altieri

2 Esame Psicodiagnostico Colloquio clinico Assessment psicofisiologico Batterie di Test La diagnosi dello Psicologo Clinico

3 DSM-IV Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (A.P.A.) Struttura multiassiale: Struttura multiassiale: 1. Disturbi clinici; 2. Disturbi di personalità e ritardo mentale; 3. Condizione medica generale; 4. Problemi psicosociali ed ambientali; 5. Scala di valutazione del funzionamento globale; Individua sindromi: insieme di sintomi che si manifestano insieme; Individua sindromi: insieme di sintomi che si manifestano insieme; La diagnosi coincide con la prognosi; La diagnosi coincide con la prognosi; Principio di esclusione per la diagnosi differenziale; Principio di esclusione per la diagnosi differenziale; Compatibile con lICD-10 dellO.M.S. Compatibile con lICD-10 dellO.M.S.

4 I test sono certamente utilissimi per: confermare o respingere ipotesi; quantificare o definire un disturbo; Vanno però usati con sensibilità clinica. Spesso un loro uso non flessibile basato su una batteria diagnostica standardizzata può contribuire a far sentire schedato o respinto il paziente riducendo così la qualità del rapporto col terapeuta. Comunque i dati dei test da soli servono a poco se non li si sa porre in relazione al contesto clinico e se non se ne sa cogliere il significato d'insieme. Perché i Test?

5 Quanti tipi di test? Interviste strutturate: contenuto e modalità delle domande prestabiliti, valutano uno specifico costrutto (A.A.I., C.F.I., Y-BOCS, SCID-II). Test autovalutativi: si dividono in test ad ampio spettro (M.M.P.I., C.B.A.) e test specifici (S.T.A.I., B.D.I.). Tecniche proiettive: stimoli incerti ed ambigui, ampia liberà dinterpretazione (Rorschach, Holtzman, Z-test, T.A.T., T.P.A.M.A.R.F., Luscher, Disegno della casa, dellalbero, della figura umana, della famiglia. Test dintelligenza: accertarsi che le disfunzioni non dipendono da una debolezza intellettiva (Stanford-Binet, Matrici Progressive di Raven, W.A.I.S.)

6 Adult Attachment Interview (George, Caplan, Main; 1985) Stile dattaccamento in età superiore ai 16 anni; Tempo di somministrazione: 1 ora circa; 18 domande aperte che richiedono di ripensare alle situazioni infantili; Si colloca lintervistato in un sistema di classificazione simile alla Strange Situation: Distanziante; Sicuro; Coinvolto o preoccupato; Con lutti o traumi non risolti; Inclassificabile.

7 Camberwell Family Interview (Rutter, Brown; 1966) Esplora le emozioni espresse dai familiari di pazienti psichiatrici; Indaga soltanto lemotività esplicita; Aspetti esplorati: La malattia del parente; Le manifestazioni e limpatto della stessa; Le relazioni familiari; Tempo di somministrazione: 1 ora circa; Si intervista ogni singolo familiare separatamente; Si valutano: i contenuti espressi, le caratteristiche paraverbali ed extraverbali delle risposte, i segni di ipercoinvolgimento e iperprotezione e di identificazione; Al processo valutativo partecipano sia lintervistatore che un altro psicologo esterno.

8 Yale-Brown Obsessive Compulsive Scale (Goodman et all. 1989) Riferimento a criteri del D.S.M. IV per il disturbo ossessivo-compulsivo; 10 item: 5 per le ossessioni e 5 per le compulsioni, scala Likert da 0 a 4; Si valutano: Durata e frequenza; Interferenza con la vita sociale e lavorativa; Il disagio soggettivo; Il grado di resistenza e di controllo delle ossessioni e delle compulsioni. Tempo di somministarzione: 40 minuti circa; Monitorizza il decorso e lefficacia del trattamento.

9 Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Disorders Valutazione diagnostica dei dieci disturbi di personalità dell'asse II; Valutazione diagnostica dei dieci disturbi di personalità dell'asse II; Formata da unintervista e un questionario di personalità autovalutativo; Formata da unintervista e un questionario di personalità autovalutativo; Il clinico può formulare solo le domande che corrispondono agli item completati nel questionario; Il clinico può formulare solo le domande che corrispondono agli item completati nel questionario; Tempo di somministrazione: 20 min. questionario, molto variabile lintervista; Tempo di somministrazione: 20 min. questionario, molto variabile lintervista; La sequenza dei disturbi non segue l'ordine di classificazione del DSM-IV ma un criterio diprogressività; La sequenza dei disturbi non segue l'ordine di classificazione del DSM-IV ma un criterio diprogressività;

10 M.M.P.I. (Hathaway, Mc Kinley, 1989) Discriminare tra normalità e patologia; Discriminare tra normalità e patologia; È composto da 10 scale cliniche: È composto da 10 scale cliniche: 1. Hs: ipocondria; 2. D: depressione; 3. Hy: isteria; 4. Pd: deviazione psicopatica; 5. Mf: mascolinità/femminilità; 6. Pa: paranoia; 7. Pt: psicastenia; 8. Sc: schizofrenia; 9. Ma: ipomania; 10. Si: introversione sociale; e 3 scale di controllo: e 3 scale di controllo: 1. F: validità del test; 2. K: atteggiamento difensivo verso le indagini psicologiche; 3. Fb: valuta il mantenimento dellattenzione durante la prova; è formata da 567 items a risposta dicotomica (vero/falso) ma ne esistono forme abbreviate; è formata da 567 items a risposta dicotomica (vero/falso) ma ne esistono forme abbreviate;

11 Cognitive Behavioral Assessment Serie di tecniche di analisi suddivise in scale primarie: indagano ampie aree della vita del soggetto che possono essere dinteresse clinico; fanno riferimento ad una cartella autobiografica molto precisa. Serie di tecniche di analisi suddivise in scale primarie: indagano ampie aree della vita del soggetto che possono essere dinteresse clinico; fanno riferimento ad una cartella autobiografica molto precisa. scale secondarie: indagano in maniera più approfondita gli aspetti emersi dalle scale primarie. scale secondarie: indagano in maniera più approfondita gli aspetti emersi dalle scale primarie. scale di controllo: valutano la validità delle informazioni fornite. scale di controllo: valutano la validità delle informazioni fornite.

12 State-Trait Anxiety Inventory Ansia di stato: stato psicofisiologico transitorio di aumentata attività e sentimenti di tensione ed apprensione; Ansia di stato: stato psicofisiologico transitorio di aumentata attività e sentimenti di tensione ed apprensione; Ansia di tratto: caratteristica stabile di predisposizione a stati ansiosi; Ansia di tratto: caratteristica stabile di predisposizione a stati ansiosi; 40 item: Y1= stato, Y2= tratto; 40 item: Y1= stato, Y2= tratto; scala Likert a 4 punti: intensità e frequenza; scala Likert a 4 punti: intensità e frequenza; tradotta in 30 lingue. tradotta in 30 lingue.

13 Beck Depression Inventory (Beck, 1967) 12. Ritiro sociale; 13. Indecisione; 14. Svalutazione della propria immagine corporea; 15. Calo defficienza lavorativa; 16. Disturbo del sonno; 17. Affaticabilità; 18. Calo dappetito; 19. Calo ponderale; 20. Preoccupazioni somatiche; 21. Calo della libido; Misura lintensità della depressione ed è ateorico; Misura lintensità della depressione ed è ateorico; 21 item: 21 item: 1. Tristezza; 2. Pessimismo; 3. Senso di fallimento; 4. Insoddisfazione; 5. Senso di colpa; 6. Aspettativa di punizione; 7. Delusione verso se stessi; 8. Autoaccusa; 9. Idee suicide; 10. Pianto; 11. Irritabilità; Scala Likert a 4 punti; Scala Likert a 4 punti; Ogni risposta ha un valore che va da 0 a 3, il punteggio si ottiene sommando tutte le risposte, la soglia critica è 16. Ogni risposta ha un valore che va da 0 a 3, il punteggio si ottiene sommando tutte le risposte, la soglia critica è 16.

14 Che cosè lintelligenza? è una capacità di adattamento all'ambiente costituita da una componente presumibilmente innata ma profondamente influenzata da fattori socio-ambientali; si incrementa nell'età evolutiva permettendo via via di compiere operazioni mentali ed attività comportamentali progressivamente sempre più complesse; è una caratteristica multidimensionale che comprende, oltre alle funzioni cognitive, capacità relazionali, comunicative e sociali.

15 Le prime misure Galton e J.K. Cattel (capacità percettive, riflessi, sensazioni); Goddard, Binet (Q.I. quoziente intellettivo,1917): Q.I.= età mentale età cronologica X 100 Scala Stanford-Binet; Fattore G di Spearman versus studi di Thurstone (A.M.P.); R.B. Cattel: intelligenza fluida ecristallizzata;

16 Intelligenti si nasce o si diventa? Eysenck: lintelligenza è prevalentemente dovuta a fattori genetici. Egli distingue: Eysenck: lintelligenza è prevalentemente dovuta a fattori genetici. Egli distingue: a) componente genetica (80%); b) componente ambientale (20%); c) componente costitutiva (misure dei test). Questa concezione portò a numerose affermazioni razziste e a sentimenti eugenisti. Kamin: lintelligenza è prevalentemente determinata dallambiente.

17 Ulteriori studi H. Gardner: 7 tipi dintelligenza: 1) 1) Linguistica; 2) 2) Logico-matematica; 3) 3) Spaziale; 4) 4) Musicale; 5) 5) Cinestetica; 6) 6) Interpersonale; 7) 7) Intrapersonale; J.R. Hayes: le differenze individuali sono la conseguenza di fattori motivazionali; R. Stenberg: un insieme molto ampio di abilità cognitive tra loro diverse; teoria tripolare o multi-componenziale: Contesto; Processi cognitivi; Esperienza.

18 Wechsler Adult Intelligence Scale 11 prove: 6 verbali e 5 di prestazione: 11 prove: 6 verbali e 5 di prestazione: 1) Informazione; 2) Memoria di cifre; 3) Vocabolario; 4) Ragionamento aritmetico; 5) Comprensione; 6) Analogie; 1) Completamento di figure; 2) Riordinamento di storie figurate; 3) Disegno di cubi; 4) Ricostruzione di oggetti; 5) Associazione di simboli a numeri; Q.I. con media = 100 e deviazione standard = 10; Q.I. con media = 100 e deviazione standard = 10; possiamo distinguere un Q.I. verbale e uno di prestrazione; possiamo distinguere un Q.I. verbale e uno di prestrazione; varianti per bambini: W.I.S.C. >6 anni, W.P.P.S.I. 6 anni, W.P.P.S.I. <6 anni.

19

20

21 Matrici Progressive di Raven Tentativo di rendere i test culture free; Tentativo di rendere i test culture free; Ragionamento induttivo su stimoli visivi; Ragionamento induttivo su stimoli visivi; Tempo di somministrazione: minuti; Tempo di somministrazione: minuti; Item: 12 di pratica e 36 di difficoltà crescente; Item: 12 di pratica e 36 di difficoltà crescente; Scegliere tra 6 o 8 figure quella che completa il modello presentato; Scegliere tra 6 o 8 figure quella che completa il modello presentato; Relazioni orizzontali e verticali; Relazioni orizzontali e verticali; Esiste una versione colorata per bambini ed anziani; Esiste una versione colorata per bambini ed anziani;


Scaricare ppt "Università degli Studi G. dAnnunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso I test psicodiagnostici a cura del prof. Salvatore Sasso e."

Presentazioni simili


Annunci Google