La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 MEDICINA LEGALE Il danno alla persona da responsabilità civile

2 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità civile Obbligo di sopportare le conseguenze di legge per comportamento illecito che abbia cagionato ad altri un danno ingiusto. Responsabile è giuridicamente colui che è tenuto a rifondere i danni ingiustamente recati a terzi da una condotta illecita, dolosa o colposa.

3 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità civile Art c.c. Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno RESPONSABILITA EXTRA – CONTRATTUALE O AQUILIANA PRINCIPIO DEL NEMINEM LEDERE – RESP. DA FATTO ILLECITO PRESCRIZIONE 5 ANNI SI RISPONDE DI OGNI DANNO PER QUALSIASI GRADO DI COLPA

4 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità civile Art c.c. Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno se non prova che linadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile RESPONSABILITA CONTRATTUALE RESPONSABILITA PER INADEMPIMENTO DI OBBLIGAZIONE PRESCRIZIONE 10 ANNI SI RISPONDE SOLO PER COLPA GRAVE O DI MEDIA ENTITA

5 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità civile Onus probandi – onere della prova Per la resp. extra – contrattuale la prova del danno subito e della colpa altrui spetta al danneggiato (art c.c.), lonere della prova spetta a chi vuol far valere un diritto in giudizio dimostrandone il fondamento Per la resp. contrattuale esiste una presunzione di colpa nei confronti del debitore, è lui che deve dimostrare che linadempimento deriva da causa a lui non imputabile

6 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A Responsabilità civile Tipi di responsabilità DIRETTA, per responsabilità contrattuali ed extracontrattuali INDIRETTA, quando cè lobbligo di rispondere ad un danno provocato da altri (è il caso dei genitori, dei tutori ec..) DA CIRCOLAZIONE STRADALE PROFESSIONALE

7 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Evoluzione storica del concetto di danno Diritto Romano Nel diritto romano classico la lesione della salute di un uomo libero costituiva iniuria. Lautore del danno, a seguito di istanza della persona offesa, veniva citato in giudizio con lactio iniuriarum e, una volta accertato con precisione latto illecito da parte di un collegio di recuperatores, veniva punito con una obligatio juris civilis di cui era destinatario loffeso e soggetto passivo loffensore.

8 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Scuola Giusnaturalista Verso la metà del secolo XVII, la scuola giusnaturalista per la prima volta introdusse il concetto secondo cui ogni atto illecito (costituisca o meno un delictum) causato da colpa comporti di fatto lobbligo per lautore di risarcire il danno; secondo tale scuola di pensiero costituirebbe danno qualsiasi lesione del corpo, dellonore o del patrimonio.

9 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Lopera di Melchiorre Gioia Nella prima metà del XIX secolo, Melchiorre Gioia per primo nella sua opera Dellingiuria, dei danni, del soddisfacimento e relative basi di stima avanti i Tribunali civili, attribuì al danno valenza di soppressione o deterioramento di un bene non materiale e teorizzò criteri – guida per la riparazione del danno alla persona introducendo la cosiddettaregola del calzolaio.

10 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 La Regola del Calzolaio di Melchiorre Gioia …Un calzolaio, per esempio, eseguisce due scarpe e un quarto al giorno; voi avete indebolito la sua mano in modo che non riesce più a fare che una scarpa. Voi gli dovete allora il valore della fattura di una scarpa e un quarto, moltiplicato per il numero di giorni che gli restano di vita, meno i giorni festivi. Il numero di giorni che restano ad un individuo allorché è nota di lui letà, risulta dalle tavole di mortalità che ormai tutti conoscono…Dunque il valore del soddisfacimento dovuto a titolo di industria paralizzata deve in tutti i casi variare in ragione di: età del ferito…e sua professione…

11 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 La Regola del Calzolaio di Melchiorre Gioia Mano del calzolaio : vale solo perché produce o anche perché cè? Nel bambino? Si parla di reddito figurato, potenziale, comune per tutti. Piede del calzolaio : non usato per lavorare. Si parla di capacità lavorativa generica. Mano del calzolaio : reale incidenza sullattività lavorativa. Si parla di capacità lavorativa specifica, non cumulabile con la generica.

12 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Lopera del Cazzaniga Nei primi anni del XX secolo, il Cazzaniga ritenne risarcibile il cosiddetto danno potenziale o generico comprendente una serie di danni in grado eventualmente di incidere anche indirettamente sul reddito del leso, semmai integrato dal danno attuale o specifico. In pratica, il Cazzaniga ritenne valorizzabili come danno alla capacità di produrre reddito, i danni alla capacità lavorativa generica, la ridotta efficienza estetica, il turbamento delle capacità relazionali e sessuali, in quanto qualità facenti parte della potenzialità economica delluomo, inteso come homo faber.

13 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Il 21 aprile 1942, nel Regno dItalia veniva introdotto il nuovo codice civile sostanzialmente fondato su una bipartizione del danno alla persona: Patrimoniale art c.c. Extrapatrimoniale art c.c.

14 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Patrimoniale art c.c. incidente sugli interessi economici del leso ed ulteriormente suddivisibile in: danno emergente, caratterizzato da tutte le spese medico-chirurgiche prodotte dalla Parte lesa lucro cessante, ovverosia tutte le ripercussioni negative, temporanee e/o permanenti, della menomazione subita sul reddito del leso.

15 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Extrapatrimoniale art c.c. meglio definito dalla Corte Costituzionale come danno morale subiettivo che si sostanzia nel transeunte turbamento psicologico del soggetto offeso. Tale fattispecie di danno è, comunque, risarcibile in via equitativa solo se conseguenza di un reato (art. 185 c.p.).

16 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Art c.c. Risarcimento del danno Il risarcimento del danno per linadempienza o per il ritardo deve comprendere così la perdita subita dal creditore come il mancato guadagno, in quanto ne siano conseguenza immediata e diretta.

17 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Art c.c. Danni non Patrimoniali Il danno non patrimoniale deve essere risarcito solo nei casi determinati dalla legge.

18 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Art. 185 c.p. Restituzioni e risarcimento del danno Ogni reato obbliga alle restituzioni, a norma delle leggi civili. Ogni reato, che abbia cagionato un danno patrimoniale o non patrimoniale, obbliga al risarcimento il colpevole e le persone che, a norma delle leggi civili, debbono rispondere per il fatto di lui.

19 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Lintroduzione nel codice civile dellart (responsabilità aquiliana da lex Aquilia) metteva le basi per la successiva estensione da parte della Giurisprudenza dellarea di tutela risarcitoria, a cominciare dal diritto alla salute. Art c.c. Risarcimento per fatto illecito Responsabilità extra – contrattuale Principio del neminem ledere Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno.

20 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Condizione necessaria perché si presenti, comunque, lobbligo al risarcimento ex art c.c., è che il danno sia ingiusto (Cass. 174/1971). Un danno ingiusto è: non iure, se arrecato senza averne il diritto, es. contratto – sciopero contra ius, se commesso in violazione di un precetto posto da una norma primaria, in pratica se lede un interesse tutelato dallordinamento giuridico, es. ladro investito

21 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 La risarcibilità dei danni ingiusti è, quindi, disciplinata dallArt c.c. che, interpretando il principio del neminem laedere, formula la regola generale dellobbligo al risarcimento da cui poi derivano le altre disposizioni codicistiche: art c.c. (Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri darte) art c.c. (Responsabilità dei padroni e dei committenti) art c.c. (Responsabilità per lesercizio di attività pericolose) art c.c. (Danno cagionato da cosa in custodia) art c.c. (Danno cagionato da animali) art c.c. (Rovina di edificio) art c.c. (Circolazione di veicoli)

22 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Lopera di Cesare Gerin Nella seconda metà del XX secolo, Cesare Gerin estese ancora di più il concetto di danno alla persona, affermando che il valore economico della persona non era soltanto funzione della sua capacità di produrre (capacità di lavoro e capacità di guadagno), ma soprattutto della sua integrità ed efficienza psico-fisica (validità).

23 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Correttivi del sistema tradizionale

24 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Correttivi del sistema tradizionale Il danno alla persona, così come previsto nel codice civile del 1942, determinava grossi inconvenienti in numerose situazioni risarcitorie: Casi in cui lillecito non integrasse gli estremi del reato, per cui non era possibile procedere a risarcimento del danno extrapatrimoniale (art c.c.); Casi in cui la lesione della salute non comportasse contrazione del reddito del danneggiato.

25 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 In tali circostanze, per molti anni, anziché ammettere il risarcimento del danno alla salute quale fattispecie di danno a sé stante, scorporandola quindi da qualsiasi riflesso sulla capacità reddituale del leso, si utilizzarono vari espedienti, tra cui ladozione dei seguenti concetti: incapacità lavorativa generica danno estetico danno alla vita di relazione danno sessuale

26 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Diritto alla Salute Art. 32 Cost.: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo ed interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

27 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Il Danno Biologico

28 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Il Danno Biologico Menomazione dellintegrità psicofisica della persona in sé e per sé considerata, in quanto incidente sul valore uomo in tutta la sua concreta dimensione, e che comprende il danno alla vita di relazione, il danno estetico, il danno alla sfera sessuale nonché il danno alla capacità lavorativa generica e le invalidità micropermanenti. (Corte Costituzionale sentenza n. 184 del )

29 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Il Danno Biologico Con la sentenza n. 184/86, la Corte Costituzionale precisava che il danno biologico non era una mera lesione dellaffetto, ma un danno – evento, lesivo di una condizione giuridica tutelata dalla Costituzione. Il risarcimento del danno biologico non rientrava, pertanto, nella previsione di cui allarticolo 2059 c.c. (Danno extra – patrimoniale, danno morale, praetium doloris), ma veniva disciplinato dal combinato disposto degli articoli 32 Cost. (Salute) e 2043 c.c. (Responsabilità extra – contrattuale). Il danno biologico, dunque, in qualità di danno – evento costituito dalla lesione dellintegrità psico-fisica, deve essere sempre risarcito; mentre rappresentano danno – conseguenza del danno biologico, il danno patrimoniale ed il danno morale subiettivo (o extrapatrimoniale).

30 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Sentenza 233/2003 Corte Costituzionale Il danno biologico va considerato non patrimoniale ma extrapatrimoniale Non cambia molto, va comunque risarcito. Il danno extrapatrimoniale va pagato sempre anche se non cè reato Categorie risarcitorie di danno ingiusto: Danno patrimoniale valutato in base alla denuncia dei redditi Danno extrapatrimoniale Danno biologico Danno morale Danno esistenziale

31 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Danno extrapatrimoniale Danno biologico valutato dal medico come menomazione dellintegrità psico – fisica in percentuale 100%, trasformato in denaro dal giudice in denaro con valutazione equitativa Danno morale 1/3 – 1/4 del danno biologico, valutato dal giudice Danno esistenziale alterazione della sfera esistenziale, valutato dal giudice, possibile indicazione del medico

32 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Aspetto Statico del Danno Biologico consiste nella violazione oggettiva dellintegrità psicofisica della persona Aspetto Dinamico del Danno Biologico determinato dalle manifestazioni del danno nella vita quotidiana del leso Tali aspetti devono essere considerati in maniera unitaria ai fini risarcitori

33 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Recentemente, il danno biologico ha trovato il pieno riconoscimento del legislatore nella Legge n° 57 del 5 marzo 2001: Agli effetti di cui al comma 2, per danno biologico si intende la lesione allintegrità psicofisica della persona, suscettibile di accertamento medico-legale. Il danno biologico è risarcibile indipendentemente dalla sua incidenza sulla capacità di produzione di reddito del danneggiato ….

34 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Valutazione del Danno Biologico La valutazione del danno biologico prevede un: Danno biologico temporaneo Assoluto o Totale Parziale Danno biologico permanente

35 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Danno Morale Il legislatore nellarticolo 2059 c.c. non ha definito il danno morale preferendo la dizione aspecifica: Il danno non patrimoniale deve essere risarcito solo nei casi determinati dalla legge. Con la sentenza 184/86, la Corte Costituzionale assegnò definitivamente al danno extrapatrimoniale, parimenti a quello patrimoniale, natura di danno-conseguenza del cosiddetto danno-evento, il danno biologico. Nella medesima sentenza, la Corte definì il danno morale subiettivo quale: momentaneo, tendenzialmente transeunte turbamento psicologico della persona.

36 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Il risarcimento del danno alla persona La liquidazione del danno alla salute deve soddisfare quattro requisiti: espletarsi in via giudiziale con metodo equitativo (art c.c.); evitare iniquità; evitare duplicazioni; evitare sperequazioni.

37 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Natura del risarcimento Reintegrazione in forma specifica art c.c. con restituzione, sostituzione o riparazione della cosa danneggiata, forma prioritaria ma non sempre applicabile, come è evidente per il danno fisico Reintegrazione per equivalente art – 2056 c.c. attraverso il denaro Il risarcimento riguarda danno patrimoniale come danno emergente e lucro cessante. Il danno alla persona è di per sé non reintegrabile, il risarcimento in denaro è visto come un atto consolatorio, non sostitutivo del bene fisico perso

38 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Natura del risarcimento Compensatio lucri : non si può trarre vantaggio dallazione illecita altrui Concorso di colpa : se il fatto colposo del danneggiato ha concorso a cagionare il danno il risarcimento è diminuito secondo la gravità della colpa e lentità delle conseguenze che ne sono derivate

39 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia

40 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 La Responsabilità Professionale

41 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Professionale I sanitari possono incorrere in diverse forme di responsabilità a causa della propria attività professionale: responsabilità civile responsabilità penale responsabilità amministrativa responsabilità disciplinare

42 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 responsabilità civile: presuppone una diminuzione patrimoniale da compensare mediante il risarcimento del danno responsabilità penale: di natura personale, consegue al compimento da parte del soggetto attivo di un reato cui lordinamento giuridico collega una sanzione

43 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 responsabilità amministrativa: deriva dalla lesione, da parte del sanitario, di interessi pubblici dello Stato o di altro Ente pubblico relativi al normale espletamento e al buon andamento dellattività amministrativa responsabilità disciplinare: consegue alla violazione dei doveri imposti al sanitario quale pubblico dipendente, la cui inosservanza comporta lapplicazione di sanzioni disciplinari da parte della pubblica amministrazione

44 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Giuridica ed Errore Professionale Lesercente una professione sanitaria, come qualsiasi altra persona o professionista, può sbagliare: si tratta perciò di discernere quello che è unerrore scusabile da quello che invece comporta una colpa punibile. Affinché lerrore professionale, che può essere di diagnosi, prognosi, terapia o di ricetta o di scienza, comporti una responsabilità giuridica bisogna che determini un danno, con lesioni o morte del paziente.

45 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Lerrore colpevole presuppone alcune condizioni: 1.la prestazione professionale deve essere viziata da errore inequivocabilmente apprezzabile, grave ed inescusabile: condotta professionale colposa o dolosa 2.deve sussistere una conseguenza dannosa per il paziente (danno fisico o funzionale, obiettivo ed obiettivabile, non preesistente o, se preesistente, aggravato) con la concretizzazione di una modificazione peggiorativa dello stato antecedente, evidenziabile e dimostrabile in modo non equivoco, in rapporto alla condotta colpevole del medico 3.deve sussistere il nesso causale tra lerrore del medico ed il danno subito dal paziente

46 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Errore Professionale Lerrore può basarsi su una condotta : Commissiva (per commissione) o Attiva (per azione); Omissiva (per omissione). La responsabilità professionale non si può invocare in presenza di un danno cagionato da: Caso fortuito; Forza maggiore; Imprevedibilità dellevento; Ricorrenza di uno stato di necessità.

47 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Cause di Responsabilità Professionale Attuazione di trattamenti terapeutici senza il consenso dellavente diritto; Scelta scorretta (anche secondaria ad errore diagnostico) di una terapia; Esecuzione scorretta di un trattamento; Omissione, insufficienza, ritardo o errore negli accertamenti diagnostici; Impiego abnorme o improprio di mezzi diagnostici; Mancato apprezzamento dei risultati diagnostici ottenuti; Mancata previsione di complicanze; Omissione o ritardo di cura e dintervento; Lintempestività o la discontinuità delle cure; Lerrore dipendente dallazione od omissione di terzi; Trasgressione di specifiche disposizioni normative o di regolamenti, ordini o discipline.

48 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Professionale Penale

49 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Professionale Penale consegue alla commissione di un reato e può essere: Dolosa Colposa

50 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Penale Dolosa

51 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 La Responsabilità Penale Dolosa Le trasgressioni volontarie e coscienti, tali da presupporre il dolo e collegate allesercizio della professione, riguardano fatti di natura delittuosa, commissivi od omissivi, nonché contravvenzioni di varia natura. In ambito sanitario la problematica sincentra essenzialmente sulle seguenti situazioni, a seconda che il trattamento sanitario sia realizzato nei confronti di un paziente: che ha espresso dissenso che non ha espresso alcun consenso (ovvero lo ha espresso in modo viziato)

52 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 La Responsabilità Penale Dolosa Casi che prevedono una Responsabilità penale dolosa: la rivelazione del segreto dufficio, lomissione di rapporto (o denuncia di reato), lomissione di soccorso, il peculato, la violenza privata, luso illegittimo di cadavere, il comparaggio, lispezione o la perquisizione corporale arbitraria, lincapacità psichica procurata mediante violenza.

53 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Penale Colposa

54 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Penale Colposa Il reato è colposo, recita lart. 43 c.p.: quando levento anche se preveduto, non è voluto dallagente e si verifica a causa di negligenza, imprudenza o imperizia ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline.

55 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Penale Colposa La colpa può essere: Specifica Generica negligenza imprudenza imperizia

56 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Colpa Negligenza Non è negligente chi trascura alcune norme tecniche, ma chi trascura quelle norme che gli altri osservano, dimostrando scarsa attenzione, superficialità e leggerezza Imprudenza Non è imprudente chi usa tentativi terapeutici pericolosi, ma chi li usa senza necessità o senza averne la padronanza Imperizia Non è imperito chi non sa o non sa fare, ma chi non sa o non sa fare quello che un medico ordinario avrebbe dovuto sapere o fare in quel caso clinico Inosservanza Non è inosservante dei regolamenti chi ne prescinde, ma chi fa ciò nonostante dalla pratica degli altri medici risulti che quelle norme sono note e non sono cadute in disuso

57 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Lesercente una professione sanitaria risponde sia per colpa lieve sia per colpa grave in caso di negligenza o imprudenza, mentre in caso di imperizia in situazioni complesse o di speciale difficoltà (art c.c.) risponde solo per dolo o colpa grave.

58 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 In questultimo caso infatti si valutano tre criteri: regola tecnica valuta la correttezza dellatto medico eseguito media preparazione tiene conto di quanto mediamente avrebbe fatto ogni sanitario per quel paziente, in quella circostanza relatività soggettiva ed oggettiva considera le circostanze specifiche in relazione alla personalità specifica del sanitario, alla sua età, esperienza e qualificazione professionale

59 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Professionale Civile

60 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Professionale Civile La responsabilità civile può derivare: dallinadempimento di obbligazioni assunte verso il paziente (responsabilità contrattuale) dalla violazione del principio del neminem laedere (responsabilità extracontrattuale) Secondo la definizione dellart c.c., si considera illecito civile, fonte di responsabilità in capo allautore, qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto.

61 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Di normale applicazione per gli esercenti professioni sanitarie sarà, dunque, il risarcimento del danno e cioè la riparazione in denaro. Naturalmente la valutazione del danno presenta nella pratica evidenti difficoltà, in quanto non si tratta di distruzione di un bene materiale, ma della perdita o della diminuzione dellintegrità fisica.

62 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Contrattuale La prestazione professionale del personale sanitario, sotto il profilo giuridico, viene concordemente definita come un contratto dopera intellettuale (artt c.c.), caratterizzato dalla discrezionalità nellesecuzione della prestazione stessa e dal compimento di una attività che prescinda dal risultato conseguito obbligazione di mezzi. Conseguentemente, con il contratto di cura, loperatore sanitario assume nei confronti del paziente specifici obblighi, il cui inadempimento viene considerato fonte di responsabilità contrattuale.

63 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 A sua volta lart c.c. (Diligenza nelladempimento) sancisce cheNelladempiere lobbligazione, il debitore deve usare la diligenza del buon padre di famiglia e che questa, nellesercizio di una attività professionale, deve valutarsi con riguardo alla natura dellattività esercitata. La giurisprudenza ha poi modificato il concetto del buon padre di famiglia in quello del regolato ed accorto professionista.

64 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 In base alla prevedibilità dellevento lesivo la colpa può essere: grave levento dannoso si sarebbe potuto prevedere lieve levento dannoso si sarebbe potuto prevedere soltanto con diligenza lievissima levento dannoso si sarebbe potuto prevedere solo mediante diligenza straordinaria o non comune

65 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Contrattuale Art c.c. (Responsabilità del debitore) Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che linadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile. Da tale articolo si evince che, in caso di responsabilità contrattuale, il danneggiato abbia lonere di provare solo i propri diritti ed i fatti di cui si ritiene vittima, mentre spetta al professionista sanitario provare che linadempimento (ovvero il ritardo nelladempimento) della prestazione professionale sia dovuto a causa a lui non imputabile (onere della prova a carico del debitore).

66 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Extracontrattuale Art c.c. Risarcimento per fatto illecito Principio del neminem ledere Levento dannoso si realizza indipendentemente da ogni rapporto tra operatore sanitario e paziente. In tal caso, infatti, non vi potrà essere alcuna violazione degli obblighi assunti dal professionista verso il paziente, bensì la responsabilità per eventuali danni subiti discenderà direttamente dal fatto illecito. A questo proposito, lArt c.c. genericamente prescrive che qualunque fatto doloso o colposo, che cagioni ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che lo ha commesso a risarcire il danno. In sostanza, laddove un comportamento illecito abbia determinato un danno ingiusto si origina responsabilità extracontrattuale o aquiliana, così chiamata perché risalente alla lex Aquilia del 287 a.C..

67 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Disciplinare La responsabilità disciplinare è legata: agli obblighi derivanti dalliscrizione al Collegio e dal rispetto del Codice Deontologico; agli obblighi derivanti dal contratto di lavoro che lo impegnano in quanto dipendente del Servizio Sanitario Nazionale o di altra struttura sanitaria. Il mancato adempimento di tali doveri può comportare lirrogazione delle sanzioni previste dal rapporto di lavoro; subentrano, inoltre, altre sanzioni od obblighi se il mancato adempimento abbia rilevanza anche nei riguardi della legge civile e penale.

68 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 In relazione allo status del professionista la responsabilità disciplinare può essere: amministrativa-disciplinare, per i professionisti dipendenti; ordinistico-disciplinare, per i liberi professionisti.

69 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Amministrativa Disciplinare I doveri del dipendente sono delineati dallart. 28 del Contratto di lavoro del Comparto Sanità Pubblica: Dovere di contribuire alla gestione della casa pubblica con impegno, rispetto della legge e nellinteresse pubblico Comportamento improntato al perseguimento dellefficienza dei servizi per le esigenze dei cittadini Collaborare con diligenza, osservando le norme del contratto, rispettare il segreto dufficio, fornire informazioni al cittadino, non utilizzare ai fini privati le informazioni, rispettare lorario di lavoro, attenersi alle proprie mansioni.

70 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Con lapprovazione del D.Lgs n. 29/93 e successive modifiche, sussistono nuove sanzioni comminabili in caso di violazione dei doveri disciplinari: Rimprovero verbale Rimprovero scritto (censura) Multa con importo non superiore a 4 ore di retribuzione Sospensione del lavoro e della retribuzione fino a un massimo di 10 giorni Licenziamento con preavviso Licenziamento senza preavviso (in tronco)

71 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 In caso di procedimento disciplinare o di procedimento penale a carico del dipendente, nel contratto di lavoro è prevista la sospensione cautelare. Entro i 10 giorni successivi alla comunicazione della sentenza, lamministrazione può: reintegrare il lavoratore nel vecchio incarico; far permanere il lavoratore nel nuovo incarico; non reintegrarlo. In caso di condanna, si ha lestinzione del rapporto di lavoro nel caso in cui la reclusione sia non inferiore ai 3 anni.

72 Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea in TSRM per Immagini e Radioterapia Dott. A. Di Pietro A.A. 2009/2010 Responsabilità Ordinistico Disciplinare I sanitari che si rendano colpevoli di abusi o mancanze nellesercizio della professione, sono sottoposti a procedimento disciplinare da parte del consiglio del collegio della provincia nel cui albo sono iscritti. Le sanzioni che il Consiglio può, attualmente, comminare sono: Ammonimento Censura Sospensione dallesercizio professionale da 1 a 6 mesi Radiazione dallalbo Altre fonti di responsabilità sono rappresentate: dallobbligo del segreto professionale dal referto dalla prestazione della propria opera in caso di calamità


Scaricare ppt "Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti – Pescara FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina Legale Direttore: Prof. Aldo Carnevale Corso di Laurea."

Presentazioni simili


Annunci Google